Marianne & Leonard - Parole d'amore

Film 2019 | Documentario, Biografico, Musicale, +13 97 min.

Titolo originaleMarianne & Leonard: Words of Love
Anno2019
GenereDocumentario, Biografico, Musicale,
ProduzioneUSA
Durata97 minuti
Regia diNick Broomfield
AttoriNick Broomfield, Leonard Cohen .
Uscitamartedì 3 marzo 2020
DistribuzioneNexo Digital
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Nick Broomfield. Un film con Nick Broomfield, Leonard Cohen. Titolo originale: Marianne & Leonard: Words of Love. Genere Documentario, Biografico, Musicale, - USA, 2019, durata 97 minuti. Uscita cinema martedì 3 marzo 2020 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Marianne & Leonard - Parole d'amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La magia della Grecia e la storia di un amore intenso capace di ispirare alcune delle più belle canzoni del poeta della musica.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
L'amore libero e idealizzato tra Marianne Ihlen e Leonard Cohen, svelato da archivi rari e un coro di voci amiche.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 28 febbraio 2020
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 28 febbraio 2020

1960: il giovane canadese Leonard Norman Cohen scappa dal grigiore di Londra per scoprire Hydra, isoletta del Peloponneso su cui troverà pace, libertà e una piccola comunità cosmopolita di artisti, tra cui la norvegese Marianne Ihlen. Marianne e Leonard prenderanno casa e vivranno insieme per sette anni, sperimentando la calda bellezza locale, il potenziale creativo degli acidi, finalmente slegati da obblighi e convenzioni sociali dei rispettivi ambienti di provenienza: lui figlio dell'alta società ebraica d'ascendenza russa a Montreal, lei madre disinibita e single, in contatto con la controcultura, appena svincolatasi da un matrimonio infelice.

Cohen scrive poesia da quando è adolescente, ma a Hydra, grazie alle cure di Marianne porta a termine una raccolta di poesie e un romanzo ("Le spezie della terra" e "Beautiful Losers", pubblicati in Italia da Minimum Fax) e compone alcuni brani, tra cui Birds On A Wire, Hey, It's No Way to Say Goodbye e So Long, Marianne. Il romanticismo scarnificato di quest'ultima conquisterà generazioni, immortalandoli - lei nella quarta di copertina del suo secondo disco, "Songs From A Room", del 1969 - come una delle coppie più anticonvenzionali e cool della musica del Novecento, quasi delle divinità immortali e abbronzate dell'amore libero.

Quando nel '67 Cohen si trasferisce a New York per tentare di entrare nel music business, superando grazie a Judy Collins il panico da palco e trovando infine la sua voce, la storia d'amore con la Ihlen, che lui invita a raggiungerlo in America con il figlio Axel, resterà inevitabilmente in secondo piano rispetto ai dischi da incidere, la vita al Chelsea Motel, i concerti dai backstage molto affollati e un numero inestimabile di relazioni: l'esperienza del mondo.

Il regista Nick Broomfield, che ventenne arrivò sull'isola proprio nel momento in cui la relazione tra i due stava andando a rotoli, ci informa subito del fatto che lui e Marianne furono brevemente amanti e si tennero in contatto negli anni a venire. Dopo di che il film si articola tra archivi ricchissimi e le voci di alcuni partecipanti a quell'utopica stagione di amore libero ed esplorazione lisergica.

Marianne e Alex in qualche modo saranno sempre presenti, pur a distanza, nella vita dell'autore di "Hallelujah", tallonato dalla depressione e da un inesauribile istinto sessuale, candidamente ammesso dal grande seduttore Cohen. Lei continuerà a ricevere dediche e inviti ai concerti accomodandosi, suo malgrado, nella casella libera di "musa", soprattutto per i fan. E se il film non specifica occasioni e modalità in cui lei sia stata di ispirazione, esplicita invece il prezzo psicologico pagato da lei e da suo figlio Axel.

Marianne & Leonard deve gran parte della propria attrattiva alle foto d'epoca, alle affascinanti riprese in pellicola girate sull'isola dal mitico DA Pennebaker (che le note di regia dichiarano riemerse da un archivio dimenticato) e non meno agli ampi stralci da Leonard Cohen: "Bird On A Wire" di Tony Palmer (1974): un reportage del tour europeo del canadese nel 1972, con molte situazioni da backstage che oggi forse non solo non finirebbero al montaggio, ma a cui non si avrebbe nemmeno accesso.

La sensazione è che più che scavare nella storia d'amore e nella corrente di scambio intellettuale e affettivo tra i due amanti, il ritrovamento di quei materiali preziosi sia l'occasione per imbastire ed enfatizzare un legame invisibile, con il peso vistosamente sbilanciato sulla carriera dell'artista, e rimettere insieme - non senza autocritica, come il passaggio sugli effetti nefasti sulle famiglie trapiantate a Hydra e poi riportate nella società "civile" - i testimoni di una confraternita hippie, lo spirito originario di una rivoluzione culturale seducente, rischiosa e "a tempo".

E anche l'intenzione di trovare a tutti i costi una chiusura del cerchio che sia consolatoria: Marianne e Leonard, che nel 2013, a 79 anni, era in tour con "You Want It Darker", sono morti a meno di quattro mesi di distanza l'una dall'altro nel 2016. In un terzo atto molto sbrigativo, sensazionalistico e poco coerente (per avere un termine di paragone vedere Whitney, firmato da Broomfield con Rudi Dolezal), ciò avviene tramite l'inserimento di due momenti che riguardano Marianne, dal sapore sgradevole di tv trash, e l'ultima corrispondenza (non più) privata.

Da annotare invece la lucida definizione della scrittrice Aviva Layton, amica della coppia: "I poeti non sono grandi mariti. Non puoi averli tutti per te. Sono creature elusive, sposate con le loro Muse". La relazione tra desiderio di compiuta esclusività e impossibilità di realizzarlo non poteva essere meglio detta. Liberi tutti, certo, anche di continuare a sognare sull'eternità di quelle words of love.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
NEWS
POSTER
giovedì 16 gennaio 2020
 

L'ultimo film dell'acclamato regista di documentari Nick Broomfield racconta la bella ma anche tragica storia d'amore tra Leonard Cohen e la sua musa norvegese Marianne Ihlen. Il suo amore iniziò nel 1960 nell'idilliaca isola greca di Hydra e non fu solo [...]

NEWS
mercoledì 15 gennaio 2020
 

Uno sguardo approfondito al rapporto tra il compianto musicista Leonard Cohen e la sua musa norvegese Marianne Ihlen. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati