Ottobre

Film 1928 | Drammatico +16 94 min.

Titolo originaleOktiabr'
Anno1928
GenereDrammatico
ProduzioneURSS
Durata94 minuti
Regia diSergei M. Eisenstein
AttoriBoris Livanov, Vasili Nikandrov, N. Popov, E. Tiss .
TagDa vedere 1928
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,71 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Sergei M. Eisenstein. Un film Da vedere 1928 con Boris Livanov, Vasili Nikandrov, N. Popov, E. Tiss. Titolo originale: Oktiabr'. Genere Drammatico - URSS, 1928, durata 94 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,71 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ottobre tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 3 febbraio 2012

Eisenstein riesce a far parlare i suoi personaggi, nonostante il film sia stato girato muto, con l'uso di immagini simboliche.

Consigliato assolutamente sì!
3,71/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA
PUBBLICO 3,42
CONSIGLIATO SÌ

Tratto dal libro di John Reed, con soggetto e sceneggiatura di Ejzenstejn e di Grigori Aleksandrov, musiche di Dimitri Shostakovic, fotografia di Eduard Tissè, Ottobre è uno dei grandi capolavori della storia del cinema. Sergej Ejzenstejn, che aveva già realizzato Sciopero e La corazzata Potemkin , scelse i protagonisti nelle piazze e nelle fabbriche dell'allora Leningrado: tra questi l'attore-operaio V. Nikandrov nella parte di Lenin, e N. Popov in quella di Kerenskij. Ottobre non può essere considerato come un film di semplice propaganda, è invece un potente film sperimentale, con il 'montaggio produttivo' sfruttato al meglio per esprimere l'ironia, la satira e il sarcasmo. Il film è ambientato a Pietroburgo nel febbraio del 1917, quando è al potere il governo oppressivo di Kerenskij. I bolscevichi, guidati da Lenin, tornato dall'esilio, preparano l'insurrezione di ottobre che li porterà a conquistare il Palazzo d'Inverno.

Georges Sadoul

La prima proiezione ebbe luogo il 7 novembre 1927 in occasione del X anniversario della Rivoluzione. Fu poi presentato al pubblico il 14 marzo 1928. La versione anglo-americana, intitolata I dieci giorni che sconvolsero il mondo, è assai diversa da quella sovietica, e poco comprensibile, mentre il film originale espone nel modo più limpido le origini e il trionfo della Rivoluzione d'ottobre. Per realizzare il film in onore del X anniversario, Ejzenštejn poté disporre di mezzi praticamente illimitati. Fu per parecchi mesi padrone assoluto del Palazzo d'Inverno, e, quand'ebbe bisogno di molta elettricità, Leningrado dovette rimanere al buio. Rifiutando gli attori professionisti, Ejzenštejn volle ottenere una rigorosissima tipizzazione. Il suo assistente Štrauch andò a scoprire nelle fabbriche, nelle strade, negli uffici, nei centri dove si riunivano i disoccupati, migliaia d'individui tra cui scelse i suoi aristocratici, borghesi, operai, soldati, menscevichi, ecc. Molti di essi avevano veramente partecipato ad avvenimenti ancora recenti; e poterono quindi aiutare a ricostruirli, ricordandosi di quelle "pantomime di massa" con cui la popolazione di Pietrogrado aveva, dopo il 1920, celebrato nell'anniversario la conquista del Palazzo d'Inverno. Le didascalie furono integrate al montaggio come un elemento plastico, grafico e dinamico. E le sequenze più originali seguirono la teoria del "cinema intellettuale" in cui gli oggetti, scelti quasi tutti tra gli arredi del Palazzo, furono utilizzati come elementi metaforici. Il più celebre di questi montaggi intellettuali è quello in cui si vede Kerensky che sale le scale del Palazzo, ma arrivando sempre allo stesso punto, mentre le didascalie enumerano i suoi progressi e i suoi innumerevoli attributi dittatoriali e introducono una sequenza in cui, "deificato", Kerensky viene accostato a divinità africane, buddiste, barocche, cristiane, ecc. Il film - che già aveva dovuto subire qualche rimaneggiamento a causa delle vicende politiche interne dell'URSS per cui, in seguito alla sconfitta dell' "opposizione di sinistra", personaggi di primo piano della Rivoluzione come Trockij e Zinoviev avevano dovuto essere eliminati - ebbe in generale accoglienze poco entusiaste. L'atmosfera in Russia andava rapidamente mutando e la troppa audacia di esperimenti in film che si sarebbero preferiti piattamente celebrativi, dava inevitabilmente fastidio. È vero, d'altra parte, che molte parti di Ottobre erano, per quei tempi, decisamente sperimentali, e non tutte le metafore del regista riuscivano subito comprensibili. L'autore stesso intendeva realizzare un'opera non più dominata dal pathos, come il Potemkin, e quindi facilmente accessibile per lo spettatore affascinato, ma un film che parlasse alla mente dello spettatore, invitato quindi a un faticoso lavoro intellettuale. Oggi, a distanza di quarant'anni, Ottobre non solo ha conservato tutta la meravigliosa freschezza delle autentiche opere d'arte, ma, con la sua struttura e i suoi esperimenti, appare un'opera sorprendentemente moderna: e appare ancor più miracoloso il lavoro di Ejzenštejn che, con quello che a tratti può superficialmente apparire quasi come un documentario sull'architettura di Leningrado, in realtà, paradossalmente, ha espresso, con una forza anche emotiva ineguagliata, la potente ed entusiasmante realtà di una rivoluzione trionfante.
Da Dizionario dei film, Firenze, Sansoni, 1968

Sei d'accordo con Georges Sadoul?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

San Pietroburgo 1917. In seguito alla rivolta di febbraio giunge al potere Kerenskij. Capeggiati da Lenin, tornato dall'esilio, i bolscevichi prevalgono sui menscevichi nel congresso dei Soviet e organizzano l'insurrezione dell'ottobre: assaltano e occupano il Palazzo d'Inverno. Uno dei 4 film allestiti in URSS per la celebrazione del 1° decennale della rivoluzione. Gli altri 3 furono pronti per le celebrazioni, quello di Ejzenštejn fu proiettato nel marzo 1928 dopo abbondanti tagli sia per l'eccessiva lunghezza (quasi 3 ore divise in 2 parti) sia per eliminare le scene con Trotskij, in quei mesi caduto in disgrazia. Film sconcertante e quasi esoterico, geniale e squilibrato, frammentario e potente, ricco di suggestioni e invenzioni, Oktiabr' è una pietra miliare del cinema sperimentale, l'opera di un socialista libertario senza dubbi che non permise nemmeno a Lenin di assumere la parte del protagonista, e di un artista che reagisce con l'esasperazione delle forme al disagio di fronte a un'occasione celebrativa e a un tema dai passaggi obbligati. Girato con soldati dell'armata e della flotta rossa, operai e cittadini di Leningrado.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

OTTOBRE disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€10,99
€10,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 6 febbraio 2010
G. Romagna

Le immagini messe in scena da Ejszenstein, a mo' di documentario e con tanto di voce narrante, raccontano, con accuratezza e veridicità storica, ancorchè in maniera smaccatamente agiografica, le vicende in cui fu coinvolta la Russia dal febbraio al 25 ottobre 1917, quando i Bolscevichi conquistarono il potere in nome dei Soviet con la presa del Palazzo d'Inverno.

venerdì 27 gennaio 2012
fedeleto

Dopo il capolavoro della CORAZZATA POTEMKIN,Eisenstein(sciopero), in occasione del decimo anniversario dalla rivoluzione di ottobre,gli viene commissionato un film che descriva la situazione e l'esperienza di tale fatto storico.Dopo il crollo della statua di Alessandro terzo (e non a caso la salita dei personaggi che ora non sono ostacolati come la scalinata di odessa della corazzata potemkin),si [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 febbraio 2017
Great Steven

  OTTOBRE (URSS, 1928) diretto da SERGEJ M. EJZENSTEJN. Interpretato da V. NIKANDROV, VLADIMIR POPOV, BORIS LIVANOV Girato interamente a Leningrado, è la ricostruzione, fedelissima a livello storico e di un’intensità ammirevole per la messinscena, della rivoluzione d’ottobre dieci anni dopo, appunto in occasione del decimo anniversario dalla presa di potere del [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 novembre 2010
il cinefilo

Questo film venne realizzato(diretto da S.M.Ejzenstein ma finanziato dal governo russo)con un obiettivo fortemente celebrativo degli eventi che portarono alla conquista del Palazzo d'inverno e la presa del potere da parte dei bolscevichi come già è stato ricordato dai miei illustri colleghi delle precedenti recensioni. Come sempre il grande regista russo riesce a far convivere [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Adelio Ferrero
Cinema Nuovo

1. L'improvvisa ripresa, anche in Italia, di studi generali e monografici sul cinema e sui registi sovietici degli anni '20, accompagnata da antologie di scritti teorici e di memorie e testimonianze dei maggiori protagonisti, è certamente un segno positivo che colma, in parte, antiche lacune, spinge a rivedere "sistemazioni" arcaiche o frettolose, ripropone, come è accaduto in Francia, ma si spera [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati