Advertisement
Storia 'poconormale' del cinema: il West (2)

Una rilettura non convenzionale della storia del cinema.
di Pino Farinotti

Puntata 42
John Wayne (Marion Mitchell Morrison) Altri nomi: (Duke/ JW) 26 maggio 1907, Winterset (Iowa - USA) - 11 Giugno 1979, Los Angeles (California - USA). Interpreta The Ringo kid nel film di John Ford Ombre rosse.

venerdì 11 dicembre 2009 - Focus

Puntata 42
La storia del western richiama nomi come Tom Mix, George O'Brien, William Surrey Hart. Ma siamo nel muto, nella preistoria. Non rimangono segnali, anche se Hart era un cineasta completo, sceneggiatore, regista, e aveva una faccia che il cinema accoglierebbe anche oggi. La nascita del genere, inteso come serio se non nobile, viene indicata dagli addetti con Ombre Rosse (1939). Il film mostrava due crediti, primi motori indiscussi, il regista Ford e l'attore Wayne. Il titolo non è solo un grande western, è un grande film. Eccola la legittimazione.
Solo che Ombre rosse non è il primo. Tre anni prima, nel '36, Cecil B. De Mille aveva firmato La conquista del west, un poema completo sull'ovest. Non c'era John Wayne ma Gary Cooper, dunque i punti sono più o meno gli stessi. Nel film De Mille accorpava Lincoln -l'episodio del suo assassinio - William Cody -meglio noto come Bufalo Bill- Calamity Jane e Bill Hickock. Le loro storie si intrecciano sullo sfondo della celebre disfatta di Custer –sì, c'è anche lui- al Little Bighorne. E visto il contesto ecco che non mancano Toro seduto e Cavallo pazzo. Il termine epopea non è mai stato tanto legittimo. Incrociare quei personaggi della mitologia dell'ovest non era storicamente semplice, ma il west, come ho detto precedentemente, non era il western e così quel film si accredita come verità cinematografica, dunque come non-verità, ma ha scarsissima importanza.

Confronto
Un inciso: John Wayne per la sua Battaglia di Alamo costruì la famosa missione a una ventina di miglia da San Antonio dove c'è quella vera. Ebbene le agenzie che organizzano quel viaggio hanno più clienti che visitano quella di Wayne. Altre due verità a confronto.

Coppia di assi
La conquista del west, film magnifico con un'estetica magnifica. È De Mille. Ma ciò che rimane nella memoria popolare è Cooper-Hickcock che viene assassinato da un "piccolo cialtrone" con un colpo alle spalle. Hickcok stava giocando a poker. Ancora oggi a Deadwood puoi visitare quel saloon dove avvenne il fatto. Sul tavolo sono rimaste le carte che Bill aveva in mano prima di essere ucciso, una coppia di otto e una di assi. La combinazione viene chiamata, appunto, la mano del morto. Sempre di west/western trattasi. Leggenda Hickock, leggenda Cooper. È il cinema.

Ho citato Wayne e Cooper, due fra i massimi modelli del genere. Un'altra combinazione, magnificamente confusa fra cinema e realtà è il monte Rushmore a Rapid City, North Dakota. Sempre in chiave di cinema: chi lo conoscerebbe se non fosse per Intrigo internazionale di Hitchcock? Il monte rappresenta a grandi effigi quattro presidenti, fondamentali, degli Stati Uniti: Washington, Jefferson, Lincoln e Theodore Roosevelt. Un monte Rushmore del western sarebbe un'idea e un'estetica perfette. Ma a chi apparterrebbero le quattro effigi? Due nomi sono già stati fatti, il terzo non può che essere James Stewart. E il quarto? La discrezionalità presenta una forbice molto larga: Lancaster, Douglas, Flynn, Taylor, Ladd? E siccome la discrezionalità è la mia, a quarta effigie pongo Randolph Scott. Non ha firmato i classici degli altri, i suoi film erano scritti da sceneggiatori inadeguati, ma il volto di Scott, con un'unica espressione per un centinaio di western, era come una pietra americana. Randolph ha fatto (quasi) solo western, è stato il più fedele e assiduo, si è guadagnato sul campo il riconoscimento. E tutte e quattro le icone possedevano i codici indispensabili per il west, per gli spazi della terra e del cielo: alti quasi due metri, capelli biondi e, soprattutto occhi azzurri. Il cielo, appunto.

Sono onesto
I Comanceros (Curtiz 1961) è il film dove Wayne è più Wayne. E' lì che pronuncia quella frase già citata "io ho quella che tu forse consideri una debolezza, sono onesto". Nel film Wayne fa lo sceriffo. Sta portando un prigioniero dalla Louisiana nel Texas, durante un attacco degli indiani il prigioniero gli salva la vita. Wayne è imbarazzato. L'altro gli dice "perché non mi lasci andare?". Lo sceriffo risponde "ci ho ragionato, mi sono detto ... e dagli la via, ma poi ho pensato che ho fatto un giuramento." Il prigioniero gli dice "e tu li mantieni sempre". Wayne, col sorriso, a sdrammatizzare, dice "gli uomini sono le parole che dicono e che rispettano". John fu il preferito di due dei massimi maestri del genere, Howard Hawks e John Ford. Era l'uomo di legge, ma non rigido, monocorde, aveva umanità e umorismo. Cercava anche di essere flessibile, ma alla fine non riusciva proprio a non fare ciò che doveva fare. E c'era anche una bella dolcezza nascosta in lui. Ancora nei Comanceros un'amica di famiglia gli ricorda la moglie morta. Gli domanda "da quanto è mancata?" "Da 2 anni, 2 mesi, e 18 giorni", risponde il ruvido uomo di legge. In Torna el Grinta Wayne, sempre uomo di legge, e macho per eccellenza, si accompagna con l' aggressiva Katharine Hepburn. Litigano per tutto il tempo, ma alla fine la femminista ante litteram lo abbraccia e gli dice "voi sì, siete un uomo, è stato un privilegio stare al vostro fianco".

Ultimo duello
Il Pistolero è l'ultimo film di John Wayne. Riproduco la scheda del Farinotti: "... decisamente un film ispirato, e importante... è una rivisitazione dei vecchi miti del west. Il medico che visita Wayne è James Stewart. Il film si basa su un gioco di finzione e realtà molto amato dal cinema americano: Wayne, che sarebbe morto di cancro, sta morendo di cancro anche nel film. Il suo andare all'ultimo duello in tram è la triste e geniale traduzione del suo tramonto. E di quello del western.

Gallery


James Stewart (James Maitland Stewart) 20 maggio 1908, Indiana (Pennsylvania - USA) - 2 Luglio 1997, Los Angeles (California - USA). Interpreta Linus Rawlings nel film di John Ford, George Marshall, Henry Hathaway La conquista del West [2].
Coppia di assi
John Wayne (Marion Mitchell Morrison) Altri nomi: (Duke/ JW) 26 maggio 1907, Winterset (Iowa - USA) - 11 Giugno 1979, Los Angeles (California - USA). Interpreta John Bernard Books nel film di Don Siegel Il pistolero.
Sono onesto
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati