Iago

Film 2008 | Drammatico, 100 min.

Regia di Volfango De Biasi. Un film con Nicolas Vaporidis, Laura Chiatti, Aurelien Gaya, Lorenzo Gleijeses, Fabio Ghidoni. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2008, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 27 febbraio 2009 distribuito da Medusa. - MYmonetro 1,48 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Iago tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Moderna trasposizione del dramma shakespeariano in cui Iago deve affrontare il rivale Otello per conquistare il cuore dell'amata Desdemona. In Italia al Box Office Iago ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 2 milioni di euro e 968 mila euro nel primo weekend.

Iago è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
1,48/5
MYMOVIES 1,00
CRITICA 1,40
PUBBLICO 2,27
CONSIGLIATO NO
Volfango De Biasi stravolge Shakespeare e lo converte in una "tragica" commedia giovanilistica.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 25 febbraio 2009
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 25 febbraio 2009

Venezia, 2009. Iago è uno studente di architettura di bassa estrazione e somma ambizione. Innamorato della bionda Desdemona, figlia irrequieta del rettore della facoltà di architettura, Iago è a un passo dal chiederle la mano e dal progettare la città ideale. Deciso a conquistarla durante un ballo in maschera, il plebeo è gabbato dal nobile (per lignaggio) e moro Otello, arrivato dalla Francia in Laguna a miracol mostrare. Usurpato il "regno" (il posto di responsabile nel progetto di allestimento della Biennale) e insediato il cuore di Desdemona, Otello diventa per Iago nemico da abbattere. Nelle notti bianche veneziane Iago perfezionerà il suo disegno volto al progressivo annientamento delle certezze di Otello. Lo aiuteranno nell'impresa la smaliziata Emilia e il volubile Roderigo.
Ancora Shakespeare, ancora Otello, il dramma per eccellenza consumato a Venezia e convertito in "tragica" commedia giovanilistica nella seconda impresa di Volfango De Biasi. Scalzato il Moro, un figlio di papà che non ha mai trionfato sui musulmani e superato indenne il mare di Cipro, è Iago il protagonista e (ancora una volta) l'architetto che esercita l'arte di costruire edifici di menzogne, facendo intendere a Otello quel che vuol sentire e vedere quel che vuol vedere, deformando i contorni originali delle situazioni e corrompendo col suo veleno il suo sentimento amoroso.
Trasposto, stravolto e incautamente scaricato sulle spalle di Nicolas Vaporidis, Iago conferma le nuove abitudini del nostro cinema italiano: una sostanziale inconsistenza d'approccio generale, l'incapacità di andare oltre un sistema di riflessioni o di giudizi prossimi alla vulgata di piazza e dunque potenzialmente o esplicitamente qualunquista. Puntando su uno Shakespeare romanzato, facile e spettacolare e preoccupato della sua accessibilità al pubblico italiano, il regista, in barba al pentametro giambico e all'incommensurabilità dei personaggi scespiriani, imbastisce una love story in raccordo con l'energia delle ultime generazioni.
Modificati radicalmente struttura e punto di vista, Iago non prolunga il piacere della tragedia del drammaturgo di Stratford upon Avon, fallendo l'intenzione del pensare alto (Shakespeare) attraverso lo strumento basso (il cinema). Dove Sir William graffiava, producendo leggerezza espressiva, De Biasi esibisce una grevità del dire che cerca nello spettatore una complicità a buon mercato. Eludendo la complessità del Bardo e il magmatico potenziale espressivo dei suoi testi, Iago accresce e prolunga la nostalgia per i neoscespiriani esplosi negli anni Novanta con il caso Branagh e con una serie di straordinarie variazioni: dal Rosencrantz e Guildenstern sono morti di Tom Stoppard ai Belli e dannati di Gus Van Sant (col suo Enrico IV vagabondo per capriccio e rivolta sulla strada di Kerouac), dal Riccardo III di Al Pacino (making of divulgativo della tragedia) al Romeo & Giulietta di Baz Luhrmann (fedele nella più apparente infedeltà).
A mancare è pure l'attore protagonista che, looking for Iago, si scopre inabile a indossarne le fattezze scapigliate e ad immergersi nelle sue trame. A riscuotere dai deliri di Otello e dell'operetta di De Biasi è l'inquieto e nobile Roderigo di Lorenzo Gleijeses, imprevedibile e miracolosa presenza. Un volto permanente che apre il film e lo domina sovrano e solitario, un corpo attoriale di formazione teatrale capace di qualificare il personaggio, animandolo di una scintilla anarchica e dissacratoria. Con la Drag Queen di Gleijeses dimenticherete inverno e scontento e (ri)vedrete le stelle e la stella.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Rivistitazione in chiave moderna di un classico.
Désirée Colapietro Petrini

Tredici anni dopo la reinterpretazione in chiave postmoderna dell'opera di Shakespeare Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann (Moulin Rouge e Australia) arriva nelle nostre sale un altro grande classico del drammaturgo inglese, questa volta rivisitato dall'italianissimo autore di Come tu mi vuoi Volfango De Biasi.
Con un drastico passaggio di genere, il regista consegna alla cinematografia nostrana Iago, una pellicola destinata ai ragazzi per cui ha chiamato ad interpretare il ruolo dei protagonisti due dei giovani attori da loro più amati: Nicolas Vaporidis e la richiestissima ventiseienne Laura Chiatti, insieme sul set per la prima volta.
Prodotto da Claudio Saraceni per Ideacinema, Medusa e Cattleya e scritto dallo stesso De Biasi con Felice di Basilio e Tiziano Martini, il film è un vero e proprio ribaltamento del dramma shakesperiano: nell'ottica di De Biasi, infatti, Iago (Vaporidis), studente alla facoltà di architettura di umili origini ma meritevole e di grande talento, è vittima di una serie di ingiustizie. L'aristocratico e raccomandatissimo Otello (Aurelien Gaya) è il suo antagonista. Figlio di un architetto di fama mondiale e amico del rettore, nonché padre della sensualissima Desdemona (Laura Chiatti) della quale Iago è perdutamente innamorato, Otello prenderà il posto di quest'ultimo come responsabile nel progetto di allestimento della Biennale, lo priverà dei propri meriti di studio e farà di tutto per rubargli la giovane amata. Pazzo di gelosia, il protagonista si ribellerà con spirito vendicativo per le ingiustizie subite, tessendo una serie inesorabile di inganni e bugie per riappropriarsi di ciò che gli spetta.
Girato nella Venezia dei nostri giorni (il primo ciak lo scorso 15 settembre) ma anche a Padova e Roma, questo film, ha spiegato il trentasettenne regista, "è un'operazione pop, una riscrittura fatta a partire dal testo originario. Credo che i classici appartengono a tutti. All'interno dell'Otello Iago è considerato da sempre il male del mondo, la ragione dell'invidia. Mi sono chiesto perché è invidioso? Ci sarà un qualche motivo. E così ho cominciato a riflettere su una tematica che ci tocca un po' tutti: quella delle raccomandazioni. Nella storia che porto sul grande schermo Iago è innamorato di Desdemona. E' un ragazzo povero, che fa di tutto per far bene il suo lavoro. Ad un certo punto arriva Otello, ricco, bello, raccomandatissimo e gli porta via tutto. A quel punto cosa fare? Soccombere, come nella realtà. O combattere, come in una favola".
Già protagonista dell'opera prima di De Biasi al fianco di Cristiana Capotondi, il ventisettenne Nicolas Vaporidis ha detto del suo personaggio: "Iago è un ragazzo che non subisce la vita, fa la cosa sbagliata per la giusta ragione. Vive un amore travolgente e passionale. E' un grande talento capace di scatenare una guerra senza confini. Cerca di appropriarsi di ciò che è stato defraudato utilizzando, seppure in modo scorretto e con la consapevolezza che ne soffrirà anche lui, l'unica arma di cui dispone: la sua intelligenza. Iago ha voglia di rivalsa e fame di vita, non accetta di perdere quello per cui ha sempre lottato". Cosa gli è piaciuto di questo personaggio? "Il carattere combattivo", ha risposto. "Iago combatte contro i prepotenti, ha fame di vita e voglia di rivalsa. Questo atteggiamento di sfida che ha per difendere i propri sogni e ideali, in qualche modo, mi ha aiutato a scoprire una parte di me forse un po' nascosta".

Sei d'accordo con Désirée Colapietro Petrini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Ogni regista che mette in scena a teatro o al cinema (una ventina di film, muti compresi) Otello di Shakespeare deve porsi il problema di Iago: chi è questo personaggio misteriosamente malvagio? Che cosa lo spinge? Nel virare il dramma in commedia (o quasi) e nell'ambientare l'azione in una Venezia del 2000, De Biasi e i suoi sceneggiatori F. Di Basilio e T. Martini hanno avuto un'idea brillante: riscoprire la lotta di classe. Iago è un laureando in architettura a Venezia, figlio di un muratore, idealista e sognatore, ricco solo di talento e ambizione. Quando il ricco meticcio Otello, figlio di un architetto afroamericano di fama mondiale e amico del rettore della Facoltà, lo defrauda dei suoi meriti e gli porta via Desdemona, figlia del rettore, di cui è segretamente innamorato, Iago diventa (quasi) quello di Shakespeare e tesse una rete di inganni e menzogne per recuperare quello che gli spetta di diritto e per amore. In questa commedia sull'ingiustizia, che contrappone un povero ma bello a due belli e ricchi, di Shakespeare non rimane quasi nulla. Esclusi gli abiti per la Chiatti della costumista M. Celeste, del film non ci garba niente, non per l'infedeltà al grande Will, ma per la sua volgarità inopinatamente vivace a tutti i livelli, non priva di arroganza, compiaciuta, come è d'obbligo nell'Italia del primo 2000. Distribuito a pioggia da Medusa-Sky.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IAGO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+

-
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,25
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 agosto 2013
Fabal

Lo Iago di De Biasi sarebbe un discreto spin off se l'Otello originale fosse una soap opera nata e concepita per la tv. Sia chiaro, con Shakespeare è stato fatto quasi di peggio e partendo da ben altre ambizioni: basti pensare a quella rivisitazione grigio - metropolitana che è Hamlet 2000, inefficace benché annoverasse gente del calibro di Hawke e Murray. [...] Vai alla recensione »

sabato 28 marzo 2009
Mr Trombetta

Considero questo un film nuovo perchè essendo ragazzo ho trovato in questo film un nuovo stile di commedia giovanilistica. Non il solito Notte prima degli esami o 3 metri sopa il cielo, ma una commedia diversa, divertente e coinvolgente. Mi sono piaciute molto le interpretazioni di Laura Chiatti, Nicolas Vaporidis, Lorenzo Gleijeses e Fabio Ghidoni, molto deludente invece quella di Aurelien Gaya facendo [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 febbraio 2012
Therao

Tutti i commenti che ho letto salvano l'idea di base. Tralasciamo tutti i difetti del film e spendiamo due parole a riguardo. Io sarò forse troppo affezionato all'"Otello" verdiano (in cui il personaggio che dà il nome a questo film incarnava un male primordiale, fine a sé stesso), ma questa rilettura in cui Iago complotta per raddrizzare i torti di un mondo senza meritocrazia mi convince poco.

sabato 13 novembre 2010
oporcaloca

forse il film più brutto che io abbia mai visto.

mercoledì 10 febbraio 2010
ametista69

venerdì 27 novembre 2009
LUCIDO71

Credevo fosse fatto meglio, dobbiamo accontentarci di questo. Sia il regista, sia il suo manipolo d'attori, sicuramente più propositivi nei film precedenti. Resta comunque un prodotto appena sufficiente, nulla di più. Trama surrealTeatrale riadattata, prevedibile e che non lascia mai il segno; dialoghi quasi obbligati x in-seguire un copione non facile.

venerdì 10 luglio 2009
misspiggy89

Cosa avrei potuto fare con i 4 euro del biglietto? Comprare una vaschetta di gelato, qualche scatoletta di cibo in più per la mia gatta, oppure darli a qualche mendicante in strada. E INVECE NO! Sono andata a vedere "Iago" ed ora non posso che recitare un mea culpa. In mia difesa posso dire che l'idea di base era carina, ma chi se l'aspettava che i dialoghi fossero così imbarazzanti, volgari e banali [...] Vai alla recensione »

sabato 13 febbraio 2010
gitone

Film alla fine discreto. Un passo indietro rispetto a Come tu mi vuoi, ma mi ricordo i commenti sarcastici (anche su questo sito) che hanno accompagnato l'uscita di quel film che invece ora tutti tendono ad elogiare. Certo non siamo di fronte ad un capolavoro ma un'opera che a mio parere non fa che confermare il talento del regista. La trama, pur partendo dal classico dello Scuotilancia è originale, [...] Vai alla recensione »

domenica 8 novembre 2009
Andrea Evangelisti

confermo che i film italiani fanno quasi tutti schifo!!!!! questo ne è un esempio ma è certamente meglio dei natali di de sica!!!!!

martedì 14 luglio 2009
luke84

particolare...

mercoledì 31 marzo 2010
sissy_85

come tu mi vuoi...è veramente bello...ma soprattutto rispecchia la realtà di oggi..io adoro questo film e tutte le volte ke lo vedo voglio nuovamente rivederlo!!!

martedì 27 ottobre 2009
Arkadico

Le uniche cose che non vanno sono la recitazione di Otello e le tre figure un po' troppo sciocche dell'amico omosessuale di Iago, di Cassio(veramente volgare e stupidissimo), e dell'amica seduttrice di Iago. Per il resto la vicenda è un bel thriller, ben congeniato.

Frasi
L'amore l'unica cosa che conta... Desdemona
Una frase di Iago (Nicolas Vaporidis)
dal film Iago
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Marco Giusti
Il Manifesto

Erano anni che non ci si divertiva così tanto di fronte alla scombinatezza, all'ambizione esagerata, al non controllo di attori e battute in un film italiano di genere. L'idea di questo Iago, opera seconda di Volfango De Biasi, l'autore, come dicono i manifesti, di Come tu mi vuoi, interpretato dalle neo star Nicolas Vaporidis e Laura Chiatti, era quella di inserire il vecchio Otello di Shakespeare [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Shakespeare a merendina per la giovane squadra di Come tu mi vuoi. Si prende Otello e lo si modernizza ambientandolo a Venezia e Roma tra computer, universitari, festini fetish, ombretto a gogò, erotismo da prima media, figli di papà e poveracci. Iago (Nicolas Vaporidis) è un iscritto ad Architettura geniale (ma quando parla non sembra) di umili origini (romane per via dell'accento) che ama Desdemona [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Shakespeare tirato in ballo pretestuosamente. Non è un "adattamento moderno", lo spirito dei personaggi è stravolto. Restano i nomi (e lo sfondo veneziano). Brabanzio (Lavia) è un architetto e barone universitario, sua figlia Desdemona (Chiatti) ne trae vantaggio negli studi, e tra i due pretendenti - pretendenti a lei, alla protezione paterna e alla firma di un ambizioso progetto -preferisce l' incompetent [...] Vai alla recensione »

Marco Romani
Il Venerdì di Repubblica

Laura Chiatti è protagonista sia di «lago» dì Volfango De Biasi sia di «Il caso dell'infedele Klara» di Roberto Faenza. Che, partendo da Shakespeare l'uno, e dall'amore ai tempi del web l'altro, arrivano alla medesima conclusione. Bella, bionda e molto sexy. Non si divide tra due uomini, ma tra due film. Laura Chiatti è, infatti, la protagonista sia di Iago sia di Il caso dell'infedele Klara.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Secondo film di Volfango De Biasi, Iago, che esce insieme alla sua sceneggiatura/romanzo (Mondadori). Il perfido personaggio shakespeariano diventa un proletario in facoltà (Nicolas Vaporidis), che prima si piange addosso, poi regola meschinamente i conti con Otello (Aurelien Gaya), che lui odia per principio. Infatti Otello - «abbronzato », bello, bisessuale e figlio di un famoso architetto, del quale [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
martedì 7 aprile 2009
 

L'esordio del festival con la proiezione del film Iago Sarà l'icona della new generation del cinema italiano, Nicolas Vaporidis a tenere a battesimo, mercoledì 15 aprile, al Cinema Citrigno di Cosenza, la terza edizione de "La Primavera del Cinema [...]

NEWS
venerdì 27 febbraio 2009
Lisa Meacci

Quando lo shopping diventa ossessione Con i film celebrati agli Oscar ormai alle spalle, diamo il via a un fine settimana un po' più "leggero" ma comunque denso di uscite che toccano praticamente tutti i generi.

CELEBRITIES
martedì 24 febbraio 2009
Stefano Cocci

Dal sogno di diventare cantante al cinema La musica l'ha lanciata ma è la televisione ad aver segnato la sua carriera. Anche oggi che è una delle più desiderate attrici italiane, Laura Chiatti non disdegna di mantenere in piedi un rapporto con il suo [...]

NEWS
mercoledì 11 febbraio 2009
Chiara Renda

Impegno A cavallo tra febbraio e marzo le uscite cinematografiche si fanno intense per numero e qualità. Si comincia con il vincitore dell'ultimo Festival di Venezia The Wrestler, opera straziante e decadente di Aronofsky nella quale Mickey Rourke si [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati