In the Mood for Love

Film 2000 | Drammatico, 90 min.

Regia di Wong Kar-wai. Un film Da vedere 2000 con Tony Chiu-Wai Leung, Maggie Cheung, Rebecca Pan, Lai Chen, Li Gong, Tung Cho 'Joe' Cheung. Genere Drammatico, - Cina, 2000, durata 90 minuti. Uscita cinema mercoledì 28 aprile 2021 distribuito da Tucker Film. Oggi tra i film al cinema in 36 sale cinematografiche - MYmonetro 4,41 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi In the Mood for Love tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Hong Kong, 1962. Chow è il redattore capo di un quotidiano che trasloca con la moglie in un appartamento in cui coabitano nuclei familiari provenienti. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, In the Mood for Love è 4° in classifica al Box Office. domenica 9 maggio ha incassato € 6.926,00 e registrato 1.032 presenze.

Consigliato assolutamente sì!
4,41/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 4,85
PUBBLICO 4,03
ASSOLUTAMENTE SÌ
Wong Kar-wai racconta l'amore, il suo sviluppo e la sua eterna illusione. Come solo lui è capace di fare.
Recensione di Emanuele Sacchi
Recensione di Emanuele Sacchi

Hong Kong, 1962. I coniugi Chow e i coniugi Chan si trasferiscono lo stesso giorno in due appartamenti contigui. Sono il signor Chow e la signora Chan a rientrare più di frequente a casa ed è così che nel giro di breve tempo scoprono che i rispettivi consorti sono amanti. La volontà di comprendere le ragioni del tradimento subito li porterà a frequentarsi sempre più spesso e a condividere le sensazioni provate.

In the Mood for Love è come una prigione; una romantica, sensuale, impalpabile e atemporale prigione. In cui i gesti si ripetono incessantemente e gli orologi non indicano nulla di significativo sul trascorrere del tempo (a quello ci pensano i dettagli, come il cibo o i vestiti, che aiutano a comprendere il cambio di stagione), ma si limitano al loro ruolo di custodi immoti dello status quo.

Amore e Tempo, ancora una volta, come in Days of Being Wild e come sarà in 2046, film-gemello di In the Mood for Love, così uguale e così differente.

Chow Mo-wan e Su Li-zhen (nome che Wong Kar-wai assegna tanto a Maggie Cheung in Days of Being Wild che a Gong Li in 2046) sono archetipi delle occasioni mancate e dell'amore inespresso, messo in cattività dalle barriere delle convenzioni sociali: loro stessi dal principio non si rendono conto di quel che provano, ossessionati dall'emulazione dei rispettivi fedifraghi consorti (genialmente lasciati da Wong fuoricampo come pretesti, corpi estranei alla narrazione).

Tale è il terrore di vivere un amore in prestito, figlio della vendetta, che il signor Chow e la signora Chan finiscono per non viverne uno intenso e reale, lasciandolo scorrere tra i rivoli dei traslochi e degli anni che passano, mentre nuove mode soppiantano le precedenti e la storia porta De Gaulle in visita in Cambogia. Fatto che di per sé non rappresenta che una mera appendice della ragione reale che conduce Chow alla Cambogia nel '66, unica possibilità di guardare con il sufficiente distacco spaziale e temporale ai segni lasciati da ciò che (non) è stato.

Ma il focus di Wong Kar-wai - non solo in termini quantitativi all'interno della narrazione - è sulla Hong Kong dei primi '60, crocevia per gente di Shanghai in fuga dal comunismo di Mao e per la musica latino-americana che riempie i ristoranti sulle note di Nat King Cole. La ricostruzione è maniacale e amorevole - con la Cheung ideale incarnazione dell'eleganza dei cheongsam di quegli anni - con una cura per il dettaglio che rimanda a Bresson e una capacità di catturare quel che vive tra gli spazi vuoti che richiama Antonioni. Ma raccontando l'amore, il suo sviluppo e la sua eterna illusione come solo Wong Kar-wai sa fare.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Hong Kong 1962. L'impiegata Su Li-zhen e il giornalista Cho Mo-wan, entrambi di Shangai e sposati con coniugi spesso e volentieri assenti per lavoro, s'incontrano nella casa dove abitano porta a porta, stringono un'amicizia amorosa, rafforzata dal comune sospetto di una relazione tra i rispettivi coniugi. Si amano, ma, dice lei, "non dobbiamo essere come loro". Claustrofobica e di raffinata eleganza, sensuale e casta, ricca di particolari e di ripetizioni, ritmata da un brano musicale di Michael Galasso che, con le canzoni in spagnolo di Nat King Cole ("Ojos verdes", "Quizás, quizás") si ripete con leggere variazioni, è una storia segreta d'amore, vissuta all'interno e in silenzio, raccontata in modi sapientemente ellittici, all'insegna del ricordo, di un passato "sfocato e indistinto". Si chiude nel 1966, 4 anni dopo il distacco, quando, nell'unica scena in veri esterni, visitando le rovine del tempio di Angkor Wat in Cambogia, l'uomo sussurra il suo segreto nella fessura di un muro. E lo preserva per sempre. "Wong Kar-wai ha tirato fuori l'anima del mélo , l'ha spremuta, riducendola all'essenza... e l'ha messa in scena con un pudore, un rispetto, una tensione rari" (E. Martini). Più che un'interpretazione, quella di Leung, premiato a Cannes, e della meravigliosa Cheung con gli squisiti cheongsam che indossa, è una presenza. Memorabile.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 24 giugno 2010
Paola Di Giuseppe

Nella Hong Kong cinese degli anni sessanta,austera,nessun segno di opulenza ma molti presagi sotterranei di future tensioni politiche,Chow lavora in un giornale e Li-Zhen in un'agenzia di trasporti. La carenza di alloggi costringe a convivere in pochi metri quadri, e,con consorti al seguito, traslocano nello stesso giorno in due monolocali della esuberante signora Suen,che gioca sempre a Majong, [...] Vai alla recensione »

domenica 22 aprile 2012
Luis23

Si parte da: una donna sposata e un uomo sposato si incontrano durante le rispettive solitudini. I loro coniugi poer motivi di lavoro sono lontani. Sembrano essere ognuno la parte debole della coppia a cui appartengono: i loro rispettivi consorti sono tra loro amanti. Da questa situazione di mortificazione comune si fa largo un sottile, discreto, elegante e poi profondo sentimento.

giovedì 24 febbraio 2011
Carlo's Dè

una perla del cinema un film di rara bellezza ed eleganza una poesia fatasi film un film d'amore come non lo si era mai visto raccontare. Trama veloce ed essenziale: Hong Kong anni 60. Un'uomo (Chow giornalista) e una donna (Su Li-Zhen bella ed elegante segretaria) entrambi sposati da perfetti sconosciuti si ritrovano a vivere nelo stesso palazzo.

giovedì 11 aprile 2013
"Joss"

Una delle cose che si apprezzano di più in questo capolavoro di Wong Kar-wai è proprio l'incedere elegante e sinuoso di Maggie Cheung mentre rincasa dal lavoro, quando esce per comprare la cena, quando sale e scende le scale. Questa opera è strutturata sulla dilatazione temporale, sul "fermarsi un attimo, respirare e riflettere", con le inquadrature ricercate, bellissime e la musica, dolce e malinconica, [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 dicembre 2011
Omero Sala

Hong Kong, 1962. Un uomo e una donna (il signor Chow e la signora Su Lizhen), vicini di casa, scoprono casualmente che i rispettivi coniugi sono amanti. La voglia di sapere e capire li avvicina: si studiano a vicenda con prudente circospezione, forse per indagare le proprie inadeguatezze, forse per quel senso di solidarietà che unisce gli esclusi, forse per capire i meccanismi della insoddisfazione [...] Vai alla recensione »

sabato 26 febbraio 2011
Viola Klimt

       “Fu un momento imbarazzante, lei se ne stava timida a testa bassa per dargli l'occasione di avvicinarsi, ma lui non poteva non ne aveva il coraggio, allora lei si voltò e andò via.” Ci sono pellicole che ti pervadono l’anima sin dalla prima scena e sai che ogni giudizio obiettivo sarebbe comunque sterile.

domenica 3 maggio 2015
tomdoniphon

In un piccolo e affollato palazzo popolare di Hong Kong degli anni ’60, due vicini di casa scoprono che i loro coniugi sono amanti. Pur sapendo di essere fatti l’uno per l’altra, decidono di non iniziare a loro volta una relazione. La trama è quella di un classico melodramma. Ma il film risulta unico, ineguagliabile: il regista Wong Kar-wai limita al massimo i dialoghi e si [...] Vai alla recensione »

martedì 9 novembre 2010
Luca Scialo

In un palazzo popolare di una Hong Kong d'inizio anni '60, i coniugi Chow e i coniugi Chan prendono casa in due appartamenti contigui. Trovandosi sempre soli in casa e per lo spazio limitato in cui vivono, il signor Chow e la signora Chan finiscono inevitabilmente per incrociarsi e conoscersi. Chiacchierando si accorgono di alcune coincidenze che riguardano i loro rispettivi coniugi, scoprendo [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 ottobre 2010
Framenne

La musica e' il filo conduttore di tutto il film,che si muove tra due persone che vivono una passione platonica nata in modo sottile. Forse non si puo' nemmeno parlare di passione vera, in quanto i due protagonisti sono legati dalla consapevolezza di essere le persone tradite da entrambi i loro coniugi. Gli elementi eslilaranti sono la musica e gli spazi chiusi,claustrofobici, che rappresentano [...] Vai alla recensione »

sabato 17 maggio 2014
stefano capasso

Nella Shangai dei primi anni 60 due coppie i Chan e i Chow traslocano allo stesso momento in due appartamenti contigui. Presto tra il signor Chan e la signora Chow, che non sono mai in scena, nasce una storia e i due traditi si ritrovano loro malgrado a frequentarsi, a condividere il dolore dell’affetto perduto. A poco a poso si sviluppa un sentimento anche tra loro, che scelgono a differenza [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 aprile 2014
Valetag

In the mood for love è il racconto dell’amore mai consumato tra il signor Chow e la signora Chan, uniti per caso dal tradimento dei rispettivi coniugi. Insieme si pongono domande e cercano risposte, cadendo sempre più nel pozzo dei sentimenti. E’ un amore che ha paura di essere vissuto, perché: <<Noi non siamo come loro>>.

domenica 15 maggio 2011
alessandra recchia

Hong Kong, 1962. La signora Chan e il signor Chow, entrambi di Shangai, si trasferiscono in due appartamenti contigui. L’atmosfera è quella di Hong Kong dei primi anni Sessanta, crogiolo di gente in fuga dal comunismo di Mao. La signora Chan, di nome Su Li-zhen (Maggie Cheung), è un’elegante impiegata dalla sensualità innata e malinconica, il signor Chow, di nome Cho Mo-wan (Tony Leung), è un affascinante [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 marzo 2021
John Doe

 La trama del film “In the Mood for Love” del regista Wong Kar-wai ruota intorno alla storia d’amore non romantica tra il signor Chow e la signora Chang che vivono in due appartamenti comunicanti nella Hong Kong degli anni ’60.   Dopo che i due hanno scoperto il tradimento dei coniugi, i quali non verranno mai mostrati, iniziano a frequentarsi e tra questi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 settembre 2011
gabriella

Film drammatico ed introspettivo del regista cinese,nato a Shanghai nel 1958,Wong Kar-wai.Nel cast una più che intensa Maggie Cheung ed un altrettanto bravo Tony Leung.Narra di una passione amorosa non realizzata per colpa di rigide convenzioni sociali.La pellicola evidenzia la straordinaria capacità dell'autore di rendere tangibile la la struggente malinconia degli amori impossibiliraccontati in immagini [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2012
kondor17

mi ero preparato ad un capolavoro e mi sono trascinato avanti per tutto il film in attesa che si dessero almeno un bacino! Se lo meritavano, decisamente! Tutto il film è improntato sull'attesa.. sull'attesa del marito, della moglie.. sull'attesa di un improbabile ritorno, sull'attesa del momento, dell'attimo. Ma non parliamo di tradimento, per favore.

sabato 3 aprile 2010
paride86

Un storia d'amore intensa e drammatica, eppure lieve e sofisticata allo stesso tempo. Kar Wai con questo film si conferma come uno dei registi più interessanti della sua generazione, non tanto per i temi, ma per il modo in cui li propone allo spettatore.

venerdì 2 settembre 2016
Howlingfantod

Un incanto che ti lascia dentro il brivido lungo delle cose belle…anche quando sono svanite. Pause, rallenty, dialoghi scarni e assoluti, poetico, lieve e potente, raffinato ed inafferrabile, come un sussurro, come il sentimento più universale e fondativo di tutto quanto, quella cosa di cui tutti parlano ma della quale nessuno sa di cosa si tratta.

sabato 3 agosto 2013
iosonoleggenda691

Un film elegantissimo e esteticamente perfetto. Riesce a rapirti nei suoi colori e nelle sue sensazioni facendoti vivere la drammatica storia di un amore impossibile tra due amanti nella Hong Kong degli anni '60. Un amore fatto di sguardi e silenzi, con una sensualità appena accennata. Una visione da vivere lasciandosi trasportare dalle emozioni per renderla indimenticabile.

mercoledì 11 aprile 2012
Marmotta71

In the mood for Love non è solo un film che racconta una storia d'amore bella, romantica... o triste così come appare al telespettatore secondo la propria idea dell'Amore , è una fotografia di un decennio raccontato con maestria attraverso i particolari, particolari che svelano agli stessi protagonisti il tradimento dei propri coniugi, e persino  [...] Vai alla recensione »

domenica 29 maggio 2011
Gwynplaine

 

giovedì 18 aprile 2019
Emanuele 1968

Molto dolce, ricco di poesia, romantico, un film pulito, tranquillo, belle le musiche, belle le immagini, forse il finale un po cosi cosi, comunque personalmente un buon film, merita di  vederlo

lunedì 10 ottobre 2011
katamovies

poesia eleganza delicatezza equilibrio  lievità anche nel dramma, e colpisce riflettere su come il cinema americano avrebbe risolto lo stesso intreccio. da vedere

martedì 19 gennaio 2010
Anark-kranA

Grande prova questa del regista di Hong Kong: una segretaria ed un giornalista sono vicini di casa e vivono una vita parallela; sempre impegnati con il proprio lavoro con cui tentano di colmate il vuoto affettivo lasciato dai propri coniugi che per motivi professionali trascorrono gran parte della propria vita lontano da casa. Ma anche il loro destino sembra avere molto in comune: essi infatti scoprono [...] Vai alla recensione »

domenica 17 luglio 2011
Rossjudas

FOCUS
FOCUS
sabato 1 maggio 2021
Tommaso Tocci

A un critico capita spesso di sentirsi chiedere qual è il film “più”. Non solo il film più bello, il preferito, o il migliore di un certo decennio. Dopo aver fatto parte dell’ambiente abbastanza a lungo, al critico sarà successo di aver dovuto pensare a scenari sempre più specifici: qual è il film d’amore più intenso, ad esempio. Qual è il film in costume più vivido. E poi il film più sensuale, o quello che meglio rappresenta il cibo sul grande schermo. Se il critico si occupa anche di moda, addirittura qual è il film sartorialmente più riuscito. A tutte queste domande, e a molte altre, chi scrive ha sempre trovato una comoda risposta: In the Mood for Love.

Questo perché il capolavoro di Wong Kar-wai è un film unico, che come pochi altri sembra governare le traiettorie storiche invece di trovare in esse una semplice collocazione. Oggi è di ritorno al cinema in una versione restaurata in 4K, e l’idea che possa essere di nuovo attuale è già una cosa buffa, perché In the Mood for Love è un’opera nata classica. Per le generazioni formate all’arte cinematografica attorno al volgere del secolo rimane una sorta di stella polare: un affresco in costume dal superbo cuore nostalgico, e che al tempo stesso rappresentava anche il futuro tecnologico del nuovo millennio in arrivo, “scegliendosi” l’anno di uscita più pulito e programmatico, il 2000.

Le vicende titubanti e irresistibili di un uomo e una donna vicini di appartamento, entrambi traditi dai rispettivi coniugi, e naturalmente gravitanti l’uno verso l’altra nonostante la ferma intenzione di “non essere come loro”, sono messe in scena da Wong Kar-wai in una Hong Kong anni Sessanta che era terra di gente in fuga, che iniziava a ibridarsi tra oriente e occidente, e che era calda, fumosa e appiccicaticcia. Il regista, la cui famiglia era proprio tra quelle arrivate da Shanghai nel medesimo periodo, ne riconverte gli spazi angusti e la ricerca un po’ paranoica di una dimensione intima nel terreno su cui scatenare lo star power di due divi assoluti come Tony Leung e Maggie Cheung, qui bellissimi e disperati. Tormentati da un senso di illecito, nel cercare di non toccarsi troppo a vicenda finiscono per vivere un’osmosi più che un amore - attraverso le pareti, lungo i corridoi, sulle strette scalinate che portano al ristorante sotto casa.

Proprio queste scene, simboleggiate da noodle e ravioli tanto quanto dagli straordinari cheongsam indossati da Cheung e dalla celebre melodia di Shigeru Umebayashi, spiegano perché In the Mood for Love. sia - anche - un film sul cibo e sulla moda, con il primo che invita all’incontro e sublima il desiderio carnale, e la seconda che inesorabile marca il trascorrere degli anni attraverso gli stili che si succedono (mai il rimpianto è stato così glamour, e neppure il segreto, considerato i ruoli rivelatori che hanno cravatte e borsette nel film). Il modo in cui Wong cristallizza il tempo - un passato e un futuro sempre sospesi - ricalca intimamente la più grande qualità di In the Mood for Love; e cioè quella di saper fare un “freeze frame” sull'idea sfuggente di attrazione, intrappolandola nel suo divenire sotto una teca fumé. L’attrazione non ha tempo, perché siamo spinti a consumarla il prima possibile, e quando rimaniamo a contemplarla è solo per mancanza di prossimità. Il cinema fluido, romantico e vitale di Wong Kar-wai riesce nel miracolo di far convivere attrazione e prossimità senza farle bruciare l’una nell’altra.

Frasi
"Noi non dobbiamo essere come loro".
Signora Chan (Maggie Cheung)
dal film In the Mood for Love - a cura di Dianella
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Una storia d'amore bellissima con Maggie Cheung, attrice incantevole per la snella eleganza, per il corpo sottile ondulante al passo, per la faccia perfetta e triste, per l'esitare delle gambe sui tacchi altissimi, per tutto, una sirena leggendaria. La storia di una donna e di un uomo che si sfiorano appena, intitolata con il mutilato verso d'una canzone americana famosa, In the mood for love, accompagnata [...] Vai alla recensione »

Irene Bignardi
La Repubblica

Tutti o quasi crescono. Anche Wong KarWai con In the mood for love. Cresce, il regista di Hong Kong, perché rinuncia al pur interessante sperimentalismo delle sue opere precedenti. Cresce perché si lascia alle spalle la tempesta erotica di Happy Together e sceglie un tono intimo, pudico, ellittico, come chi conosce veramente i giochi dei sentimenti e può fare a meno di gridare.

Emanuela Martini
Film TV

Se hai un segreto veramente importante, confidalo alla fessura di un albero secolare, che lo conserverà per sempre. Un uomo e una donna a Hong Kong, nel 1963: storia dei brevi incontri ritrosi tra Chow e Li-zhen, vicini di casa che scoprono casualmente che i rispettivi coniugi sono amanti e inscenano, come in una prova, le rispettive rivelazioni. Si incontrano, si chiedono cosa staranno facendo gli [...] Vai alla recensione »

sabato 1 maggio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

A Hong Kong due coppie vivono come ospiti in due appartamenti attigui. Il giornalista Chow e la segretaria Su si incontrano spesso sulla porta e sulle scale, in assenza dei rispettivi consorti, che per diverse ragioni sono altrove. Scoprono così di avere una forte attrazione, ma soprattutto che gli altri due sono amanti da tempo. Decidono quindi di non approfittare della situazione, per non commettere [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Valerio Caprara
Il Mattino

Considerando, peraltro, che nelle tristi condizioni in cui siamo costretti il bisogno di bellezza in tutta l' ampiezza dei suoi significati- è indispensabile, la scelta giusta diventa, invece, quella di premiare il coraggioso tentativo della ripartenza in sala del capodopera «In the Mood for Love» restaurato in 4K e distribuito dalla Tucker Film (a Napoli al cinema Vittoria).

giovedì 29 aprile 2021
Marco Minniti
Asbury Movies

Sono passati ormai ventun anni dalla prima presentazione a Cannes e dalla successiva uscita in sala di In the Mood for Love; eppure, a rivederlo oggi, il film di Wong Kar-wai non ha perso un grammo della sua forza espressiva e della carica evocativa che porta con sé. Di più, quello di Wong sembra un film realizzato da poco, tanto è moderna la sua regia e ancora valide le sue intuizioni.

martedì 27 aprile 2021
Raffaele Meale
Quinlan

Il Tempo esiste, e nel momento stesso in cui viene razionalizzato è già passato, mai presente. È in una fessura del muro di Angkor Wat, una delle meraviglie del mondo (perduto), che Chow Mo-wan sussurra la verità, il segreto della sua storia, il mistero del suo tempo e di come è stato vissuto/attraversato. Angkor Wat, l'imponente tempio nel mezzo della giungla cambogiana che Antonio da Magdalena descrisse [...] Vai alla recensione »

domenica 25 aprile 2021
Alessandro Ronchi
Gli Spietati

Torna in sala, a distanza di oltre vent'anni dalla prima distribuzione, il film che per una generazione fu momento epifanico, rito iniziatico e testo sacro inerente quelle cose che - se non coincidono - spesso si sovrappongono: la formazione intellettuale, artistica, cinematografica e l'educazione sentimentale. Film archetipo, che pare emerso già compiuto, blocco unico, per offrire nel linguaggio universale [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 novembre 2020
Giona A. Nazzaro
Sentieri Selvaggi

Hong Kong, 1962. Chow, redattore di un quotidiano, si trasferisce con sua moglie in un nuovo appartamento. Nello stesso palazzo abita con suo marito Li-chun, segretaria in una società di import-export. Dal momento che i rispettivi coniugi sono spesso fuori di casa, il giornalista e la segretaria trascorrono molto tempo insieme. Ma anche i loro partner.

NEWS
CELEBRITIES
martedì 4 maggio 2021
Giuseppe De Marco

Wong Kar-Wai è il più occidentale dei registi sfornati dalla new wave del cinema orientale a partire dagli anni Ottanta. È un regista sperimentale e un profondo innovatore del linguaggio cinematografico: probabilmente è il regista che sarebbe stato Godard [...]

BOX OFFICE
giovedì 29 aprile 2021
Andrea Chirichelli

Secondo posto in classifica per il film cult del 2000. Attesissima oggi l’uscita in sala del premio Oscar NomadlandScopri la classifica »

TRAILER
venerdì 23 aprile 2021
 

Regia di Wong Kar-wai. Un film con Tony Chiu-Wai Leung, Maggie Cheung, Rebecca Pan, Lai Chen, Li Gong. Da mercoledì 28 aprile al cinema in 4K.  Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 21 aprile 2021
 

Le sale cinematografiche riaprono sotto il segno di Wong Kar Wai. Dal 28 aprile sul grande schermo. Vai all'articolo »

NEWS
martedì 20 aprile 2021
 

Hong Kong, 1962. Chow è il redattore capo di un quotidiano che trasloca con la moglie in un appartamento in cui coabitano nuclei familiari provenienti. Vai all'articolo »

CELEBRITIES
venerdì 13 luglio 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

Shigeru Umebayashi Nato a Kitakyushu, Fukuoka, nel 1951 Shigeru Umebayashi (detto Ume) inizia la sua carriera musicale come leader del leggendario gruppo new wave EX che all'inizio degli anni Ottanta viene scelto per aprire il tour giapponese di Eric [...]

winner
miglior attore
Festival di Cannes
2000
winner
premio della cst (commission supérieur technique)
Festival di Cannes
2000
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati