Il cuore grande delle ragazze

Film 2011 | Drammatico 85 min.

Regia di Pupi Avati. Un film con Cesare Cremonini, Micaela Ramazzotti, Gianni Cavina, Andrea Roncato, Erika Blanc. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2011, durata 85 minuti. Uscita cinema venerdì 11 novembre 2011 distribuito da Medusa. - MYmonetro 2,46 su 69 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il cuore grande delle ragazze tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una storia d'amore impossibile tra una ragazza di buona famiglia e un mezzo mascalzone. Il film ha ottenuto 2 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Il cuore grande delle ragazze ha incassato 1,7 milioni di euro .

Il cuore grande delle ragazze è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,46/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO 2,20
CONSIGLIATO NÌ
Una commedia insicura e poco vitale che racconta lo zelo antifemminista della dittatura fascista.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 3 novembre 2011
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 3 novembre 2011

Carlino Vigetti è un giovane uomo intraprendente che innamora le donne con sospiri di sambuco. Inaffidabile e analfabeta è il giovanotto a cui nessun padre concederebbe in sposa la propria figlia, a meno che non difetti di bellezza e ingegno. Sisto Osti, ricco e avido proprietario terriero della zona, decide suo malgrado di ricorrere a Carlino per maritare almeno una delle sue due figlie. Comprato con la promessa di una moto Guzzi, il ragazzo si reca ogni sera a casa Osti per corteggiarle e decidere quale delle due impalmare. Ma il ritorno da Roma della bella Francesca, figlia adottiva di Sisto, butta all'aria i piani del genitore che dovrà capitolare davanti al sentimento sbocciato tra la figliastra e Carlino. Ostinati a sposarsi e contro il parere di tutti realizzeranno il sogno del matrimonio ma la crisi è in agguato.
Lo aveva già fatto con Gli amici del Bar Margherita Pupi Avati, assumendo uno sguardo maschile su un mondo altrettanto maschile (e maschilista). Questa volta il suo cinema esce dai bar e dai confini emiliani, diffusi di fumo e Campari, per spostarsi nella campagna italiana degli anni Trenta, quando le donne avevano un cuore grande e rassegnato all'adulterio, quando l'infedeltà era congenita al matrimonio, indotta dal virile modello sociale dell'ideologia fascista e giustificata con un imperativo bisogno fisiologico di sesso. Muovendosi su un piano di consolidata nostalgia marginale e attraverso la storia d'amore tra un giovanotto farfallone e una giovane donna timorata di un dio bigotto, il regista emiliano ci racconta lo zelo antifemminista della dittatura fascista, che relegava la donna al focolare domestico, esaltava la maternità a sostegno della forza dello Stato nazionale e inibiva l'affermazione degli interessi individuali. Per questo motivo il Carlino di Cremonini, in giro sui colli marchigiani in sella a una bici 'special', diventa l'ennesimo mediocre fra i tanti che Avati ha saputo raccontare. Come i padri di Gianni Cavina e Andrea Roncato prima di lui, il personaggio popolano del cantante pop è elementare, affettivamente povero e simpatizzante ottuso della diversità naturale tra uomini e donne a evidente vantaggio dei primi, ancora e sempre meschini, detestabili, puttanieri, ninfomani, fanatici della sottana. Le donne dominanti sul fronte opposto del racconto e di quella porzione di Storia italiana sono mamme in cucina e zitelle in attesa, ragazze da sposare e puttane da comprare (e poi naturalmente disprezzare). A raccontare fuori campo il ritratto di provincia, immortalato dentro l'immancabile posa di gruppo, il figlio di una nuova generazione forse decisa a non 'formare' più maschi patetici. Interpretato da uno smarrito Cesare Cremonini e una 'sprecata' Micaela Ramazzotti, che La prima cosa bella di Virzì aveva magnificamente emancipato dal ruolo di 'coatta' rivelandone il carattere drammatico, Il cuore grande delle ragazze è un film insolvente col passato e col presente, una commedia insicura diretta in una condizione di rarefazione vitale. Un'opera minore che si rifugia in un passato remoto per evitare la penosa consapevolezza del presente. Il cuore di Avati è davvero altrove, lontano dall'amore 'cieco' di Marcorè per Angela, incapace di vederlo e di amarlo dentro un film, quello sì, garbato e poetico.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€2,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 18 novembre 2011
tonimorris

Intervistato durante un programma radiofonico, Pupi Avati ha dichiarato di aver tratto ispirazione per la sceneggiatura di questo film dalla storia dei suoi nonni a cavallo del ventennio fascista, quando era indiscusso il ruolo egemone del maschio e la donna, succube, era destinata a sopportarne, con infinita pazienza, non solo le mattane ma anche le continue infedeltà, vissute, queste ultime, [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 febbraio 2012
archipic

Quest'ultimo film dei Avati si lascia guardare facilmente, forse troppo; una storia leggera ambientata in un'Italia (seppur appena appena accennata) dove l'uomo comandava a bacchetta e le donne o sottostavano o facevano le meretrici vivendo meglio (ma sottostavano lo stesso). Qualche spunto spiritoso, qualche altro (pochi) più introspettivo.

lunedì 4 marzo 2013
ultimoboyscout

Siamo negli anni '30 e Carlino viene spedito dal padre mezzadro a corteggiare le due figlie del padrone, nella speranza che sposandone una salvi il podere. Ma Carlino perde completamente la testa per la terza figlia, quella che non doveva nemmeno vedere, e ricambiato (l'alito al biancospino pare faccia miracoli...) ribalta i piani del padre sposandola comunque.

martedì 13 novembre 2012
bertold

Carlino è uno spirito semplice, analfabeta, figlio maggiore di uno dei dieci mezzadri di Sisto Osti. Questi è un arricchito proprietario terrierlo, puzzolente, che si esprime più con il fucile che con le parole. In un mondo dove i matrimoni combinati, più d'affari che d'amore, sono la regola, Sisto accetta l'iniziativa della moglie di sistemare almeno una [...] Vai alla recensione »

sabato 20 agosto 2016
elgatoloco

Probabilmente non c'è regista cinematografico(italiano ma non solo)capace, come Pupi Avati, di ri-creare il passato, fatto di tradizioni, il che vuol dire anche lacci e lacciuoli di superstizioni, credenze, idee ricevute, altro ancora. Ne"IL cuore grande delle ragazze"(anche in forma di romanzo, mi sembra, dello stesso Pupi Avati, ma forse mi sbaglio, non riuscendo più a [...] Vai alla recensione »

domenica 5 aprile 2015
1234567890987654321

Quando l'allievo imita il maestro, può stare certo di aver già fatto una cazzata: il maestro si supera semmai. Chi osa è colui che emula, non colui che ripropone. Pupi Avati mi sta simpatico, non lo considero un grandissimo regista ma non lo sottovaluto nemmeno, ma lui, insieme a tanti altri, la devono fare finita di imitare Fellini. Capisco l'ispirazione e mettersi a citarlo in molte scene, ma riproporre [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 novembre 2012
bertold

Carlino è uno spirito semplice, analfabeta, figlio maggiore di uno dei dieci mezzadri di Sisto Osti. Questi è un arricchito proprietario terrierlo, che si esprime più con il fucile che con le parole ed al quale i soldi non hanno levato il tanfo, nè insegnato la pulizia. In un mondo dove i matrimoni combinati, più d'affari che d'amore, sono la regola, [...] Vai alla recensione »

domenica 21 ottobre 2018
elgatoloco

Sarebbe senz'altro riduttivo archiviare"Il cuore grande delle ragazze"(2011, Pupi Avati)come un film "storico".  Scritto per intero da Pupi Avati, che mi sembra abbia pubblicato il testo anche come romanzo(ossia, non solo la"scneggiatura"), questo film è certamente "situato"storicamente negli anni Trenta dell'atroce dittatura fascista, ma [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 novembre 2011
Riccardo76

Dopo il bellissimo e drammatico Una Sconfinata Giovinezza, Pupi Avati ritorna con un’esile commedia, deludendo alla grande. L’intenzione del regista era - così afferma lui stesso - quella di raccontare la storia d’amore dei suoi nonni. L’idea poteva essere interessante, peccato che nel realizzarla Avati si sia lasciato andare ad una serie di elementi favolistici quanto [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 novembre 2011
stefoli

Il Cuore Grande delle Ragazze, un Film di Pupi Avati. Il film del Regista Sceneggiatore racconta una Storia che ha dell'inverosimile, e raccontata in una campagna marchigianna, narra di un giovane semianalfabeta che si divertiva ad amoreggiare di tutte le più belle ragazze del paese. Proveniente da una famiglia di contadini che avevano una casa povera in un potere di un ricco villico, aveva [...] Vai alla recensione »

domenica 13 novembre 2011
francesca50

Ancora una volta un film di Avati veramente piacevole!  Perciò gli si perdona "l'improbabile aggirarsi per il corridoio della sposina ancora vergine in camicia da notte", unica pecca che ho trovato a questo film delizioso e divertente più del solito, se possibile. Il fatto che la critica gli dia un voto basso indica quanto ormai noi spettatori comuni, ma ben [...] Vai alla recensione »

sabato 12 novembre 2011
stella1

Il film mi è piaciuto molto: Cremonini è una rivelazione per me, recita perfettamente e naturalmente questa parte da "latin lover" paesano (ve la ricordate la sua canzone "latin lover" ...autobiografica ???). Il film ha molti momenti comici, riporta alla memorie alcune storie paesane scandalose, combinozzi matrimoniali che magari abbiamo sentito raccontare dai nostri nonni.

sabato 12 novembre 2011
Salva76

Pupi ti prende sulle ginocchia e ti racconta la sua favola, in pochissimi se lo possono permettere al giorno d'oggi. Se ti piace Avati ti piacerà molto il film, se lo odi, vai a vedere i soliti idioti e ti farai un favore. 

sabato 12 novembre 2011
PaulDaldosso

stupendo film

giovedì 10 novembre 2011
renato volpone

Quando la giacchetta arrivava alla vita e i pantaloni erano sempre troppo corti nascevano storie d'amore come questa. Le donne erano morigerate, ma di nascosto si lasciavano incantare dagli uomini sempre troppo arditi, e poi si sposavano o restavano zitelle per sempre. Questa è la storia di Carlino e di tre sorelle: due zono zitelle e lui deve sciegliere quale maritare, la terza arriva d'impr [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 novembre 2011
vinvita

Un altro bel esempio del cinema di Pupi Avati, una bellissima storia in un Italia ai più sconosciuta, la provincia italiana ai tempi del fascismo, fatta di tanto lavoro e di piaceri non tanto nascosti. Il film è come al solito un armoniosa poesia piena di momenti divertenti che regalano sorrisi e malinconia, impossibile non innamorarsi di personaggi che ai giorni nostri possono apparire tanto assurdi. [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 novembre 2011
Vittoria

Bella la fotografia,un film verita'sul vero amore, romantico e piacevole, e tanta verita' per chi crede ancora nell'amore e nei veri sentimenti ! La critica stronca P.Avati,ma e'un grande vero regista!! Bella la fotografia e bravi gli attori.SEI GRANDE Pupi Avati,peccato gli italiani amano e applaudino solo gli stranieri !Correte a vederlo !

sabato 12 novembre 2011
brian77

Solita incomprensione per Avati. Vabbe', ci abbiamo fatto il callo. Alla critica italiana piacciono i film che permettono di far scattare la macchinetta retorica fintamente intellettuale, di innescare i giochetti su parole e idee alla moda.  Questo film di Avati ripropone il suo solito mondo e i suoi tormentoni, ma innanzitutto è cinema e non televisione, poi dietro quello che esibisce [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 novembre 2011
Flyanto

Film che racconta le traversie passate da una coppia di giovani e futuri sposi dalla preparazione del matrimonio all'imminente dopo le nozze. Il solito ritratto di un'epoca e della provincia emiliana descritta da Pupi Avati ma sempre ben diretta con un pizzico di ironia, malinconia e nostalgia. Molto brava, come sempre, Micaela Ramazzotti.

domenica 13 novembre 2011
Fiorella Gentili

E'uno spaccato dell'Italia di quei tempi,dove fra le persone umili, la ricchezza era intesa, per gli uomini dal potere fare sesso e per le donne, trovare un marito che le mantenesse e dargli figli. Si avverte la "poesia" di quei tempi, dove ci si accontentava del nulla......Bravo Pupi Avati come sempre, porge questo film con estrema leggerezza, senza calcare troppo la mano.

giovedì 17 novembre 2011
Bruno Leonardini

Nel 2010 Avati ha fatto 2 di film. Stessa cosa nel 2005. Inoltre nei restanti ultimi 5/6 anni ne ha fatto sempre uno all'anno. E' troppo. Un film richiede più tempo di gestazione. Partendo dalla nascita dell'idea, (dove potrebbero servire mesi o forse anni di meditazione e sviluppo/correzione) per poi passare alla scrittura della sceneggiatura (2-3 mesi), poi il casting (2-3 [...] Vai alla recensione »

domenica 13 novembre 2011
marezia

Se arriviamo addirittura a sentire esaltare e CONSIGLIARE "I soliti idioti" di che cosa stiamo parlando? Di critica?

martedì 22 novembre 2011
Giul1a

Piena sufficienza per un film piacevole senza tante pretese. Cremonini bravo, chissà se lo sarà anche in altre interpretazioni non così ben costruite sulla sua personalità... Credo di sì...

domenica 20 novembre 2011
StefRoma

Bello. Un film in cui hai l' impressione di spiare tra i comuni drammi familiari, in un'epoca vicina eppur cosi' lontana di un Italia dei primi del '900. Verace la Ramazzotti e per questo attraente ed interessante la sua recitazione, ricca di espressioni intense di una drammatica semplicita'. Spontanea la recitazione di tutto il cast, e lo apprezzi quando un film si esprime svolazzando tra i personaggi [...] Vai alla recensione »

sabato 19 novembre 2011
valeriact

martedì 15 novembre 2011
silvi@

Gradevole, mi è piaciuto molto. Consigliato

lunedì 18 giugno 2012
caligola70

Sembra la recita di Natale di mia figlia. Una sceneggiatura da quinta elementare, dialoghi assurdi, una storiella misera... Al limite del paradossale! Ma è vero o è una parodia?? Erano anni che non vedevo un film così scarso.

giovedì 17 novembre 2011
brian77

Guarda che tutti i grandi registi classici giravano e continuano a girare un film all'anno, come fa Avati. Anzi, è proprio questo uno dei suoi pregi maggiori. Come Chabrol. Come Rhomer. Come prima di loro John Ford o Howard Hawks, Lang e Hitchcock, Renoir e tutti gli altri. Quella di girare un film ogni tanto è un trucco di chi ama vendersi sul mercato come "artista": [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 febbraio 2015
Onufrio

Commedia ambientata negli anni 30, Carlino viene promesso sposo ad una delle due figlie di Sisto Orsi (G.Cavina), ma il ragazzo s'innamora della terza, la figliastra, interpretata da Micaela Ramazzotti. Commedia dunque sentimental-drammatico, che mette in risalto uno spaccato dei sentimenti vissuti durante il periodo del fascio in Italia. Un ricco cast in cui fa una piacevole figura il cantautore [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 novembre 2013
homer52

Un film dove c'è tutto il Pupi Avati che ti aspetti. Ricostruzione storica perfetta e personaggi ben caratterizzati dell'emilia anni 30. La trama è semplice e i dialoghi poco profondi, ma è talmente forte la carica emozionale che ci si sente immersi totalmente nel racconto sino a farne parte. Per tale motivo risulta un film molto gradevole da vedere, quasi un documentario d'epoca e perciò altamente [...] Vai alla recensione »

domenica 6 maggio 2012
Liuk

Il film non é drammatico ma grottesco, quindi va valutato in tale categoria, per altro non consona al maestro Avati che evidentemente si vuole cimentare, personalmente gli suggerisco di tornare al suo genere, piú semplice ed adatto al grande pubblico. Il grottesco va conosciuto e capito se no si rischia la figuraccia, come in questo caso.

lunedì 28 novembre 2011
Luanaa

e un'ideale che irrompe a rompere le uova nel paniere... Perché forse ha ragione Pupi, l'amore è un soffio di biancospino... Un'impressione, una illusione. Veramente MERAVIGLIOSO

domenica 27 novembre 2011
fragola

Piacevole,garbatamente ironico,ci ricorda le nostre radici,quando l'italia era un paese soprattutto agricolo e le donne non erano emancipate come oggi.

mercoledì 16 novembre 2011
ronsard

Amo Avati, ma qui il maestro è come se avesse avuto fretta di chiudere, non mi è piaciuta la direzione degli attori.

martedì 15 novembre 2011
brian77

Non sono un fan incondizionato di Avati, è solo un regista che ci offre la sua visione del mondo, la sua riflessione sulla vita e la morte, sulle radici del suo lavoro artistico, che scava continuamente nel piccolo perimetro della sua memoria per cercare valori universali, antichi come antico è l'atto del raccontare. Ha delle sue capacità indubbie,  dei limiti [...] Vai alla recensione »

domenica 6 novembre 2011
PaulDaldosso

film visto alla festa cinema di Roma. Un capolavoro, davvero un bel film, Pupi Avati è un genio come regista.

martedì 26 aprile 2011
silvio de meo

 2011: Partecipazione al film “Il cuore grande delle ragazze” per la regia di Pupi Avati (e con G. Cavina, C. Cremonini, M. Ramazzotti, A. Roncato) (Produzione 2011 – periodo presunto di uscita febbraio 2012) nel ruolo del capostazione

sabato 14 gennaio 2012
Porso

non è facile esprimere un giudizio sul film, che dopotutto di vede abbastanza volentieri, non annoia e a tratti diverte, ma... non è il film che mi aspettavo dalle presentazioni... La cosa che più ha colpito è il dubbio e il salto fra il registro comico e quello tragico : in alcuni momenti cruciali del film, come l'agonia del padre prima e la morte di Carlino poi, ti chiedi se è uno scherzo, se finirà [...] Vai alla recensione »

sabato 10 dicembre 2011
Federico Bernardini

Se l'intento di Pupi Avati era quello di rendere un nostalgico e poetico omaggio alle nostre nonne, alla loro grandezza d'animo e alla loro capacità di sopportare i tradimenti, che le rendeva il pilastro della famiglia tradizionale e, nel contempo, quello di ridicolizzare la meschinità e il gallismo dei nostri nonni, dobbiamo ammettere che egli abbia miseramente fallito.

giovedì 24 novembre 2011
marezia

"Durezza e volgarità dei suoi lineamenti"? Come si vede che di donne non capisci niente... La Ramazzotti è INTERESSANTE, NON VOLGARE, caro mio. Ha la stessa carica sensuale di Senta Berger, per esempio, hai presente? Non appartiene al genere "bambolona" più o meno "genuina". Chissà chi definiresti "femminile" a questo punto: [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 novembre 2011
marezia

come si vede che tu i vecchietti "arteriosclerotici e smargiassi" non le hai mai visti... Che scherziamo? Pupi è solo ironico, a volte sarcastico e malinconico. Quanto alla sua produzione cinematografica, io mi sono fermata a "Il cuore altrove" e "La seconda notte di nozze", pura POESIA e a "Una sconfinata giovinezza", MERAVIGLIOSO REALISMO.

domenica 20 novembre 2011
TONI MANERO

Poche volte sono uscito dalla sala così deluso e amareggiato. I commenti di chi mi stava intorno non erano molto lusinghieri e se dovessi esprimere un giudizio a caldo a qualcuno direi che questo film non mi è piaciuto proprio. Atmosfera grigia e di poco respiro. Gli attori lasciano molto a dedìsiderare nelle loro interpretazioni e la storia manca di coesione e attrattva.

sabato 12 novembre 2011
steve

Leggendo questa recensione mi sono trattenuto dall'andare a vedere questo film, pur essendo uno che o al cinema o in televisione segue la carriera di Pupi Avati, ma anche a causa di scarsità di cose interessanti nelle sale abbiamo deciso di andare in 3 coppie. Il film è carino, piacevole, quasi di altri tempi, con una sua poesia molto naif, con persone che non sono necessariamente finte come la maggior [...] Vai alla recensione »

domenica 6 novembre 2011
PaulDaldosso

Un film stupendo, un grande regista (Pupi Avati). Penso che avrebbe meritato un premio al festival Cinema di Roma. Bravissima la M. Ramazzotti e A. Roncato. Ce ne fossero di film del genere, lo consiglio assolutamente.

martedì 19 aprile 2011
silvio de meo

Sono Silvio de Meo ,ho partecipato come attore a questo film di Pupi Avati in uscita il prossimo anno.Leggendo il copione mi sono ritrovato in uno splendido bozzetto degli anni '30 quando il matrimonio veniva affrontato con piu'spensieratezza e semplicita',cosa oggi ormai lontana(purtroppo).Sara' una pellicola che portera' un po di colori naif ai nostri grigi tempi,e' la mia [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 dicembre 2011
tiamaster

Pupi avati a sempre fatto discreti film tra alti (una sconfinata giovinezza) e bassi (questo),ma comunque sempre sopravvalutato alla grande."Il cuore grande delle ragazze"(titolo orrendo) non è altro che l'ennesima buona idea sprecata,con una buona dose di elementi favolistici e non storici che fanno diventare la vicenda poco credibile.Dio ci salvi da un altra interpretazione di cesare cremonini!!! PS:al [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 novembre 2011
ruggero

Caro, carissimo Pupi, mi dispiace scrivere male di un tuo film ma, come per il precedente, non si possono trovare grandi pregi o motivi di interesse per questa tua opera. A parte che le labbra a canotto allora non c'erano e che le ex prostitute tedesche non dovrebbero parlare con accento americano ( Sidney Rome), ma perchè non cercare la prossima volta di fare finalmente qualcosa di diverso? Sempre [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 novembre 2011
marezia

come si vede che tu i vecchietti "arteriosclerotici e smargiassi" non le hai mai visti... Che scherziamo? Pupi è solo ironico, a volte sarcastico e malinconico. Quanto alla sua produzione cinematografica, io mi sono fermata a "Il cuore altrove" e "La seconda notte di nozze", pura POESIA. Il resto non mi è piaciuto molto nel senso che, tranne l'ORRIBILE [...] Vai alla recensione »

domenica 27 novembre 2011
marezia

Una società CRUDELE, SPIETATA nel marchiare anime innocenti per "aver o non aver commesso il fatto", si potrebbe dire con linguaggio giuridico, IMPASTOIATA in interessi economici basati sul baratto di figli e figlie in cambio di stabilità o di una Vespa, a seconda dei desideri e un'ideale che irrompe a rompere le uova nel paniere.

martedì 8 novembre 2011
Azzy.

Un film che fa ridere per l'assurdità delle scene e non per la simpatia delle stesse!! forse troppo lontano dai nostri tempi per capirne l'umorismo..

FOCUS
INCONTRI
mercoledì 2 novembre 2011
Elisabetta Pieretto

Alla conferenza stampa de Il cuore grande delle ragazze Pupi Avati è il grande assente. A sostituirlo c'è il fratello Antonio, da sempre suo produttore, che rassicura i presenti sulla salute del regista bolognese: "è uscito quindici minuti fa dal Policlinico Umberto Primo e sarà presente stasera alla proiezione ufficiale con il pubblico, appuntamento che non voleva assolutamente perdere; Pupi ha avuto una semplice congestione, non c'entra nulla con i problemi di cuore che in passato lo hanno afflitto".

INCONTRI
venerdì 3 giugno 2011
Ornella Sgroi

Motore. Partito. Ciak. 38/1. Azione. Un rituale cinematografico molto caro a Pupi Avati, ricordo di un esordio bizzarro e incosciente sul set di Balsamus nel 1968, che racconta sempre con grande divertimento. Ha da poco finito di girare il suo trentottesimo film, Il cuore grande delle ragazze, con Cesare Cremonini e Micaela Ramazzotti. Trentotto film per il cinema che, sommati a quattro sceneggiati televisivi a cavallo degli anni Ottanta, fanno un totale di 42 film in 43 anni, con una media recente di due titoli a stagione.

INCONTRI
lunedì 24 gennaio 2011
Giovanni Bogani

Cesare Cremonini per Pupi Avati. All'inizio non ci credi, poi capisci che invece è un'altra delle pazze idee di un regista che, a settantadue anni, non smette di stupire. E di inventarsi varianti nuove per quel gioco chiamato cinema. Pupi Avati strizza gli occhi, inquieti, come se scrutassero sempre qualcosa di lontano. E racconta: "È una storia d'amore, d'amore che sembrava impossibile, quella del mio prossimo film.

Frasi
"Ah-oh! Queste so' du' ragazze da leccarsi i diti, mica le zoccole tua sa'!"
Una frase di Rosalia Osti (Manuela Morabito)
dal film Il cuore grande delle ragazze - a cura di Laura
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Prima cosa, siamo felici che sia stato solo un falso allarme quello sulla salute di Pupi Avati, il più prolifico regista del cinema italiano in carica (unico rivale: Carlo Vanzina). Per quanto impercettibile (Pupi Avati, oltre quaranta titoli in altrettanti anni, è tanto fedele a se stesso da sembrare - ai detrattori - ripetitivo) si è verificato un sicuro spostamento nel cinema dell'autore bolognese, [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Nel cinema di Pupi Avati, la memoria - in quanto depositaria non solo di esperienze individuali, ma familiari - ha ruolo fondamentale. Cosicché molti dei suoi film sono ascrivibili a un ideale filone Amarcord che, in luogo di basarsi sul modello felliniano, possiede una sua originale risonanza poetica. Rientra nella categoria Il cuore grande delle ragazze che rievoca in maniera trasfigurata la storia [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Pupi Avati è uno degli ultimi cantastorie rimasti in Italia. Non importa, poi, se i suoi racconti siano reali o meno. Riescono, comunque, a tener viva la memoria di quei sapori nostalgici che sembrano fiorire da un passato che appare, purtroppo, sempre più lontano. Come un vecchio nonno, Avati fa sedere sulle sue gambe gli spettatori e, con rifiuto del presente, narra loro le atmosfere irripetibili [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Quale sarà la verità, intorno a questo ennesimo capitolo dell’opusavatiano? Dove finirà lo scrupolo autobiografico e dove inizierà invece la deriva fiabesca, evidente in un certo gusto teratologico (tutti i personaggi sono in qualche misura «mostruosi», affetti da deformità fisiche e/o morali)? È un bozzetto realistico o ad una parabola quasi evangelica, in cui tutti tornano dalla morte (entrambi i [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Qualche volta nel cinema avvengono piccoli miracoli. L’ultimo film di Pupi Avati, pur trattando i temi di molti suoi lavori passati – la campagna, la famiglia, i giovani sposi contrastati, l’Italietta del passato – questa volta usa una misura e un autocontrollo notevoli, evitando il campo minato delle esagerazioni macchiettistiche e delle sbrodolate sentimentali.

Roberto Escobar
L'Espresso

Carlino Vigetti (Cesare Cremonini) ha l'alito che sa di biancospino. Ce l'ha da quando è nato, e persino da prima, dal momento che all'ombra di un biancospino è stato concepito. Lo assicura, più di settant'anni dopo, la voce fuori campo (Alessandro Haber) del fratello minore Edo. E a Edo si può credere. Non a caso, all'epoca in cui si svolgono i fatti - negli anni 30 del secolo scorso, da qualche parte [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Il cuore grande di Pupi Avati, la sua ossessione per quelle ragazze irraggiungibili che ha percorso la sua adolescenza, lo sguardo che ha verso il suo passato e la provincia, sono le firme indelebili su un cinema tutto particolare. Il più prolifico dei nostri cineasti, infatti, percorre il presente e il passato, il genere e il ricordo, in un viaggio parallelo ormai da decenni.

Valerio Caprara
Il Mattino

Degli ormai copiosi titoli contrassegnati dal cosiddetto «tocco Avati», preferiamo quelli in cui una sottile crudeltà s'insinua tra le pieghe della nostalgia. Ed è per questo che gran parte di «Il cuore grande delle ragazze», appena presentato al Festival di Roma, funziona come ha voluto Pupi, cioè rendendo i personaggi, l'ambientazione e la memoria più aggressivi, spiazzanti e veraci rispetto alla [...] Vai alla recensione »

NEWS
BIZ
mercoledì 9 novembre 2011
Robert Bernocchi

Cos'è Quinto potere? A parte ovviamente il riferimento all'omonimo film (Network in originale), è una rubrica che segnala gli errori, le stranezze, gli esempi di chiara incompetenza e magari anche gli spoiler commessi dai giornalisti italiani impegnati [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati