Frozen

Film 2010 | Thriller +16 93 min.

Anno2010
GenereThriller
ProduzioneUSA
Durata93 minuti
Regia diAdam Green
AttoriKevin Zegers, Shawn Ashmore, Emma Bell, Ed Ackerman, Rileah Vanderbilt Adam Johnson, Chris York, Kane Hodder, Peder Melhuse, John Omohundro.
Uscitavenerdì 25 marzo 2011
DistribuzioneM2 Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 2,73 su 78 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adam Green. Un film con Kevin Zegers, Shawn Ashmore, Emma Bell, Ed Ackerman, Rileah Vanderbilt. Cast completo Genere Thriller - USA, 2010, durata 93 minuti. Uscita cinema venerdì 25 marzo 2011 distribuito da M2 Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,73 su 78 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Frozen tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Tre studenti rimangono bloccati su una seggiovia. Abbandonati da tutti, dovranno cercare di trovare una soluzione per rimanere vivi. In Italia al Box Office Frozen ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 580 mila euro e 260 mila euro nel primo weekend.

Frozen è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,73/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,42
CONSIGLIATO NÌ
Un thriller raggelante che indaga nell'istinto di sopravvivenza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 21 marzo 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 21 marzo 2011

Tre studenti universitari, Dan Walker, la sua ragazza Parker O'Neil e il miglior amico di Dan Joe Lynch, decidono di trascorrere una giornata domenicale sugli snowboard in montagna nel Massachusetts. Giunta la sera (e con gli impianti che resteranno chiusi fino al venerdì successivo) i tre riescono ad estorcere all'addetto un ultimo passaggio su una seggiovia a tre posti. Costui però deve allontanarsi e chi lo sostituisce per un equivoco crede che tutti i passeggeri siano scesi e toglie la corrente. I tre restano sospesi nel vuoto ed esposti al gelo. Inizialmente sperano in una ripartenza dell'impianto ma ben presto debbono cominciare ad adattarsi all'idea che la loro discesa non sarà imminente.
Se volete godervi appieno la paura che progressivamente vi farà sentire seduti non su delle comode poltrone ma sul ferro ghiacciato del sedile di una seggiovia avrete bisogno di tre cose. Innanzitutto dovrete pazientare per i primi venti minuti che servono a presentare i caratteri dei personaggi: Joe impiccione e spesso fuori misura ma incapace di una relazione stabile, Dan boyfriend di Parker ma piuttosto introverso e la ragazza innamorata e reattiva quanto basta. Sarà poi utile l'esperienza: se vi è già capitato di trovarvi sospesi seduti su una seggiovia per un temporaneo stop (magari dovuto al trasferimento di uno sciatore infortunato) sapete di cosa si sta parlando e cosa si prova. Terzo elemento (ma non ultimo in ordine di importanza) evitate di leggere altri commenti o recensioni oltre a questa 'prima' di vedere il film.
Per il semplice motivo che meno saprete su quanto accade sullo schermo e maggiormente potrete avvertire la sensazione di un disagio che si trasforma in paura nel contesto di una quotidianità 'realistica'. Perché il punto di forza della regia di Adam Green consiste proprio nel prendere le mosse dalla banalità di una gita in montagna per poi progressivamente mettere a nudo le pulsioni più profonde. Certo: forse si potevano approfondire di più le reazioni psicologiche dei protagonisti messi di fronte alla possibilità di una morte atroce. Ma non era questo l'elemento su cui puntare quanto piuttosto quello della banalità delle condizioni per cui chiunque di noi può trovarsi all'improvviso in una situazione che può essere senza vie d'uscita. Green non usa effetti speciali, sospende attori e troupe in aria e si fa perdonare anche qualche inverosimiglianza. Perché complessivamente Frozen adempie al suo compito: raggelarci (magari anche solo per pochi secondi) il sangue nelle vene.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
FROZEN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Infinity
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 18 novembre 2010
VeronicaB89

Quando non servono grandi idee per realizzare un buon film. Quando non servono litri di sangue e assassini psicopatici per creare un thriller con retrogusto horror. Tre amici sciatori decidono di fare l'ultima discesa prima della chiusura delle piste ma, per un fraintendimento, vengono dimenticati sospesi sulla seggiovia in balia della notte e del freddo, senza sapere se vedranno l'alba del giorno [...] Vai alla recensione »

martedì 12 aprile 2011
dario carta

Nel 1965,nel “Volo della Fenice”,Aldrich metteva sugli schermi e sul volto di Jimmy Stewart un cinema,la cui emotività con i suoi nuovi fermenti di un’epoca di trapasso,traduceva le inquietudini e le ansie di una società in fase transitoria dal periodo postbellico del decennio precedente ad una nuova era con i suoi germi di forte rinnovamento e novità creativa. &ldquo [...] Vai alla recensione »

sabato 4 dicembre 2010
'Mox'

Domenica sera: per una sfortunata coincidenza, tre giovani sciatori rimangono intrappolati su una seggiovia. L'impianto non riaprirà fino al prossimo weekend, e questo significa che quasi certamente nessuno si accorgerà di loro. Devono salvarsi da soli, o forse tutto quel che possono fare è scegliere come morire. Ingredienti molto semplici che, conditi con una buona tecnica [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 luglio 2011
Zollo

Dopo Buried e 127 ore arriva Frozen, ennesimo thriller incentrato sulle più radicate paure umane: l'intrappolamento e il vuoto. La vicenda vede coinvolti due amici, Lynch e Dan, e la ragazza di quest'ultimo, che pur di effettuare un'ultima sciata notturna al limite dell'orario di chiusura, rimangono bloccati e sospesi nel vuoto su di una seggiovia che diverrà la [...] Vai alla recensione »

martedì 10 maggio 2011
Lety Kant

Un film appena passabile e certamente non collocabile tra i grandi thriller ad alta tensione, quelli con una trama solida e ben sviluppata. "Frozen" narra di tre giovani incoscienti, che per capriccio decidono di fare una sciata notturna, mentre gli impianti sciistici stanno chiudendo, ma (colpaccio di scena), un funzionario toglie la corrente e rimangono fermi sulla seggiovia, escogitando i migliori [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 marzo 2011
Jishin75

Un prodotto disceto, ma con pochi spunti. La consueta guerra uomo-natura si rivela ancora una volta "uomo stupido-natura normale" con una verosimiglianza pari a zero. Manca una caratteristica tipica di questo genere di film: non si tifa per i protagonisti. Ci si immedesima, si pensa "io farei così", ma non ci si resta male quando i protagonisti soffrono o sono in chiaro pericolo [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2018
Andrea Damiani

Questo film è molto di più che un semplice thriller adolescenziale; il regista Adam Green riesce a tenere viva l'attenzione dello spettatore dirigendo con maestria le scene che, per la maggior parte, si svolgono nello stesso posto, una seggiovia che si blocca, lasciando tre giovani sospesi nel vuoto. La vita è letteralmente appesa ad un filo, al di sotto c'è l'abisso; il rischio della morte, la minaccia [...] Vai alla recensione »

sabato 26 marzo 2011
IL SAGGIO

I FILM COME OGNI COSA SONO SOGGETTI AL PERIODO IN CUI ESCONO E PURTROPPO VENGONO CLASSIFICATI E VALUTATI  ANCHE A  SECONDA DI QUELLI USCITI PRMA  E QUELLI  USCITI SUBITO DOPO.SEMBRA CHE FROZEN STIA SEGUENDO LA SCIA DEI VARI OPEN WATER, BURIED(PICCOLO CAPOLAVORO),127 ORE ETC FILM CHE ANALIZZANO LE REAZIONI UMANE DAVANTI ALLA TRAGEDIA IMPELLENTE COMBATTUTA SOLAMENTE DALLA SPERANZA [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 marzo 2011
enigmista 97

Frozen parla di tre amici, due ragazzi ed una ragazza, che passano una domenica in montagna. Due sono fidanzati, mentre un altro è l'amico d'infanzia del primo. Dopo un intero pomeriggio passato a sciare, vogliono fare un'ultima discesa e prendono la seggiovia in tarda serata. Il controllore, l'unico che sa della loro presenza, deve fare cambio turno, ed il nuovo arrivato spegne la seggiovia.

domenica 3 aprile 2011
Henry Parker

Al calare della sera, in una stazione sciistica dello Utah, tre giovani (incauti) amici (Dan, Joe e Parker) sono gli unici rimasti su una seggiovia quando l'impianto viene per equivoco fermato. E' domenica sera e la struttura non verrà rimessa in funzione fino al venerdì successivo; inutile urlare: i ragazzi sono troppo in alto e troppo lontani dalla base per essere sentiti.

sabato 26 marzo 2011
Mr.Duff

Film agghiacciante, una sola location che risulta prima di ogni via di fuga. I 3 protagonisti ci vengono presentati come tre ragazzi universitari che vogliono divertirsi un po fra studio e solita routine e riusciamo a conoscerli grazie alle loro paure,quel momento di panico che si presenta attraverso le nostre insicurezze e fobie più profonde. Idea buona quella di ambientare un thriller in uno spazio [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 marzo 2011
Ottobre

Un film dove le scene sono slegate tra loro, dove si alternano inutili racconti di gioventù a goffi tentativi di fuga da una morte certa. Trama assolutamente non convincente, qualche scena ben riuscita ma tutti i tentativi dei ragazzi sono goffi e poco ragionati. Alcuni momenti splatter sono forse gli unici che regalano qualche emozione allo spettatore.

lunedì 28 marzo 2011
Dado1987

Due ragazzi e una ragazza decidono di andare a sciare di domenica per staccare la spina dalle incombenze universitarie, passano un pomeriggio divertente e di sera decidono di fare un'ultima sciata prima di tornare a casa, prendono la seggiovia riuscendo a convincere l'addetto a fargli fare l'ultimo giro, nonostante la chiusura delle piste sia prossima.

lunedì 16 aprile 2012
MauryT

Non  è un bel film! Non basta una storia che, dopo mezz’ora per presentare con dialoghi da telenovela la personalità dei tre ragazzi, si arricchisca di suspense, è ovvio che ci si chiede: “adesso voglio proprio vedere come va a finire”. Il film è zeppo di errori grossolani che saltano all’occhio anche ad un critico meno attento .

sabato 24 settembre 2011
Cenox

La trama è semplicissima: tre ragazzi, composti da una coppia ed un amico, vanno in montagna per sciare e divertirsi, e per una serie di sfortunate coincidenze (che comunque risultano ben più credibili di tanti altri eventi del film!!) vengono fermati sulla seggiovia mentre si trovano a circa metà percorso, senza che nessuno si accorga di loro dato anche l'orario di chiusura [...] Vai alla recensione »

martedì 29 marzo 2011
foolonthehill

L'unica cosa buona del film è l'idea, originale, ma usata malissimo. senza voler raccontare per filo e per segno, ovviamente, dico solo che in un film si può far accadere qualunque cosa, ma deve esserci un filo di logica. Non ha logica se si è bloccati su una seggiovia, stare ore attaccati con la mano nuda all'acciaio, non mettere una mano in tasca, lasciare slacciata gran parte di una giacca a vento, [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 aprile 2011
Patty

Film penoso,banale e scontato...non lascia assolutamente nulla. Lo sconsiglio apertamente!

mercoledì 30 marzo 2011
sandrizzi

Film assolutamente surreale. Se anche non sei mai stato in montagna ti rendi conto che ci sono una serie di cose che non sono possibili. I lupi che ci sono di notte, di giorno dove sono? Quello che si butta senza nemmeno trovare una soluzione alternativa. La seggiovia che regge tutto quel tempo in bilico! Ma andiamo.... potevate sforzarvi un pò di più!

mercoledì 30 marzo 2011
tolfino

Dalla pubblicità fatta per questo film mi sarei aspettato qualcosa di un livello decisamente migliore di quello espresso dal regista. Tuttavia Adam Green si è voluto cimentare in un survival-horror che come genere risulta innovativo.Va premiato il tentativo del regista di rappresentare il Reale, di per sé irrappresentabile.

lunedì 4 aprile 2011
Patty

Film penoso,banale e scontato...non lascia assolutamente nulla. Lo sconsiglio apertamente!

lunedì 28 marzo 2011
salvaponti

domenica 27 gennaio 2013
De Lorean

Ci risiamo con l'ennesimo film mediocre di produzione USA. Non si salva niente, ma proprio niente. Io vedo moltissimi film, e so bene che la media della qualità dei film americani è piuttosto bassa. Qualunque sia il genere, sono quasi tutti abbastanza "leggeri". Questo Frozen è una noia mortale dall'inizio alla fine, non vedevo l'ora che finisse! A partire [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 gennaio 2013
alle70

Sincermante film del tutto irreale. Scio da decenni e una cosa così non potrebbe mai capitare in Italia, magari in America tale superficialità è ammessa. Solitamente alla chiusura degli impianti un addetto solleva i seggiolini e attende il ritono dello stesso prima di chiudere, ma prima ancora un'altra persona fa un giro a vuoto per verificare, quindi una situazione del genere [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 agosto 2011
ratun86

Visto per caso pensando che sarebbe stato il solito film horror mancato,visto e rivisto...invece...dopo i primi 15 minuti l'ho subito rivalutato!!Sicuramente nuovo nel genere!

domenica 24 luglio 2011
fabio regulare

un film che sinceramente mi ha fatto gelare il sangue nelle vene, è da un bel po che non mi capitava di vedere un horror così azzeccato

venerdì 8 aprile 2011
antoniormuci

Il mio "no" credo che possa considerarsi giustificato per via della mediocrità decisamente spiazzante del film. Ci si aspetta un clima carico di suspance, tensione e invece tutta la parte iniziale del film anziché preparare lo spettatore a questo, lo intontisce di dialoghi ridondanti che poco rendono l'effetto "sorpresa" del cambio di climax. La scelta dei colpi di scena rimane tuttavia non del tutto [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 aprile 2011
stefano73

l'idea è buona e l'ambientazione originale. Creato esclusivamente per ragazzi appassionati di sport invernali. E' quasi tutto ambientato sulla seggiovia. Tanta tensione...ma anche un pò di noia e dilungaggini inevitabili. Il finale poi...

mercoledì 6 aprile 2011
JimmyLSanto

due palle vedere questi cretini che per risparmiare 2 dollari e fare una corsa in + all'ultimo minuto vanno ad impelagarsi in un storia assurda... emeriti cretini che pensano di fare voli di 20 metri e non farsi niente... e il resto non lo racconto perchè se qualcuno vuol vederlo gli sciupo qualche sorpresona (ma in dò).. film evitabile; che una cosa però è riuscita [...] Vai alla recensione »

sabato 2 aprile 2011
whitedemon

Come da titolo, il riferimento è esplicito alla trama del film e al risultato finale. La storia racconta di una gita fuori porta intrapresa da tre amici, una coppia di neo-fidanzati e il migliore amico di lui, allettati dalla voglia di poter passare finalmente una bella giornata in un impianto sciistico e di poter sciare. Soltanto che una volta arrivati in cima, in procinto di prendere la seggiovia [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 aprile 2011
andaland

Un film brutto, patetico a tratti ridicolo. Recitazione pessima, eventi assurdi, dialoghi ridicoli. L'idea non era niente male, ma la realizzazione (a parte la buona fotografia) non entusiasma. Sconsiglio di vederlo.

lunedì 9 maggio 2011
Fedronline

Niente male, alcune scene raccapriccianti e pieno di patos

domenica 3 aprile 2011
Fabio C.

Sono onesto.. il film è da VEDERE. Il senso di impotenza, la tensione, la forza d'animo e lo spirito di sopravvivenza che torva soluzioni dove soluzioni NON ci sono valgono il prezzo del biglietto. I riferimenti sono chiari, "Open Water" su tutti... padre del NUOVO filone di film "survivor", dove Horror è una parole per lo più fuori posto e lascia volentieri posto al più appropriato "Drammatico [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2011
Alessia,albani

IO no!!! Film troppo cruento.. quasi splatter. Mi si è riproposta tutta la cena!

lunedì 31 ottobre 2011
Vittorio

Film che riesce nel suo intento....raggelarci dall'inizio alla fine!! Thriller ben fatto!! Da vedere!

lunedì 24 ottobre 2011
time_traveler

Joe, Dan e la sua fidanzata Parker si concedono un week-end di totale relax in un centro sciistico. Ben presto però, quello che doveva essere un momento di svago, si trasforma nel peggiore degli incubi: la seggiovia viene fermata prima che i tre siano scesi.E' sera e tutti sono andati già via.Saltare dalla seggiovia è impossibile,troppa l'altezza da terra, eppure dovranno [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 ottobre 2011
sedicinoni74

Credo che un film del genere appaia più come un'occasione mancata che altro. Il soggetto  ( l'idea della seggiovia) è solo pazialmente originale : trova infatti un riscontro in altri tipi di film definibili come stanziali: girare delle scene in locations ristrette ( vedi "open water", "buried", "in linea con l'assassino",etc).

lunedì 9 maggio 2011
Ulisse104

Decisamente agghiacciante. Non riesco a trovare altre parole. Un film fatto solo di 3 persone. Non so se è da considerarsi un Thriller o un Horror, sta di fatto che sotto certi aspetti crea uno stato ansiogeno che ti porta o cambiare canale o andare avanti con il DVD cercando di capire come va a finire. Beh! è successo a me: sono andato direttamente alla fine del film per capire come finiva.

mercoledì 6 aprile 2011
Solitas

Chi è un appassionato di montagna, come la sottoscritta, sa benissimo che le situazioni in cui si sono trovati i protagonisti sono una serie di banali e alquanto infattibili eventi. Ma, mettiamo che possa succedere di rimanere abbandonati sulla seggiovia, che possa capitare di andare in giro senza cellulare, che ci siano posti al mondo frequentati da umani e infestati da lupi ecc… [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2011
pupobuono

bel film ...a differenza secondo me ,dei pessimi horror e delle insipide commedie che circolano ora nelle sale e non faccio nomi....la magia di questo film e la bravura del regista sta nel riuscire a far identificare gli spettatori con i protagonisti del film ...molto bello il paesaggio , i personaggi esprimono i timori , le paure che potremmo avere noi se ci trovassimo al loro posto e poi è [...] Vai alla recensione »

domenica 27 marzo 2011
francescodemi

Io che sono appassionato di sci non stavo nella pelle aspettando di vederlo. Quando l'ho visto è stata una grossa delusione, in quanto il film si può riassumere in tre frasi, è scontato, pieno di errori (es. quando lei si fa male sia alla mano che alla gamba quando le cade la seggiovia addosso e dopo un secondo sembra stare benissimo), finale banale.

venerdì 14 novembre 2014
cinebura

un film davvero bello, scorrevole e diretto. La storia che narra questo film è semplicissima e diretta senza intrecci e articolazioni varie. questa semplicità con un pizzico di frasi commoventi e sensibili rendono questa pellicola originale e molto toccante. I film di questo genere, il più delle volte, lasciano dentro AL pubblico qualcosa, una lezione di vita! Davvero bella e originale l'idea della [...] Vai alla recensione »

domenica 8 aprile 2012
andre89LOST

Angosciante e realistico in maniera incredibile. I primi venti minuti non sono noiosi, non accade nulla ma i dialoghi sono piacevoli e neanche tanto scontati. Ottime le musiche. Agghiacciante, da vedere assolutamente. Voto: 8

venerdì 10 febbraio 2012
alexcross

idea buona, semplice  e film tutto sommato credibile, capace di tenere alta l'attenzione e di suscitare interesse dalla prima all'ultima scena. Adatto agli amanti della suspance, non di certo a chi teme le incursioni in montagna

venerdì 12 agosto 2011
Steeeeph

Dopo aver visto e rivisto centinaia di thriller,in cui c'erano assassini immortali,sangue a fiumi e trame scontate,finalmente una pellicola alternativa.Frozen,nonostante non abbia gli effetti speciali che solitamente attirano una più larga fascia di pubblico,riesce a trasportare lo spettatore,in un climax ascendente di angoscia e paranoia,nella situazione dei tre malcapitati.

lunedì 28 marzo 2011
claudiorec

Gran film. Per i forti di stomaco.

giovedì 12 luglio 2018
lauracigana

Film decisamente orrendo, mi farà venire gli incubi per settimane credo. A tratti banale, ma poi ci sono degli effetti scena resi “speciali” solo perché i protagonsti soffrono in svariati modi e contesti. La parte dei lupi ( su cui non mi soffermo per coloro che non hanno ancora visto il film) è davvero straziante è penosa. Era proprio necessaria? Finale debole è surreale

mercoledì 20 marzo 2013
Onufrio

Tre giovani ragazzi decidono di trascorrere il fine settimana tra le nevi delle montagne del Massachusetts, pregando uno dei responsabili delle seggiovie a farli salire prima che stacchino la corrente, il signore li accontenta, senza però avvertire dall'altro capo gli altri operatori della seggiovia, fatto sta che dunque per un incomprensione dovuta comunque a questo strappo alla regola, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 ottobre 2011
Kilvas

bel film, ero un po' scettico sinceramente anche perchè nn è il mio genere...ma gli attori e i doppiatori hanno fatto un ottimo lavoro...riuscivi a provare le emozioni dei protaginisti stessi....anche se spesso nn erano belle emozioni XD detto questo...nn è stupido come gli altri recenti film del genere....se nn avete il cuore debole...guardatelo insomma...è da vedere secondo me.

venerdì 27 maggio 2011
ipno74

Ormai fare un film horror o thriller originale non è facile e si scede in temi che potrebbero far sorridere per quanto irreali. Comunque frozen è godibile e cerca di prendere la paura che potrebbe avere un qualsiasi sciatore o amante della montagna se la seggiovia si fermasse e gli unici seduti siete voi. Credo però che chi non sia mai andato su una seggiovia possa capire il [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 maggio 2011
july86

Storia Interessante ma purtroppo breve... quindi il film risulta molto lento!!! Abbastanza scontato!

Frasi
Non mi sento piu' l'uccello! Maledetti lupi
Una frase di Dan (Kevin Zegers)
dal film Frozen
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

I motivi li lasciamo agli psicologi, ma è vero che va di moda un tipo di film persecutorio, narrato in tempo reale, i cui protagonisti sono intrappolati e rischiano fini atroci. Qui la claustrofobia (vedi "127 ore" o "Buried") si colloca in spazi aperti, però la somma è identica: due ragazzi e una ragazza, amanti dello snowboard, restano bloccati su una seggiovia ad alta quota, senza che nessuno lo [...] Vai alla recensione »

Nigel Andrews
Financial Times

Se non è ancora l’incubo di ogni sciatore, potrebbe diventarlo. Frozen è un tour de force di suspence e orrore su tre giovani sciatori che rimangono intrappolati su una seggiovia. È il tramonto, i manovratori sono convinti che sulla montagna non ci sia più nessuno e spengono gli impianti. Che fareste voi, sospesi a quindici metri di altezza su una distesa di neve e rocce e con la sola compagnia dei [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Certo, bisogna essere habitués del genere con tanto di vocazione al masochismo. Ma «Frozen», già acclamato al Sundance Film Festival, è un horror che ha tutti gli ingredienti per fare centro al botteghino. Interpretato da attori ottimamente in parte, il nuovo incubo affronta uno dei territori-clou dell’arrogante sfida dell’homo sapiens alle forze dell’ignoto, l’alta montagna.

Michael Ordoña
The Los Angeles Times

"Frozen" is the latest ultra-low-budget, "Man vs. Wild"-style horror film in the wake of "Open Water" and last year's "The Canyon." It's difficult to get into its "What would I do?" vibe, though, through so thick and transparent a barrier of contrivances. The gag is that some remarkably stupid winter sports enthusiasts get trapped high in the air when the ski lift stops and everyone else in the resort [...] Vai alla recensione »

Davide Turrini
Liberazione

Quante volte in attesa di una seggiovia o funivia, abbiamo guardato all'insù, verso macchinose funi, pulegge, argani e tamburi di ancoraggio? L'idea che quegli aggeggi di ferro e acciaio all'improvviso cedano facendoci spiaccicare a terra, è una di quelle paure recondite che fanno il paio con la fobia di salire su un aereo o su una nave. Frozen inizia così, con qualche scricchiolio sinistro proveniente [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Don’t!” era uno dei finti trailer nell’intervallo del tarantiniano “Grindhouse”. Un altro era “Machete”, ma non è più finto, dopo che Robert Rodriguez e Ethan Maniquis hanno girato il film (trash, e del peggiore, quindi imperdibile: esce nelle sale il 21 aprile). Non farlo! Non aprire quella porta, non prendere l’ascensore, non scendere in cantina, non passeggiare nei cimiteri, non andare nei boschi [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Non fidatevi delle apparenze. Non sottovalutate Frozen di Adam Green. Parte come un horror giovanilistico scemetto con due uomini e una donna in gita sciistica. Lui, lui e l’altra. Dan e Jon sono amici per la pelle cresciuti insieme. L’imbranata Parker è la fidanzata («Da meno di un anno» noterà qualcuno) di Dan. Jon non è al settimo cielo per la sua presenza.

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Per tre snowboardisti si materializza l’incubo di tanti amanti delle nevi: rimangono bloccati, per un disguido, su una seggiovia ad alta quota. L’impianto è chiuso, gli addetti se ne vanno. Si congela e l’unica apparente soluzione è buttarsi giù, con il rischio di rompersi le gambe. E un branco di lupi sta sotto ad aspettare. Gli elementi ci sono tutti per un thriller che, effettivamente, trasmette [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 13 luglio 2018
 

Frozen, nel suo passaggio televisivo di ieri sera, ha ottenuto il 6.3% di share con un totale di 1.208.000 spettatori davanti alla TV. Il thriller del 2010 diretto da Adam Green racconta la storia di tre studenti universitari, Dan Walker, la sua ragazza [...]

GALLERY
martedì 22 marzo 2011
Luca Volpe

Dopo un anno di attesa esce in Italia Frozen, thriller "sotto-zero" incentrato sulle vicende di tre snowboardisti americani rimasti bloccati per una settimana su una seggiovia in alta quota. Distribuito dalla neonata M2Pictures in circa 150 copie [...]

NEWS
martedì 22 dicembre 2009
Marlen Vazzoler

Un horror ambientato su una funnivia Anchor Bay Films ha debuttato online su Apple con il primo trailer ufficiale di Frozen, il thriller/horror di Adam Green su tre studenti (Emma Bell, Shawn Ashmore, Kevin Zegers) che vengono per sbaglio lasciati bloccati [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati