Spider

Film 2002 | Thriller 98 min.

Regia di David Cronenberg. Un film Da vedere 2002 con Miranda Richardson, John Neville, Gabriel Byrne, Ralph Fiennes, Lynn Redgrave. Genere Thriller - Canada, USA, 2002, durata 98 minuti. - MYmonetro 3,23 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Spider tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un viaggio nella follia tratto da un romanzo di McGrath In Italia al Box Office Spider ha incassato 1,4 milioni di euro .

Spider è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,23/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,09
CONSIGLIATO SÌ
Un viaggio nella follia tratto da un romanzo di McGrath.
Recensione di Pino Farinotti
Recensione di Pino Farinotti

Presentato a Cannes 2002. Tratto dal romanzo di Patrick Mc Grath. Si racconta di un uomo molto malato - il termine esatto è schizofrenia paranoica - che, ospitato in un'orrenda pensione insieme ad altri relitti, ricorda la sua vita. Il nodo di tutto il disastro sembra risalire al padre, che abbandonata la madre si era messo con una puttana, ignorando completamente il figlio. La chiave psichica iniziale, cioè infantile, provoca deliri perenni al poveretto. Davvero una sorta di horror interno, perfettamente nelle corde del regista. Magnificamente servito dal protagonista Fiennes e da Miranda Richardson, che dà corpo e volto a entrambe le donne della tragedia.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dal romanzo (1990) di Patrick McGrath che l'ha adattato col regista. Anni '80. Dimesso dopo molti anni da un ospedale psichiatrico, Dennis Cleg, detto "Spider", è ospitato in una struttura di reinserimento sita nel quartiere dove aveva trascorso l'infanzia. La familiarità del luogo fa riaffiorare ricordi del passato che nel film si condensano in flashback menzogneri. Nella realtà era stato Spider bambino a uccidere la madre col gas. Il 16° lungometraggio del canadese Cronenberg esplora gli anfratti umidi e vischiosi di una mente sconvolta, quella di un bambino che, dopo aver sviluppato un affetto morboso per la madre - parallelo alla ripugnanza per la figura paterna - è sprofondato in un infantile senso di colpa. La sagacia registica è evidente: memorabile l'interpretazione "ragnesca" di R. Fiennes (da pronunciare all'irlandese: reif fains) e notevole nella triplice parte M. Richardson; la cupa e claustrofobica ambientazione in interni e in esterni; gli agganci ai film precedenti e i rimandi letterari; l'allucinazione dello scrivere, anzi dell'essere scritti. Qualcosa, però, non funziona e frena l'empatia della spettatore. Non è soltanto il primario canovaccio edipico da manuale di psicanalisi, cioè l'incompatibilità tra sfera sessuale e sfera materna. È qualcosa che sta nei rapporti soltanto in parte risolti tra letteratura e cinema, e forse nello stesso romanzo di McGrath.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
SPIDER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 30 luglio 2011
fedeleto

Nella sua lunga carriera David Cronenberg ha firmato grandi pellicole di successo(videodrome,la mosca,inseparabili) e anche stavolta conferma non si smentisce.La pellicola in questione e' SPIDER ovvero ragnatela.Un uomo uscito dal manicomio si stabilisce in un istituto dove attraverso un viaggio nei propri ricordi della sua mente  cosa e' successo nel suo passato.

venerdì 28 febbraio 2014
APropositodiCinema

Spider(Ralph Fiennes) è uno schizofrenico di mente che viene ospitato in una casa di cura insieme ad altri malati di mente. La causa della sua pazzia è che da piccolo ha "visto" suo padre uccidere sua madre e sostituirla con una prostituta. Solo Cronenberg avrebbe potuto raccontare alla perfezione questa storia schizofrenica e psicologica.

venerdì 27 giugno 2014
Noia1

Spider è un uomo mentalmente disturbato che finisce in una casa di accoglienza per malati mentali, in questo posto trova modo di ripercorrere la sua vita fino al motivo della sua psicosi. Cronenberg immenso come sempre,  messinscena di una mente malata rappresentata alla perfezione senza esagerazioni che non contribuiscano allo scopo che si è preposto in questo film e cioè [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2015
Barolo

Tratto da un ottimo romanzo,questo film di Cronenberg, non è all'altezza del libro cui si ispira.Ovviamente è impresa difficile portare sullo schermo  e descrivere la follia su un piano visivo,tuttavia mi sembra di riconoscere  un demente nel protagonista balbettante e delirante più che uno schizofrenico assassino , alle prese con flashback continui e disorganizzati.La [...] Vai alla recensione »

martedì 20 aprile 2010
Turkish

Cronenberg costruisce un gran film descrivendo al meglio il mondo di uno schizzofreico (malato mentale) attraverso la messa in scena dei suoi flashback e ricordi infantili che vogliono indagare sulle vere conseguenze/traumi che hanno alterato lo stato mentale del protagonista.Con perfetta maestria di montaggi Cronenberg pone allo spettatore tutte gli indizi ( tramite i flashback) per risolvere il rebus, [...] Vai alla recensione »

martedì 20 aprile 2010
Turkish

Cronenberg costruisce un gran film descrivendo al meglio il mondo di uno schizzofreico (malato mentale) attraverso la messa in scena dei suoi flashback e ricordi infantili che vogliono indagare sulle vere conseguenze/traumi che hanno alterato lo stato mentale del protagonista.Con perfetta maestria di montaggi Cronenberg pone allo spettatore tutte gli indizi ( tramite i flashback) per risolvere il rebus, [...] Vai alla recensione »

martedì 17 gennaio 2012
satlee

Sia il film che il protagonista devono essere capiti; la prima cosa che ci si domanda è: "cosa rende le persone folli"? Un trauma infantile? una malattia natale? E' quello che ci si domanda durante e dopo la visione di questo film che vede un protagonista non troppo bravo nel ruolo che deve ricoprire; un film in alcuni punti annoiante, difficile da comprendere e malinconico, tanto [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 luglio 2017
Francis Metal

Può sembrare un paradosso, ma la follia ha delle ragioni ben precise. Il protagonista inizia a soffrire di problemi psichici a causa del padre e della sua amichetta.  I cosiddetti "pazzi" vanno capiti, non condannati. Questo film però è lento e noioso, non so come ho fatto ad arrivare alla fine, quindi non è adatto allo scopo prefissato...

domenica 15 luglio 2012
astromelia

peccato che i film tratti da romanzi vengano stravolti riscrivendone la sceneggiatura,non è il primo che mi capita di vedere,cito l'uomo che sussurrava ai cavalli dove il finale è stato cambiato,quindi,anche se il film peraltro non di facile assimilazione, può risultare gradevole ,è tutto tempo perso .....

martedì 20 ottobre 2009
pcologo

Come al solito, si dovrebbe leggere il romanzo. La trasposizione di Cronenberg rende il personaggio, che nel libro parla in prima persona con la lucida disperazione di chi osserva la propria follia progredire inesorabile, quasi un semi-ebete privo di reazioni significative, un abulico osservatore del proprio passato, sempre con la stessa fastidiosa espressione sul volto.

lunedì 28 febbraio 2011
ultimoboyscout

A parte la sconvolgente interpretazione del bravissimo Ralph Fiennes, trovo il film noiosissimo, probabilmente perchè fatico a digerire (quasi tutti) i film di Cronenberg. Fiennes ci accompagna nell'intimo più nascosto e profondo del suo personaggio, un viaggio terrificante all'interno di una psiche fortemente malata e sconvolta, psicotica  e schizofrenica.

Frasi
La cosa peggiore che può accaderti non è perdere la ragione, ma ritrovarla.
Dialogo tra Yvonne; La signora Cleg (Miranda Richardson) - Dennis Cleg 'Spider' (Ralph Fiennes)
dal film Spider
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

"Sei pronto a tornare tra noi?". Così, seduto in auto, domanda il direttore del manicomio a Dennis " Spider " Cleg (Ralph Fiennes). Siamo alle ultime immagini di Spider (Canada, Gran Bretagna e Francia, 2002, 98’). La ragnatela in cui David Cronenberg ci ha impaniato sembra aprirsi. Il protagonista ha rivissuto il trauma che lo ha portato alla follia.

Emanuela Martini
Film TV

C’è una vecchia cisterna del gas che incombe sul paesaggio della Londra industriale e squallida che accoglie Spider all’uscita dal manicomio: una città affogata in strade e stanze antiquate, con la tappezzeria lisa e una patina grigiastra e polverosa che ricopre ogni cosa. L’ultimo film di David Cronenberg avrebbe potuto essere girato in bianco e nero, e l’autore e lo scenografo Andrew Sanders hanno [...] Vai alla recensione »

Paolo Boschi
Scanner

Quando s'incontrano due personalità artistiche del calibro del regista David Cronenberg e dello scrittore Patrick McGrath, il risultato non può che essere spiazzante ed incisivo: è il caso di Spider, un film che rilegge fedelmente l'omonimo romanzo di McGrath, sceneggiato dallo stesso autore insieme a Cronenberg. La trama è tanto complessa e contorta che quasi imporrebbe di non svelare dettagli di [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Farfuglia, traccia segni indecifrabili su un quadernetto che tiene accuratamente nascosto, confonde di continuo il reale con le sue fantasie malate: è un povero alienato il protagonista di Spider, di David Cronenberg. Per interpretarlo, Ralph Fiennes dimentica di essere bello e aitante: si ingobbisce, getta lo sguardo nel vuoto, si rinchiude in un dolore inestirpabile, che proviene da lontananze sconosciute [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati