Interstellar

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Interstellar   Dvd Interstellar   Blu-Ray Interstellar  
Un film di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow.
continua»
Fantascienza, Ratings: Kids+13, durata 169 min. - USA 2014. - Warner Bros Italia uscita giovedì 6 novembre 2014. MYMONETRO Interstellar * * * 1/2 - valutazione media: 3,87 su 392 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La prova del 9 di Nolan. Valutazione 4 stelle su cinque

di TonyRuggiero


Feedback: 200 | altri commenti e recensioni di TonyRuggiero
martedì 11 novembre 2014

Interstellar è il nono film di Nolan.. io ho un rapporto un pò particolare con questo regista e non posso non parlarne. Innanzitutto, è il più amato in assoluto degli ultimi anni e quando la massa glorifica qualcuno a me sta antipatico a prescindere, sò fatto così, non posso farci nulla. Soggettività a parte, l’ho sempre sopportato poco perchè credo sia un paraculo di quelli infiniti, anzi, interstellari. Il problema è che è sul serio un grandissimo regista, uno che ha un talento smisurato, che potrebbe davvero arrivare ad altissime forme artistiche ma che preferisce fare blockbuster e prendere soldi a palate. Scemo? No ma il cinema è arte e finchè sei un cane (Snyder, Bay) ok, fatti i blockbuster per rincoglioniti e levati di torno ma se sei un potenziale padre eterno, fai cinema e mandali affanculo quando ti propongono il cavaliere al buio. Prima che mi linciate, apro una brevissima parentesi sui cinecomic dato che con Nolan è inevitabile e ci leviamo subito il pensiero: quando chiesero a Cronenberg cosa ne pensasse del successo del Cavaliere Oscuro, rispose, testuale:

La gente che dice che il Cavaliere Oscuro è una suprema forma d’arte cinematografica non sa davvero di che cazzo sta parlando.

Grazie, Maestro.. che piaccia o no, uno che va in giro col mantello a distruggere la mafia nella città più corrotta della storia va bene per un fumetto, non per il cinema. Bene, se dopo questa cosa di Batman è davvero rimasto qualcuno ad ascoltarmi, andrei pure avanti con la recensione.

Interstellar è arrivato in un momento particolare per Nolan perchè è il primo dopo Batman ed è il primo senza Wally Pfister, suo storico braccio destro e direttore della fotografia. Anche la critica a questo punto si aspettava una prova di maturità, uno scatto qualitativo che lo consacrasse autore a tutti gli effetti. Del tipo: ok, hai fatto i soldi, adesso però fai il cinema. Ebbene, Nolan, da paraculo figlio di buona donna qual è, tira fuori dal cilindro Interstellar strappandolo nientepopodimeno che a Steven Spielberg e andando a sfidare sua maestà il genio dei geni Kubrick ed il suo 2001: Odissea nello spazio. Infatti Interstellar è un film di fantascenza classica che parte da un futuro indefinito per arrivare a spingersi al di là del possibile, al di là dei confini più reconditi ed inimmaginabili dell’universo.

Partiamo dal contesto: siamo in un futuro che sa di passato, la Terra è stata colpita da una piaga che sta per portare l’umanità alla fine dei suoi giorni. Un ex astronauta scopre che la NASA sta lavorando in gran segreto per portare l’umanità su un pianeta gemello. Bisognerà attraversare un wormhole, accedere ad un’altra galassia e trovare un pianeta ospitale. A questo punto, si dovrà scegliere tra il piano A (portare materialmente l’umanità terrestre sul nuovo pianeta) o il piano B (installare una colonia genetica che svilupperà ex novo una nuova umanità). Mi fermo perchè il film è da poco uscito e non voglio spoilerare nulla.

Allora, che Nolan fosse un regista spettacolare si sapeva ma, credetemi, ho visto questo film da solo in una sala semivuota ed è stata un’esperienza visiva ed intellettuale straordinaria. Basti pensare che con un budget di 165 milioni di dollari è il film con maggior minutaggio in IMAX nativo, pellicola a 70 millimetri, una roba incredibile. Nolan trova nell’universo l’habitat naturale per sviluppare il suo cinema all’ennesima potenza. E’ Nolan, è riconoscibile, è autore ed è al massimo possibile. La sceneggiatura, scritta a quattromani col fratello, è di ferro e permette all’immancabile montaggio alternato di essere tanto intricato quanto spettacolare e perfettamente coerente. Ma il film non è solo tecnica, attenzione, i personaggi sono costruiti in maniera divina e in un oceano sconfinato di scienza riescono a comunicare sentimenti, paure.. in una sola parola: umanità. Il cast parla da solo, l’ormai indiscutibile McConaughey, il sempre adorabile Caine, la deliziosa e straordinariamente brava Mackenzie Foy. Bravo anche Matt Damon che non è propriamente il mio attore preferito mentre Anne Hathaway e l’attrice che interpreta Murph da grande non mi hanno convinto troppo. La fotografia è affidata all’olandese Van Hoytema che pur non avendo mai avuto a che fare col genere se la cava alla grandissima. Ho letteralmente adorato la scelta di utilizzare modellini e limitare la CGI a dimostrazione che quando vuole, Nolan, sa fare il regista e sa fare film degni di tale nome. Anche la scelta del supporto è da evidenziare. Nolan fa parte insieme ad altri come Tarantino ed Abrams di una lega a favore della salvaguardia della pellicola, sempre più minata dall’ascesa del digitale. Quindi si, stavolta bravo, bravo, bravo Nolan.

Torniamo a quel ragazzo da solo in sala, lo spettatore non può nulla di fronte alla grandezza di questo film, ogni cosa comunica che ci troviamo al cospetto di un opera magna da tutti i punti di vista. Intanto la durata, tre ore e non un momento di noia. Mi sono sentito letteralmente rapito da questa storia incredibile e non era facile fare un film che parlasse di galassie, buchi neri, pentadimensionalità e renderlo perfettamente comprensibile. Tutto torna, stavolta il finale c’è e anche questo era un punto che aspettavo di vedere dato che l’autorialità di Nolan sta anche nei finali tagliati e lasciati alla sensibilità dello spettatore. La trottola che gira però funziona per un film, forse due ma come potrebbe far ancora presa un finale di questo tipo se la gente già sa che ci sarà? Invece qui Nolan va all’eccesso opposto e scrive un finale che più chiuso di così è dura. Anzi, a me sarebbe addirittura piaciuto lasciarla qualcosina alla libera interpretazione. Stavolta il film spiega tutto, tutto e di più. I protagonisti cercheranno per tutto il film il segreto della gravità mentre il centro di gravità permanente dell’impianto narrativo è l’uomo, puro e semplice, l’uomo e tutto ciò che lo rende tale. Tra lo spazio infinito c’è posto per la fede, l’amore, la fede nell’amore, la casa, il senso di appartenenza, il bene superiore, il destino.. che meraviglia! C’è il melodramma, la scena dell’addio tra Cooper e la piccola Murph è potentissima e riesce a commuovere nonostante sia chiaro l’intento del regista di non calcare troppo la mano. Il rapporto padre figlia è comunque una se non la cosa più bella dell’intero film. Un’altra scena piccola, messa lì silenziosa, riuscirà ad avere una potenza disarmante. Quando i nostri quattro esploratori entreranno con la loro astronave nello spazio aperto, Cooper staccherà lentamente le mani dai comandi perchè da lì in poi l’essere umano si ferma, sta entrando in un mondo nuovo, ancora inesplorato e da lì non può che andare a vista. Come chi vede per la prima volta, come un neonato che gattona. Solo un grande regista sarebbe riuscito a comunicare qualcosa di tanto immenso con un’inquadratura di due secondi messa lì per i sensibili, per i romantici. Wow. Pensate la grandezza di mettere come protagonista di un film che parla dello spazio più sterminato l’interiorità di un essere umano. L’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo che si alternano in un tourbillon di emozioni. Finalmente, Nolan, finalmente! Il tempo, lo spazio, financhè Dio, Interstellar riesce a mettere tutto perfettamente in ordine trovando un equilibrio che è qualcosa di sconvolgente.

Avrei voluto avere più tempo per fare questa recensione perchè certi film vanno assimilati bene, vederlo più volte per cogliere a pieno tutte le sfumature. In definitiva ciò che posso dirvi è che mi ha arricchito e fatto stare proprio bene anche una volta fuori della sala quindi ve lo consiglio assolutamente. Mi sono interrogato a lungo anche sul messaggio ultimo e credo sia l’amor che muove il sole e le altre stelle, stelle appunto, come quelle di questo film che galleggiano eterne in un universo reso fialmente del tutto muto da Nolan. Ora la grande domanda: è un capolavoro? Non lo so, non credo. E’ uno di quei film che vanno fatti maturare, dare etichette ora sarebbe stupido anche se comunque non credo siamo ai livelli altri di Kubrick. Nolan però non punta all’indice ma alla luna e va benissimo così.

[+] lascia un commento a tonyruggiero »
Sei d'accordo con la recensione di TonyRuggiero?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
57%
No
43%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di TonyRuggiero:

Interstellar | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | antonio montefalcone
  2° | ardoedo
  3° | ilpoponzimo
  4° | jacopo b98
  5° | ashtray_bliss
  6° | the jester
  7° | parieaa
  8° | cress95
  9° | francescom94
10° | alessiok
11° | 38ogeid
12° | mattia li puma
13° | parisioclaudio88
14° | marce84
15° | fedson
16° | jaylee
17° | misterwinter
18° | snozzillo
19° | willywillywilly
20° | iuriv
21° | mardou_
22° | catcarlo
23° | degiovannis
24° | gadoraid
25° | killbillvol2
26° | renatoc.
27° | forgy
28° | gabryhope95
29° | dave69
30° | willparry
31° | rustincohle
32° | sandy halles
33° | miranbaricic
34° | thega
35° | khaleb83
36° | veronica c
37° | alexander 1986
38° | tonyruggiero
39° | iuriv
40° | borro11
41° | yurigami
42° | gian_90
43° | gentlewolf
44° | nellyty
45° | bigpask
46° | luca cinemaniacs
47° | giak96
48° | isaiavonfingan
49° | kronos
50° | paulnacci
51° | angelo bottiroli - giornalista
52° | jayan
53° | andreafalci
54° | nineteen
55° | mrgm1221
56° | savio 86
57° | filippo catani
58° | fabal
59° | greyhound
60° | great steven
61° | enrimaso
62° | fedemug87
63° | lo_polpo_ideale
64° | antonio
65° | giulio andreetta
66° | gdahlia
67° | lele95sartorato
68° | nico_c
69° | cress95
70° | roger glover
71° | giulioct
72° | tarantinofan96
73° | floridiano
74° | spock88
75° | tiazgasolio
76° | mtosco
77° | william anonimo
78° | arbi!
79° | luca9892
80° | davidgiovanelli
81° | gallomatt
82° | bruce wayne
83° | ombri
84° | elothen.
85° | shiningeyes
86° | gatsby97
87° | vincenzo ambriola
88° | sebastian13
89° | santiago81
90° | kondor17
91° | goliadkin
92° | intothewild4ever
93° | watchdat
94° | simofloyd
95° | luca biondo
96° | frankisssimo
97° | evildevin87
98° | thedust67
99° | thedust67
100° | leonidaxx
101° | mikymiky67
102° | landscape
103° | freaks!
104° | riccardo bassi
105° | melvin ii
106° | zonagloria
107° | nerone bianchi
108° | storie di cinema
109° | hector ternaz
110° | orion84
111° | polpietromicale
112° | lindermann
113° | stericci85
114° | myddr
115° | massimo
116° | dragoneme
117° | clavius
118° | dandy
119° | nino pell.
120° | enabram tain
121° | luca agnifili
122° | zarar
123° | the_diaz_tribe
124° | hitman97
125° | albydrummer
126° | giorpost
127° | bacieabbracci
128° | pao_1093
129° | vito spericolato
130° | silvy
131° | alex22
132° | luigiruf
133° | lucananni93
134° | fabrizio costa
135° | ceresfelipe
136° | gianleo67
137° | weach
138° | indiepercui
139° | tavanteros
140° | chebelletetteflo
141° | slp92
142° | flowerlike14
143° | keyser.soze
144° | cinemaniac98official
145° | strikefight
146° | jackmalone
147° | krant
148° | zenostar
149° | pelgrana
150° | baud14
151° | michele
152° | alex01
153° | peer gynt
154° | nicola1
155° | mirko bradley
156° | lovilove
157° | fortesque
158° | rainsaint
159° | silvano bersani
160° | epika
161° | jesuiscarlos
162° | weach
163° | weach
164° | weach
165° | lorenzo iorio
Premio Oscar (14)
Golden Globes (2)
Critics Choice Award (8)
BAFTA (12)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 25 novembre
High Life
Galveston
martedì 17 novembre
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledì 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedì 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledì 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledì 28 ottobre
La partita
mercoledì 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità