Aldo Moro - Il presidente

Film 2008 | Drammatico

Regia di Gianluca Maria Tavarelli. Una serie Da vedere 2008 con Michele Placido, Marco Foschi, Libero de Rienzo, Donatella Finocchiaro, Massimo De Rossi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2008, - MYmonetro 4,03 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Aldo Moro - Il presidente tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il percorso politico dello statista democristiano, dal suo 'compromesso storico' con la sinistra, alla sua prigionia e al rapporto con i brigatisti.

Consigliato assolutamente sì!
4,03/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,56
ASSOLUTAMENTE SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Una fiction che pone domande, solleva dubbi e perplessità sulle controversie del caso Moro.
Recensione di Nicoletta Dose
Recensione di Nicoletta Dose

La tragica vicenda del sequestro Moro è da sempre oggetto di numerose inchieste giornalistiche. E sia il cinema che la letteratura hanno tentato, con svariati risultati, di indagare nelle contraddizioni dei politici e dei media che hanno caratterizzato quel momento così burrascoso e contradditorio. Fino ad oggi, dopo il documentaristico Il caso Moro, il più televisivo Piazza delle Cinque Lune e Buongiorno, notte che denuncia in modo veritiero i fatti storici lasciando anche lo spazio ad incisi surreali, non si era ancora vista una fiction del piccolo schermo che delineasse il corso delle delicate controversie sulla cattura del presidente democristiano.
Il film di Tavarelli riempie il vuoto con un ritratto sincero, racconta l'uccisione della scorta di Moro, il dramma della piccola prigione nell'appartamento di via Montalcini fino all'uccisione e il ritrovamento del corpo il 9 maggio 1978. Mostra le diverse parti in gioco e alterna le discussioni dei politici a quelle dei brigatisti coinvolti nell'operazione. Se nelle aule di Montecitorio i nomi di Cossiga, Zaccagnini, Fanfani e Andreotti proclamano la linea della fermezza, escludendo qualsiasi tipo di concessione alle BR, dall'altra parte in via Gradoli, covo del terrorista Mario Moretti e degli altri complici, si delineano le tappe di un processo popolare armato che non ammette repliche di nessun genere. Gli snodi narrativi della vicenda, ben calibrati e ritmati, spezzano la trattativa tra le parti, entrambe paradossalmente "complici" della condanna a morte di Aldo Moro. A restare sole e disperate, in questo insieme di bugie e tentennamenti che ancora oggi non hanno trovato una spiegazione soddisfacente, scorrono le parole del detenuto. In lunghe lettere piene di affetto, raffinate e colte, Moro cerca un canale di comunicazione con l'esterno; scrive ai compagni di partito, ai familiari e a Papa Paolo VI, ma tutti sono d'accordo nel richiedere la sua liberazione, "semplicemente, senza condizioni".
La fiction offre uno spaccato realistico della vicenda, dà spazio a tutte le personalità coinvolte, senza dare giudizi affrettati o mistificatori. Lascia alla morale dello spettatore la libertà di opinione, trasmette dubbi e perplessità, riflette sulle domande rimaste senza risposta. Per raccontare una delle più gravi crisi sociali della storia italiana, riuscire a esimersi da dare sentenze frettolose, è già un buon punto di partenza. Solo un'accusa risuona chiara nell'evoluzione degli accadimenti: i ritardi burocratici dei servizi segreti, colpevoli di aver rallentato autorizzazioni e perquisizioni chiave che avrebbero aiutato, forse, a scoprire il luogo dove si trovava Moro. Si riapre così una vecchia questione rimasta fino ad oggi senza chiarificazione.
Il cast artistico, da Michele Placido nei panni dell'onorevole Moro a Marco Foschi in quelli di Mario Moretti, alle brigatiste donne interpretate da Valentina Carnelutti, Donatella Finocchiaro e Giulia Michelini, si dimostra preparato, attento alle sfumature. In questo modo, grazie alla puntualità del loro lavoro e ad una regia posata che si sofferma sui volti dei personaggi, lo sceneggiato supera le regole vincolanti della docu-fiction per approdare ad un risultato che funge da tassello alla memoria storica del paese.
E se il film non prende le parti di nessuno, nel commovente finale si sbilancia sulle ultime testimonianze di Moro, scritte poco prima di andare incontro alla morte, parole dure che si trasformano in un punto di domanda al quale è difficile rispondere: e se nell'aldilà "ci fosse luce, sarebbe bellissimo. Ma tutto è inutile quando non si vuole aprire la porta". Una disperata dichiarazione d'amore per la verità, una sommessa richiesta ad indagare nei segreti della storia perché tutto è perso se non si è capaci di ricordare il passato.

Sei d'accordo con Nicoletta Dose?

ALDO MORO - IL PRESIDENTE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€49,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 3 maggio 2010
Luca Scialo

Il film per la tv propone la storia del rapimento da parte delle Brigate rosse di Aldo Moro, Presidente della DC, ritenuto dal gruppo estremista la figura più influente all'interno del partito. Paradossalmente però, è proprio Moro a volere una possibile alleanza con il Pci, in un periodo molto delicato qual è stato quello degli anni di piombo.

Frasi
Per fare bene una cosa, occorre tutto il tempo che occorre.
Una frase di Aldo Moro (Michele Placido)
dalla serie Aldo Moro - Il presidente - a cura di ARENIELLO AGOSTINO
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati