•  
  •  
Apri le opzioni

Gianmarco Tognazzi

Gianmarco Tognazzi è un attore italiano, assistente alla regia, è nato il 11 ottobre 1967 a Roma (Italia). Gianmarco Tognazzi ha oggi 55 anni ed è del segno zodiacale Bilancia.

Il destino nel nome

A cura di Nicoletta Dose

Attore cinematografico, televisivo e teatrale. Figlio di Ugo Tognazzi, ha da sempre frequentato i set cinematografici, amando fin da piccolo la magia della recitazione. Dopo aver lottato contro i pregiudizi mediatici che lo tacciavano di imitare troppo pedissequamente le moine del padre, è riuscito a dimostrare la sua personalità di grande carisma e ironia.

Bambino prodigio
Figlio dell'attore Ugo Tognazzi, uno dei maestri della commedia all'italiana, Gianmarco frequenta i set cinematografici fin da piccolo. Lo vediamo bambino recitare al fianco del padre in Non toccare la donna bianca (1974), ne Il petòmane (1983) e in Vacanze in America (1985) di Carlo Vanzina. Malgrado la giovanissima età, la sua spigliatezza fa breccia negli amici colleghi del padre, e continua così la sua fortunata carriera professionale, agli esordi vissuta come un gioco ma piano piano trasformatasi in mestiere. Alterna commedie di bassa lega come Sposerò Simon Le Bon (Confessioni di una sedicenne innamorata persa dei Duran Duran) (1986) a film più importanti di respiro internazionale come Dancers (1987) diretto dall'americano Herbert Ross. Superati i vent'anni, prova a mettere a frutto gli insegnamenti degli anni passati, cercando di staccarsi dall'ingombrante figura paterna. Dopo alcune esperienze come assistente alla regia, prende il diploma all'Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione "Roberto Rossellini" di Roma. Dà sfogo al lato più comico della sua personalità in Musica per vecchi animali (1989) di Stefano Benni, con Dario Fo e Paolo Rossi, ma lavora ancora con Ugo e il fratello Ricky in Arrivederci e grazie (1988) di Giorgio Capitani.

La leggerezza della commedia
Dopo la morte del padre avvenuta alla fine del 1990, decide di collaborare con Ricky e farsi dirigere nel film Ultrà (1991), lucida rappresentazione della vita dei tifoseria allo stadio. Si mette alla prova in un ruolo drammatico nel film Una storia semplice (1991) di Emidio Greco (per il quale riceve la Grolla d'Oro), tratto da un romanzo di Sciascia, seguito dal violento Teste rasate (1992) e dal superficiale Torta di mele (1994). Un tassello importante per la carriera lo mette Leonardo Pieraccioni con il suo film d'esordio, I laureati (1995), racconto di un gruppo di disorientati studenti universitari fuori corso con la sindrome di Peter Pan. Da questo momento in poi predilige ruoli leggeri in commedie non del tutto riuscite, come Uomini senza donne (1996) con Alessandro Gassman, altro figlio d'arte, Lest (1996) di Giulio Base o ancora Il cielo è sempre più blu (1997) di Antonello Grimaldi.

Crisi esistenziali in film on the road
In coppia con Alessandro Gassman (con il quale lavora anche a teatro) gira Facciamo Fiesta (1997) di Angelo Longoni, commedia folcloristica che racconta l'avventura di due italiani in trasferta a Cuba, affascinati dalle bellezze locali e ispirati dal mito di Hemingway. Sullo sfondo della crisi di Tangentopoli, diventa il protagonista di Il decisionista (1997), per poi ritornare al personaggio del trentenne in crisi (già interpretato in passato) con Stressati (1997), seguito da La spiaggia (1998), tutti diretti da Mauro Cappelloni. L'amico Giulio Base lo scrittura nella commedia Lovest (1997), dove ritrova Alessandro Gassman, in un film on the road che racconta il viaggio coast to coast di due italiani in America. Con i successivi I miei più cari amici (1998) e Giochi d'equilibrio (1998) dove recita a fianco di Stefania Rocca, riesce a dare sfogo a quella vena drammatica rimasta finora taciuta, una recitazione più sofferta che scava nella profondità psicologica e che trova spazio soprattutto nella ricostruzione biografica di Giovanni Falcone I giudici (1998), diretta da Ricky Tognazzi. Mentre a teatro riesce a interpretare personaggi di vario genere, al cinema rimane legato allo stereotipo dell'adulto non cresciuto. Così lo vediamo tra i protagonisti de I fobici (1999) e di nuovo in coppia con Gassman in partenza per un viaggio in Malesia, ancora una volta ammaliati da una donna seducente (Manuela Arcuri).

Ruoli più impegnati
Con l'inizio del nuovo millennio, si apre di fronte a lui un futuro fatto di film più impegnati e stimolanti: nel 2003 spicca nel cast di Io no per una recitazione misurata e attenta alle sfumature, così come in Passato prossimo di Maria Sole Tognazzi e nel film tv Francesco di Michele Soavi.

Film storici a sfondo sociale
Cambia radicalmente genere in Cecenia (2004) e in Cielo e terra (2004), film storici che raccontano, il primo, la vita coraggiosa del giornalista Antonio Russo, mentre il secondo si concentra sulle persecuzioni nazi-fasciste del 1944. La crescita professionale è evidente anche in Romanzo criminale (2005) di Michele Placido, in Polvere (2006), Il mattino ha l'oro in bocca (2007) e l'intenso Guido che sfidò le brigate rosse (2007) di Giuseppe Ferrara.

Fiction tv
La fiction televisiva lo vuole nel film tv Maria Montessori - Una vita per i bambini (2007) di Gianluca Maria Tavarelli e nella serie poliziesca Il bene e il male (2008). I due sceneggiati, di grande successo popolare, lo riportano al successo di un tempo. Di lì a poco viene anche chiamato a vestire i panni dell'amante di Claudia Gerini nella commedia Ex (2009) di Fausto Brizzi e, nel 2011, partecipa al divertente I soliti idioti con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio e al suo seguito (I due soliti idioti) l'anno successivo.
Più impegnata la partecipazione al film drammatico di Marco Pozzi Maledimiele, dedicato al tema dell'anoressia giovanile.
Lo troveremo poi al servizio della sorella Maria Sole in Viaggio sola, nel film di Sergio Rubini Mi rifaccio vivo e in Tutta colpa di Freud di Paolo Genovese. Sarà poi protagonista del film di Giorgio Amato Il ministro (2015).
Negli ultimi anni lo troviamo nel film di Muccino A casa tutti bene (2018), ma anche nelle commedie Gli uomini d'oro, Non ci resta che il crimine (2019), Ritorno al crimine (2020) e C'era una volta il crimine (2022). Nel 2021 è Luciano Spalletti nella serie Speravo de morì prima.

Ultimi film

Commedia, (Italia - 2021), 105 min.
Noir, (Italia - 2019), 110 min.

Focus

INCONTRI
giovedì 29 aprile 2010
Edoardo Becattini

Cinema di genere civile Dopo aver affrontato il viaggio di ritorno dal nord al sud Italia della scorta capitanata da Raoul Bova, Claudio Fragasso resta in Sicilia e si dedica ad un altro capitolo del suo cinema di genere innamorato dell'attualità. Partendo da un soggetto fortemente voluto dalla compagna di vita e di idee Rossella Drudi, Fragasso realizza un film ritmato dall'azione e improntato al problema delle varie “sindromi” che hanno colpito vari militari in seguito alle loro missioni

TELEVISIONE
venerdì 24 aprile 2009
Alessandra Giannelli

Dal libro al piccolo schermo Da uno dei romanzi più popolari, ma anche più letti, da generazioni di adolescenti, David Copperfield, un film di Ambrogio Lo Giudice, co-prodotto da Rai Fiction e Rizzoli Audiovisivi, in onda, in prima serata su Rai Uno, domenica 26 e lunedì 27 aprile. Ad interpretare il noto personaggio è il bravo Giorgio Pasotti, a fianco a lui, un'altra eccellente protagonista, Maya Sansa, ma anche Gianmarco Tognazzi, nel personaggio del "cattivo" Uriah Heep, Stefano Dionisi, che interpreta Edward Murdstone, Chiara Conti, nel ruolo della madre di Copperfield e Larissa Volpentesta, nei panni di Emily

INCONTRI
venerdì 30 gennaio 2009
Marianna Cappi

Il trionfo dell'amore Seicento copie sono pronte nei magazzini di mamma Rai per invadere le sale italiane, il giorno 6 febbraio. Sono le pellicole di Ex, il nuovo film di Fausto Brizzi, scritto dal regista con i fedelissimi Marco Martani e Massimiliano Bruno e prodotto da Fulvio e Federica Lucisano. Il cast è una lunga passerella di volti noti e capaci del cinema, della televisione e del teatro italiano, con l'aggiunta dei "cugini" Cécile Cassel e Malik Zidi

TELEVISIONE
venerdì 9 gennaio 2009
Tirza Bonifazi Tognazzi

Tra il bene e il male... Chi si indigna più, oggi, per piccole scelte sbagliate in una società diventata compiacente con le sue stesse debolezze? A chiederselo è Alessandro Jacchia, co-produttore insieme a Maurizio Momi (per l'Albatross Entertainment) e alla Rai Fiction di Il bene e il male, la serie che si pone come obiettivo di cambiare il linguaggio televisivo. "Il tema dell'etica ci porta a riflettere sul fatto che sebbene ognuno di noi sappia cosa sia il bene e cosa il male, spesso ci troviamo di fronte a delle scelte che portano inevitabilmente a delle conseguenze" ha dichiarato Jacchia alla presentazione della fiction che andrà in onda in prima serata su Raiuno ogni lunedì a partire dal 12 gennaio

News

Regia di Eleonora Ivone. Un film con Gianmarco Tognazzi, Vanessa Incontrada, Elena Cotta, Francesco Pannofino, Enrico Lo...
Ieri il pop di Spring Breakers, oggi l'attesa per Redford e Mendoza.
Le foto del film di Marco Bellocchio. In concorso a Venezia.
Arriva il nuovo cinepanettone.
Parte oggi la seconda parte del Giffoni, in scena i ragazzi dai 13 ai 21 anni.
Dopo una travagliatissima gestazione distributiva, il film sul mondo della cocaina diretto da due esordienti trova il suo...
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati