Wonderland

Film 2003 | Biografico 100 min.

Regia di James Cox. Un film con Val Kilmer, Lisa Kudrow, Kate Bosworth, Dylan McDermott, Christina Applegate, Janeane Garofalo. Cast completo Genere Biografico - USA, Canada, 2003, durata 100 minuti. - MYmonetro 3,00 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Wonderland tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia di John Holmes, indimenticato re del porno, morto di Aids nel 1988. Al Box Office Usa Wonderland ha incassato 1,1 milioni di dollari .

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un ottimo film dallo sguardo lucido ma appassionato su un periodo controverso, la fine dei '70 a Hollywood.
Recensione di Davide Morena
Recensione di Davide Morena

Nel luglio del 1981 John Holmes, il "Re del porno", rimase coinvolto in una torbida faccenda di spaccio di droga e smercio di pistole antiche, con rapina e regolamento di conti annessi che ebbero come epilogo un quadruplice, efferato omicidio in un appartamento in Wonderland, una delle tante strade dell'eccesso a Hollywood. Non si è mai giunti ad una definitiva ricostruzione dei fatti e del ruolo che il porno divo ebbe nella vicenda.
Wonderland ci regala una tra le migliori interpretazioni di Val Kilmer, coraggiosamente alle prese con un personaggio tanto difficile, che la produzione evita con merito di innalzare a facile mito. Il film ha uno sguardo lucido ma appassionato su un periodo controverso, la fine dei '70 a Hollywood, drogato e decadente, che inscena con lo stile proprio dei polizieschi del tempo. Colori densi, registro narrativo e montaggio da inchiesta giornalistica (riuscitissimi entrambi), e classici minori del rock a tutto volume, fanno di Wonderland un film ottimo, che a tratti rischia di diventare eccelso.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Andrea Chirichelli
lunedì 23 febbraio 2004

L'approccio iniziale a Wonderland può essere fuorviato dal fatto che la distribuzione e la produzione hanno, giustamente dal loro punto di vista, cavalcato l'onda del personaggio di John Holmes (una vita per il cinema...), re del porno anni 70, promuovendolo come protagonista assoluto del film. In realtà, più che a Boogie Nights, lo splendido affresco di Anderson sulla produzione pornografica di quel periodo, Wonderland richiama pesantemente le atmosfere livide e fumose di Traffic, utilizzando l'oramai collaudato schema narrativo fatto di flashback e varie verità che da Rashomon a 21 grammi affascina ogni regista a prescindere dalla tipologia di pellicola realizzata, e Kilmer/Holmes non è che una pedina, seppur importante dello scacchiere disposto da un Cox in stato in grazia. Di fatto Wonderland è un thriller noir di ottima fattura contestualizzato in un'america stanza,drogata e sfatta, pronta ad accogliere a braccia aperte la follia degli evanescenti anni 80,una volta lasciatasi alle spalle ideali, ideologie e speranze dei turbolenti 70. Dal punto di vista formale, il film è denso, pastoso, stilisticamente ineccepibile e molte chicche, come gli spostamenti in macchina dei protagonisti, che vengono sovraimpressi alle prime pagine dei giornali dell'epoca che parlano di una "misteriosa malattia che comincia a diffondersi tra gli omosessuali", rischiano purtroppo di essere appena percepiti dal pubblico. Quanto agli attori, Wonderland mette assieme uno dei migliori cast degli ultimi anni ed in particolare colpisce la totale aderenza di alcuni nomi ai personaggi interpretati. Ringraziamo Cox per aver ripescato dalla naftalina Eric Bogosian e lo malediciamo per aver definitivamente distrutto il mito erotico di Guerre Stellari: la principessa Leila (alias Carrie Fisher), che avevamo adorato nel suo sensuale bikini corazzato de Il Ritorno dello Jedi, è oggi un'attrice matura,certo, ma devastata dal tempo e dalle vicissitudini che l'hanno segnata negli ultimi anni. Il suo cameo all'inizio di Wonderland è una dichiarazione programmatica di quel che lo spettatore subirà nei successivi cento minuti:droga, alcool, fumo, disperazione e violenza (eh, già...niente sesso,paradossale vero?), una vera discesa agli inferi senza possibilità di salvezza per nessuno (o quasi) dei protagonisti.
Due parole in più vanno giustamente spese per quello che si può definire con certezza l'attore più discontinuo di Hollywood: Val Kilmer. Già straordinario Jim Morrison, l'ex Iceman di Top Gun, compie una ulteriore metamorfosi per diventare in tutto e per tutto John Holmes (anche se il suo attributo più famoso...non viene mostrato):la sua performance è sublime e mette in crisi lo spettatore sempre indeciso tra il volerlo prendere a schiaffi o porlo sotto una campana di vetro protettiva. La fragilità di Holmes è anche lo specchio della decadenza di quegli anni e sulla totale assenza di prospettive da parte di un mito caduto nel fango. Impreziosito da una eccellente colonna sonora che ripropone tutte le sonorità tipiche del tempo, Wonderland merita più di una visione ed una lunga passeggiata post visione all'aria aperta, giusto per togliersi di dosso i miasmi di alcool, canne e sigari, che trapassano letteralmente lo schermo a si appiccicano addosso agli spettatori...

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il 1° luglio 1981 al n. 8763 di Wonderland Avenue di Los Angeles fu commessa una strage - quattro criminali tossici uccisi a sprangate più una donna gravemente ferita - che suscitò negli States un enorme clamore mediatico. Nel pluriomicidio fu coinvolto John Holmes (John Curtis Estes, 1944-1988), la più rinomata pornostar maschile del mondo, detto Mr 35 dalla lunghezza in cm del suo pene (12,58 pollici). Il suo ruolo - informatore o partecipante? - non fu mai chiarito, nemmeno dopo un lungo iter giudiziario dal quale, comunque, sia il mandante Eddie Nash, boss del traffico di droga, sia gli esecutori uscirono indenni per insufficienza di prove. Diretto dal giovane Cox, che l'ha scritto con 3 sceneggiatori, il film ha una struttura frammentata affidata alle versioni dei fatti diverse e contrapposte di due indiziati, ritmato da un montaggio frenetico con un'eccitata recitazione sopra le righe degli interpreti. Nei rari momenti di distensione affiorano uno sguardo e una capacità di scelta dell'inquadratura che rivelano in Cox un regista non comune. I suoi limiti sono quelli del cinema cronachistico, ma dipendono anche dalla natura dei numerosi personaggi tossicodipendenti.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

WONDERLAND disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 7 febbraio 2015
Noia1

Uno dei momenti più cupi della storia di John Holmes, una delle più grandi star del porno americano. Bellissimo film col solito camaleontico Val Kimer che, malgrado sappia mascherarsi perfettamente, non perde mai la propria vena personale. Come premessa la prima parte è tutta una gigantesca presentazione, ancora il vivo dell’azione è distante ma te ne accorgi quando ci arrivi perché già fin dall’inizio [...] Vai alla recensione »

martedì 30 marzo 2010
kappa

Questo film è ottimo geniale e crudo allo stesso tempo.Una storia mozzafiato che secondo dopo secondo t avvolge  lasciando a bocca aperta.Uno straordinario val kilmer interpreta un jhon holmes sul viale del tramonto facendo rivivere una vicenda sanguinosa e tragica della fine degli anni settanta.Geniale il personaggio di eddy nash (non presente nel cast)virtuale antagonista che si rende [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mauro Gervasini
Film TV

Pare che il poliziotto di pattuglia che per primo entrò in quella maledetta casa di Wonderland Avenue, Los Angeles, abbia rimesso anche l’anima di fronte allo spettacolo. Quattro morti ammazzati, un lavoro sporco. L’assassino - più probabile “gli” assassini - voleva far male, lasciare il segno, mandare inequivocabili messaggi a chissà chi. Oppure solo vendicarsi.

Franca Ferri
Quotidiano.net

«Per sei mesi ho continuato a rifiutare di interpretare questo personaggio realmente esistito». Eppure, alla fine Val Kilmer ha accettato di essere il protagonista del film Wonderland diretto da James Cox e in uscita nelle sale dal 20 febbraio, che racconta la storia vera dell'ultima tragica 'follià di John Holmes, uno dei più controversi e 'maledettì protagonisti del porno system holliwoodiano anni [...] Vai alla recensione »

Fulvia Caprara
La Stampa

Nell’estate del 1981, quando la polizia di Los Angeles avvia le indagini sui quattro, brutali, omicidi avvenuti in Wonderland Avenue, nel pieno di un festino a base di cocaina, la carriera del divo del pomo John Holmes è già entrata nella fase discendente. Trentasette anni, schiavo della droga, il fisico provato dagli eccessi di una vita senza freni, Holmes, sposato con Sharon, l’ex-infermiera conosciuta [...] Vai alla recensione »

Marco Giovannini
Ciak

Si può raccontare della più famosa pornostar di tutti i tempi, senza parlare quasi mai delle sue doti di «trenta centimetri di dimensione artistica» celebrati da Elio e le Storie Tese)? Effettivamente, salvo che in una scena (in un party il cattivo lo costringe a tirare fuori il suo ben di Dio come un animale allo zoo per mostrarlo a due bionde), per tutto il resto del film John Holmes avrebbe potuto [...] Vai alla recensione »

Pier Maria Bocchi
Film TV

Un film come Wonderland non è che sia inguardabile, ma inutile, superficiale, banale. E, alla fin fine, poco interessante. Il che davvero un guaio, se si pensa alla vicenda raccontata, sulla carta succosissima, Agli inizi degli anni ‘80, la pornostar John Holmes, già sul viale del tramonto, è coinvolta negli omicidi della losangelina Wonderland Avenue, un massacro riguardante una storiaccia di droga, [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Se non provvedessero la didascalia iniziale e qualche battuta di dialogo a ricordarcelo, sarebbe impossibile capire che John Holmes era "il re del porno": con quella faccia un po' così, Val Kilmer fa la parte di un tossico disoccupato coinvolto in un autentico caso di cronaca criminale: il massacro di quattro persone in un appartamento di Los Angeles, nell'estate del 1981.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati