La città proibita

Film 2006 | Drammatico 111 min.

Titolo originaleCurse of the Golden Flower / Man cheng jin dai huang jin jia
Anno2006
GenereDrammatico
ProduzioneCina, Cina
Durata111 minuti
Regia diZhang Yimou
AttoriChow Yun-Fat, Li Gong, Jay Chou, Ye Liu, Chen Jin, Ni Dahong Li Man, Qin Junjie, Dahong Ni, Junjie Qin, Jin Chen.
Uscitavenerdì 25 maggio 2007
TagDa vedere 2006
MYmonetro 3,63 su 74 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Zhang Yimou. Un film Da vedere 2006 con Chow Yun-Fat, Li Gong, Jay Chou, Ye Liu, Chen Jin, Ni Dahong. Cast completo Titolo originale: Curse of the Golden Flower / Man cheng jin dai huang jin jia. Genere Drammatico - Cina, Cina, 2006, durata 111 minuti. Uscita cinema venerdì 25 maggio 2007 - MYmonetro 3,63 su 74 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La città proibita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il ritorno a casa dell'imperatore per le feste del Chong Yang farà emergere terribili segreti. In Italia al Box Office La città proibita ha incassato 1,4 milioni di euro .

Passaggio in TV
venerdì 22 giugno 2018 ore 9,30 su RAISTORIA

La città proibita è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,63/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 2,92
PUBBLICO 3,45
CONSIGLIATO SÌ
Uno straordinario affresco corale, dalla rara bellezza visuale.
Recensione di Letizia della Luna
Recensione di Letizia della Luna

C'era una volta, nella Cina del decimo secolo, la grande dinastia dei Tang. Nella città imperiale lo sfarzo e la ricchezza si respirano in ogni dove. L'imperatore, l'imperatrice e i loro figli sono serviti e riveriti da uno stuolo di servitori adoranti. Ogni minima azione quotidiana avviene nel rigore e nel rispetto di rituali millenari, nella magnificenza quasi surreale di un mondo estetizzato e dorato. Ma, come in ogni famiglia e favola che si rispettino, il male, il segreto, l'intrigo sono dietro l'angolo. La famiglia imperiale nasconde segreti inconfessabili fino al giorno in cui, durante la festa del Chong Yang, la festa dei crisantemi legata alla famiglia e alla sua solidità, ogni minimo intreccio verrà disvelato. Un'epica battaglia metterà fine a tutti i misteri.
Il grande Zhang Yimou conclude così la sua trilogia dedicata ai wuxiapan, ovvero il genere cinematografico "cappa e spada" alla cinese; la trilogia, iniziata nel 2002 con Hero, proseguita nel 2004 con La foresta dei pugnali volanti, termina con questo straordinario affresco corale, una sorta di tableau vivant, in cui infinite masse umane prendono lentamente il sopravvento sulla scena fino a sovrastare magnificamente il grande schermo.
Niente è risparmiato in questo sconfinato ritratto in cui Zhang Yimou sembra davvero concedere tutto se stesso: pennellando sarcasticamente e causticamente l'amata Cina, omaggiando ma insieme deridendo una serie di ataviche tradizioni, con una bellezza visuale davvero rara. In un perfetto connubio tra racconto e forma artistica: mentre infatti emerge fortissima la critica all'assoggettamento incondizionato dell'essere umano in virtù di un'impellente urgenza interna di ribellione e autodeterminazione (esemplare è la figura della musa Gong Li, qui in stato di grazia, nei panni dell'imperatrice ribelle e della donna libera), contemporaneamente regia, fotografia, effetti speciali si fondono soavemente per rendere l'opera cinematografica un importante esempio di arte, con la A maiuscola.
Realista e insieme onirico, Zhang Yimou ancora una volta, ancora di più, dimostra quanto immenso sia il suo cinema, nella sua immaginifica e poetica essenza.

Sei d'accordo con Letizia della Luna?
LA CITTÀ PROIBITA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 22 ottobre 2010
Brandon

Dramma ottimo nalla messa in scena, però le sequenze dei combattimenti sono quasi nulle quindi il paragone coi precedenti film del regista HERO e LA FORESTA DEI PUGNALI VOLANTI è del tutto inopportuno così come risulta fuorivante collocarlo nel genere wuxia. Gli attori sono tutti bravissimi, Chow Yun-Fat e Gong Li in particolare e le atmosfere ben create, mentre la narrazione [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 agosto 2012
enigammi

il film è un racconto mitologico. la trama è molto semplice, con tanto di non-lieto fine, come ogni racconto mitologico che si rispetti; le descrizioni delle azioni sono arricchite e ridondanti come quelle di un'iliade o un'odissea orientale, fatte di sequenze di immagini invece che di parole. il fulcro della trama è una guerra, prima sottile e covata segretamente, e poi [...] Vai alla recensione »

sabato 13 luglio 2013
ShiningEyes

“La città proibita” ha un effetto visivo abbagliante, pieno di colori vivacissimi e dorati, masse umane immense che si muovono simultaneamente, con precisione chirurgica e scenografie di rara bellezza; il fascino grandioso della dinastia Tang è portato allo schermo in una cornice splendida che ci delizia gli occhi. Il wuxiplan, genere che ricorda il nostro “Cappa [...] Vai alla recensione »

sabato 25 agosto 2012
andyflash77

  Costruita a partire dal 1406, la Città Proibita è stata per cinque secoli la reggia degli imperatori cinesi, da Yong Le, della dinastia Ming, fino a PuYi, l'ultimo imperatore, deposto nel 1911 a seguito di una rivolta popolare. Complesso architettonico grandioso, la Città Proibita è una città nella città, con i suoi 720.

giovedì 18 novembre 2010
marine

sono rimasta incantata dalla prima all'ultima scena. bellissimi i personaggi, le scene, i colori, le atmosfere, le ambientazioni, gli assalti dei ninja, bellissimo tutto, penso di nrivederlo.... magari prossimamemte in tempi abbastanza ravvicinati... complimenti a tutti, regista, scenografi, costumisti, truccatori, attori eccetera...

mercoledì 22 luglio 2009
LUCIDO71

Film maestoso, con scenografie e coreografie insuperabili, mai viste!! CONSIGLIATO sicuramente ( e + giuste 3,5 stellettone): trama discreta; cosiccome i dialoghi e gli effetti speciali cui Zhang ci ha deliziato da tempo; costuni e fotografia impareggiabili... vera Arte, Poesia cinematografica ed Eleganza Orientale: ci inchiniamo a tale maestria. Non meritevole del top a 5 stelle, solo xché la prima [...] Vai alla recensione »

domenica 14 marzo 2010
trick'r treat

  Dopo Hero e La Foresta dei Pugnali Volanti il bravissimo Yimou abbandona i combattimenti per aria e ci porta nella Citta Proibita. Ambientazioni da urlo e Gong Li da premio Oscar

domenica 5 luglio 2009
shining

non riesco a trovare un aggettivo per definire questo film!

domenica 3 maggio 2009
damned soul

splendido veramente

mercoledì 27 settembre 2017
Bruno Bruscoli

attori,costumi,fotografia,dialoghi, effetti speciali grandiosi e spettacolari a tal punto da lasciare senza fiato

lunedì 27 agosto 2012
Lorelay

Talmente drammatico da rasentare l'ilarità. Almeno la mia. Una trama degna di "Beautiful"   Spettacolare!!! Questo si. E' davvero uno spettacolo per gli occhi grazie a tutte le sontuosità, i colori.... 

domenica 5 febbraio 2012
dario

La storia fa fatica a dipanarsi, è confusa e monotona. Mancano idee. Visivamente, però, è un signor film e la regia, nonostante le difficoltà per la pochezza della vicenda, è davvero notevole. Interpretazione solenne, ma statica e troppo ricercata. Il melodramma domina tutto quanto, si riscatta quando entrano in gioco l'azione e le scene di massa (raramente tanto [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 novembre 2010
Roberto

Come disse il grande Paolo Villaggio, nel ruolo del grande Fantozzi, a proposito della Corazzata Potemkin di Eisenstein, questo film E` UNA CAGATA PAZZESCA! Certo, dal punto di vista visuale/effetti speciali/scenografia, e` sontuoso; ma questa e` roba che costa poco nell'epoca digitale. E` la storia che e` deprimente, ripugnante, e a dir poco improbabile.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Ebbrezza del lusso: nel nuovo fil di Zhang Yimou, "La Città Proibita", ambientato a Pechino più di mille anni fa, nel decimo secolo della tarda dinastia Tang, lo sfarzo, l'ostentazione, la grande ricchezza, la bellezza sontuosa contrastano con le abiette trame all'interno della famiglia imperiale e sono straordinari, mai visti. Migliaia di guerrieri corazzati d'oro e d'argento invadono il Palazzo, [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Il cinema di Zhang Yimou ha due anime, quella realistica e intimista, che lo ha visto imporsi con film quali "La storia di Qiu Ju", "Non uno di meno", "La strada verso casa" e, appena ieri, con "Mille miglia lontano", e quella epica, colorata, sontuosa che, dopo lo splendido "Lanterne rosse", l'ha portato addirittura a cimentarsi con il kolossal in due film piuttosto recenti, "La foresta dei pugnali [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Presentato come il terzo capitolo della trilogia epica di Zhang Yimou, La città proibita si colloca in realtà al bivio tra il genere wuxiapian ("La foresta dei pugnali volanti") e il dramma intimista, alla "Lanterne rosse". Come il film che ci fece conoscere il regista cinese, l'azione si concentra all'interno di un solo luogo: scacchiere, scena shakespeariana, prigione dorata.

Claudia Mangano
Il Mucchio

Epico e fastoso, come l'epoca di cui narra. Zhang Yimou, regista di Lanterne rosse e La foresta dei pugnali volanti, tra i tanti film noti, racconta della sua Cina all'epoca della dinastia dei Tang. I protagonisti, i componenti di una famiglia imperiale soffocata da intrighi e malumori, sono di fantasia. Il contesto storico, no. L'azione è ambientata nel decimo secolo dopo Cristo.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Zhang Yimou è il regista che nel 1991 fece conoscere in Occidente con Lanterne rosse l'incanto del cinema cinese, e che da allora ha seguito due percorsi differenti: film realisti sulla vita presente delle persone in Cina (La storia di Qiu Ju, Non uno di meno, Vivere!) e film immersi nello splendore del passato, della Storia, delle grandi battaglie.

Pier Maria Bocchi
Film TV

Non è affatto uguale a Hero e La foresta dei pugnali volanti, La città proibita. Zhang Yimou torna apparentemente sui territori che gli appartengono poco, quelli del wuxia, ma stavolta gli interessano di più il (melo)dramma di Palazzo e gli intrighi familiari, e il film ne guadagna. Niente apologie new age dell'estetica del genere, dunque, ne la solita celebrazione implicita del potere (al fine di [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il nome sui cartelloni è ancora quello di Zhang Yimou, ma la chiave per entrare nella Città proibita appartiene a Tony Ching Siu Tung, regista delle scene d'azione. Talento centrale dello spettacolo made in China, Tony Ching etc. ha firmato infatti decine di film fra cui l'inarrivabile Shaolin Soccer e le due ultime fatiche di Zhang, Hero e La foresta dei pugnali volanti.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Spacciato dalla pubblicità italiana per un film dalla parte dell'imperatrice (Gong Li), La Città Proibita di Zhang Yimou è, al contrario, dalla parte dell'imperatore (Chow Yun-Fat). Come in Hero e nella Foresta dei pugnali volanti - metafore del potere in forma di wuxiapian, film sulle arti marziali -, Zhang Yimou evoca l'essenza della sovranità e il prezzo che comporta per chi la raggiunge.

Marco Giovannini
Ciak

Conclusione della trilogia wuxia, cioè marziale, di Zhang Yimou (dopo Hero e La foresta dei pugnali volantI) e ripresa, dopo 12 anni, del sodalizio con la divina Gong Li, sua musa sullo schermo e nella vita. Un melodrammone cupo, malgrado gli arredi abbaglianti e quasi psichedelici, al limite della tragedia greca che dovrebbe pagare i diritti ad almeno quattro classici di Shakespeare (Macbeth, Re Lear, [...] Vai alla recensione »

Emanuele Sacchi
Rumore

Forse abbiamo assistito alle prove tecniche della cerimonia di inaugurazione dei giochi di Pechino senza accorgercene. Perché sorge il dubbio che Zhang Yìmou, sempre più "voce del regime", abbia già lì la testa e, al di là di un vulgar display of power, non sappia né voglia regalarci alcunché. Hero, più che 'insospettabile House of Flying Daggers, recava già con sé questi bug, ma li mascherava abilmente [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 25 maggio 2007
Gabriele Niola

Attenta pianificazione e rigorosa divisione del lavoro La dimensione di realtà estetizzata dei wuxiapan come La città proibita è vittima del duplice vincolo di sembrare storicamente verosimile pur presentando un mondo di irreale bellezza, un mandato [...]

NEWS
martedì 15 maggio 2007
Claudia Resta

Il film Gong Li è stata legata anche sentimentalmente a Zhang Yimou per diversi anni. Nel 1993 con Addio mia concubina ha vinto la palma d'oro a Cannes e nel 2004 è apparsa in Eros, la trilogia diretta da Steven Soderbergh, Michelangelo Antonioni e [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati