Boyhood

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Boyhood   Dvd Boyhood   Blu-Ray Boyhood  
Un film di Richard Linklater. Con Ethan Hawke, Patricia Arquette, Ellar Coltrane, Lorelei Linklater, Steven Chester Prince.
continua»
Drammatico, durata 165 min. - USA 2014. - Universal Pictures uscita giovedì 23 ottobre 2014. MYMONETRO Boyhood * * * 1/2 - valutazione media: 3,94 su 66 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,94/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * * 1/2
 pubblico * * * - -
   
   
   
Mason parte con la sorella Samantha per un viaggio emozionante e trascendentale attraverso gli anni, dall'infanzia all'età adulta.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Uno dei più importanti esperimenti cinematografici del nuovo millennio
Gabriele Niola     * * * * -

Mason (8 anni) vive con sua madre Olivia e la sorella Samantha di poco più grande ma senza il padre Mason sr., da anni separato ma rimasto comunque vicino ai ragazzi. Nonostante la madre abbia la tendenza a trovare nuovi mariti non eccezionali e costringa i figli a traslocare spesso, cambiare scuola e amicizie, lo stesso i due mantengono un rapporto forte con il padre e con lei nonostante tutto, passando 12 anni della loro vita assieme fino al momento di passare al college e di lasciare la famiglia.
Boyhood è molto più di un period movie sugli ultimi 12 anni degli Stati Uniti ed è molto più di un romanzo di formazione. È addirittura molto più di un particolare esperimento cinematografico (realizzare un lungometraggio lungo più di una decade, riunendo ogni anno il cast per girare alcune scene e vederli così invecchiare realmente), è un grandissimo affresco sull'essere ragazzi americani oggi, partendo dalle radici, dalla formazione individuale, un racconto fondato quasi tutto sul concetto di famiglia, non tanto come nucleo ma come elemento centrale nella "boyhood", l'età tra gli 8 e i 20 anni. C'è un paese intero e il suo spirito per come è vivo oggi nella storia per nulla clamorosa di Mason.
In questo senso l'ultimo film di Richard Linklater non è diverso da La conquista del West, è l'epica di un popolo letta attraverso una famiglia e uno sguardo non-epico, molto disilluso e un po' depresso (nonostante si rida tanto e ci si commuova molto di gioia). Non sono stati 12 anni fantastici probabilmente, lo stesso però Linklater non riprende un giorno di pioggia e limita i momenti duri a pochi casi isolati (come del resto pochi sono gli attimi di vera esaltazione), concentrandosi su quegli istanti di ordinario svolgimento in cui i sentimenti sono visibili, come se una luce passasse attraverso le persone e svelasse inesorabilmente quello che sentono.
Nonostante sia facile paragonare questo film all'altro progetto "seriale" del regista, paradossalmente Boyhood lavora su altre componenti rispetto a quelle con cui da 20 anni (e sempre insieme a Ethan Hawke) sta raccontando la storia di Jesse e Celine con Prima dell'alba (1994), Prima del tramonto (2004) e Before midnight (2013). Quella trilogia non solo vede i protagonisti invecchiare ma anche gli spettatori e si propone di cercare un parallelo tra chi guarda e l'oggetto guardato superando il concetto di cinema generazionale per come lo conosciamo. Inoltre il racconto di una vita intera in quel caso passa attravero piccoli attimi significativi, come una sineddoche: quelle poche ore ogni dieci anni che realmente contano e tirano le somme di quanto successo fino a quel momento, aprendo nuove porte verso il futuro.
Questo esperimento narrativo invece riprende l'opposto, non vuole cristallizzare intorno a dei protagonisti un sentimento immutabile nel tempo ma celebrare il cambiamento. Il suo racconto passa attraverso momenti in linea di massima ordinari o eventi poco importanti, quel che conta è il passare del tempo, cambiare realmente (non usando del trucco o un altro attore più adulto), per realizzare il sogno del cinema portato all'estremo: mostrare la vita umana mentre si svolge senza rinunciare alla forza comunicativa di un corpo vero che invecchia.

Incassi Boyhood
Primo Weekend Italia: € 141.000
Incasso Totale* Italia: € 348.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 9 novembre 2014
Incasso Totale* Usa: $ 25.359.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 1 marzo 2015
Sei d'accordo con la recensione di Gabriele Niola?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
74%
No
26%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Boyhood

premi
nomination
Premio Oscar
1
7
Golden Globes
3
5
David di Donatello
0
1
Cesar
0
1
Festival di Berlino
1
0
BAFTA
2
5
* * - - -

Un film idolatrato che non lascia segni

sabato 25 ottobre 2014 di Bruno Cortona

Cominciamo con un po' di premesse. Sul film avevo ottime aspettative per via delle grandi recensioni, univocamente positive come non mai. Di Linklater mi fidavo meno dopo aver visto "Waking life", che ai tempi mi sarei evitato volentieri. Il giudizio, usciti dalla sala, del pubblico (siamo solo venti persone in quel di Pisa a passare il venerdì sera, aggiungo fortunatamente) sembra altrettanto univoco: dopo aver sentito diversi commenti stile Nido del Cuculo in sala, le facce di tutti parlano continua »

* * * * -

Piccolo gioiello di onestà e spensieratezza

sabato 25 ottobre 2014 di Fedson

Mason è un ragazzo qualunque in un mondo qualunque con una vita qualunque. I suoi genitori sono divorziati da anni e lui, con i suoi occhi, assiste a tutti gli eventi che colpiranno la sua giovane vita. Il piccolo Mason gioca con la sorella maggiore, litiga con lei, ride con lei. Mason cresce. Mason va a scuola, ma si rifiuta di fare i compiti affidati dai suoi insegnanti, come tutti i bambini della sua età. Mason è costretto a passare giorni con la madre e solo i weekend col continua »

* * * * -

Esaltazione della normalità

venerdì 31 ottobre 2014 di Storie di Cinema

 L'opera di Richard Linklater, in questi giorni al cinema, non cerca il successo con particolari storie di eccessi o per mezzo di personaggi fascinosi. Non punta ai sogni dello spettatore, ma gioca piuttosto con i suoi ricordi. Racconta la crescita adolescenziale di Mason e della sorella più grande, del loro rapporto fraterno e di quello con i genitori (Patricia Arquette ed Ethan Hawke), in questo caso separati.  Il ragazzo rappresenta ognuno di noi, è il traghettatore continua »

* * * * -

Un'opera sperimentale, coraggiosa ed originale

lunedì 27 ottobre 2014 di Filippo Catani

Mason è un ragazzo sensibile e con una spiccata propensione all'arte. Vive con la madre e la sorella e vede occasionalmente il padre che si è separato dalla famiglia. Il film segue la sua storia dai primi anni di scuola fino alla fine del college. Boyhood è senza ombra di dubbio uno dei migliori film visti quest'anno ed ha un altissimo livello di sperimentazione. Intanto partiamo da un dato non certo secondario: il coraggio avuto da troupe, cast, regista e soprattutto continua »

Mason e Sheena
Mason: "Ci sono tante di quelle cose che potrei fare e che probabilmente vorrei fare ma che non faccio".

Sheena: "E perchè no?"

Mason: "Ho paura di quello che potrebbe pensare la gente, sai il loro giudizio"

Sheena: "Già, non è difficile dire 'me ne frego dell'opinione degli altri', ma frega a tutti invece, eccome!"

Mason: "Sono molto arrabbiato con tutte quelle persone con cui sono in contatto solo perchè mi controllano o mi giudicano, ma non si rendono neanche conto di farlo!"

Sheena: "Quindi in questo mondo perfetto dove nessuno ti controlla cosa c'è di diverso? Che cosa cambia?"

Mason: "Tutto quanto. Vorrei solo poter fare tutto quello che voglio perchè così mi sentirei vivo, invece di darmi un'apparenza di normalità"

Sheena: "Qualunque cosa voglia dire!"

Mason: "Non credo abbia molto senso"

Sheena: "Tu sei un po' strano, lo sai sì?"

Mason: "Sì? Che cos'è un complimento?"

Sheena: "Non lo so, tu vuoi essere strano?"

Mason: "Cioè, non voglio spaventare i bambini al parco o roba del genere. Mi piace parlare con te, di solito non ci provo neanche a tradurre in parole i miei sentimenti ne i miei pensieri, è che non suonano mai giusti, le parole sono stupide"

Sheena: "Allora, perchè ci provi con me?"

Mason: "Non lo so, forse perchè sono a mio agio"

Sheena: "Ti ringrazio"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Mason e Sheena
Mason: "Ci sono tante di quelle cose che potrei fare e che probabilmente vorrei fare ma che non faccio".

Sheena: "E perchè no?"

Mason: "Ho paura di quello che potrebbe pensare la gente, sai il loro giudizio"

Sheena: "Già, non è difficile dire 'me ne frego dell'opinione degli altri', ma frega a tutti invece, eccome!"

Mason: "Sono molto arrabbiato con tutte quelle persone con cui sono in contatto solo perchè mi controllano o mi giudicano, ma non si rendono neanche conto di farlo!"

Sheena: "Quindi in questo mondo perfetto dove nessuno ti controlla cosa c'è di diverso? Che cosa cambia?"

Mason: "Tutto quanto. Vorrei solo poter fare tutto quello che voglio perchè così mi sentirei vivo, invece di darmi un'apparenza di normalità"

Sheena: "Qualunque cosa voglia dire!"

Mason: "Non credo abbia molto senso"

Sheena: "Tu sei un po' strano, lo sai sì?"

Mason: "Sì? Che cos'è un complimento?"

Sheena: "Non lo so, tu vuoi essere strano?"

Mason: "Cioè, non voglio spaventare i bambini al parco o roba del genere. Mi piace parlare con te, di solito non ci provo neanche a tradurre in parole i miei sentimenti ne i miei pensieri, è che non suonano mai giusti, le parole sono stupide"

Sheena: "Allora, perchè ci provi con me?"

Mason: "Non lo so, forse perchè sono a mio agio"

Sheena: "Ti ringrazio"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Mason, padre di Mason
Mason - Posso usare le spondine?

Padre di Mason - Niente spondine. La vita non regala spondine.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Boyhood oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Boyhood

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 4 febbraio 2015

Cover Dvd Boyhood A partire da mercoledì 4 febbraio 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Boyhood di Richard Linklater con Ellar Coltrane, Patricia Arquette, Ethan Hawke, Tamara Jolaine. Distribuito da Universal Pictures. Su internet Boyhood (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Boyhood

SOUNDTRACK | Boyhood

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 21 ottobre 2014

Cover CD Boyhood A partire da martedì 21 ottobre 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Boyhood del regista. Richard Linklater Distribuita da Nonesuch. Su internet il cd Boyhood è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 19,90 €
Prezzo di listino: 22,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Boyhood

APPROFONDIMENTI | Il cinema in movimento di Roy Menarini.

Archeologia dei nuovi media

lunedì 19 gennaio 2015 - Roy Menarini

Archeologia dei nuovi media Le nuove tecnologie sono ormai parte stessa delle nostre esperienze di vita, sociali e culturali insieme. Abbiamo spesso sottolineato il rapporto contraddittorio che il cinema contemporaneo intrattiene con i nuovi media. Da una parte l'intero processo del fare e mostrare film ne è intriso (dalla ripresa digitale via via fino alla proiezione video e alla distribuzione online), dall'altra il tema del vero, del reale, del biografico, dell'autentico continua a crescere come sinonimo di resistenza artistica all'industria mediale.

   

APPROFONDIMENTI | Sperimentatore coraggioso in un contesto difficile, anche industriale.

Richard linklater

mercoledì 22 ottobre 2014 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Richard Linklater Boyhood, il nuovo film di Richard Linklater nelle sale italiane dal 23 ottobre, racconta la storia di Mason, un bambino di 8 anni testimone della crisi di coppia dei suoi genitori separati, Patricia Arquette e Ethan Hawke. Ma racconta anche la storia di Mason, un adolescente alle prese con i turbamenti esistenziali e fisici dell'età. E ancora la storia di Mason, un ragazzo che a una festa conosce Sheena, e si innamora di lei. Non ci sarebbe nulla di così originale in questa storia se non fosse che la realizzazione di Boyhood è durata 12 anni (primo ciak nel 2002), da quando il protagonista Ellar Coltrane aveva l'età del bambino "pedinato" fino ai suoi vent'anni.

   

NEWS | Scopri tutti i film premiati alla 87a edizione degli Academy Awards.

Il trionfo di birdman

lunedì 23 febbraio 2015 - Tirza Bonifazi

Oscar 2015, il trionfo di Birdman Tutti i pronostici che davano per vincitore Birdman di Alejandro González Iñárritu, gran favorito della stagione cinematografica, sono andati a segno. Per il secondo anno consecutivo è un messicano a guadagnare l'Oscar come Miglior regista: Alejandro González Iñárritu che in Birdman aveva sperimentato nuove architetture narrative mantenendo sempre il gusto per le storie intrecciate. Ma non solo. Il messicano si è anche guadagnato il premio più importante dell'Academy: quello di Miglior film. Quanto al suo grande rivale, Grand Budapest Hotel di Wes Anderson si è portato a casa quattro premi dei nove ai quali era candidato: Migliori costumi, Miglior trucco e acconciatura, Miglior scenografia, Miglior colonna sonora.

   

La vita di Mason raccontata in 12 anni di riprese

di Roberto Nepoti La Repubblica

Con la trilogia Before, realizzata con identici personaggi e attori attraverso decenni, Richard Linklater ci aveva già fatto capire che la sua ossessione è il tempo. Ma Boyhood ( Orso d'argento a Berlino) eleva il progetto alla quintessenza di un'opera sperimentale: la vita di un ragazzo, Mason, dall'infanzia all'ingresso all'università è costata al cineasta 12 anni di riprese in cui ha sfidato l'aleatorietà del tempo che passava, della disponibilità degli attori, dei possibili imprevisti e di mille cose non controllabili a priori. »

Patricia Arquette, il coraggio di sfidare il tempo

di Alessandra Levantesi La Stampa

Per filmare la vita e trasformarla, anno dopo anno, in un'opera unica e appassionante come Boyhood, Orso d'argento all'ultima Berlinale, il regista Richard Linklater ha dovuto, innanzitutto, trovare persone disposte a girare ciclicamente le parti di un unico film. Prima di tutto il protagonista Ellar Coltrane che, nell'arco dei 39 giorni di riprese diluiti in più di decennio, dal 2002 al 2013, si è trasformato, da bambino che era, in un uomo giovane, alle prese con i primi dilemmi esistenziali. Poi suo padre, interpretato da Ethan Hawke nel ruolo di un eterno Peter Pan, e poi sua madre, affidata a Patricia Arquette. »

di Roberto Escobar L'Espresso

Ogni anno, dal 2002 al 2013, Linklater ha riunito i suoi attori, narrando capitolo dopo capitolo la storia di Olivia (Patricia Arquette) e di Mason (Ethan Hawke), separati e con due figli. Irresponsabile e tenero lui, determinata lei, accompagnano Mason jr. (Ellar Coltrane) e Samantha (Lorelei Linklater) dall'infanzia fino alla soglia dell'età adulta. Inaspettato, intelligente, coinvolgente. Da L'Espresso, 31 ottobre 2014 »

In dodici anni la meglio gioventù Usa

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Per giudicare Boyhood, non si può prescindere dalla sua peculiarità, che è unica. Il fìlm è stato, infatti, girato in soli 39 giorni, ma nell'arco di tempo di l2 anni. Poche scene, realizzate ogni dodici mesi, per dar vita a un progetto coraggioso, come quello di Linklater, apparentemente fuori da ogni logica commercial e eproduttiva, soprattutto in un periodo di «usa e getta» dove ciò che conta, sul grande schermo, è far cassetta. Una pazzia artistica che ha permesso, però, di documentare, senza artifici tecnologici, la crescita fisica reale dei suoi interpreti, all'interno di una famiglia ordinaria. »

Boyhood | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | fedson
  2° | storie di cinema
  3° | bruno cortona
  4° | beppe baiocchi
  5° | filippo catani
  6° | claudiofedele93
  7° | antonietta dambrosio
  8° | flyanto
  9° | ginepri3434
10° | flaviano
11° | gabrykeegan
12° | fede slevin
13° | angelo franco giordi
14° | mattiabertaina
15° | mardou_
16° | eleonora panzeri
17° | homer52
18° | zarar
19° | dave69
20° | mattibev
21° | critichetti
22° | alvise
23° | cesare premi
24° | jacopo b98
25° | nerone bianchi
26° | intothewild4ever
27° | kondor17
28° | kuiper
29° | melvin ii
30° | foffola40
31° | filippotognoli
32° | alexmanfrex
33° | bigpask
34° | borghij
35° | martaroma80
36° | kaipy
37° | valerypto
38° | francesco2
39° | gabriella
Rassegna stampa
Roberto Escobar
Premio Oscar (8)
Golden Globes (8)
David di Donatello (1)
Cesar (1)
Festival di Berlino (1)
BAFTA (7)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Facebook
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità