I giorni della vendemmia

Film 2010 | Drammatico 80 min.

Regia di Marco Righi. Un film Da vedere 2010 con Lavinia Longhi, Marco D'Agostin, Gian Marco Tavani, Maurizio Tabani, Claudia Botti. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2010, durata 80 minuti. Uscita cinema venerdì 24 febbraio 2012 - MYmonetro 3,09 su 34 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I giorni della vendemmia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Elia è un adolescente che vive con i suoi genitori, William, molto vicino al marxismo e Maddalena, donna molto devota. Un giorno nel campo davanti casa dove è iniziata la vendemmia, arriva Emilia, la nipote grande di una coppia di compaesani. In Italia al Box Office I giorni della vendemmia ha incassato 61,6 mila euro .

I giorni della vendemmia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,09/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,92
PUBBLICO 3,34
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera prima intelligente che guarda alle radici di un luogo preciso, l'Emilia divisa tra comunismo e cattolicesimo.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

Settembre, 1984. Il sedicenne Elia vive in una fattoria della provincia emiliana insieme al padre, comunista di ferro che piange la recente morte di Enrico Berlinguer, la madre, cattolica fino allo sfinimento, e la nonna; il fratello, Samuele, è in giro per l'Europa e torna a casa solo di rado. Sono i giorni in cui si coglie l'uva, e proprio tra i filari della vigna, Elia conoscerà l'universo femminile attraverso la figura di Emilia, ragazza bella e arrogante che ha accettato di lavorare alla vendemmia per mettere da parte qualche soldo.
Non tutti i film incentrati su personaggi a cavallo tra adolescenza e maturità sono romanzi di formazione. Non tutti ne hanno lo spessore, almeno. Da parte sua, I giorni della vendemmia si fa carico di tutta la mole che quel tipo di narrazione esemplare deve avere e la porta avanti con intelligenza, intessendo un discorso carico di significati senza mai essere pesante o, peggio, illustrativo. Un linguaggio essenziale, ma già maturo pervade quest'opera prima realizzata in pochi giorni e con un budget certamente ristretto, una scrittura che guarda alle radici di un luogo preciso, l'Emilia divisa tra comunismo e cattolicesimo, e delle sue emanazioni. Soprattutto culturali, a partire dalla letteratura del correggese Pier Vittorio Tondelli, di cui Elia sta leggendo "Altri libertini".
Sebbene la recitazione di alcuni attori sia non di rado fuori fuoco, Marco Righi riesce ugualmente ad esprimere la fame di crescere di Elia, tra incertezze e delusioni, avviata inesorabilmente dopo l'incontro con Emilia. Non è certo un caso che il nome della ragazza, così apparentemente sicura di sé e della propria femminilità, sia lo stesso della terra in cui ha luogo l'apprendistato alla vita adulta del protagonista, in un gioco di scambi metaforico che pervade tutta la pellicola. Ma è il ritorno a casa del fratello Samuele, punto di riferimento distante e (in)sostituibile, a quotare il racconto ad un'altra altezza, facendo risaltare le qualità di una regia capace di comunicare un misto di affetto e disagio, amore e odio, con pochissimi e felici tocchi.
A voler cercare i difetti di questo lavoro solido e sincero, si può far riferimento ad un certo schematismo nella rappresentazione della cultura emiliana - il padre che continua a guardare il titolo della prima pagina de "L'Unità" all'indomani della morte dell'amato leader; le letture bibliche organizzate in casa dalla madre - oppure all'antipatia forse troppo programmatica di Emilia, sebbene si intraveda sempre della sincerità dietro alla singola scena, così come una continua e sana vibrazione di rivolta. Anche scritto e montato (insieme ad Arianna Bardizza) da Righi, I giorni della vendemmia ha ottenuto premi e riconoscimenti in molti festival cinematografici in giro per il mondo.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
I GIORNI DELLA VENDEMMIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 28 febbraio 2012
Herzogx

“I giorni della vendemmia” è un’opera prima anomala e intensa, non solo paragonandola all’asfittico panorama cinematografico italiano. Innanzitutto è un opera “in levare” e non “per accumulo”: il giovane regista Marco Righi non cerca quindi di inserire in un film la propria filosofia omnia di vita (classico errore dei registi/sceneggiatori alle prime armi), ma si limita a raccontarci personaggi [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2012
NONARTE

Il film mi è piaciuto tanto. Penso che oltre alla storia, delicata e vera, abbiano fatto tanto le inquadrature sempre sui gesti, sugli occhi, sulla bocca e sicuramente la musica. Non è un film da piangere. Eppure a un certo punto mi sono trovata con le lacrime fino al collo. E' stata una questione di due, tre secondi al massimo e mi sono sentita "toccare" nel profondo e poi.

giovedì 23 febbraio 2012
rototom

Settembre è il mese dei cambiamenti. Nelle campagne è il momento in cui i grappoli d’uva gravidi di succo si lasciano cogliere durante un rito, quello della vendemmia, profondamente legato alla fertilità della terra. C’è qualcosa di religioso e pagano insieme nel rito della vendemmia, qualcosa di antico che si tramanda di generazione in generazione.

mercoledì 10 ottobre 2012
stefano-kun

   Sarà perché in provincia tutto arriva con un po' di ritardo, o forse sarà che il ritratto degli anni '80 come età spensierata e consumista è opera di falsari patentati, ma nell'Emilia di quegli anni si agitava una gran inquietudine pronta a venire a galla. E' l'"Emilia paranoica" cantata dai CCCP e abitata da quei giovani [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 giugno 2012
filo86

I giorni della vendemmia è un film che si discosta molto dal cinema italiano contemporaneo o almeno dalla gran parte di esso... Finalmente. La pellicola riporta in modo equilibrato, mai sopra le righe, il turbamento che tutti abbiamo provato in età adolescenziale quando forse per la prima volta abbiamo avuto l’opportunità di sperimentare realmente ciò che forse prima rimaneva una fantasia e potevamo [...] Vai alla recensione »

martedì 24 luglio 2012
Ester Pantano

 Non so come ma dopo essermi seduta lì, al mio posto, fila E poltrona numero 6 del cinema King di Catania, improvvisamente ho sentito l’odore di quel salotto, ho pregato insieme a Maddalena,  ed ho sofferto per la comunione nella fede in cui non riusciva a farsi coinvolgere il marito …  per poi trovarmi catapultata in un vigneto,  con l’odore del caldo, il [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 agosto 2012
francesca meneghetti

Lo spettatore che si accinge a vedere “I giorni della vendemmia” è ben disposto: è al corrente dei riconoscimenti internazionali, del passaparola che ha decretato il successo di un prodotto giovane e indipendente.  Si aspetta molto da questo film. Che inizia con una citazione di Pier Vittorio Tondelli di Correggio, scrittore allevato al Dams di Bologna, morto precocemente [...] Vai alla recensione »

domenica 1 novembre 2015
enzo70

  Marco Righi esordisce alla regia con un film che propone una diversa modalità con la quale raccontare le intermittenze dell’adolescenza. Il film è ambientato in una fattoria dell’Emilia, negli anni ottanta, ma ad anni luce dalla Milano da bere. Elia si barcamena tra la fede cattolica della madre e l’attivismo politico del padre comunista, correva l’anno [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 novembre 2012
Bonnard

I giorni della vendemmia, di Marco Righi, si presenta come una mancata storia d'amore adolescenziale, in cui il protagonista Elia, un ragazzino che vive nella campagna dell'Emilia, sotto il caldo sole estivo del 1984, viene colpito dall'arrivo della bellissima Emilia, studentessa universitaria arrivata dalla città per guadagnare qualche soldo aiutando nella vendemmia.

mercoledì 10 ottobre 2012
stefano-kun

 Sarà perché in provincia tutto arriva con un po' di ritardo, o forse sarà che il ritratto degli anni '80 come età    spensierata e consumista è opera di falsari patentati, ma nell'Emilia di quegli anni si agitava una gran inquietudine    pronta a venire a galla.

sabato 1 settembre 2012
lorriz

Raramente capita di vedere qualcosa di così inconsistente. Tutto appare troppo studiato nel cercare di coprire con inquadrature e lunghi silenzi (a cui dovrei attribuire qualità?) una mancanza di capacità di fondo. Ambientazione storica senza alcun funzione. Probabilmente per cercare di strappare qualche apprezzamento agli aficionados di Berlinguer con le lunghe inquadrature che [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 febbraio 2012
cizzia

Come dimenticare il vortice di emozioni e nuove sensazioni, che ti travolgono durante l'adolescenza? I primi amori, il desiderio di sentirsi adulti, la voglia di emancipazione dalla famiglia. Questo è ciò che mi ha trasmesso anche Elia, il giovane protagonista dei "I giorni della vendemmia". Una storia, la sua, vissuta attraverso i filari di una silenziosa e calda campagna emiliana, che avvolge e [...] Vai alla recensione »

domenica 26 febbraio 2012
arivara

Tenero, affettuoso, sincero. Fotografia curata e sensibile. Così si presenta la prima opera dell'eccellente Marco Righi.

domenica 24 giugno 2012
renato volpone

"Sulla terra, ciò che sono semplicemente mi aiuterà a vivere" Pier Vittorio Tondelli e "Altri Libertini", un tuffo nel passato, nella memoria! La vigna, il profumo dell'uva e la Renault 4. Nella campagna dell'Emilia negli anni '80, Elia un giovane ragazzo esile e nel pieno dei tormenti adolescenzialiche incontra Emilia la bella che arriva a vendemmiare [...] Vai alla recensione »

martedì 6 marzo 2012
NONARTE

gentile marco, Ti scrivo solo per farti i complimeti per il film; G. R. mi ha appena portato a vederlo e devo dire che l'ho sentito molto vicino al nostro vissuto; il tempo passa, le cose cambiano, ma in un certo senso rimangono le stesse. e in quella terra, quelle persone, ci siamo anche noi, anche se in altre vite, apparentemente lontane. malinconia e riflessione.

martedì 27 marzo 2012
becco

Un film senza, tempo. Una dimensione sospesa, che lascia spazio solo alle sensazioni provate dai protagonisti, trasmesse magistralmente al pubblico. Lo consiglio.  

domenica 22 luglio 2012
Ester Pantano

                                                           I GIORNI DELLA VENDEMMIA   Non so come ma dopo essermi seduta lì, al mio posto, fila E poltrona numero 6 del cinema King di Catania, improvvisamente ho [...] Vai alla recensione »

sabato 1 febbraio 2014
rampante

Settembre, l'estate che finisce, nelle campagne è i corso la vendemmia Un rito, qualcosa di religioso e insieme pagano,  legato alla fertilità della terra, a quei meravigliosi grappoli d'uva gravidi di succo In una zona contadina dell'Emilia vive un ragazzino che si chiama Elia perchè la madre è molto cattolica ma, potrebbe chiamarsi Palmiro [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 dicembre 2013
damien karras

il film descrive l'adolescenza vissuta in citta come in campagna ,la protagonista ormai emancipata perche cittadina a tutti gli effetti nasconde dietro ad un lavoro poco pagato,il desiderio di ritrovare il passato vissuto in una campagna per lei indimenticabile anche grazie al suo primo amore,che qui rincontra,ma che purtroppo per lei anche lui molto cambiato dalle diverse esperienze fatte [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 settembre 2012
luired

L'idea e' buona, , gli attori sono bravi, buona anche l'ambientazione nella campagna emiliana, ma il film non convince. Troppe ingenuità, momenti onirici da dimenticare, musica ossessivamente riproposta. Il film e' ancora "grezzo", ma considerata la giovanissima età del regista e' comprensibile . Gli spunti ci sono e il talento non tarderà ad uscire allo scoperto.

giovedì 12 luglio 2012
umbertoparini

film brutto , lento e noioso. Brutta la fotografia; le riprese eccessivamente lente; il tema sciocco e banale. Veramente una delusione

lunedì 19 marzo 2012
MarcoJ

Più un cortometraggio allungato che altro. Bella la fotografia, bellissimo il ritratto della campagna emiliana: ma il contenuto manca - perlomeno per poterlo definire un lungometraggio. Mi aspettavo un bel film italiano vecchio stile, e invece siamo alle solite: sceneggiatura inesistente (storia slice-of-life, ovvero eventi a caso uno dopo l'altro; dialoghi pressoché inutili, [...] Vai alla recensione »

Frasi
Fosse per lui ci saremmo chiamati Palmiro ed Enrico.
Forse è meglio così, se doveva capitarmi il primo!
Una frase di Elia (Marco D'Agostin)
dal film I giorni della vendemmia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un’estate che finisce mentre tutto il resto comincia, o ricomincia. Un ragazzino che si chiama Elia, perché la madre è molto cattolica, ma potrebbe chiamarsi anche Palmiro perché il padre è un comunista come se ne fanno (o se ne facevano) solo in Emilia. E una ragazza di nome Emilia appunto, bella come l’alba, che torna in campagna per vendemmiare, mettere due lire in tasca.

Enrico Palandri
Rolling Stone

Cosa c’è di Pier Vittorio Tondelli nel mondo intorno a noi oggi? Ho visto un bel film di un giovane regista, Marco Righi, I giorni della vendemmia, in cui il protagonista tiene Altri libertini sul comodino. Un film dell’anno scorso che ha girato per diversi festival internazionali, ma credo sia poco circolato in Italia. La storia ha molti echi tondelliani, e forse anche qualcosa di Bellocchio, di quel [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Ancora un’uscita italiana estiva e poco visibile. Mentre invece merita di esserlo di più. I giorni della vendemmia di Marco Righi. E’ un piccolo, piccolissimo film ma ambizioso, rigorosamente professionale, severo. Segna tanto un esordio creativo, quello dell’autore ventottenne (scritto, diretto, montato da lui), che produttivo della società di Reggio Emilia che ha sostenuto l’impegno.

Davide Tomì
Il Giornale di Reggio

Settembre è il mese dei cambiamenti. Nelle campagne è il momento in cui i grappoli d’uva gravidi di succo si lasciano cogliere durante un rito, quello della vendemmia, profondamente legato alla fertilità della terra. C’è qualcosa di religioso e pagano insieme nel rito della vendemmia, qualcosa di antico che si tramanda di generazione in generazione.

Rita Andreetti
Indipendenti del cinema

Metafora traslata della crescita ormonale e di una maturazione che lenta si insinua ed è naturale quanto travolgente, la vendemmia è il contorno di una storia d'amore lieve e appena accennata che Elia vive con Emilia, un'amica di famiglia che si unisce alla vendemmia per guadagnare qualche soldo. L'arrivo della donna, matura, potente, seducente, amplificherà la crescita e il passaggio all'età adulta [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

In principio furono tre copie, poi non s’è più fermato: sale piene, giudizi iusinghieri, ed ecco il tour nazionale. Mentre il cinema in Italia colleziona segni negativi, I giorni della vendemmia è il volto positivo: opera prima di Marco Righi, classe ‘83, si ispira all’unico, autentico maudit italiano, Pier Vittorio Tondelli, ma senza occhiolini promozionali nè questue poetiche.

Alain Bichon
Cinemaitaliano.info

Il passaparola prosegue, gli incassi crescono, le città che lo programmano si moltiplicano: "I Giorni della Vendemmia", esordio del giovane (classe 1983) regista emiliano Marco Righi è destinato a diventare un piccolo caso, alla stregua di altre opere prime come "La Capagira" (Alessandro Piva, 2000) o "Il Vento fa il suo Giro" (Giorgio Diritti, 2007).

Franco Giubilei
La Stampa

Il desiderio o è emulare l’esperienza vin- cente di Giorgio Diritti, che da Il vento fa il suo giro dell’esordio, una piccola produ- zione di successo, è approdato alla consa- crazione con L’uomo che verrà. Anche l'in- dipendente I giorni della vendemmia è partito in sordina, distribuito in tre sale d’essai emiliane a Modena, Reggio e Par- ma, ma ha avuto ottimi risultati al [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

I giorni della vendemmia sono quelli di un settembre del 1984, una fine estate in cui Elia, adolescente irrequieto come è il tempo della sua età (l'attore Marco D'Agostin forse un po' troppo imbronciato), scopre qualcosa in più della vita, un orizzonte in movimento inafferrabile e nervoso, molto lontano dalla quiete (apparente) della campagna in cui vive ed è cresciuto.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Campagna di Reggio Emilia, settembre 1984. Il sedicenne figlio di contadini Elia lavora nei campi, pronto ad accendersi di fronte alla disinvolta universitaria Emilia, figlia di compaesani, che per pagarsi gli studi è venuta a dare una mano nella vendemmia. Sarà amore? Grezza e tenera commedia del giovane (28 anni) Marco Righi, una sorta di educazione sentimentale padana.

Alberto Morsiani
Gazzetta di Modena

Presentato in innumerevoli festival internazionali (tra l’altro, Amburgo, Nashville, Stoccolma, Cape Town, Glasgow) esce solo a Modena e Reggio Emilia, il piccolo film di un enfant du pays, Marco Righi, prodotto da una coraggiosa minuscola casa di produzione e distribuzione del territorio, la Ierà. Così definisce il suo film d’esordio il 27enne regista reggiano: «Un film delicato e intimo, [...] Vai alla recensione »

Aldo Lastella
La Repubblica

Estate 1984, campagna emiliana. Il sedicenne Elia vive con il padre, contadino comunista, e la madre, cattolica praticante. Acerbo, silenzioso, viene turbato dalla comparsa di Emilia, universitaria in vacanza, provocante e maliziosa, e dal ritorno del fratello Samuele, aspirante scrittore. I giorni della vendemmia, del debuttante Marco Righi, è in fondo tutto qui.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati