Il tempo dei lupi

Un film di Michael Haneke. Con Isabelle Huppert, Béatrice Dalle, Patrice Chéreau, Rona Hartner, Lucas Biscombe.
continua»
Titolo originale Le temps du loup. Drammatico, durata 110 min. - Francia, Austria, Germania 2003. - Bim Distribuzione MYMONETRO Il tempo dei lupi * * 1/2 - - valutazione media: 2,60 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,60/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * - - -
 critican.d.
 pubblico * * * - -
In un tempo abbastanza vicino a quello presente una famiglia che ha lasciato la città a causa delle forti tensioni sociali prende possesso della casa ...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
La vicenda di una famiglia diventa una tragedia collettiva
Giancarlo Zappoli     * * - - -
Locandina Il tempo dei lupi

In un tempo abbastanza vicino a quello presente una famiglia che ha lasciato la città a causa delle forti tensioni sociali prende possesso della casa di campagna. O, meglio, vorrebbe poterlo fare perché la trova già occupata e chi la occupa uccide il proprietario. La moglie, rimasta sola con i due giovani figli, prende a vagare per la campagna. Ha così inizio un'odissea ambientata in una no man's land in cui non filtra quasi mai la luce del sole. Haneke ha realizzato questa volta un film molto rigoroso che chiede allo spettatore un'attenzione che non molti sono disposti a concedere.

Stampa in PDF

Premi e nomination Il tempo dei lupi MYmovies
Fantafilm cento anni di cinema di fantascienza
* * * * -

Un lupo tarkovskiano

domenica 31 luglio 2011 di ANGEA

Dopo "la pianista", film ispirato a un tempo sia a Kubrick sia a Buñuel, il regista Michael Haneke continua con "il tempo dei lupi" un interessantissimo progetto di contaminazione tra artisti diversi. In questo caso la pellicola è in bilivo tra lo svedese Bergmann e il russo Tarkovskij. Al regista svedese varie recensioni hanno fatto riferimento (lo stesso titolo del film di Haneke è ispirato a "l'ora del lupo" di Bergman). Mi vorrei quindi concentrare sul regista russo. Fin nella scelta delle continua »

* * * - -

Cronache della fine del mondo

venerdì 25 ottobre 2013 di gianleo67

Dopo aver perso il marito, ucciso dall'uomo che ha occupato insieme alla propria famiglia la sua casa nella campagna francese, una donna si ritrova a vagare insieme ai due giovani figli nel paesaggio desolato di un oscuro tempo post-apocalittico, in cui scarseggiano i viveri e la gente si trasferisce sempre più numerosa dalle città combattendo per la sopravvivenza e attendendo il treno che li conduca verso la salvezza. Tra le allusioni extradiegetiche di una fantascienza sociologica continua »

* * * - -

Il postapocalittico che non ti aspetti da haneke

sabato 15 dicembre 2018 di Ennio

Rispetto agli altri film di genere distopico/postapocalittico, "il tempo dei lupi" ha il pregio di non dichiararsi tale. Lo si capisce solo dopo un pò, e non vengono mai date notizie su ciò che è successo prima e su quello che succederà dopo. In un certo senso è il più realistico tra i film di questo genere: non presenta società totalitarie, natura distrutta o epidemie devastanti, ma solo la difficoltà e la miseria di una continua »

* * * - -

Attuale e da rivalutare

mercoledì 6 aprile 2016 di Guidobaldo Maria Riccardelli

Pellicola attualissima, vivida e spiazzante, ingiustamente poco celebrata a suo tempo. Michael Haneke ci immerge nell'azione senza avvertimenti, ci spiazza creando sentimenti empatici verso i protagonisti, non servono spiegazioni, semplicemente perché non ci sono. Suggestiva la fotografia, con un uso superbo della luce delle fiamme, unico riferimento nel mezzo dell'oscurità, ulteriormente potenziata dall'utilizzo sapiente dei campi lunghissimi, adeguati agli scenarii continua »

Brigitte Roüan: Béa
"Si lo so che non sono facili da riconoscere, nemmeno scopando, ma dato che lui ci tiene tutti sotto la sua ala lui potrebbe far parte dei giusti...In tutto sono 36, da sempre, da quando la Terra esiste sono 36; anche adesso. E per noi sono la garanzia che tutto continuerà, che Dio ha posato la mano sulle nostre teste. Se ne venisse a mancare uno,uno solo, sarebbe finita."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Post-catastrofico e neo-barbarico, «Il tempo dei lupi» di Michael Haneke, austriaco, 62 anni, già autore di Funny Games e de La pianista, è un film strano, squilibrato: bellissimo all'inizio, più forte ed efficace di ogni opera del genere, poi si sfalda, si perde quando da dramma famigliare diventa tragedia collettiva. Una piccola famiglia (padre, madre, figlia, figlio) arriva in automobile nella propria casa di vacanze. Entra, e si trova espropriata, spossessata: le stanze sono occupate da un'altra famiglia sconosciuta, ferina, forse di slavi o zingari. »

di Dario Zonta L'Unità

È della settimana scorsa un film americano (The day after tomorrow) di magniloquente catastrofismo e di sagace intelligenza sui temi dell’ecoambientalismo e sue conseguenze globali. Un film di intrattenimento che, tra un effetto speciale e l’altro, fa riflettere sui temi massimalisti del destino dell’uomo e della sua specie. È di oggi, invece, la risposta europea e d’autore a quel catastrofismo americano: Il tempo dei lupi dell’austriaco Michael Haneke. Film durissimo e impietoso che immagina il comportamento di un gruppo di esseri umani costretto alla sopravvivenza da un innominato e non spiegato cataclisma. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Un laboratorio chiamato cinema. Il regista che osserva, annota, giudica; gli attori che si sottomettono a una sfida gravosa, una discesa agli inferi in cui la posta in gioco è la scoperta di se stessi, dei lati più oscuri di se stessi. Cinema per pensare, che non concede nulla al divertimento, alla distrazione, alla voglia di voltare gli occhi. È il cinema di Michael Haneke, inflessibile indagatore dei recessi più cupi della nostra psiche. Singolare e collettiva. Nel precedente La pianista aveva condotto ai limiti del sadismo la vivisezione di un’anima malata, di un io femminile che solo nella degradazione estrema trovava una contorta e perversa consapevolezza di sé. »

di Enzo Natta Famiglia Cristiana

L’inizio è spiazzante. Un’auto percorre un sentiero fra i boschi. A bordo una famigliola. Si arriva a uno chalet, ma quando i viaggiatori fanno per entrare si accorgono che è già occupato da un’altra famiglia. Il padre viene ucciso, la madre e i due figli sono scacciati e costretti ad allontanarsi. Nessuno li ascolta e dà loro aiuto. L’egoismo, l’indifferenza, la mancanza di solidarietà regnano sovrani in un paese impaurito, sprofondato in una buia barbarie. Che cosa è successo? Un paesaggio desolato accentua l’angoscia e la disperazione di madre e figli, che trovano rifugio in una stazione ferroviaria. »

Il tempo dei lupi | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | angea
  2° | gianleo67
  3° | ennio
  4° | guidobaldo maria riccardelli
  5° | noia1
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedì 16 settembre
Freaky
mercoledì 15 settembre
100% Lupo
Adam
martedì 14 settembre
Black Widow
giovedì 9 settembre
Rifkin's Festival
Corpus Christi
Morrison
mercoledì 8 settembre
Il cattivo poeta
Il sacro male
martedì 31 agosto
Amazing Grace
giovedì 26 agosto
The Conjuring - Per ordine del dia...
mercoledì 25 agosto
Crudelia
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità