Dizionari del cinema
Quotidiani (2)
Periodici (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
mercoledì 5 agosto 2020

Stefania Sandrelli

74 anni, 5 Giugno 1946 (Gemelli), Viareggio (Italia)
1

a cura della redazione

Interprete spontanea, istintiva e a volte sottilmente elegante, fu lanciata giovanissima da M. Sequi in Gioventù di notte (1961) e da P. Germi in Divorzio all'italiana (1961) e Sedotta e abbandonata (1964, di P. Germi). Fu poi diretta da A. Pietrangeli in Io la conoscevo bene (1965), »

Il Messaggero

Fabio Ferzetti

Dopo Sofia, Stefania. Dopo la Loren, la Sandrelli. E vien voglia di dire: finalmente. Cominciavamo a temere che la Venezia di Muller fosse avara di sorprese, invece eccone una tutta d’oro: un magnifico leone alla carriera per una delle nostre attrici più sorprendenti e in fondo discrete. Sorprendente per l’enorme numero di ruoli e di sfumature cui ha dato vita, pare incredibile, in 44 anni di lavoro. Discreta perché film dopo film, decennio dopo decennio, Stefania Sandrelli ha rappresentato non solo il nostro cinema ma il nostro paese come nessuna attrice della sua generazione è riuscita a fare. Cambiando, maturando, invecchiando perfino, con disinvoltura e serenità. Per non parlare dell’allegria che l’ha accompagnata anche nei momenti più difficili e che è tutta e solo sua. [...] »

Il Tempo

Aldo Costa

«È un bellissimo regalo, spero di essermelo meritata. Ringrazio tutte le persone che ho incontrato e che hanno partecipato a dare forma alla mia carriera». Così, senza false modestie, Stefania Sandrelli, in vacanza nella sua villa all'Argentario, ha commentato il Leone d'Oro alla carriera che le verrà consegnato alla 62ma Mostra di Venezia nel corso della serata del 10 settembre. L'altro Leone alla carriera verrà attribuito al regista giapponese Hayao Miyazaki. Il Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Davide Croff, ha accolto quindi la proposta del direttore Marco Müller di attribuire all'attrice italiana Stefania Sandrelli il prestigioso riconoscimento. «Quarantacinque anni di carriera cinematografica, e non li dimostra - ha dichiarato Marco Müller - Così Stefania Sandrelli ha attraversato tutti gli stati del cinema italiano: si afferma lavorando con due degli autori più originali, oggi definitivamente riscoperti, del dopoguerra, Pietro Germi e Antonio Pietrangeli. [...] »

Film TV

Aldo Fittante

Dal Federale a Te lo leggo negli occhi, la carriera di Stefania Sandrelli, ancora in piena espansione, è un susseguirsi di sfide, personaggi emblematici, scelte coraggiose, svolte improvvise, fermate e ripartenze, amori e separazioni. È unica l’attrice viareggina, per quella sua aria che stas empre da un’altra parte, per quel non prendersi mai sul serio, per quello sguardo disincantato e (dis)illuso che ha fatto innamorare di brutto Gino Paoli e Giovanni Soldati e, soprattutto, almeno tre o quattro generazioni di spettatori. Corpo imprevedibile e stupefatto nel dittico siciliano di Germi, Divorzio all’italiana e Sedotta e abbandonata; e, in La bella di Lodi, giovane provinciale in grado di far perdere la testa anche al più restio dei richiami della carne e del cuore. [...] »

Mario Soldati

Era fatale che arrivassi a parlare della Sandrelli prima di rivedere i miei amici, e soprattutto la signora milanese, che ci teneva tanto a sapere che cosa ne pensavo. Affrontiamo dunque subito l'argomento della Sandrelli. E Germi, che, nel Divorzio, l'ha lanciata, mi perdoni il ritardo con cui affronterò lui stesso.
Ho visto la Sandrelli in tre film. Non sono tutti quelli in cui lei ha lavorato; ma sono, certamente, i tre più importanti: il Divorzio, La bella di Lodi, e Sedotta e abbandonata. Impossibile negare che sia bella, che sia fotogenica, che sia simpatica, civettuola, sorniona, che abbia sex-appeal, che sappia piangere e ridere da vera attrice, che si muova con grazia e disinvoltura, e che corra (sì, la signora milanese aveva ragione) che corra in un modo meraviglioso. [...] »

1


Lei mi parla ancora

Un amore indissolubile
Regia di Pupi Avati. Genere Drammatico, produzione Italia, 2021.

Il nuovo film di Pupi Avati, ispirato alle opere di Giuseppe Sgarbi, padre di Vittorio e Elisabetta Sgarbi.
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità