Seoul Station

Un film di Sang-ho Yeon. Con Seung-Ryong Ryu, Franciska Friede, Ji-yeon Lee, Sang-hee Lee, Eun-kyung Shim Animazione, Ratings: Kids+16, durata 92 min. - Corea del sud 2016. MYMONETRO Seoul Station * * * - - valutazione media: 3,00 su 1 recensione.
Consigliato sì!
3,00/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Stazione centrale di Seul, dopo il tramonto: vediamo un anziano senzatetto, uno dei tanti, divorarne un altro. Presto le strade lì attorno si riempiono di folli come lui.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Uno zombie movie animato tra le strade di Seoul, politicamente attuale ma di ispirazione classica
Letizia Rogolino     * * * - -

Un clochard anziano procede lento e sofferente per le strade di una Seoul notturna, tenendosi una mano sul collo per coprire una ferita che sanguina copiosamente. I sintomi di un dolore acuto si leggono sul suo volto, ma la gente che passa vicino a lui non si preoccupa di aiutarlo, fino a quando cade a terra nei pressi della stazione ferroviaria della città. Solo un uomo comprende la situazione e prova ad avvertire le autorità che, come il resto della popolazione, mostrano un'assoluta indifferenza verso le condizioni del senzatetto malato e degli altri sfortunati vagabondi che girano in quella zona. Poco dopo però la situazione precipita con un'orda di zombie affamati che invadono la città in cerca di vittime, moltiplicandosi in seguito alla diffusione di un virus letale che si diffonde attraverso il classico morso. Intanto una giovane prostituta è in fuga dopo aver litigato con il suo fidanzato, che insieme a suo padre, cerca di rintracciarla per salvarla dalla furia omicida di quelle creature infette.
Seoul Station è il film di animazione scritto e diretto da Yeon Sang-ho, prequel del live action Train to Busan, presentato in anteprima alla 69° edizione del Festival di Cannes.
Sang-ho ha un rapporto ben consolidato con l'animazione (The Fake e The King of Pigs), e ha scelto di portare al cinema questa avventura horror che prende come riferimento il classico zombie movie, seguendo pochi personaggi principali appartenenti ad un basso ceto sociale. L'outbreak infatti in questo film parte dal basso, con la diffusione dell'infezione tra i senzatetto nascosti nelle zone limitrofe della stazione centrale di Seoul, denunciando un realismo sociale che il regista utilizza per una visione politica precisa, che sottolinea la sua rabbia nei confronti dell'egoismo e dell'intolleranza che la società contemporanea del suo paese dimostra attualmente.
Seoul Station si svolge tutto in una notte come il cult di George A. Romero, La notte dei morti viventi, anche se la trama non propone nulla di nuovo rispetto ad altri film horror sugli zombie infetti che hanno popolato il grande schermo, come World War Z, Io sono leggenda o 28 giorni dopo. La scelta di contenere l'epidemia all'interno dei vagoni di un treno in Train To Busan invece ha reso il live action più coinvolgente e originale, raccontando una storia avvincente con un ritmo dinamico e serrato che diverte ed intrattiene. Seoul Station invece si può considerare uno zombie movie politico dai toni violenti e pulp, con un' estetica accattivante che richiama la graphic novel moderna, anche se per le atmosfere si rifà alla New Hollywood degli anni '70 con richiami a Robot Taekwon V. Non mancano i colpi di scena all'interno della sceneggiatura, mentre gli zombie si muovono per le strade spettrali del centro cittadino, regalando scene splatter e brutali che più volte tingono di rosso lo schermo. Se siete abituati ai vaganti di The Walking Dead che procedono lentamente e timidamente, rimarrete colpiti dalla velocità e dalla fame di queste creature coreane di Sang-ho che invadono uffici, case, fino ai sotterranei con i cunicoli della metropolitana, sullo sfondo di una scenografia scura che gioca molto con le ombre e i chiaroscuri. La ripetitività è forse il punto debole di Seoul Station, poiché dopo alcuni minuti lo spettatore non ha più la curiosità ad andare avanti per vedere cosa succede. La tensione si allenta nella parte centrale del film, per riprendersi un po' sul finale che sorprende. Seoul Station, tuttavia, è un film di animazione che rispecchia un chiaro pessimismo contemporaneo in diffusione, per cui gli zombie sembrano più che altro un pretesto di osservazione politico-sociale del regista. La componente horror si fonde con un dramma familiare e personale, puntando sulla centralità dei corpi e dei volti dei vari personaggi, piuttosto che descrivere gli ambienti nel dettaglio. E i protagonisti principali, femminili e maschili, hanno la lacrima talmente facile da esibirsi in pianti sonori ed eccessivi, da rasentare il ridicolo. Tra alti e bassi Seoul Station sembra confermare ancora una volta l'idea che alimenta la visione di Romero e della serie tv di successo The Walking Dead, ovvero che la vera minaccia non sono poi tanto gli zombie ma gli uomini, e il mondo malato di indifferenza e intolleranza ha creato un virus letale che tira fuori la parte più folle e aggressiva di noi stessi.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Seoul Station adesso. »
Seoul Station | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Letizia Rogolino
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità