Virtuality

Film 1995 | Fantastico 100 min.

Regia di Brett Leonard. Un film con Louise Fletcher, Denzel Washington, William Forsythe, Russell Crowe, Kelly Lynch. Cast completo Genere Fantastico - USA, 1995, durata 100 minuti. - MYmonetro 1,89 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Virtuality tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Dal regista de Il tagliaerbe. Los Angeles è terrorizzata da un misterioso serial killer. Si tratta in realtà di un assassino virtuale che "poss... Al Box Office Usa Virtuality ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 20,7 milioni di dollari e 8,3 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato no!
1,89/5
MYMOVIES 1,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,84
CONSIGLIATO NO
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema

Dal regista de Il tagliaerbe. Los Angeles è terrorizzata da un misterioso serial killer. Si tratta in realtà di un assassino virtuale che "possiede" la memoria di duecento psicopatici omicidi. Parker Barnes, ex-poliziotto, deve cercare di fermarlo.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 1999, in una società controllata dalla tecnologia computerizzata e manovrata da tecnici idioti e dai loro avidi padroni, un carcerato nero, ex poliziotto (D. Washington), è l'unico a tenere testa a un efferato "malvagio", programmato sugli istinti e le pulsioni di un serial killer. Nella sceneggiatura di Eric Bernt non mancano interessanti spunti di partenza, ma sono sprecati in un film artificioso e sensazionalistico, condotto al ritmo convulso e meccanico di un videogame.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Parker Benson (Washington), ex-poliziotto di Los Angeles, condannato per aver trucidato - pur perdendo un braccio - il criminale che gli ha assassinato moglie e figlia, viene costretto, per la sua riconosciuta abilità di investigatore, a collaudare l'ultima invenzione della L.E.T.A.C. (Law Enforcement Technology Advancement Center): un perfetto mondo virtuale all'interno del quale si aggira SID 6.7, il più terribile criminale digitale mai concepito da un programmatore. SID 6.7 (Crowe) è un personaggio generato da un chip in cui Daryl Lindenmayer è riuscito ad installare le personalità di 200 tra i più famigerati delinquenti della storia. Amorale, sadico e violento, ma anche superbamente intelligente, Sid progetta una geniale evasione dal cyberspazio. Dialogando attraverso un maxischermo che fa da finestra tra i due mondi, plagia totalmente il suo creatore ed ottiene con l'inganno di farsi impiantare all'interno di un avveniristico androide. Padrone finalmente di un corpo quasi indistruttibile, i cui tessuti a base di silicio sono incessantemente percorsi da miriadi di nanomacchine in grado di rimediare a qualsiasi guasto e mutilazione usando del comune vetro, SID 6.7 scatena la sua lucida follia nel mondo reale. Quando Benson accetta di dargli la caccia il più soddisfatto è proprio lui, esaltato da un avversario alla sua altezza col quale dialogare e confrontarsi ("...noi siamo uguali. Conosci qualcun altro con le mani sintetiche... che sia appena rientrato nel mondo reale... e che sia un pluriomicida?"). L'inseguimento di Benson, affiancato dalla dottoressa Carter, si conclude sulla cima di un grattacielo dove SID 6.7, precipitando attraverso un tetto di cristallo, rimane mutilato al punto da non riuscire ad impedire all'ex-poliziotto di strappare il chip dal corpo dell'androide. Parker ha vinto. Ma come farà confessare al cadavere dov'è il nascondiglio in cui il perfido cyborg ha lasciato, seduta su una bomba ad orologeria, la bambina della dottoressa Carter?
Frettolosamente liquidata dalla critica, questa pellicola (unico caso in cui il titolo italiano appare più azzeccato dell'originale) avrebbe invece meritato qualche maggiore attenzione, per la pregevole realizzazione, per la qualità degli effetti speciali, e non ultimo per il cast, in cui di fronte a un Denzel Washington dignitoso, pur se non del tutto a suo agio, giganteggia un ancora poco noto ma già eccellente Russell Crowe, che tratteggia una memorabile figura di villain cibernetico. In ruoli minori appaiono Louise Fletcher (Brainstorm) e Traci Lords (Not of This Earth, Circuitry Man II).Non sembra azzardato infine, osservando molte delle soluzioni visive proposte dal regista Leonard (Il tagliaerbe), dalle imbracature che trattengono i corpi inerti di chi viaggia nel cyberspazio, alla consistenza gommosa degli edifici virtuali che si inarcano, piegati dalla volontà di Sid, alle ferite che si rimarginano all'istante, ipotizzare che a questo film abbiano prestato particolare attenzione i fratelli Wachowski.©


VIRTUALITY disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€8,99 €7,91
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 31 marzo 2011
nickcastle91

Un criminale intrappolato nella realtà virtuale, viene liberato dal suo programmatore, e semina il panico a Los Angeles in preda a manie di protagonismo mediatico. Solo il poliziotto che lo catturò nella realtà fisica può ancora una volta catturarlo. Ancora peggio se il criminale ha dentro di se i dati caratteriali, del terrorista che uccise la famiglia del poliziotto.

mercoledì 24 giugno 2015
sev7en

L’agenzia governativa L.E.T.A.C. sviluppa un’intelligenza artificiale a scopo di addestramento con le 200 menti dei criminali piu’spietati e geniali, ma da virtuale l’entita’si materializza nel mondo reale e spetta ad un solo uomo riportarla tra bits e bytes.   L’esordio alla regia di Brett Leonard e’un vero e proprio tuffo nel futuro, in una Los Angeles [...] Vai alla recensione »

sabato 23 aprile 2011
Fierror

Lascando da parte i due protagonisti famosissimi,il film non ha una trama ben riuscita ed inoltre ci sono effetti speciali innaturali che rendono il film a mio parere finto da un punto di vista estetico. Considerando poi che i super computer a comando vocale abbiano lo schermo di Windows 1998 credo che 2 stelle sia un voto abbastanza alto

venerdì 22 aprile 2011
Fierror

un buon cast Russel Crowe all'inizio della carriera,chissà quanti soldi buttati per gli effetti speciali,ma secondo me un passo più lungo della gamba,nel 1995 non si hanno effetti speciali sufficenti per questo film che sembra finto ... Super computer a comando vocale con lo schermo di windows 1998,ma per piacere!

venerdì 22 aprile 2011
Fierror

Ci sono due grandi attori in questo film e chissà quanti soldi sono stati spesi per gli effetti speciali,nel 1995 non si hanno effetti speciali per quello che il regista voleva raggiungere il risultato è un film dall'aspetto finto,inoltre si vedono super compute a comandi vocalizzati con lo schermo di un Windows 1998 MA PER FAVORE!

sabato 23 aprile 2011
Fierror

in questo film ci sono due famosi attori,ma nonostante questo la trama non è un gran che,inoltre ci sono numerosi effetti speciali che tuttavia non fanno altro che rendere il film più finto,senza considerare i super computer a comando vocale con uno schermo di Windows 1998,il che rende il film ancora più finto. ho dato 2 stelle perchè la trama non è un granchè [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati