Chiamami ancora amore

Film 2021 | Drammatico

Regia di Gianluca Maria Tavarelli. Una serie con Greta Scarano, Simone Liberati, Claudia Pandolfi, Federico Ielapi, Silvia Gallerano. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2021, Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Chiamami ancora amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Come si fa ad amare così tanto e sbagliare tutto lo stesso?

Passaggio in TV
lunedì 10 maggio 2021 ore 21,25 su RAIUNO

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una storia d'amore tanto complessa quanto reale messa in scena con un'onestà e un coraggio rari nella serialità televisiva italiana.
Recensione di Paola Casella
martedì 27 aprile 2021
Recensione di Paola Casella
martedì 27 aprile 2021

Anna ed Enrico sono sposati da 11 anni, e le cose fra loro non funzionano più. Anna sta per lasciare il marito ma Enrico le ha preparato una festa di compleanno a sorpresa cui sarà presente anche il loro unico figlio, Pietro, e la donna accetta controvoglia di partecipare. Qualche tempo dopo Anna ed Enrico si ritrovano davanti a un giudice e lui, a sorpresa, chiede l'affido esclusivo di Pietro. Entra in scena Rosa, un'assistente sociale che ha il compito di valutare la compatibilità genitoriale di padre e madre, ripercorrendo dall'inizio la loro storia piena di incomprensioni, di segreti e di nodi destinati a venire al pettine.

Chiamami ancora amore, scritta da Giacomo Bendotti e diretta da Gianluca Maria Tavarelli, è una serie in sei puntate che si pone obiettivi alti e coraggiosi perché racconta una coppia di oggi senza nascondersi dietro a quella estetizzazione di facciata ben esemplificata nelle scene iniziali dal video con cui Enrico celebra il compleanno di Anna, azzerandone tutte le ombre.

È di quel tipo di messa in scena della felicità domestica che sono pieni non solo i social e le nostre vite rappresentative, ma anche le cronache nere, ogni qual volta accade un delitto all'interno delle famiglie.

Giustamente dunque Chiamami ancora amore segue più i codici del film investigativo che del melodramma romantico: un'intuizione brillante che comporta anche una costruzione drammaturgica e filmica (nonché un lavoro di montaggio) assai complessa, i cui termini di riferimento sembrano essere il cinema di Noah Baumbach e la serie This Is Us.

La storia tocca impavidamente temi delicati senza schierarsi ma esponendo la stratificazione complicata della vita contemporanea e le dinamiche di coppia spesso implosive all'interno di un vuoto sociale e assistenziale che genera mostri. I due protagonisti però non vengono mai dipinti come mostri, rispettandone l'umana fallibilità. E la famiglia che circonda Anna ed Enrico, che comprende anche amici sensibili e partecipi, è profondamente italiana nella presenza e in una certa qualità dell'attenzione.

La costruzione della storia e il modo in cui Tavarelli ha scelto di filmarla, stando incollato ai suoi personaggi e impedendoci ogni distanza emotiva, funziona in modo magistrale, grazie anche all'intensità dei due attori protagonisti (Greta Scarano e Simone Liberati, in un vero e proprio tour de force interpretativo) e di chi li circonda, da Claudia Pandolfi nei panni di Rosa e Federico Ielapi in quelli di Pietro, per proseguire con gli ottimi Giorgio Colangeli ed Elisabetta De Vito, ma anche Silvia Gallerano e Cristina Pellegrino. E ogni ruolo, anche il più piccolo, ha un tratteggio e un interprete all'altezza.

È raro che il cinema e la serialità italiani affrontino con questa onestà il presente e le dinamiche coniugali, e in passato altri titoli che toccavano il tema della maternità con franchezza, senza romanticizzare la fatica e la solitudine delle neo mamme prive di una rete di supporto e senza colpevolizzarle per le loro temporanee defaillance, sono stati oggetto di critiche e disagio che hanno a che fare con la nostra cultura patriarcale.

Chiamami ancora amore fa leva sulle fragilità e gli errori che in molti, se non tutti, compiono lungo il percorso di coppia e genitoriale, e questo farà sentire meno isolati coloro che stanno attraversando momenti difficili in questi ambiti.

Purtroppo alcuni passaggi della storia fanno presagire la presenza di traumi e misteri alla radice delle azioni dei protagonisti, come se si dovesse fare una concessione alla spettacolarizzazione delle dinamiche relazionali in gioco. Invece in certi buchi neri possiamo tutti cadere con grande facilità: fanno parte della vita e della quotidianità di molti, quella quotidianità che Tavarelli e Bendotti raccontano più che bene, senza bisogno di evocare fantasmi.

Sei d'accordo con Paola Casella?
FOCUS
INCONTRI
lunedì 3 maggio 2021
Ilaria Ravarino

«Anna è una donna in crisi che sta mettendo in discussione la sua vita. È una mamma, una moglie, una lavoratrice: una persona normale che raccontiamo in un momento particolarmente tormentato della sua esistenza». Così Greta Scarano – romana, 34 anni, una carriera solida sbocciata quest’anno con Speravo de morì prima su Sky e un’incisiva apparizione nell’ultimo episodio de Il commissario Montalbano su Rai1 - descrive il suo ruolo in Chiamami ancora amore, la miniserie Rai in 6 puntate che segna la sua seconda collaborazione (dopo la miniserie Mediaset Non Mentire) con il regista torinese Gianluca Maria Tavarelli.

Da stasera su Rai1 con i primi 2 episodi (già disponibili in streaming su Rai Play), Chiamami ancora amore racconta la storia di una “guerra dei Roses” combattuta da due ex coniugi – Anna ed Enrico, interpretato dal romano Simone Liberati – sulla pelle del proprio bambino.  

Lei e Liberati siete estremamente affiatati: come vi siete preparati?
È successo tutto in maniera molto spontanea. Tavarelli non ci ha chiesto di frequentarci prima: io e Simone ci conoscevamo già. Abbiamo fatto delle letture del copione, ci siamo confrontati su alcune dinamiche. Siamo affini. Simone è molto generoso, non è narciso né vanitoso, non si mette mai in competizione. Cosa che con gli attori maschi, devo dire, capita spesso.

Interpretare la maternità senza essere madre è stato difficile?
Io mi sento una persona molto materna, e pur non essendo madre riconosco quel sentimento perché prima di tutto sono figlia. Ho osservato mia sorella, che ha un bambino di un anno e mezzo che ho visto nascere. È il mio primo nipote. Io e lei abbiamo solo 14 mesi di differenza, siamo molto legate. Ho vissuto intensamente la sua gravidanza.

Avete fatto molte prove prima di girare?
No, non tantissime. Siamo partiti con le riprese appena si è potuto. Non avevamo molto tempo. Ma io ero preparata sul testo, perché questo progetto l’ho visto nascere da quando era solo un’idea. Quando sono arrivata sul set mi era già tutto chiaro.

NEWS
NEWS
sabato 24 aprile 2021
Ilaria Ravarino

È il Kramer contro Kramer italiano, una storia d'amore e di rabbia raccontata pedinando i protagonisti - Anna ed Enrico - nei dodici anni in cui la loro relazione si è di volta in volta ferita e saldata, con una nota di mistero che tinge il dramma di [...]

TRAILER
venerdì 23 aprile 2021
 

La storia di un grande amore che sfocia in odio cieco. Su Rai 1 dal 3 maggio. Guarda il trailer »

TRAILER
mercoledì 31 marzo 2021
 

Regia di Gianluca Maria Tavarelli. Una serie con Greta Scarano, Simone Liberati, Claudia Pandolfi. Prossimamente su Rai1.  Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati