Rabbit Hole

Acquista su Ibs.it   Dvd Rabbit Hole   Blu-Ray Rabbit Hole  
Un film di John Cameron Mitchell. Con Nicole Kidman, Aaron Eckhart, Dianne Wiest, Tammy Blanchard, Miles Teller.
continua»
Drammatico, durata 90 min. - USA 2010. - Videa - CDE uscita venerdì 11 febbraio 2011. MYMONETRO Rabbit Hole * * * - - valutazione media: 3,47 su 68 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,47/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
La perfezione del mondo in cui vivono Becca e Howie viene meno nel momento in cui il figlio Danny rimane vittima in un incidente.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
L'esperienza del lutto raccontata con rispettosa discrezione ed empia franchezza
Edoardo Becattini     * * * 1/2 -

Becca e Howie Corbett sono una delle tante coppie benestanti delle villette residenziali del Queens, anche se da otto mesi le loro vite sono come sospese, congelate nell'elaborazione di un lutto. Da quando il figlio di quattro anni è stato investito da una macchina, i due hanno sviluppato un meccanismo opposto di rimozione. Howie tende semplicemente a obliare l'evento, facendo rivivere ogni sera la presenza del figlio attraverso i filmati del proprio telefonino; Becca cerca invece volontario isolamento, dedicandosi alla cura del giardino, della cucina e alla sistematica eliminazione di tracce e ricordi. In questo limbo che sembra impossibile superare, Howie comincia a legare con una donna conosciuta durante una seduta di terapia di gruppo, mentre Becca decide di aprirsi con il giovane adolescente che era alla guida della macchina quel giorno fatale.
Entrambi esponenti e narratori di quel milieu newyorkese off-Broadway situato a metà fra underground eversivo ed élite intellettuale, John Cameron Mitchell e David Lindsay-Abaire si incontrano in una "tana del coniglio" dove si consuma l'elaborazione del più insopportabile dei lutti. Ad un primo sguardo, niente potrebbe sembrare più distante dai mondi colorati e trasgressivi di Hedwig e Shortbus di questo inaccessibile antro scavato nella quotidianità familiare dal drammaturgo premio Pulitzer. Niente, se sotto questa atmosfera gelida e cerebrale non dimorassero pulsioni in contrasto con le convenzioni del tragico e il sentimentalismo universale.
La "tana" della famiglia Corbett diviene così un doppio luogo perfettamente coerente con i trasgressivi universi carrolliani del regista newyorkese: da una parte mondo alternativo alla falsa ipocrisia e alla finzione programmatica dei meccanismi hollywoodiani; dall'altro, via di fuga per desideri ed espressioni distanti dal moralismo benpensante. Privilegiando per la prima volta l'eleganza formale alla trasgressione colorata e colorita, Mitchell affronta il tema del lutto con uno stile sapientemente in bilico fra rispettosa discrezione ed empia franchezza. La drammaturgia del testo di Lindsay-Abaire viene esplorata in tutta la sua profondità dai due attori protagonisti, il cui allure da Actor's Studio viene messo di fronte tanto a una frenetica macchina da presa da cinéma-vérité che a uno sguardo vitreo e statico, intento a cogliere ogni micro-movimento sui loro volti.
Ai disegni di un fumetto (presenza immancabile in un film di Mitchell, ma questa volta del tutto interni alla storia) spetta invece il compito delicato di mostrare solo l'apertura, il varco, alla felicità desiderata. Se la realtà è un mondo ineluttabile, non è detto che la serenità non si possa comunque sognare al di là del buco, dove vivono tutti i mondi possibili migliori di questo.

Stampa in PDF

Premi e nomination Rabbit Hole MYmovies
il MORANDINI
Incassi Rabbit Hole
Primo Weekend Italia: € 102.000
Sei d'accordo con la recensione di Edoardo Becattini?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
74%
No
26%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Rabbit Hole

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Golden Globes
0
1
* * * * -

Convivere con il dolore

giovedì 4 novembre 2010 di www.cine-amando.blogspot.com

Becca (Nicole Kidman) e Howie (Aaron Eckhart) hanno vissuto la tragedia della morte del figlio, investito accidentalmente da un giovane (Miles Teller). Nonostante siano trascorsi ormai otto mesi, la coppia vive ancora una crisi profonda, accentuata dalla gravidanza della sorella di Becca, Izzy (Tammy Blanchard). Ispirandosi ad un'opera teatrale di Lindsay-Abaire (che ha anche curato la scenaggiatura), Mitchell gira un dramma intimista su un tema delicato come la perdita di un figlio, analizzando continua »

* * * * *

Film indipendente che vale più di un kolossal

giovedì 18 novembre 2010 di Nicole64

Questo film ha tutta l'aria di essere un capolavoro assoluto, lodato dalla critica internazionale (stroncato in parte da quella italiana) la vicenda di questa coppia che perde il loro unico figlio è talmente realistica che sembra che gli attori lo abbiano perso veramente. Al Festival di Roma ovviamente non ha convinto tutti i critici, probabilmente perché il regista non ha voluto girare una storia strappa lacrime insulsa e già vista molte volte, ma sappiamo bene che ormai continua »

* * * * *

Sopravvivere nel lutto e nel dolore.

venerdì 21 settembre 2012 di ashtray_bliss

Si tratta di uno dei migliori film del genere drammatico, veramente toccante e introspettivo. Riesce a trasportare interamente lo spettatore nella mente e nella psiche dei due protagonisti, due genitori straziati dal dolore per la morte del loro figlioletto. Il film, dunque, parte da meta' di questo percorso attraverso il dolore, sempre implacabile e inesauribile, dei due genitori: una bravissima e convincente Nicole Kidman e un grandioso Aaron Eckhart. Una coppia ormai scoppiata, divisa dallo continua »

* * * * -

Nella tana del dolore

domenica 13 febbraio 2011 di Riccardo T.

bellissimo film. mi è piaciuta molto l'idea di affrontare il lutto senza cercare una soluzione nel superarlo ma nel mostrare come un padre e una madre reagiscano a tale perdita, questo grazie ad un ottima costruzione di personaggi supportati da due grandi interpretazioni. Eckhart crea un uomo a due strati: esternamente appare come colui che ha gli strumenti per superarla(lavoro,squash,gruppo di sostegno) ma che di nascosto dalla moglie guarda i video del piccolo Denny, non riesce più continua »

Rabbit Hole
Love will get you through
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
nicole kidman
Ragazzo: "L''universo è infinito,quindi esistono infiniti lei, infiniti me che vivono vite diverse!"
Becca: "Mi piace quest'idea, vuol dire che da qualche parte è tutto apposto e io sto bene!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rebecca
"Questa è solo la versione triste di noi..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Rabbit Hole oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Rabbit Hole

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 15 giugno 2011

Cover Dvd Rabbit Hole A partire da mercoledì 15 giugno 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Rabbit Hole di John Cameron Mitchell con Nicole Kidman, Aaron Eckhart, Sandra Oh, Dianne Wiest. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Rabbit Hole (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Rabbit Hole

APPROFONDIMENTI | La stanza del figlio, Reservation Road, Rabbit Hole.

Da dove si ricomincia a vivere?

martedì 8 febbraio 2011 - Tirza Bonifazi Tognazzi

Da dove si ricomincia a vivere? Nel 2001 Nanni Moretti s'incaricava di cristallizzare sul grande schermo il dolore di una famiglia di fronte alla perdita del figlio (e fratello) in un incidente da sub. Sei anni dopo, al festival del cinema di Roma viene presentato il dramma domestico di Terry George in cui si narra di una famiglia che perde un figlio in un incidente stradale. A distanza di altri tre anni il regista indie John Cameron Mitchell torna sull’argomento portando sullo schermo l’adattamento di Rabbit Hole, la piéce teatrale firmata dal premio Pulitzer David Lindsay-Abaire.

GALLERY | Arriva a Roma il protagonista di Rabbit Hole.

Il photocall e il red carpet di aaron eckhart

martedì 2 novembre 2010 - Marlen Vazzoler

Il photocall e il red carpet di Aaron Eckhart Ieri è stato presentato a Roma il film di Cameron Mitchell, Rabbit Hole, tratto dall'omonima piece teatrale di David Lindasy-Abaire che ha vinto il premio Pulitzer per la miglior opera drammatica. Durante la conferenza stampa Eckhart ha parlato della sua co-protagonista, Nicole Kidman: “Nicole ama questo film che interpreta in modo sorprendente. Ogni giorno durante le riprese temevo di non essere alla sua altezza. È fondamentale l'energia che si scambiano gli attori sulla scena e anche le persone nella vita.

Una Kidman da Oscar Quel buco senza fondo che chiamano dolore

di Natalia Aspesi La Repubblica

La vita di una giovane coppia si è infranta dopo la morte del loro unico bambino, travolto davanti alla bella casa da una macchina guidata da un ragazzo. La disperazione ha allontanato i due genitori che non sono più tali, e ognuno cerca di sopravvivere a modo suo: non c' è reciproco conforto, aiuto, tra loro, come se l' amore che ancora li unisce li rendesse, in quel crudele vuoto, estranei. Sono passati 8 mesi da quella tragedia, ma il tempo si è fermato nel dolore, che è sempre lì, inesorabile e muto, mentre lei pianta fiori nel giardino o prepara torte in cucina, mentre lui va in palestra con un amico o la porta fuori a cena: educati, sorridenti, senza lacrime, il saluto di sempre ogni mattina quando lui vaa lavoraree lei si sfianca sul tapis roulant, come se tutto fosse a posto, pur in un lutto così grande che impedisce loro di parlarne, evocare, toccarsi, lasciarsi andare insieme nella sofferenza. »

La sfida di Kidman, madre disperata

di Valerio Caprara Il Mattino

Ritorno in prima linea per Nicole Kidman, la flessuosa diva di Honolulu che dopo «Dogville» ha inanellato una serie di ruoli sbiaditi in film trascurabili o mediocri. «Rabbit Hole» le ha invece consentito d'impegnarsi in una sfida nuovamente all'altezza, il corpo a corpo psicofisico con un'opera teatrale premio Pulitzer, una serie infinita di primi piani (puntualmente evidenziata dalle nomination all'Oscar) e soprattutto un argomento di lancinante, se non insostenibile pathos. Si può subito convenire che il testo di David Lindsay-Abaire messo in scena da John Cameron Mitchell si adatta alle sue corde e forse per questo gli imperdonabili travisamenti d'espressione dovuti al botulino fanno stavolta meno impressione: affiancata da un ottimo partner come Aaron Eckart («Nella società degli uomini», «Thank you for Smoking»), la Kidman s'immedesima pienamente nella quarantenne bella e agiata ferita a morte dalla recente e tragica scomparsa in un incidente d'auto del quattrenne figlioletto Danny. »

"Rabbit Hole", il dolore si addice a Nicole Kidman

di Alessandra Levantesi La Stampa

Film fortemente voluto e prodotto da Nicole Kidman, che ha dimostrato una certa lungimiranza: il ruolo di Rebecca in Rabbit Hole le ha infatti guadagnato la candidatura all'Oscar per la migliore interpretazione femminile, anche se il premio non è nel sacco perché la cinquina è fortissima. E d'altronde, sostenendo la parte sui palcoscenici di Broadway, Cynthia Nixon (assurta a fama nei panni dell'avvocatessa Miranda della serie Sex and the City) si era già aggiudicata nel 2007 un prestigioso Tony. »

Inespressivo dolore

di Dario Zonta L'Unità

In un quartiere bene del Queens una giovale coppia cerca di sopravvivere alla morte del figlio di quattro anni,:vittima di un investimento davanti casa, mentre cercava di rincorrere il cane. Becca (Nicole Kidman) tenta in tutti i modi di sottrarre il presente al ricordo del figlio, Howie all'opposta cerca di rivivere ogni momento passato. Ficcati dèntro la loro tana, rappresentata da una casa perfetta e curata in ogni particolare, verranno scacciati dal dolore e dalla vita Dal regista indipendente americano John Cameron Mitchell (autore di Shortbus), l'adattamento per il cinema dell'omonima piéce che è valsa al suo autore (che qui firma anche la sceneggiatura) il premio Pulitzer per il teatro (e tutto quello che c'è di buono in questo film un po' scontato, viene, non a caso, dal testo). »

Rabbit Hole | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Golden Globes (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Video
1|
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 11 febbraio 2011
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità