Io e Spotty

Film 2022 | Commedia, 90 min.

Regia di Cosimo Gomez. Un film con Michela De Rossi, Filippo Scotti, Paola Minaccioni, Violetta Zironi, Alessia Giuliani. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2022, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 7 luglio 2022 distribuito da Adler Entertainment. - MYmonetro 3,19 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Io e Spotty tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 7 luglio 2022

Una commedia dai risvolti tragici dove due anime diverse si incontrano e instaurano un rapporto speciale. In Italia al Box Office Io e Spotty ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 4,2 mila euro e 2,2 mila euro nel primo weekend.

Powered by  
Consigliato sì!
3,19/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,57
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Lui, lei e il cane immaginario: Cosimo Gomez confezione una commedia romantica tenera e attenta alla psicologia.
Recensione di Tommaso Tocci
giovedì 30 giugno 2022
Recensione di Tommaso Tocci
giovedì 30 giugno 2022

A Bologna, la venticinquenne Eva è una studentessa di legge fuorisede e fuoricorso, che non riesce più a dare esami e soffre di attacchi di panico. Per non gravare troppo sulla madre lontana, cerca un nuovo lavoro come dog sitter e le risponde Matteo, giovane animatore di cartoni animati. Il ragazzo la invita a casa sua per prendersi cura del cane Spotty, ma all'arrivo Eva si rende conto che sotto le chiazze bianche e nere del pelo c'è proprio Matteo in un costume.

Oggetto filmico in controtendenza nella galassia del nostro cinema, la seconda regia dell'ex scenografo Cosimo Gomez - dopo Brutti e cattivi del 2017 - ne conferma la sensibilità originale come scrittore e ci consegna una girandola pop di tumulti emotivi giovanili, tra il romantico, la commedia e la storia di formazione.

Si parla però anche di salute mentale, con cui sia Eva che Matteo, ognuno a suo modo, fanno i conti. Psicofarmaci e terapia per la prima, un po' schiacciata dalle aspettative accademiche familiari. Per Matteo invece la sfera parentale è segnata da un lutto, e a poco servono i tentativi di avvicinamento di una sorella con una nuova famiglia in costruzione. Il suo rimedio è assumere le sembianze di un cagnone in cerca di qualcuno con cui giocare, motivo che fornisce al film una serie di gag molto riuscite nella parte centrale.

Non è quello però il vero scopo di Gomez, che dimostra di prendere molto sul serio il travestimento di Matteo. Il mood malinconico del film non scende mai davvero nello scherzo e accenna alle difficoltà psicologiche ed emotive dei personaggi con forte compassione. Siamo quindi più dalle parti del Frank di Lenny Abrahamson e del suo sottotesto doloroso che della serie Wilfred. Filippo Scotti, nel frattempo diventato volto noto con la partecipazione a È stata la mano di dio, è perfetto per accentuare questi momenti grazie a una prova sommessa, di sguardi persi, voci esitanti e pose che spesso lo ritagliano verticale contro i fondali.

Michela De Rossi, chiamata a reggere il film in modo più continuativo, afferra la parte della protagonista con il cruciale compito di far accettare e comunicare la premessa della storia allo spettatore, oltre che di creare una ragazza sfaccettata che ha trovato alcuni ostacoli nella realizzazione di sé. Ma l'amore è cura reciproca, e i due hanno parecchio da dare e da sistemare. Si va veloci in Io e Spotty, soprattutto in bici (o a quattro zampe), per una Bologna insolita.

Da autore e regista, Cosimo Gomez ha il dono di saper raccontare il vero, arricchito però con una certa rotonda tridimensionalità e un'apertura al gioco. Non cose da nulla, che rendono Io e Spotty un valido esempio di cinema italiano leggero e insieme autentico.

Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 11 luglio 2022
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Di film con animali parlanti ne abbiamo visti tanti. Uno su tutti: il mitico Ted, orso di pezza dalla parlata sguaiata che permetteva all'adulto-bambino, presente in ognuno di noi, di continuare a vivere nel mondo dell'infanzia. Spotty, cane gigante dal suo musone bianco e nero, è sicuramente meno sguaiato e più silenzioso dell'orsetto di cui sopra, ma a suo modo fa lo stesso lavoro, ovvero tiene [...] Vai alla recensione »

sabato 9 luglio 2022
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Alla sua seconda regia, dopo "Brutti e cattivi" (2017), Cosimo Gomez insiste a materializzare il suo sguardo sghembo. Qui parte dalla situazione precaria di Eva, studentessa di legge fuori sede e fuori corso (ma all'insaputa della madre), che soffre perciò di sensi di colpa e crisi di panico; dopo vari impieghi, cerca lavoro come dog sitter. In montaggio alternato, ci si sofferma su Matteo, che sembra [...] Vai alla recensione »

sabato 9 luglio 2022
Raffaele Meale
Quinlan

L'estate 2022, con un botteghino sempre più monopolizzato dai pochi titoli realmente mainstream a disposizione (l'onda lunga di Top Gun: Maverick e Jurassic World - Il dominio, e ora Thor: Love and Thunder), sta facendo emergere dal sottobosco una serie di titoli italiani abbandonati al loro destino ma in realtà in grado di propagare un'autentica volontà a muoversi fuori dagli schemi usurati e in parte [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

C'è modo e modo per parlare d'amore, ma in pochi lo sanno fare con la delicatezza di Cosimo Gomez, già regista apprezzato di Brutti e Cattivi. Matteo ha 27 anni e crea cartoni animati. È un tipo solitario e intro- verso, con una debolezza: quando torna a casa, indossa un costume da cane e si tra- sforma in Spotty. Tanto da assumere come dogsitter Eva, studentessa fuori corso e dal- la vita precaria. [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2022
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Ragazzo introverso nella vita normale, cane in quella immaginaria, forse desiderata. Cuore di cane di Bugalkov però non c'entra nulla. La vicenda del cane randagio a cui erano stati trapiantati gli organi di un funzionario di partito nel libro dello scritture russo resa come una fiaba grottesca dalla (bella) versione cinematografica di Alberto Lattuada del 1976 incrocia fugacemente Io e Spotty solo [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2022
Claudia Giampaolo
Ciak

«L'amore è quel delicato processo attraverso il quale ti accompagno all'incontro con te stesso». È una frase di Antoine de Saint-Exupéry a ispirare Cosimo Gomez per l'incipit della sua opera seconda, Io e Spotty, presentata in anteprima in concorso al Taormina Film Fest 68 (dove si è aggiudicata il Premio della Giuria Popolare) e nelle sale dal 7 luglio con Adler Entertainment.

martedì 5 luglio 2022
Giulio Sangiorgio
Film TV

Lo si può capire leggendo le news dei giornali online: tra quelle che si diffondono maggiormente ci sono i casi di persone che si sposano con oggetti, uomini e donne che s'innamorano e s'accoppiano con cose, giapponesi che spendono 15 mila euro per comprarsi costumi iperrealistici che li trasformino in cani (questo lo racconta, il 31 maggio 2022, lastampa.

NEWS
TRAILER
venerdì 1 luglio 2022
 

Regia di Cosimo Gomez. Un film con Michela De Rossi, Filippo Scotti, Paola Minaccioni, Violetta Zironi, Alessia Giuliani. Da giovedì 7 luglio al cinema. Guarda il trailer »

[LINK] FESTIVAL
giovedì 30 giugno 2022
Tommaso Tocci

Dopo Brutti e Cattivi, Cosimo Gomez conferma la sua sensibilità originale come scrittore. Presentato a Taormina e dal 7 luglio al cinema. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati