Poveri ma ricchi

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Poveri ma ricchi   Dvd Poveri ma ricchi   Blu-Ray Poveri ma ricchi  
Un film di Fausto Brizzi. Con Christian De Sica, Enrico Brignano, Lucia Ocone, Lodovica Comello, Anna Mazzamauro.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+13, durata 90 min. - Italia 2016. - Warner Bros Italia uscita giovedì 15 dicembre 2016. MYMONETRO Poveri ma ricchi * * 1/2 - - valutazione media: 2,66 su 20 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,66/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * - - -
 pubblico * * 1/2 - -
La famiglia Tucci è veramente povera ma un giorno vince 100mila euro. La vincita non rimane segreta a lungo e si trovano costretti a scappare.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film in cui si ride tanto, a pioggia, ritrovando l'umorismo "etnico" della commedia all'italiana e trapiantandolo nella contemporaneità
Paola Casella     * * * - -

La famiglia Tucci vive a Torresecca, paesino vicino a Zagarolo, e non ha mai conosciuto il benessere. Danilo, il padre, intreccia mozzarelle e sogna la Formula Uno; Loredana, la madre, è casalinga con l'ossessione della pulizia (perché "i germi s'ingrifano al tramonto") e un talento speciale per i supplì; la figlia Tamara fa la cassiera al super e precede ogni sua opinione con "hashtag"; Marcello, lo zio, è un disoccupato cronico col diploma di perito agrario; Nicoletta, la nonna, passa le giornate davanti alla tv e ha una cotta per Gabriel Garko. Parrebbe la famiglia del Professore Matto se non ci fosse il piccolo Kevi (senza "n"), saggio ben oltre i suoi anni e incomprensibilmente acculturato, a salvare la reputazione del gruppo. Ma i Tucci si vogliono bene e nonostante i piccoli screzi quotidiani sono una famiglia unita, perciò quando vincono 100 milioni di euro alla lotteria la loro vita viene rivoluzionata. Rimanere a Torresecca è impossibile e si trasferiscono in blocco a Milano, prendendo alloggio in un hotel 5 stelle in zona piazza Gae Aulenti. È in quell'albergo che Marcello incontrerà Valentina, la donna che gli cambierà ulteriormente la vita.
Basato su una commedia francese di grande successo, Les Tuche, Poveri ma ricchi è la decima regia di Fausto Brizzi e l'ennesima collaborazione alla sceneggiatura con Mario Martani. Questa volta però, complice la solida ossatura narrativa fornita dal copione francese, Brizzi e Martani hanno mano libera per fare ciò che riesce loro meglio: la sequela di battute che italianizzano la trama e rendono spassose le interazioni fra i Tucci.
Al fondo c'è la spocchia contro i provinciali della cintura romana, ma è una spocchia ben indirizzata a scopo comico e molto meno greve di quella, per citare un esempio recente, riservata ai villici del viterbese di Ogni maledetto Natale, ed è controbilanciata da una grande tenerezza nei confronti di questi scombinati animati da buone intenzioni e da un affetto palpabile (usiamo il termine non a caso). Quel che più conta, si ride tanto, a pioggia, ritrovando l'umorismo "etnico" della commedia all'italiana e trapiantandolo in una contemporaneità di cui si raccontano i limiti più che le lusinghe. Forse perché siamo tutti un po' diventati come i Tucci, cioè privi di benessere ma desiderosi della nostra fetta di felicità, possiamo riconoscerci in loro e allo stesso tempo sorridere della loro naiveté.
Più di tutto funziona la squadra di attori comici italiani finalmente serviti da una trama degna di questo nome e da dialoghi veramente spiritosi e non del tutto scollati dalla realtà: dai cognati Christian De Sica ed Enrico Brignano all'ottima Lucia Ocone e la divina Anna Mazzamauro, dal mitico Bebo Storti allo spassoso Giobbe Covatta al commovente Ubaldo Pantani, maggiordomo che rimanda all'adorabile Coleman di Una poltrona per due.
Anche Poveri ma ricchi rischia di diventare un cult natalizio, ma all'italiana e in quota cinepanettone: un panettone ben lievitato e zeppo di canditi (o uvette, se i canditi non piacciono) che lascia un buon sapore in bocca.

Stampa in PDF

* * * * -

Recensione: poveri ma ricchi

mercoledì 21 dicembre 2016 di cinemarptvstaff.eu

Poveri ma ricchi è la versione italiana diretta da Fausto Brizzi del film francese del 2011 Les Tuche. I Tucci, appunto, una famiglia modesta di un paesino del Lazio, vincono la lotteria. Ecco che, diventati miliardari, decidono di andare a Milano per godere della movida e dei lussi che questa condizione di benessere economico porta con sé. Ma sebbene abbellita da vestiti eleganti, la famiglia Tucci rimane sempre la stessa dal comportamento spontaneo e talvolta eccessivo, che continua »

* * * - -

Un remake con la morale

martedì 20 dicembre 2016 di Roby 82

Poveri ma ricchi, un remake Francese dal titolo " Les Tuche" da cui trae ispirazione anche il parrucchino fastidioso di De Sica. La storia comunque regge, non annoia, e fa anche ridere. Permettetemi di dire che Anna Mazzamauro è da Oscar, e nel finale vederla rendere omaggio alla Signorina Silvani è da commozione. Il resto del cast è bene assortito, e devo dire che Brignano e De Sica lavorano molto bene, molto più che con Ghini. Lucia Ocone non è una sorpresa, infondo porta sul grande schermo il continua »

* * - - -

Commedia divertente e stereotipata!

lunedì 6 febbraio 2017 di toty bottalla

Una famiglia povera e simpatica vince improvvisamente 100 milioni di euro, inizia così una storia fatta di gag, battute e situazioni semicomiche un pò stereotipate. Il film di Brizzi è una divertente commedia senza pretese d'ovazioni o commenti forbiti, uno spettacolo che a tratti richiama contaminazioni teatrali nel quale gli interpreti spalmano il loro repertorio senza tregua, buoni ritmi dunque sostenuti dall'equivoco e dal contrasto sociale che scatenano la risata continua »

* * * - -

Tucci per uno...

venerdì 30 dicembre 2016 di PINTAZ

... Uno per Tucci! I Tucci, maniaci dei supplì, sono una famiglia molto povera di un paese laziale. Padre con formula Uno in testa, madre in cerca di Albano e della redenzione di Padre Pio, una figlia con l'interesse solo dei selfie e hashtag e un figlio genio, astuto e ironico vivono insieme allo scansafatiche del cognato, impegnato in assurde alchimie botaniche, e alla nonna, la quale si dedica interamente alle serie TV e in particolare a Gabriel Garko. Un giorno qualunque vincono cento milioni continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Poveri ma ricchi adesso. »
Shop

DVD | Poveri ma ricchi

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 12 aprile 2017

Cover Dvd Poveri ma ricchi A partire da mercoledì 12 aprile 2017 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Poveri ma ricchi di Fausto Brizzi con Christian De Sica, Enrico Brignano, Lucia Ocone, Lodovica Comello. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Poveri ma ricchi (DVD) (DVD) è prenotabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Poveri ma ricchi

SOUNDTRACK | Poveri ma ricchi

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 9 dicembre 2016

Cover CD Poveri ma ricchi A partire da venerdì 9 dicembre 2016 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Poveri ma ricchi del regista. Fausto Brizzi Distribuita da Bmg. Su internet il cd Poveri Ma Ricchi è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

Prezzo: 16,50 €
Prezzo di listino: 19,30 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Poveri ma ricchi

VIDEO | Comici affiatati e dialoghi spiritosi in un film che rischia di diventare un cult natalizio. Dal 15 dicembre al cinema.

Vi presento la (assurda) famiglia Tucci

mercoledì 14 dicembre 2016 - a cura della redazione

Poveri ma ricchi, vi presento la (assurda) famiglia Tucci I Tucci sono una famiglia povera di un piccolo paese del Lazio. Padre, madre, una figlia vanitosa e un figlio genio, costretto a fingersi idiota per stare al passo con la famiglia. Con loro vivono anche il cognato, botanico ma nullafacente, e la nonna, patita di serie TV. Un giorno accade qualcosa di completamente inaspettato: i Tucci vincono cento milioni di euro. Sull'onda dell'emozione decidono di mantenere segreta la vincita, ma, come spesso succede in questi casi, una parola di troppo scappa dalla bocca del capofamiglia e ai Tucci rimane soltanto una soluzione, prima di essere perseguitati da sedicenti amici e conoscenti: scappare.

Il cinepanettone De Sica - Brignano

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

Difficile immaginare, oggi, che qualcuno vinca 100 milioni di euro e sia così euforico e impreparato da diventare vittima di se stesso. La famiglia Tucci, povera, litigiosa e onesta, dalla periferia romana approda a Milano come Totò e Peppino 60 anni fa. Una cosa, anzi due, sul "via libera" per questa farsa regionalistica, altrimenti invedibile: la "maschera" di De Sica, barba e riccioletti rossi di uno "sporco e buono" d'oggi in un borgataro d'altri tempi, tempista e plastico incapace; e il modesto, ma evidente sforzo di intreccio almeno nel sensato finale. »

di Anna Maria Pasetti Il Fatto Quotidiano

I poveri Tucci diventano ricchissimi di 100 milioni della lotteria, e dalla misera provincia laziale "fuggono" nella Milano dei miliardari. Cafoni a oltranza ma bonariamente veraci, si scontrano con le regole dell'essere cool, ovvero dei ricchi 2.0. Ovvia la morale conclusiva insita in un titolo non distante dall'evergreen di Dino Risi. Remake "all'italiana" del francese Les Tuche, il decimo film di Fausto Brizzi soddisfa le aspettative di comicità ("è il mio primo film comico") e di freschezza nel racconto di un'attualità ontologicamente ridicola. »

De Sica va sull'usato sicuro

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Natale è cinepanettone e De Sica sa come servirlo. Con i soliti cliché e gli stessi refrain volgari (la rima con mulo). Qui, si prende a prestito una commedia francese per immaginare la salita a Milano di una famiglia di poveri, ora arricchita (100 milioni) grazie alla lotteria. Il che, offre lo spunto per prendere in giro, sulla carta, i ricchi che, nel film, mangiano formiche rosse, vanno in bici in quanto ecologisti, mettono a tacere la coscienza con l'elemosina, sono comunisti. Il pubblico fedele, ma solo quello, si divertirà. »

Poveri ma ricchi | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | cinemarptvstaff.eu
  2° | toty bottalla
  3° | pintaz
  4° | roby 82
  5° | giorgio47
Trailer
1 | 2 |
Video
1|
Link esterni
Facebook
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità