Romanzo criminale

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Romanzo criminale  
Un film di Michele Placido. Con Stefano Accorsi, Kim Rossi Stuart, Anna Mouglalis, Claudio Santamaria, Pierfrancesco Favino.
continua»
Titolo originale Romanzo Criminale. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 152 min. - Italia, Francia, Gran Bretagna 2005. uscita venerdì 30 settembre 2005. MYMONETRO Romanzo criminale * * * - - valutazione media: 3,25 su 153 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Maria Pia Fusco

La Repubblica

«Chi sono il Libanese, il Freddo, il Dandi, il Nero? Quattro disgraziati che invece dì andare a lavorare preferiscono fare i ladri, sono personaggi tutt’ altro che positivi», sintetizza Kim Rossi Stuart - lui è il Freddo - alla presentazione di Romanzo criminale, uno dei titoli più attesi della stagione, tratto dal best seller di Giancarlo De Cataldo, regia di Michele Placido. Sceneggiato da Rulli, Petraglia e lo stesso De Cataldo, che ha benedetto i tradimenti del romanzo, «necessari nel passaggio dal linguaggio scritto a quello delle immagini», il film, salutato da un applauso insolito alle proiezioni stampa, esce con 300 copie il 30 settembre.
Se sono negativi il Libanese e i suoi compagni della banda della Magliana che negli anni Settanta e Ottanta dominò con ferocia la malavita romana, non è certo positivo l’uomo di legge, il commissario Scialoja che, secondo Steafano Accorsi che lo interpreta «non è uno che da buono diventa cattivo, ma ha già dentro il male, non ha scelto di fare il ladro, ma invidia chi lo fa, desidera soldi e potere. É un borghese piccolo piccolo con ambizioni grandi grandi. Non ha un lato romantico, vuole solo arrivare al massimo della carriera. Ho parlato con persone della polizia e mi hanno raccontato che molti poliziotti hanno fatto carriera con la banda della Magliana».
«Anche durante le riprese parlavamo sempre, con gli attori, con Luca Bigazzi, stiamo attenti a non farne eroi positivi», dice Placido, che ha voluto «rendere l’emozIone del romanzo e insieme la tragedia vissuta dal nostro paese, ho voluto sullo sfondo quell’Italia corrotta, piena di misteri, insanguinata da tante morti innocenti. Per esempio la strage dì Bologna: ho voluto che fosse più esaltata con le immagini della realtà, perché agli occhi di un criminale come il Freddo risultasse più scandalosa della sua già scandalosa vita. Io mi sono commosso e spero che i giovani, vedendola con gli occhi del Freddo, abbiano voglia di approfondire quella realtà, che non tutti conoscono. Alcuni degli attori sono stati colpiti dalla voce del brigatista che fornisce indicazioni per il ritrovamento di Moro assassinato, non sapevano certi dettagli essenziali del caso».
La forza del romanzo e del film è, dice Petraglia, «la presenza della politica. Romanzo popolare non è solo una storia di gangster, è anche la storia di come venivano manovrati dal potere o dai sottopoteri più o meno occulti. E una caratteristica tutta italiana, abbiamo romanzato una realtà tipica del nostro paese, qui non puoi fare storie di gangsterismo pure come Quei bravi ragazzi». Anzi, secondo De Cataldo, «cambiando il finale con il cecchino che spara, il film è più coraggioso del mio libro, ha tenuto conto delle vicende giudiziarie degli ultimi anni, dei tanti misteri irrisolti».
Ma proprio l’elemento politico suscita nell’incontro stampa un paio di reazioni polemiche: da sinistra e da destra. Da sinistra per via di un personaggio di cupo spione, il tramite tra la banda e un grande vecchio - una bella interpretazione di Gianmarco Tognazzi che ha tra i suoi trascorsi il movimento studentesco e il traffico d’armi in Sudafrica, addirittura con il sospetto che la battuta sia stata imposta dal produttore Riccardo Tozzi che nega indignato ogni interferenza. Da destra perché il film “mostra come eroi i banditi e come cattivi i rappresentanti dello stato”. La risposta di Placido è secca e infastidita, ribadisce la valenza politica del film, anzi «ci sono molti scheletri che chiedono di uscire dargli armadi della storia italiana. E sarebbe bello se si aprisse di nuovo il filone del cinema civile, quello della scuola di Rosi, Petri, Damiani, Bellocchio, (a scuola con cui mi sono formato». Gli interpreti del film sono tutti dalla sua parte, da Pier Francesco Favino (il Libanese) a Claudio Santamaria (il Dandi) - e secondo loro l’unico elemento che restituisce un minimo di umanità ai personaggi è l’amicizia che li lega, da Rossi Stuart ad Accorsi a Riccardo Scamarcio, interprete del Nero, che, dice l’attore, «è uno assolutamente negativo, rappresenta tutti quelli che partono da un‘ideologia politica e degenerano nella follia omicida». I componenti del cast, in cui gli elementi femminili sono Anna Mouglalis (Patrizia) e Jasmine Trinca (Roberta, la ragazza del Freddo), «hanno scelto loro il personaggio da interpretare, arricchendolo spesso di dettagli estetici o di linguaggio», dice Placido. Il quale, a proposito di cinema civile, è deciso ad andare avanti: «Voglio raccontare Craxi, da tempo chiedo a Rulli e Petraglia di scrivere qualcosa, non sull’uomo, ma su Tangentopoli e la realtà che c’era intorno. Ma bisogna trovare la chiave giusta, come questa dì Romanzo criminale, in cui il punto di vista sulla realtà è quello della banda, e dunque senza pregiudizi e senza giudizi».
Da La Repubblica, 27 settembre 2005


di Maria Pia Fusco, 27 settembre 2005

Sei d'accordo con la recensione di Maria Pia Fusco?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
75%
No
25%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Richiedi la data del prossimo passaggio in tv del film Romanzo criminale.
(Riceverai le informazioni pochi giorni prima del passaggio in tv. Il servizio è gratuito)

inserisci qui la tua email
Romanzo criminale | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (14)
David di Donatello (30)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità