Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
giovedì 17 gennaio 2019

Emmanuelle Riva

Un'artista colta e rigorosa, che sa essere ruvida e delicata al tempo stesso

Nome: Paulette Germaine Riva
Data nascita: 24 Febbraio 1927 (Pesci), Chenimenil (Francia)

Data morte: 27 Gennaio 2017 (89 anni), Parigi (Francia)
occhiello
Se potessimo fare pubblicità alla pace come a un detersivo, allora forse... chissà...
dal film Hiroshima mon amour (1959) Emmanuelle Riva è Lei
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Emmanuelle Riva
BAFTA 2013
Nomination miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

Premio Oscar 2013
Nomination miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

Cesar 2013
Nomination miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

BAFTA 2013
Premio miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

Cesar 2013
Premio miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

BAFTA 2013
Nomination miglior attrice per il film Amour di Michael Haneke

European Film Awards 2012
Nomination miglior attrice europea per il film Amour di Michael Haneke

European Film Awards 2012
Premio miglior attrice europea per il film Amour di Michael Haneke

Festival di Venezia 1962
Premio miglior attrice per il film Il delitto di Thérèse Desqueyroux di Georges Franju



Incontro con l'attrice francese, interprete vibrante di Marguerite Duras nell'omonimo adattamento del romanzo 'La douleur'. Dal 17 gennaio al cinema.

Mélanie Thierry: «si può combattere amando appassionatamente»

lunedì 14 gennaio 2019 - Marzia Gandolfi cinemanews

Mélanie Thierry: «si può combattere amando appassionatamente» Nel nuovo film di Emmanuel Finkiel, La douleur (guarda la video recensione), Mélanie Thierry è Marguerite Duras. Leggera e solida. Peso piuma e combattente energica. Senza caricature riesce a cogliere sullo schermo la 'musica' durassiana come solo Emmanuelle Riva prima di lei. Pubblicato nel 1985, "La douleur" è il libro più bello (e più letterario) di Marguerite Duras e si svolge nella Parigi occupata dai nazisti.

Robert Antelme, scrittore e faro della Resistenza, viene arrestato e deportato. La sua giovane sposa, Marguerite, scrittrice e resistente, lo attende e attende sue notizie. In mezzo due uomini, due relazioni e la 'recita' di un'autobiografia pura. Attrice delicata e densa come un diamante, Mélanie Thierry trova la voce intima del suo personaggio e recita lunghi monologhi interiori che accentuano la dimensione incantatoria e ipnotica dell'adattamento di Emmanuel Finkiel. I primi piani intensi sul volto nudo e spogliato dell'attrice, confermano che il dolore del titolo si è preso tutto lo spazio.

La voce off di Mélanie Thierry accompagna le immagini, le precede qualche volta ma non le calca mai. Tra Benjamin Biolay, amico-amante amorevolmente protettivo, e Benoît Magimel, agente-nemico sconvolgente nella sua vile seduzione, Mélanie Thierry è voce (e corpo) che misura le vie di Parigi, è un'ombra dolente che rasenta i muri, è l'ambiguità incarnata di una giovane donna piena di vita in un mondo di lutto e rovina, di una moglie che non ama più il suo uomo ma non osa confessarselo.

Mélanie Thierry rende leggibile la simultaneità dell'aspirazione alla libertà che allontana Marguerite Duras da Antelme e insieme la sua fedeltà feroce al coniuge deportato. E nell'oscillazione tra la speranza indistruttibile e la certezza che è necessario smettere di credere che un giorno il suo uomo tornerà, qualcosa passa nello sguardo dell'attrice, una malinconia improvvisa, fugace, intensa, violenta che evoca quella di Romy Schneider. Sotto i tratti lievi e l'allure naturale, dietro le labbra rosse e i larghi occhi chiari, Mélanie Thierry cattura un'epoca e la restituisce coi sensi.

Come ha approcciato il 'personaggio' Marguerite Duras? Come ha reso visibile la sua prosa? 
Per prima cosa ho cercato di non farne una caricatura. Mi sono protetta dal mito Duras mettendo in atto diverse strategie, rimanendo ad esempio incollata al libro. "La douleur" non è un biopic, non racconta tutta la vita di Marguerite Duras, è un romanzo e Marguerite è l'eroina della (sua) storia. Questo mi ha permesso di approcciarla in 'secondo grado', in maniera indiretta. All'epoca in cui è ambientato il romanzo poi, Marguerite Duras come la conosciamo oggi non esisteva ancora, non era ancora celebre, aveva scritto un solo libro ed era praticamente sconosciuta al grande pubblico.
Mi sono concentrata sulla donna, una donna che attende il ritorno di suo marito. I film ambientati durante la Seconda Guerra Mondiale si sono occupati spesso di eserciti, soldati, nazisti e partigiani, lasciando fuori campo le donne e l'inquietudine dell'attesa, sovente lunga ed estenuante. Mélanie Thierry La liberazione di Parigi è stata certamente un momento incredibile ed esaltante, la gente scendeva in strada gioiosa e la vita riprendeva il suo corso ma le cose non furono così semplici, per molte persone l'attesa si prolungò anche dopo la liberazione. Questo è stato il punto di partenza di Emmanuel Finkiel e a quell'idea il mio personaggio ha aderito. Ho deciso di interpretare una donna che scrive e aspetta, di aggiungere al suo carattere ostinato la mia sensibilità fino a trovare una sorta di evocazione della Duras, attraverso la voce, lei aveva una maniera melodiosa di esprimersi, una musicalità singolare, volava sulle parole. Ho riletto molti brani dei suoi libri, ho visto così tanti documentari su di lei che a un certo punto mi è parso quasi di conoscerla.

Trintignant e Riva raccontano l'esperienza di Amour e il rapporto con Haneke.

Un film sulla morte? No, una storia d'amore

mercoledì 10 ottobre 2012 - Marianna Cappi cinemanews

Un film sulla morte? No, una storia d'amore Mesdames et Messieurs, ecco a voi Jean-Louis Trintignant e Emmanuelle Riva. Due nomi che hanno fatto la storia del cinema francese e non solo (Trintignant ha fatto anche la nostra), riuniti a Roma per un'occasione speciale qual è la promozione di Amour , il film di Michael Haneke che ha vinto la Palma d'Oro all'ultimo festival di Cannes e si prepara ad uscire nelle sale italiane il 25 ottobre, distribuito dalla Teodora Film. Un'occasione speciale, innanzitutto, per la qualità del film, che ha fatto parlare ad alcuni di capolavoro, ha commosso tanti e convinto tutti. Ma anche per la scomodità e l'universalità del soggetto trattato - una coppia di vecchi coniugi che si trova a dover affrontare la malattia sempre più invalidante di lei - e, non ultimo, per il contributo che i due attori hanno saputo dare al film congiuntamente, vale a dire come coppia sullo schermo: un contributo giustamente premiato, innanzitutto in occasione della stessa Cannes.
Sebbene le interviste siano state concesse separatamente, per pure ragioni organizzative, Trintignant e Riva si sono rivelati concordi su due punti fermi: l'ammirazione incontrastata per Haneke, nel quale hanno riposto cieca fiducia, e la certezza che, prima di tutto il resto e sopra tutto il resto, questo sia un film sull'amore, che non poteva chiamarsi altrimenti.

   

Parigi a Piedi Nudi

* * * - -
(mymonetro: 3,17)
Un film di Dominique Abel, Fiona Gordon. Con Dominique Abel, Fiona Gordon, Emmanuelle Riva, Pierre Richard, Frédéric Meert.
continua»

Genere Commedia, - Francia, Belgio 2016. Uscita 17/05/2018.

Hiroshima mon amour

* * * * -
(mymonetro: 4,27)
Un film di Alain Resnais. Con Emmanuelle Riva, Bernard Fresson, Eiji Okada
Genere Drammatico, - Francia 1959. Uscita 28/04/2014.

Amour

* * * * -
(mymonetro: 4,16)
Un film di Michael Haneke. Con Isabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, William Shimell, Emmanuelle Riva, Rita Blanco.
continua»

Genere Drammatico, - Francia, Austria, Germania 2012. Uscita 25/10/2012.

Alibi e sospetti

* * - - -
(mymonetro: 2,25)
Un film di Pascal Bonitzer. Con Miou-Miou, Lambert Wilson, Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Anne Consigny.
continua»

Genere Giallo, - Francia 2008. Uscita 29/05/2009.

Tre colori - Film blu

* * * * -
(mymonetro: 4,10)
Un film di Krzysztof Kieslowski. Con Emmanuelle Riva, Juliette Binoche, Benoit Regent, Yann Trégouët, Florence Pernel.
continua»

Genere Drammatico, - Francia, Polonia 1993.
Filmografia di Emmanuelle Riva »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità