MYmovies.it
Advertisement
I villeggianti: un film che può sedurre o irritare. Dipende da come si guarda

Non c'è solo autoironia nel film di Valeria Bruni Tedeschi, ma anche la perfetta coscienza dei meccanismi che regolano la rappresentazione della borghesia. Al cinema.
di Roy Menarini

I villeggianti

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Valeria Bruni Tedeschi (54 anni) 16 novembre 1964, Torino (Italia) - Scorpione. Interpreta Anna nel film di Valeria Bruni Tedeschi I villeggianti.
domenica 10 marzo 2019 - Focus

Girava una battuta, prima dell'uscita di I villeggianti in Italia, secondo la quale basta vedere questo film per trasformarsi in gilet gialli. Ambientato all'interno della società alto borghese, intellettuale ed esclusiva del mondo autobiografico di Valeria Bruni Tedeschi, il racconto può al tempo stesso irritare o sedurre, a seconda di come lo si guarda. E nella prima ipotesi, quella cioè di essere snervati dai problemi autoreferenziali dei ricchi e degli agiati, con le loro smanie artistiche e i loro dolori raffinati, ecco che potrebbe nascere il sospetto che I villeggianti sia il film perfetto per rappresentare tutti i difetti delle élite. E scatenare immediate rivolte. Ovviamente, si scherza.

Tuttavia, spostandosi sul piano cinematografico, l'ambiguità non solo rimane, ma si moltiplica. Possibile che Valeria Bruni Tedeschi si senta autorizzata a parlare così ossessivamente (non qui per la prima volta) della sua famiglia, del suo mestiere, dei suoi amici, e di intrecciare in modo così plateale verità e finzione, a proposito della sua vita e di quella dei colleghi famosi (Valeria Golino e Riccardo Scamarcio in primis)? È in grado, questa brava attrice e regista, di reggere sulle proprie spalle le citazioni da Philippe Garrel, il cameo di Frederick Wiseman, le allusioni a La regola del gioco di Jean Renoir, il finale apertamente felliniano?

A tutte queste domande si rischierebbe di dare una risposta superficiale. Ciò che rovescia l'impianto, e che salva I villeggianti dal passatempo per snob, è proprio la consapevolezza. Non solo autoironia, dunque, ma perfetta coscienza dei meccanismi che regolano la rappresentazione della borghesia.

E così, a ben vedere, tutto il film diventa una lunare presa per i fondelli di questa società e di questo cinema. Come se, sottilmente, Valeria Bruni Tedeschi - mettendo in scena il suo personaggio di nevrotica, inadeguata, incerta - ponesse sullo stesso piano tutta la materia narrativa. Quindi non bisogna credere troppo alle citazioni, né pensare che a lei basti l'inside joke intorno al jet set del cinema italo-francese. Lo dimostra il ricorso al comico: le gag stralunate, la regia scombiccherata, la scrittura spiazzante, le singole sequenze al posto di un mosaico più fluido, il montaggio apparentemente casuale con pochi nessi di causa ed effetto tra una scena e l'altra, e così via. E la fiducia nella gag come forma di parodia, se non addirittura di sabotaggio, della credibilità dei personaggi.


I VILLEGGIANTI: VAI ALLA SCHEDA COMPLETA CONTINUA A LEGGERE
In foto una scena del film I villeggianti.
In foto una scena del film I villeggianti.
In foto una scena del film I villeggianti.


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati