Il canto di Paloma

Acquista su Ibs.it   Dvd Il canto di Paloma  
Un film di Claudia Llosa. Con Magaly Solier, Marino Ballón, Susi Sánchez, Efraín Solís, Bárbara Lazon.
continua»
Titolo originale La teta asustada. Drammatico, durata 103 min. - Spagna, Perù 2008. - Archibald Enterprise Film uscita venerdì 8 maggio 2009. MYMONETRO Il canto di Paloma * * * - - valutazione media: 3,16 su 21 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,16/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Una giovane donna con una rara malattia ha un segreto che solo l'improvvisa morte della madre la obbligherà a rivelare.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una ragazza e il suo terrore nei confronti dell'altro sesso nel Perù del dopoterrorismo
Giancarlo Zappoli     * * * - -

La madre di Fausta, una ventenne peruviana, sta morendo e le ricorda cantando che lei è stata allattata con il 'latte della tristezza' perché nata negli anni Ottanta in cui terrorismo e stupri erano all'ordine del giorno. Dopo la morte della genitrice Fausta vorrebbe offrirle un funerale degno di questo nome ma i pochi soldi sono stati tutti investiti nei festeggiamenti per l'imminente matrimonio della cugina. Lo zio però vuole che il cadavere venga seppellito prima delle nozze. Fausta che vive in una baraccopoli alla periferia di Lima cerca di vincere le sue paure e trova lavoro come cameriera presso una pianista. Spera così di mettere insieme una somma adeguata per le esequie.
Fausta è un personaggio dall'assoluta originalità. Non poteva essere altrimenti visto che la regista è Claudia Llosa che già in Madeinusa, mai distribuito in Italia, aveva dato prova di altrettanta originalità. In quel caso in un paesino disperso sulle cime delle Ande il carnevale si celebrava negli ultimi giorni della Settimana Santa partendo dal principio che ogni sregolatezza in quelle ore è permessa perché 'Dio è morto e non vede i peccati degli uomini'.
Qui Fausta ha fatto del suo corpo un vero e proprio terreno. Perché il terrore di essere violentata l'ha spinta ad inserire una patata nella vagina e il tubero ha preso a germinare. A una prima lettura si potrebbe pensare a una premessa che conduca verso un film che faccia leva sul versante erotico o grottesco. Invece la Llosa, con il contributo di una bravissima Magaly Solier, riesce a conservare una visione di assoluta compassione (nel senso più elevato del termine) nei confronti della sua protagonista. Il terrore nei confronti degli uomini Fausta lo ha veramente succhiato con il latte e sembra incapace di liberarsene per volgersi verso una sessualità accettata e consapevole. Intorno a lei sopravvive un mondo di miseria che contrasta in modo stridente con la vita che si conduce nei quartieri alti. Anche se non manca qualche tocco di folklore di troppo la percezione di un divario che non può non essere colmato, pena l'esplosione di conflitti dalle conseguenze imprevedibili, è quasi tattile.

Stampa in PDF

Premi e nomination Il canto di Paloma MYmovies
il MORANDINI
Incassi Il canto di Paloma
Primo Weekend Italia: € 35.000
Incasso Totale* Italia: € 208.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 marzo 2010
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Il canto di Paloma

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Festival di Berlino
1
0
* * * - -

Melodioso e triste

mercoledì 27 maggio 2009 di olgadik

Fausta (Magaly Solier) non ha che il canto e modula col viso tristissimo le antiche melodie in lingua quechua; con esse racconta ed esprime una arcaica malinconia e noi spettatori capiamo l’insondabilità di chi è stata stuprata e di chi, nata dopo questa tragedia, sente trasmettere col latte che succhia, la perdita della propria anima. Tante furono le violenze contro le donne perpetrate negli ultimi venti anni del ‘900 durante la guerra civile in Perù tra militari al potere e guerriglieri ribelli. continua »

* * * * *

Unico e irripetibile; da una donna per le donne

mercoledì 20 maggio 2009 di marezia

Pellicola intimista sorretta da un ottimo ritmo che alterna momenti di grande raccoglimento individuale silenzioso, gestito con un implacabile autocontrollo ad altri collettivi festosi, veramente gioiosi e resi ancor più intensi dal fatto di avere come cornice montagne desolate e una povertà che a noi sembra irreale. Una lunghissima salita resa possibile da migliaia di gradini che si inerpicano su su verso il paradiso dove coabitano vita e morte in una simbiosi musicale perché è il canto il mezzo continua »

* * * - -

Fausta e noè

sabato 30 maggio 2009 di yiasemì

Da un lato il dolore, i silenzi e la profonda solitudine di Fausta, dall'altro il rumore e la baraonda di un mondo esterno che continua a girare con i suoi teatrini e burattini e che non sa (o non vuole) andare al di là di ciò che, in modo tangibile, si può vedere e toccare. L'unica persona che riesce ad avvicinarsi, o almeno a "sfiorare" Fausta è il giardiniere Noè che osserva, ascolta, comprende e rispetta le sue paure. In questo senso, credo che sia esemplificativa una delle scene finali in cui continua »

* * * - -

La bellezza del fiore della patata

venerdì 3 dicembre 2010 di Reservoir Dogs

La madre di Fausta col'ultimo respiro di vita canta alla figlia un canto in lingua quechua che narra il dolore che la vita le ha dato attraverso lo strupro in gravidanza e l'assassinio del marito (anni  80', guerra civile in Perù). Fausta allattata con il "latte impaurito" della madre è cresciuta con la credenza di essere affetta da una malattia congenita incurabile che la priva dell'anima e la costringe a "vagare" sulla Terra senza aver alcun continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Il canto di Paloma adesso. »
Shop

DVD | Il canto di Paloma

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 20 ottobre 2009

Cover Dvd Il canto di Paloma A partire da martedì 20 ottobre 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Il canto di Paloma di Claudia Llosa con Magaly Solier, Marino Ballón, Susi Sánchez, Efraín Solís. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Il canto di Paloma è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 10,90 €
Aquista on line il dvd del film Il canto di Paloma

INTERVISTE | Patrocinato da Amnesty International esce domani il film Orso d'Oro alla Berlinale di quest'anno.

E l'eredità di un trauma

giovedì 7 maggio 2009 - Edoardo Becattini

Il canto di Paloma e l'eredità di un trauma Spesso la poesia può nascere anche da una violenza, come modo per affrontarla, per esorcizzarla, o semplicemente per raccontarla. L'idea di una "teta asustada", di un "latte del dolore", è una forma di credenza popolare legata al trauma di quella violenza che per più di vent'anni migliaia di donne peruviane hanno subito e che si è trasmesso come crudele eredità alle loro figlie. Un'immagine precisa, violenta e tragica quanto estremamente poetica, che pare scaturita della tradizione letteraria del realismo magico sudamericano e che è invece parte di un immaginario ben situato.

VIDEO | Il film vincitore dell'Orso d'oro.

Il trailer

lunedì 16 febbraio 2009 - a cura della redazione

La teta asustada, il trailer Ecco il trailer di La teta asustada, il film peruviano che ha trionfato al Festival di Berlino. La regista Claudia Llosa ha voluto raccontare con questa pellicola, ambientata nel Perù del dopoterrorismo, la violenza subita da una ragazza, una realtà che colpisce continuamente le donne peruviane e non solo.

   

VIDEO | Il video (Ansa Live).

I vincitori

lunedì 16 febbraio 2009 - a cura della redazione

Berlinale 2009, i vincitori Ecco i vincitori della 59esima edizione del Festival di Berlino, dove hanno trionfato il film peruviano La teta asustada di Claudia Llosa e Asghar Farhadi per About Elly.

   

Quel latte impaurito

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Il canto di Paloma di Claudia Llosa racconta la storia drammatica di Fausta nata da uno stupro. Nutrendosi, assorbe fobie da cui si difende con un tubero. Realtà e magia: questo è Il canto di Paloma (La teta asustada, Perù e Spagna, 2009, 94'). Alla sua opera seconda (premiata con l'Orso d'oro alla Berlinale), la trentaduenne peruviana Claudia Llosa scrive e gira una storia di morte e di vita. A Lima, nella povertà di un "barrio" assolato e polveroso, vive Fausta (Magaly Solier), una giovane india a cui la paura ha rubato l'anima. »

Paloma con patate, i misteri delle voci inca

di Roberto Silvestri Il Manifesto

Orso d'oro a Berlino arriva, doppiato in italiano classico, un'ode barbara al popolo indio, una lirica dai retrogusti quechua, Teta asustada (Il latte del dolore o Il canto della Paloma nelle traduzioni un po' edulcorate dell'Europa puritana), film peruviano ma di coproduzione catalana, diretto dall'astro nascente Claudia Llosa, giovane e dotata filmaker all'opera seconda dopo un anti-imperialista esordio, Made in Usa, già adornato di premi. Fausta, giovane enigmatica india, cantante nata, è colpita da una malattia psicosomatica trasmessa via latte dalla madre (così afferma, almeno, una parte di scienza medica), stuprata durante la «guerra sporca» peruviana (1980-2000) da un imprecisato terrorista (non si capirà mai se comunista o contras o «paramilitare», e già questo è poco fine). »

Paloma, il canto negato della libertà femminile

di Alberto Castellano Il Mattino

Il cinema latino-americano continua a difendere con coerenza la propria identità linguistica e culturale e a resistere strenuamente ai tentativi (e alle tentazioni) di globalizzazione imitativa, ma nell’ambito di una produzione di denuncia stanno emergendo autori che sperimentano altre strade, ricorrono a espedienti narrativi stravaganti, lavorano su spunti fantastici. «Il canto di Paloma», ad esempio, vincitore dell’Orso d’Oro all’ultimo Festival di Berlino, opera seconda della peruviana Claudia Llosa, parla di dolore e paura femminile con uno sguardo delicato e grottesco, poetico e duro al tempo stesso e diventa un canto disperato sulla condizione alla quale sono condannate giovani peruviane (e non solo) da un mondo maschile fatto di violenza, superstizioni e pregiudizi. »

La strana ragazza che si autoflagella

di Salvatore Trapani Il Giornale

Con tatto e poesia Il canto di Paloma, della peruviana Claudia Llosa, ha vinto l’Orso d’Oro all’ultima Berlinale, narrando l’amara storia di Fausta (Magaly Solier) tarata da una patologia psichica ereditaria, trasmessa dalla madre stuprata negli anni del terrorismo in Perù. Intimorita, la giovane tiene in sé un tubero, che occlude il sesso e procura incredibili sofferenze, a monte di una malinconia, espressa in dolci canti che narrano la sua storia e i suoi sentimenti. Tutti gli uomini sono da evitare, tranne uno: il giardiniere (Summy Lapa) a servizio della musicista, di cui lei è governante. »

Il canto di Paloma | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 8 maggio 2009
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità