Paterson

Un film di Jim Jarmusch. Con Adam Driver, Golshifteh Farahani, Kara Hayward, Sterling Jerins, Jared Gilman.
continua»
Titolo originale Paterson. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 113 min. - USA 2016. - Cinema uscita giovedì 22 dicembre 2016. MYMONETRO Paterson * * * 1/2 - valutazione media: 3,69 su 37 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,69/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * - -
Una coppia di Paterson trascorre le giornate tra ambizioni sopite, voglia di cambiamenti e amore sussurrato.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer Cinema
primo piano
Sono pochi i film che trattano la poesia riuscendo a farne la propria sostanza. Paterson di Jim Jarmusch si colloca senza dubbio tra essi
Marianna Cappi     * * * * -

Paterson vive a Paterson, New Jersey, con la moglie Laura e il cane Marvin. Ogni giorno guida l'autobus per le vie della città, ogni sera porta fuori il cane e beve una birra nel pub dell'isolato. Mentre la moglie colleziona progetti fantasiosi e fuori portata, e decora ininterrottamente la loro casa, Paterson appunta umilmente le sue poesie su un taccuino, che porta sempre con sé. Nei suoi versi si fondono la passione per William Carlos Williams, nativo di Paterson, Ginsberg, O'Hara, ma anche il suo orizzonte quotidiano. Proprio il dono di uno sguardo poetico sembra essere ciò che lo eleva da una routine di luoghi e azioni uguali a se stesse e sottilmente angoscianti.
Sono pochi davvero i film che trattano la poesia riuscendo a fare di essa la propria sostanza e questo lavoro di Jarmusch si colloca immediatamente tra i primi della lista. Tutt'altro che un film sulla poesia delle piccole cose, Paterson è, al contrario, un poema in sé, oltre che un viaggio nei meccanismi stessi della scrittura in versi e nel rapporto tra la parola e l'immagine, che chiama intrinsecamente in causa il cinema.
Il viaggio comincia da subito e dal nulla, da quel primo richiamo ai fiammiferi, protagonisti della più nota e banalizzata poesia d'amore prévertiana, per poi contemplare la sorpresa, elemento imprescindibile, che qui s'affaccia nell'apparizione della prima coppia di gemelli, generata da un sogno della moglie e trasformata in ripetizione, che punteggerà tutto il film. E poi il cane, la sua immagine reale e quella nel quadro, che ha attraversato un processo di interpretazione di astrazione eppure ne conserva, riconoscibilissima, la fisionomia. E l'ironia buona della lettera, per cui il nome del protagonista coincide con quello della città così come il nome dell'attore, Adam Driver, con quello del suo mestiere nel film.
Facendo dialogare con rimandi continui il mondo delle cose e quello delle parole, e usando sistematicamente la figura delll'anafora (anche qui, tanto nella ripetizione dei versi in voice over quanto nella ripetizione di situazioni e comportamenti) Jarmusch costruisce un'opera che prende senso nel suo insieme, e non nel singolo passo, per quanto riuscito.
Come Dante, citato non a caso, Paterson ci mostra ciò che vede durante la sua corsa, attraverso la città e l'esistenza, ci mette a parte degli stralci di conversazione che sente (bello il dialogo su Gaetano Bresci e la pena di morte affidato ai due protagonisti di Moonrise Kingdom, ancora in coppia, trasfigurati in anarchici neo romantici), degli incontri che fa, della natura irrompente del piccolo imprevisto.
Jarmusch non racconta qui la storia di un genio incompreso, tant'è vero che la poesia di una ragazzina incrociata per caso è buona quanto quelle del protagonista o quasi: racconta di un dono che ha il potere di cambiare ogni cosa, perché è il dono di uno sguardo particolare sul mondo.

Stampa in PDF

Premi e nomination Paterson

premi
nomination
London Critics
0
1
David di Donatello
0
1
* * * * -

Ohio blue tip

lunedì 26 dicembre 2016 di Writer58

Non so se avete presente quelle stampe giapponesi, dai colori tenui, i segni evanescenti, che contengono silhuette snelle di barche, vulcani incappucciati di neve, peschi rosa pallido, fiori bianchi e violacei, nuvole soffici e stratificate. Un universo dove la ripetizione di un canone preciso si accoppia con minime variazioni di luogo, di composizione, di gradazioni cromatiche. Un mondo dalla poetica quasi impalpabile eppure ben riconoscibile, uno spazio zen leggero e iridescente. Questa è continua »

* * * * -

Viaggio in una vita che si fa poesia, e viceversa

giovedì 29 dicembre 2016 di Antonio Montefalcone

Paterson è il titolo del poema epico di William Carlos Williams, grande poeta americano. Ma è anche il nome di una piccola città del New Jersey e il nome del protagonista di questo film, a sua volta fan del libro di poesie di Williams e lui stesso poeta. Le coincidenze e i rimandi non sono un caso nell’ultima pellicola di Jim Jarmush. Pellicola che, pur nello stile minimalista e ironico a cui ci ha abituato il regista, sembra stavolta pura astrazione visiva, perfetta fusione tra “forma” e “sostanza” continua »

* - - - -

Molto più poetici i simpson

domenica 25 dicembre 2016 di ANTONIO RUGGIERO

Pur essendo un seriale frequentatore di sale cinematografiche, non ero a conoscenza di una nuova catalogazione di film: il genere poetico. "Paterson", il film di Jim Jarmusch, è un film di genere Poetico, così almeno c'è scritto nella locandina del distributore del film Cinema S.r.l. De Paolis. In pratica il signor Jarmusch, che ha già fatto il regista, il musicista, lo sceneggiatore , ecc, ecc. (vedi Wikipedia), questa volta ha deciso di fare il poeta, continua »

* * * - -

Taumaturgia

giovedì 29 dicembre 2016 di vanessa zarastro

Il film Paterson potrebbe essere considerato un tributo alla poesia e al suo potere taumaturgico. A Paterson, una piccola cittadina del New Jersey, vive una giovane coppia dove lui fa l’autista di autobus comunale e lei ama dipingere di bianco e nero, tessuti, dolci, vestiti, chitarra, tende e quant’altro le capiti sottomano. Lui scrive poesie e i pochi momenti di pausa nel lavoro li passa a scrivere. Sembra che la poesia sia l’unico modo per riscattarsi di una vita monotona, continua »

Paterson
"Una pagina bianca contiene molte possibilità"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

POSTER | Paterson non è un film sulla poesia delle piccole cose, è un poema in sé. Presentato allo scorso Festival di Cannes e dal 22 dicembre al cinema.

Il poster del film di Jim Jarmusch

martedì 29 novembre 2016 - a cura della redazione

Paterson, il poster del film di Jim Jarmusch Paterson vive a Paterson, New Jersey, con la moglie Laura e il cane Marvin. Ogni giorno guida l'autobus per le vie della città, ogni sera porta fuori il cane e beve una birra nel pub dell'isolato. Mentre la moglie colleziona progetti fantasiosi e fuori portata, e decora ininterrottamente la loro casa, Paterson appunta umilmente le sue poesie su un taccuino, che porta sempre con sé. Nei suoi versi si fondono la passione per William Carlos Williams, nativo di Paterson, Ginsberg, O'Hara, ma anche il suo orizzonte quotidiano.

C'è un poeta alla guida del bus. E ascolta il cuore della sua città

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Sette giorni nella vita di un uomo di nome Paterson (Adam Driver), come la piccola e un po' cadente città del New Jersey in cui vive e lavora come conducente d'autobus. Sette giorni (più uno) in cui sembra che non succeda niente e invece succede di tutto. Anche perché l'essenziale non accade fuori, nella città, ma dentro lo stesso Paterson. Che tra un viaggio e l'altro elabora e annota su un taccuino versi semplici quanto suggestivi. Senza nessuna intenzione di pubblicarli, anche se la sua compagna, la deliziosa e un po' svitata Laura (Golshifteh Farahani), insiste che lo faccia. »

Il mondo visto da un autobus

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

Dal posto di guida di un autobus Paterson attraversa Paterson, la sua città (dove nacque Williams Carlos Wiliams, a cui si ispirano i versi). Fatti e persone, l'amore per la moglie e l'amore per la vita, lo ispirano. Limite, ma anche caratteristica, del film è ovviamente la fiducia nell'osservazione contemplativa, solidale al mondo, come motore di efficace poesia. Tra il romanticismo entusiasta di "L'animo friggente" e la biografia poetica (il Leopardi di "Il giovane favoloso") a farne le spese è la complessità. »

"Paterson", la poesia del quotidiano

di Alessandra Levantesi La Stampa

Paterson è il capoluogo della contea di Passaic nello Stato del New Jersey; ma è pure il titolo di un famoso poema in cinque volumi di William Carlos Williams, il famoso modernista americano che pur natio della vicina Rutherford fece di Paterson il suo «luogo» di poesia: in quanto paesaggio, in quanto memoria, in quanto coscienza collettiva. Analogamente nel film di Jim Jarmusch, il titolo Paterson allude alla città in cui è ambientato - in particolare il suo centro storico con le caratteristiche cascate di Passaic; e, insieme, è anche il nome del protagonista, un giovane conducente di autobus che nelle pause dal lavoro si dedica a scrivere poesie (senza rima), traendo ispirazione dalla quotidianità intorno a lui: oggetti trascurabili come un pacchetto di fiammiferi, o frammenti di discorsi colti qua e là. »

Bello l'elogio della routine

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Paterson (Driver, perfetto), autista di bus, vive a Paterson, città che ha dato i natali a vari poeti. Infatti, anche lui si diletta a scrivere dei versi su un taccuino, che poi legge alla sua compagna Laura, donna piena di progetti. Alla sera, passeggia con il suo cane Marvin fino al medesimo bar. Ogni giorno. Il mondo, però, ha i suoi piccoli imprevisti. Un elogio alla routine? Solo Jarmusch poteva comporre questo perfetto mosaico dove la noia non sta di casa. Una pellicola particolare, da amare, gran bella sorpresa natalizia. »

Paterson | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | antonio montefalcone
  3° | maumauroma
  4° | stefano capasso
  5° | fabiofeli
  6° | andrea alesci
  7° | parte ripario
  8° | lbavassano
  9° | enrico danelli
10° | flyanto
11° | hiroaki
12° | maurizio meres
13° | maria f.
14° | raffiraffi
15° | slowfilm
16° | felipito
17° | no_data
18° | mamad
19° | vanessa zarastro
20° | antonio ruggiero
London Critics (1)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedì 22 dicembre 2016
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 9 sale cinematografiche:
Showtime
  3 | Emilia Romagna
  2 | Lazio
  1 | Lombardia
  1 | Piemonte
  1 | Toscana
  1 | Veneto
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità