Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York

Film 1968 | Fantastico 136 min.

Regia di Roman Polanski. Un film Da vedere 1968 con Mia Farrow, John Cassavetes, Ruth Gordon, Sidney Blackmer, Maurice Evans, Ralph Bellamy. Cast completo Titolo originale: Rosemary's Baby. Genere Fantastico - USA, 1968, durata 136 minuti. - MYmonetro 4,12 su 63 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Rosemary, sposata ad un attore sconosciuto, vede il marito diventare di colpo famoso. Il bambino che le nasce qualche mese dopo, secondo le dichiarazioni di una vicina di casa che l'ha assistita e del marito stesso, è morto. Il film ha ottenuto 2 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, ha vinto 2 David di Donatello,

Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,12/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,19
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un incubo cinematografico, un capolavoro del genere demoniaco.

Rosemary, sposata ad un attore sconosciuto, vede il marito diventare di colpo famoso. Il bambino che le nasce qualche mese dopo, secondo le dichiarazioni di una vicina di casa che l'ha assistita e del marito stesso, è morto. Ma un caso porta Rosemary a scoprire una messa nera nella quale un neonato, dai tratti demoniaci, è il protagonista. La donna comprende l'atroce verità: il marito ha ceduto il figlio in cambio del successo. Demoniaco o no, il bimbo è comunque il figlio e Rosemary accetta di prendersi cura di lui.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Rosemary Woodhouse (Farrow) sospetta una congiura demoniaca contro la creatura che porta in grembo, organizzata con la complicità del marito attore (Cassavetes) dagli arzilli Castevet (Gordon e Blackmer), coinquilini-stregoni mimetizzati negli abiti della borghesia di New York. Realtà o psicosi? Il polacco R. Polanski - al suo 1° film made in USA dopo 3 britannici - affascinato dal senso di mistero che serpeggia nel romanzo di Ira Levin, ne cava un memorabile esempio di cinema della minaccia e ripropone il tema dell'ambiguità fino a farne la struttura portante della narrazione. È "un incubo cinematografico dove la possibilità di orientarsi tra fantastico e reale è persa sempre, mentre resta a dominare la scena la sensazione di angoscia ridotta al grado zero e perciò ancor più inquietante" (S. Rulli). Oscar per R. Gordon. Prodotto da William Castle per la Paramount, nel 1976 ebbe un seguito TV di nessun interesse.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
ROSEMARY'S BABY - NASTRO ROSSO A NEW YORK
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 24 marzo 2010
danilodac

 Il sospetto di Rosemary Woodhouse è che suo marito, con la complicità dei suoi arzilli vicini di casa, abbia fatto un patto con il diavolo: dare suo figlio in cambio del successo e della ricchezza. Sarà vero? E’ forse uno dei migliori horror psicologici della storia del cinema; un mirabile esempio di suspense, paura, angoscia; un film di genere che ne trascende i limiti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 gennaio 2011
Andrea D

Leggendo molti dei commenti su questo film, ho capito che c'è stato un fraintendimento: non si tratta di un horror. Un film non può essere definito un horror solo perché fa o cerca di fare paura. Quello che Polanski prova ad attuare sia in Rosemary's Baby che ne L'inquilino del terzo piano (opera contigua a questa) è la rivisitazione di una situazione da genere horror in chiave psicologica, mentale, [...] Vai alla recensione »

sabato 7 luglio 2012
Paolo Pacitti

Primo film americano di Polanski, un perfetto gioiello di raffinata scrittura cinematografica. Il regista è stato in in grado di fare proprio il clima di una società, di cogliere la presenza del male, del diavolo nel cuore dell'America. Infatti, purtroppo, durante il lancio del film avvenne la tragedia di Bel Air, dove la bellissima moglie di Polanski Sharon Tate (nel film in un cameo), [...] Vai alla recensione »

martedì 10 agosto 2010
Viola96

La lenta discesa negli inferi della giovane e bella Rosemary viene raccontata dal genio di Roman Polanski nel classico  trhiller/horror Rosemary's baby.Lei,la giovane Mia Farrow(famosa specialmente per il suo matrimonio e poi divorzio da Franck Sinatra.Lui,l'attore che stringe un patto col diavolo accettando di far fecondare la moglie da quest'ultimo pur di sfondare.

mercoledì 16 giugno 2010
il cinefilo

TRAMA:La storia è ambientata(come nel romanzo di Ira Levin da cui Roman Polanski e William Castle hanno tratto il film)in un inquietante ma affascinante condominio di New York e dove la giovane Rosemary inizia a convincersi che ci sia un "complotto"dei vicini di casa e del marito contro il bambino che porta in grembo...RECENSIONE: Questo geniale film del orrore rivela già [...] Vai alla recensione »

domenica 14 febbraio 2010
andystat

In un film come Rosemary’s Baby, dove gli attori sono tutti perfetti nei loro ruoli, i più piccoli gesti, ogni minimo sguardo, hanno la loro precisa ragion d’essere e contribuiscono a creare un'atmosfera di composta perfezione, dove tutto appare giusto e calibrato al millimetro, nulla è ridondante, e quasi niente viene concesso alla classica iconografia da film horror, [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 agosto 2015
alfa999

Un diamante infinito dell'arte cinematografica. Profondità concettuale massima paragonabile solo all' "esorcista" per grandezza ed esemplarità. Pellicola sconvolgente per perfezione e profondità: una discesa agli inferi della attuale struttura sociale contrassegnata da contraddizioni disumane di inaudita potenza.

venerdì 17 maggio 2013
jacopo b98

 Rosemary (Farrow) si trasferisce con il marito Guy (Cassavetes) in un condominio newyorkese. I due fanno subito conoscenza con i premurosissimi vicini di casa (Gordon e Blackmer). Rosemary rimarrà incinta, ma durante la gravidanza scoprirà che il marito ha fatto un patto con i vicini di casa e i loro amici, che formano una setta satanica, per consegnargli il bambino appena nato, [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2009
Adriano Sgarrino

Paese di prod.: USA Anno: 1968 Di: Roman Polanski Con: Mia Farrow, John Cassavetes, Ruth Gordon, Sydney Blackmer, Ralph Bellamy, Charles Grodin. Una giovane coppia (Farrow e Cassavetes) decide di andare a vivere nel condominio newyorchese "Dakota". Ma gli strani accadimenti che avvolgono lo stabile e la pressante invadenza dei suoi sempre più misteriosi vicini, i coniugi Castevet (Gordon e Blackmer), [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 marzo 2009
Elma82

Leggendo il libro e guardando poi il film,le immagini che vengono a crearsi sono le stesse:immagini di una vita sconvolta dal male, di una solitudine che non riesce ad uscire da un vortice di terrore,e non può scappare da qualcuno mosso dalla sete di successo,che dimentica ciò che davvero conta nella vita.E' facile immedesimarsi immediatamente nel personaggio di Mia Farrow,straordinaria interprete [...] Vai alla recensione »

domenica 31 gennaio 2016
Great Steven

ROSEMARY'S BABY – NASTRO ROSSO A NEW YORK (USA, 1968) diretto da ROMAN POLANSKI. Interpretato da MIA FARROW, JOHN CASSAVETES, RUTH GORDON, SIDNEY BLACKMER, MAURICE EVANS, RALPH BELLAMY, ANGELA DORIAN, PATSY KELL, ELISHA COOK JR. Rosemary ha sposato di recente l’attore Guy Woodhouse, e la coppia sta per stabilirsi in un appartamento di New York.

sabato 30 luglio 2011
fedeleto

Nella grigia america,c'e' una coppia di fidanzati che va ad abitare in un appartamento dove erano stati compiuti atti di stregoneria,la donna rimasta incinta e' sospettosa di due inquilini assillanti e del marito sempre piu' strano e presa dalla sua carriera di attore,scoprira' che ella e' stata sacrificata al demonio in cambio del successo del marito,e gli inquilini sono una [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 dicembre 2018
Howlingfantod

I grandi film a ogni visione aggiungono qualcosa. Rosemary’s baby appartiene alla categoria. Forse perché parla anche del nostro tempi intrisi di paranoia e sfondi distopici. La paranoia è la protagonista principale del film, più dell’eterea, bellissima e giovanissima Mia Farrow nei panni di Rosemary Woodhouse che con il novello marito Guy, un sanguigno John Cassevetes nei panni di un attore in [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 novembre 2017
elgatoloco

Tratto da un bel libro di Ira Levin(conosco il romanzo e posso assicurare che esso, scritto un anno prima del grande film di Polanskyi ne è degnissimo, certo nella diversità di stilemi espressivi), "Rosemary's Baby"(1968, il che dovrebbe far pensare a qualcosa...)è purtroppo più famoso per la vicenda legata alla moglie del regista-creatore Roman Polasnki,SHaron [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 ottobre 2016
AlexManfrex

Rosemary è una giovane donna che si trasferisce in un elegante palazzo di New York assieme al marito (attore alle prime armi), pronti ad iniziare la loro vita di coppia adulta ... Ad accoglierli nel nuovo condominio (dove recentemente ci sono stati casi di morti inquietanti ...) una coppia di simpatici ed affabili signori anziani, che con il passare dei giorni, entrano a far parte sempre di [...] Vai alla recensione »

sabato 19 gennaio 2013
Renato C.

Mi sembra sia stato il capostipite dei films sul demonio e sull'anticristo (che altri non è che il figlio del diavolo!), che poi qualche anno dopo, a partire da "L'esorcista" ha aperto un filone di films demoniaci che continua tuttora! Questo film, comunque, anche dal punto di vista cristiano, è apprezzabile, in quanto dell' anticristo ne parla espressamente la Bibbia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 marzo 2010
Luca Scialo

Rosemary e Guy sono una giovane coppia da poco sposatasi, entusiasta per aver trovato un grande appartamento dove andare a vivere insieme, che era appartenuto ad un'anziana donna. Fanno amicizia con una coppia di anziani, i signori Castevet; simpatici ma che dopo qualche giorno cominciano ad essere invadenti e fastidiosi. Rosemary comincia ad esserne infatti infastidita, soprattutto per i modi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 maggio 2011
NOTEDO

I film di Polanski sono spesso caratterizzati di una certa ambiguità,ma questo,considerando anche l'ambientazione anni 60,mi è sembrato piuttosto lineare. Esiste tanta letteratura sui figli dui Satana, e Rosemary probabilmente ne aveva sentito parlare. Il film non tratta altro che il sogno pieno di incubi di Rosemary,terrorizzata dalle informazioni assunte [...] Vai alla recensione »

martedì 7 dicembre 2010
Shinigami

Consiglio vivamente di ignorare i commenti negativi.  Roman Polanski è davvero un maestro. Avevo già visto Chinatown, Tess e L'inquilino del terzo piano, e per la quarta volta Il regista mi ha incantato con un film dalle scene magiche e dalla trama avvolgente. Come in ogni film di Polanski la recitazione, i vestiti, gli ambienti sono curatissimi in ogni dettaglio, ed è [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 settembre 2010
joker 91

è lui non ce che dire è proprio polansky,il film è molto bello,un vero capolavoro psicologico,la trama è gia stata elencata da altri io dico solo che si tratta di un lavoro anomalo e solo polansky lo poteva dirigere cosi. lo trovato molto strano ed per di più inquietante nelle parti finali,compresa la farrow paurosa verso la fine come non mai. un film su cui bisogna riflettere e forse rivedere molte [...] Vai alla recensione »

martedì 27 marzo 2012
Jayan

Il migliore film thriller di tutti i tempi, tra i capolavori di Roman Polanski, ottime atmosfere, recitazioni perfette, una regia stupenda, avrebbe meritato tanti oscar, per fortuna ne ha ricevuto uno per l'attrice co-protagonista Ruth Gordon. Una coppia prende un appartamento a New York. Presto si accorgeranno di oscure presenze. Non dico altro della trama perché rovinerei la visione a [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 agosto 2011
molinari marco

Ci sono film il cui giudizio, a causa di alcune strane circostanze o per dei tristi destini, non può essere imparziale, in quanto viene influenzato a priori dalla reputazione che si trascinano dietro. E Rosemary’s baby è inevitabilmente uno di questi, dal momento che è tristemente famoso per il fatto che il palazzo in cui si svolge l’intera vicenda si affaccia sulla stessa strada dove, in seguito, [...] Vai alla recensione »

domenica 1 marzo 2015
il befe

bello

venerdì 26 luglio 2013
Onufrio

Thriller a sfondo demoniaco diretto magistralmente da Roman Polanski, che già dall'incipit non perde tempo e và dritto alla narrazione,senza scene superflue. Il dubbio tra sogno e realtà pervade la mente di Rosemary, ma non quello dello spettatore del nuovo millennio, il film infatti a distanza di anni trova sin da subito una facile lettura, sviluppo e analisi della vicenda, [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 maggio 2012
ralphscott

Raramente mi è capitato di inquietarmi come assistendo all'accerchiamento della malcapitata,combattiva Rosemary. La bravissima Farrow,con la sua spassosa camminata da papera,si trova al centro di un complotto sempre più fitto ed avviluppante. La vicenda è delirante,e nemmeno il finale è salvifico. Saranno molti,moltissimi i discepoli di Polanski:da questa pietra [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 settembre 2011
tiamaster

un grandissimo film,agghiacciante,un film immenso,un horror indimenticabile forse il più grande,originale,straordinario film del genere roba da tener testa a l'esorcista e shining!!!il finale in un certo qual modo e commovente,la madre che alleva suo figlio anche se è un demonio,film che ha immacolato polanski,in un cult,uno dei più bei film degli anni 60.

giovedì 30 dicembre 2010
Francis Metal

Pare che la gente abbia dimenticato quali siano gli horror. Quest'uomo ci ha dimostrato come non si necessitino di mostri sanguinolenti e quant'altro per fare paura. Invece oggi si scambiano gli splatter con gli horror. Ci credete che qualcuno ha detto che questo film è totalmente inverosimile??? Comunque qui il regista mostra benissimo che il male non è tanto nei riti satanici, [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 luglio 2009
paride86

Rosemary e suo marito si trasferiscono in un nuovo appartamento dove conoscono degli strani vicini. Poco dopo lei rimarrà incinta. Si tratta di un film di pregiata fattura, curato nei minimi dettagli, dagli arredi ai costumi passando per le scenografie: tutto perfetto e inquietante. Il cast è notevole, Mia Farrow e John Cassavetes si distinguono per le interpretazioni ben calibrate e mai eccessive. Certo [...] Vai alla recensione »

martedì 20 dicembre 2016
no_data

Scuote qeusto film. Un'ansia che cresce fino a materializzarsi nel finale. Il terrore, il male assoluto si manifesta solo nelle ultime scene. L'armonia e la spensieratezza del principio della pellicola si perde mano a mano che avanza la carriera del protagonista. Un vero capolavoro, un film che come una sottilissima lama inizia a trafiggerti per darti il colpo di grazia dopo il "The End". [...] Vai alla recensione »

sabato 26 novembre 2016
Francis Metal

Questa volta non posso risparmiare le lodi, è un perfetto thriller/horror, da tutti i punti di vista, non saprei dove iniziare a parlare bene di questo film: la regia è perfetta, le musiche anche, la recitazione, la sceneggiatura, i riferimenti alla stregoneria che VERAMENTE veniva praticata in quell'epoca, la scelta della location, dove poi morirà John Lennon.

mercoledì 23 luglio 2014
arnaco

Oltre ai pregi citati dagli altri recensori questo film ne ha un'altro che non ho letto o forse mi è sfuggito. Il pregio è che, a differenza di altri film di carattere mistico/religioso, offre una chiave di lettura sia a chi crede che la Madonna sia stata fecondata dallo Spirito Santo per partorire un Dio - e di conseguenza non ha difficoltà a credere che Rosemary sia stata [...] Vai alla recensione »

sabato 3 settembre 2011
Smettoquandovoglio

Il miglior film horror di sempre

lunedì 13 febbraio 2012
toty bottalla

ROMAN POLANSKI ha fatto certamente di meglio durante la sua carriera, francamente mi stupiscono tutte queste lodi e premi per un film dall'aspetto thriller scontato e dalle fasi di tensione poco incisive, eppure la trama prometteva bene, la mia idea è che ci si poteva ricavare un prodotto migliore, mi spiace uscire dal coro ma è così che la penso. Saluti.

giovedì 11 febbraio 2010
Elvis shot JFK

Peccato per il finale......

domenica 13 dicembre 2009
mauro B

All'inizio annoia un pò,ma in seguito è davvero inquietante e abbastanza teso.Per gli amanti del genere da vedere...

lunedì 9 novembre 2009
ibracadabra 8

PERDONATEMI, MA IO TUTTA QUESTA PAURA ,O ANGOSCIA COME MOLTI DI VOI HANNO SCRITTO NON LO SENTITA,PREMETTO CHE IL FILM E' OTTIMO, MA NON LO DEFINIREI UN HORROR MA UN GIALLO VISIONARIO .SECONDO ME IL FILM "IL PRESAGIO" (SE NON LO AVETE VISTO AFFRETTATEVI) E' DAVVVERO PAUROSO E COINVOLGENTE,IL CAPOSTIPITE DEI DEVILMOVIE AL SUO LIVELLO CI PUO' BEN STARE "L'ESORCISTA".

domenica 1 agosto 2010
nickcastle91

Non vedo tutto questo contenuto in questo film. Ha una gran fama, ma secondo me, poca sostanza, dopotutto, la trama non è neanche così forte. Di horror ha ben poco, forse ci voleva arrivare, ma non ci è riuscito. E non è che la regia di Polanski sia tutto questo ingegno, sembra quasi televisiva. Polanski è come il vino, invecchiando migliora e i suoi ultimi film lo testimoniano.

sabato 23 aprile 2011
Sixy89

Mi era stato presentato come un horror stupendo e invece in tutto il film ci sono si e no 2 minuti di horror e nessuna sorpresa.. Due ore e dieci di convenevoli inutili e ovvietà. Per capire tutto del film bastavano i primi 10 mnuti, perchè già si capiva come andava a finire. Meno male che questo film varrebbe 4 stelle. Ma neanche il Peggio Dario Argento. voto:-10

martedì 7 dicembre 2010
Ildebrando1

Pessimo, noioso fino allo stremo, ti viene voglia di ficcare la testya nel forno per suicidarti. Scherzi a parte, e'veramente una rottura di scatole clamorosa, raramenet ho visto film piu' noiosi. Penso che se la giochi con "l'arco" di Kim Ki-Duk. Praticamente in Rosemary's baby non succede NULLA fino a che non si arriva a 1 ora e 30, all'incirca.

venerdì 29 ottobre 2010
the man of steel

Un film particolare, chiamarlo horror è un insulto al genere, che personalmente non ho apprezzato particolarmente, soprattutto per la parte della regia deludente del cineasta polacco. Troppo fuori luogo l'atmosfera da commedia anni '60 con tanto di titoli di testa in rosa, la tensione si taglia con un soffio invece che col coltello, rimarchevole lo stile hitchcockiano ma francamente [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 agosto 2010
chriss

Convinto da un consiglio di un amico e dalle recensioni che ho trovato su Mymovies, ho visto, proprio oggi, Rosemary' Baby di Roman Polanski, il regista polacco che ha tanto fatto parlare di sé. Non vedevo l' ora di gustarmelo in santa pace, così l' ho potuto vedere come volevo io. In questo film si narra di Demonio, di riti infernali, di stregoneria, di sette [...] Vai alla recensione »

Frasi
Non è meraviglioso? Spero che avremo l'inverno più freddo del secolo.
Dialogo tra Rosemary (Mia Farrow) - Guy Woodhouse (John Cassavetes)
dal film Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York
winner
miglior attrice non protag.
Premio Oscar
1969
winner
miglior attrice straniera
David di Donatello
1969
winner
miglior film straniero
David di Donatello
1969
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati