Outing - Fidanzati per sbaglio

Film 2013 | Commedia 90 min.

Regia di Matteo Vicino. Un film con Nicolas Vaporidis, Andrea Bosca, Massimo Ghini, Claudia Potenza, Giulia Michelini. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2013, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 28 marzo 2013 distribuito da Iervolino Entertainment. - MYmonetro 2,34 su 35 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Outing - Fidanzati per sbaglio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nicolas Vaporidis e Andrea Bosca interpretano due amici pugliesi che si fingono gay per ottenere il finanziamento necessario ad avviare un atelièr di moda. In Italia al Box Office Outing - Fidanzati per sbaglio ha incassato 186 mila euro .

Outing - Fidanzati per sbaglio è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,34/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,19
CONSIGLIATO NÌ
Un film in bilico tra spinta innovativa e seduzione della risata facile.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 20 marzo 2013
Recensione di Paola Casella
mercoledì 20 marzo 2013

Riccardo, 31 anni, è un aspirante stilista che non riesce a trovare l'opportunità di esprimere il proprio talento nella Puglia dove è nato e cresciuto. Federico, suo coetaneo e suo migliore amico, è un eterno disoccupato il cui passato nasconde uno svantaggio di partenza difficile da colmare. Quando Riccardo parte per Milano con la fidanzata Lucia, sperando di essere scoperto dal mondo della moda, Federico viene a sapere di un bando che mette a disposizione in Puglia fondi europei per giovani coppie di fatto con un progetto imprenditoriale. Da lì ad immaginarsi coppia di fatto con Riccardo e richiamarlo nella terra natia il passo è breve: bisognerà però convincere la commissione incaricata di assegnare i fondi circa la credibilità della loro relazione.
Il film scritto, diretto e montato da Matteo Vicino ha due anime, e due opposte tendenze (se ci si perdona la... variazione sul tema), un po' come l'Italia che descrive. La prima è onesta, coraggiosa e innovativa nel tentare strade espressive originali e affrontare tematiche di grande attualità, come l'umiliazione del merito e la mancanza di occasioni, soprattutto al sud, e soprattutto per i giovani. La seconda invece cede al fascino della seduzione della farsa e della battuta gratuita, soprattutto nel ritratto clownesco dell'omosessualità, ma anche nel proporre soluzioni facili a problemi complessi, e nel perpetuare la validità del ricatto, seppure a fin di bene.
La struttura circolare della storia riannoda i fili tesi in modo interessante dall'incipit, ma lascia troppo spazio nella parte centrale alla seduzione della risata facile e ad una irrealtà che, se nella parte iniziale è scelta stilistica accentuata da un'altissima definizione che rende surreali contesti e situazioni amaramente riconoscibili, nella parte centrale diventa ammiccamento al gusto del grande pubblico, livellato verso il basso da decenni di fiction televisiva e dal cinema che l'ha inseguita.
Peccato, perché Vicino ha gli istinti narrativi giusti, e la giusta indignazione. Ma il pubblico italiano, soprattutto quello giovane, è già pronto a vederli esplicitati in modo più diretto e meno mediato dalle esigenze del box office. Diamogli questa opportunità, e un po' più di fiducia.

Sei d'accordo con Paola Casella?
OUTING - FIDANZATI PER SBAGLIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 3 aprile 2013
renato volpone

Più simile ad una sit-com televisiva che ad un prodotto cinematografico questo film racconta di due ragazzi sfortunati nel lavoro che si improvvisano gay per ottenere un finanziamento pubblico destinato a coppie di fatto. La sceneggiatura si basa su una lunghissima serie di luoghi comuni e di preconcetti per portare il pubblico alla risata,  in alcuni casi anche riuscendoci, ma con un sapore [...] Vai alla recensione »

sabato 30 marzo 2013
Claudiotto

Un film con una bella fotografia, che esalta le bellezze naturali della Puglia; un'ottima presa diretta del sonoro (cosa inusuale per una pellicola made in Italy); ottime interpretazioni da parte di Vaporidis, Michelini e Ghini (che secondo me si è divertito molto nella parte del gay nascosto). Oltre a questo però, non c'è nulla. Il ritmo è lentissimo, e la regia+montaggio non è assolutamente accettabile [...] Vai alla recensione »

martedì 2 aprile 2013
lumork

Sono stato al cinema sabato scorso a vedere questa commedia di Matteo Vicino, dopo aver goduto qualche tempo fa la sua opera prima Young Europe, un film che non mi vergognerei a definire d'autore. Sebbene mi aspettassi una pellicola del tutto diversa, sono stato positivamente colpito. Gli attori sono tutti bravissimi, in particolare lasciano un segno Riccardo Leonelli, che nel ruolo del cattivo [...] Vai alla recensione »

martedì 22 luglio 2014
Trammina93

Il film ha delle idee di base carine ma sono sviluppate male, soprattutto a causa della recitazione dei due protagonisti, in particolare Vaporidis. Non ho mai visto un film fatto bene con Vaporidis, sarebbe capace di rovinare qualsiasi film, quindi sicuramente qui non poteva succedere un miracolo.Partiamo dal fatto che la trama tratta di due amici pugliesi eterosessuali che si separano perchè [...] Vai alla recensione »

martedì 16 agosto 2016
Jojakk87

Questa commedia rappresenta a tutti gli effetti un tentativo fallito di coniugare le risate con la riflessione sul tema dell'omosessualità. Riguardo a quest'ultimo argomento non si registra nulla di nuovo rispetto a quanto sia già stato detto e trattato nella filmografia italiana e non. Anzi, qui lo si fa anche con una certa superficialità.

venerdì 22 marzo 2013
donag

per le amanti di lui da vedere

venerdì 22 marzo 2013
katiabrega

salve! vorrei segnalare 3 imprecisioni nelle prime righe di questa recensione che andrebbero prontamente corrette: 1) riccardo NON è un aspirante stilista che non riesce a esprimere il proprio talento in Puglia, ma va a Milano a frequentare l'università e non sa ancora cosa vuol fare nella vita. 2) riccardo NON va a Milano con la fidanzata, poiché la conosce durante il viaggio.

martedì 2 aprile 2013
sarastef88

Si muore dal ridere, si riflette sulla situazione italiana per niente meritocratica e si esce dal cinema con qualcosa su cui riflettere. Assolutamente da vedere!

martedì 2 aprile 2013
sarastef88

Un film divertentissimo e per nulla volgare. Nel suo genere, che mescola commedia e denuncia sociale, un piccolo capolavoro. Attori bravissimi!

mercoledì 4 settembre 2013
fragolina81

Incredibile come il regista sia riuscito a rendere attori bravi, attori di teatro, completamente incapaci di recitare, di comunicare, di esprimere qualsiasi emozione nonché di trasmetterne. Tutto il film è girato a scatti senza  motivo o almeno sfugge ai più. L'unica giustificazione è che il regista abbia voluto dimostrare le sue conoscenze, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 aprile 2013
marigiò

Ottimo film, ottimi attori, bella sceneggiatura e, perchè no, divertentissime risate da commedia e di tanto in tanto momenti drammatici che ti fanno pensare all'Italia e ai suoi poteri malati. Nessun personaggio ne esce pulito sia chiaro, tutti alla fine sono un po' collusi col potere come Luigi (un bravissimo Riccardo Leonelli) e Marialuisa (un'esilarante Camilla Ferranti) oppure [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 aprile 2013
Tevere

Il film è composto da due storie che si intrecciano: la prima è quella di due amici che inseguono il sogno di diventare stilisti e che sono costretti a fingersi gay per ottenere un finanziamento statale per aprire il loro atelier; la seconda è quella della giornalista Carlotta, impegnata nello svolgimento di un'inchiesta delicatissima su un malvivente pugliese e sul suo clan.

venerdì 21 marzo 2014
marco rossini

Un penoso tentativo di strappare il biglietto all'Italia ignorante della quale è un drammatico documentario. Il tutto a regola d'arte di mediocrità con sceneggiatura e recitazione degne di un bambino di 5 anni che però sarebbe molto piu soddisfatto con una puntata dei teletubbies. Un consiglio per l'italiano ignorante: con colorado cafè si divertirà di piu, gratuitamente.

sabato 8 marzo 2014
Feccino71

Battute scontatissime, recitazione impacciata, scene esagerate e poco verosimili. Non c'entrano nulla i pochi mezzi a disposizione, sono proprio i dialoghi ad essere fatti male. Mancano le basi, anche con milioni di budget sarebbe stato lo stesso un film mediocre. 

lunedì 21 ottobre 2013
Kyotrix

Eppure dai provini credevo meglio, ma c'e' poco da fare, il livello e' questo. Regia, scene con comportamenti ridicoli, recitazione, mediocre. Salvo questa Giulia Michelini, che non conoscevo, oltre che carina sembra avere delle potenzialita', vedremo in futuro.

lunedì 23 settembre 2013
Onufrio

Commedia che tocca buona parte dei tasti maggiormente gettonati negli ultimi periodi: La crisi economica, la ricerca di un lavoro, la tematica sull'omosessualità, e le solite maschere che la gente usa davanti alle persone..insomma,come in un racconto Pirandelliano, la gente recita a soggetto. L'idea di fondo è stuzzicante, ma è tutto così vago, così superficiale, [...] Vai alla recensione »

martedì 9 aprile 2013
SERA711

FILM DIVERTENTE, CON UNA BELLISSIMA FOTOGRAFIA ,REGIA AZZECCATA CON TAGLIO INNOVATIVO,GLI ATTORI FUNZIONANO. LATO NEGATIVO QUALCHE BATTUTA SCONTATA.LO CONSIGLIO UNA COMMEDIA ALTERNATIVA

mercoledì 3 aprile 2013
Tevere95

5 stelle all'interpretazione dell'attrice Giulia Michelini. Film da vedere.

domenica 25 settembre 2016
Luke92

Meno di una stella non si può dare? Ho avuto la sfortuna di incappare in questo film su Netflix. A metà ho dovuto spegnere, pareva un cortometraggio dell'oratorio. Una sceneggiatura pessima e una regia da piangere. Piangere davvero! Poveri attori… ma come si fa a fare film del genere? Il riferimento a Ilaria Alpi è la cosa che più mi ha fatto imbestialire; citarla [...] Vai alla recensione »

martedì 9 aprile 2013
bit86

Premetto che non sono un critico ma ho studiato cinema , Ho visto questo film con amici e colleghi è le impressioni sono le seguenti: il film e' molto bello a tratti un po' lento in particolare all'inizio, con una regia giovane con movimenti di macchina veloci alternati ad inquadrature statiche, le musiche esaltano le scene del film seguite da un montaggio veloce che rende il film stimolante.

giovedì 4 aprile 2013
ralphscott

Non posso negare che qualche buona idea ci sia,ma nel complesso il livello é quello di una fiction della Rai che,in realtà,ha fatto prodotti dove il tema dell'omosessualità non é trattato in maniera altrettanto imbarazzante e falsamente progressista. Come si può ancora accettare che nel nostro paese vengano girate pagliacciate di questo livello? Ridateci "La patata bollente" o i vari Vizietti,dove [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 aprile 2013
marigiò

Nel suo genere un piccolo capolavoro di comicità. Tutti bravissimi.

sabato 5 luglio 2014
stefano bruzzone

 diciamolo...facile prendere 2 attori e fargli fare i finti gay, si ride fisso. Non con l'intenzione di sbeffeggiare gli omosessuali, e il film potrebbe scivolare su questa buccia, ma per le situazioni ridicole nelle quali, di norma, si viene a trovare un eterosessuale che tenta di fare l'effeminato.Ricordiamo interpretazioni memorabili di Tognazzi ad esempio, con il dovuto rispetto e [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 aprile 2013
arturossi

Una pellicola per niente scontata, divertente, frizzante, con un cast eccezionale ed una regia innovativa, poiché unisce alla commedia la denuncia di una Nazione antimeritocratica e che premia le lobby di potere. Complimenti per il coraggio e l'innovazione.

domenica 14 aprile 2013
Acquabrillante

venerdì 12 aprile 2013
carlito72

Salve a tutti, sono il regista e "cado nella trappola" di rispondere alle critiche. Il mondo del cinema di Roma, una parte nuova di esso, mi ha chiesto "una commedia" considerando l'idea di "due che si fingono gay" un capolavoro di modernità e profondità comica. Ho preso il lavoro e ho cercato, in rispetto dei produttori, di fare un prodotto divertente, [...] Vai alla recensione »

martedì 9 aprile 2013
bit86

il mio giudizio e delle persone che mi accompagnavano e positivo.Il film e divertente la fotografia e molto bella paesaggi e atmosfere suggestive.Le musiche sono gradevoli gli attori sono credibili in particolare Massimo Ghini,Claudia Potenza e Andrea Borsca.Un film che ci ha divertito !!! lo consiglio,superiore a molte commedie pubblicizzate di piu' una pecca e proprio questa.

giovedì 4 aprile 2013
giuly1989

La commedia italiana non ha niente da invidiare a quella francese. Questo film è divertente e per nulla scontato. Mi sono divertita tanto e alla fine, quando i due ragazzi riescono finalmente a ottenere quello per cui hanno tanto lottato, seppure non nella totale correttezza, mi sono anche commossa. è un film che dà speranza ai giovani in un Paese in cui ti costringono a truffare. [...] Vai alla recensione »

sabato 30 marzo 2013
vandamme84

ma perchè occupare una sala per mandare questa roba??

mercoledì 3 aprile 2013
MAMMUT

finalmente il cinema italiano stava iniziando a carburare, viva l'italia - viva la libertà - benvenuto presidente - buongiorno papà, e poi è arrivata sta 'cosa'. Dialoghi pessimi, scene messe lì per caso, evidenti contraddizioni, sceneggiatura alla rinfusa. da non vedere

sabato 30 marzo 2013
rossellaoara

Scrivo per una fanzine e metterò la mia recensione a breve. Intanto dico questo. Cose da promuovere: Ghini, Michelini, Benedetta, Vaporidis Cose da bocciare: regia (non lo conosco), sceneggiatura, Bosca Film con qualche spunto comico e, in genere, una lavoro onesto degli attori (brave le attrici). Si basa purtroppo su una sceneggiatura debole (alcuni dialoghi tra Vaporidis e Bosca sono [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 aprile 2013
passito

E' sicuramente il film più brutto che io abbia mai visto. 

Frasi
A proposito di citazioni, lo sapete cosa diceva la giornalista Ilaria Alpi riguardo al perseguire la veritá? Niente. Perché l'hanno ammazzata prima che potesse dirlo. Curiosi questi granelli di sabbia, no? Vengono schiacciati, però ci provano comunque.
Carlotta (Giulia Michelini)
dal film Outing - Fidanzati per sbaglio - a cura di Azzurra
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il sogno di due amici è di aprire un atelier e dare una svolta alla loro vita. Mancano i soldi, però. E se si fingessero gay per ottenere, come coppia di fatto, i fondi istituiti dalla Regione Puglia? Il problema è essere credibili e superare l'esame di una meticolosa funzionaria. Una commedia italiana ma dal taglio più europeo per denunciare le poche opportunità riservate ai giovani, lo scandalo delle [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Per ottenere il finanziamento dalla Regione alle coppie di fatto e aprire così un ateler di moda a Monopoli, gli amici d'infanzia Federico (Nicolas Vaporidis) e Riccardo (Andrea Bosca) si fingono gay. Una commedia zeppa di situazioni goliardiche e pierineschi doppi sensi ( «Coola Toon»), dove comunque si ridacchia. Con l'improbabile direttore di Puglia Oggi, Massimo Ghini, che si mette il rossetto [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati