Manderlay

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Manderlay   Dvd Manderlay   Blu-Ray Manderlay  
Un film di Lars von Trier. Con Bryce Dallas Howard, Isaach De Bankolé, Willem Dafoe, Danny Glover, Chloë Sevigny.
continua»
Drammatico, durata 139 min. - Danimarca 2005. - 01 Distribution uscita venerdì 28 ottobre 2005. MYMONETRO Manderlay * * * 1/2 - valutazione media: 3,51 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,51/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Un von Trier polemico e più che mai politically uncorrect su un tema scottante nel secondo capitolo della "trilogia americana". Nicole Kidman ha abbandonato a favore di Bryce Dallas Howard.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
La schiavitù nell'America sudista secondo Lars von Trier
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Trilogia di Von Trier sugli Usa capitolo secondo. Stessa struttura scenografica ma fondamentali cambiamenti degli attori: Brice Dallas Howard al posto di Nicole Kidman e Willem Dafoe in sostituzione di James Caan. Stessa impronta polemica ma senza calcare sul pedale dell'emozione. Questa in sintesi l'impronta complessiva di Manderlay Su un tema tabu' (anche per il cinema americano e non, che lo ha trattato non a sufficienza e spesso annegandolo in sovrabbondanti dosi di melassa e stereotipi): lo schiavismo. Questa volta Grace si ferma in Alabama dove trova una cittadina, Manderlay, in cui le regole della schiavitu' regnano sovrane. Grace ne 'libera' gli abitanti e impone la democrazia. Che ha inizio dal decidere a maggioranza che ore sono. Ma la democrazia non si sviluppa per imposizione. Soprattutto con chi non ci e' mai stato abituato. Essa richiede poi (in Usa) delle scelte dure. Grace evita la vendetta collettiva nei confronti di una donna che ha rubato il cibo a una bambina malata ma le deve dare la morte 'legale' di persona. Von Trier e' assolutamente politically uncorrect e se ne vanta, affermando che in politica non si puo' essere "correct", che non ci debbono essere argomenti tabu' altrimenti il dibattito muore. Lo e' grazie anche al contributo di due bravi attori neri come Danny Glover e Isaak de Bankole' i quali, pur affermando che si tratta della lettura di un bianco, si dichiarano orgogliosi di avere partecipato a questo film che, frenando sul versante emotivo, riesce a provocare in modo ancora piu' lucido del solito.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
MANDERLAY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Manderlay MYmovies
Manderlay recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
* * * * -

Lo schiavismo alla trier

martedì 12 gennaio 2010 di Eugenio

Manderlay, del regista danese (Von) Trier, presentato al Festival del cinema di Cannes, nel 2005, costituisce una pellicola volutamente provocatoria e assolutamente particolare. Secondo tempo del gia' tanto criticato Dogville con l'attrice Bryce Dallas Howard, subentrata all'australiana Kidman del primo per esigenze di copione, Manderlay, ambientato negli Stati Uniti, verso gli anni 30, traccia un tema difficile da narrare senza retoriche e crismi di fondo lo schiavismo. Grace, con il padre continua »

* * * * *

..america, la terrà delle opportunità...

domenica 30 ottobre 2005 di darko

Manderlay, che scenicamente e per quanto riguarda la struttura narrativa è identico a Dogville, è un dramma teatrale sulla schiavitù dei neri in una piccola ma produttiva piantagione dell’Alabama. Grace e il padre, capo di una banda di gangsters, lasciano Dogville dopo lo sterminio vendicativo voluto dalla stessa giovane e zelante donna. Decisi a trasferirsi a Denver, passano per Manderlay, Alabama, un altro “luogo dimenticato da Dio” (come ci dice la voce sorniona che narra il film)… Si fermano continua »

* * * - -

La lunga strada da dogville a manderlay

lunedì 21 marzo 2011 di fedeleto

Dopo il capolavoro di Dogville,il regista LARS VON TRIER( europa,the kingdom,le onde del destino,dancer in the dark),continua il suo discorso di comunita' e civilta',proseguendo con Manderlay.La storia continua proprio dove era finito Dogville,ovvero,grace con il padre si ferma a manderlay e viene a conoscenza che lo schiavismo dei negri ancora predomina in questa cittadina.Motivata a cambiare la vita di questi uomini una volta morta la dittattrice provera' a portare la democrazia,solo continua »

* * * * -

Più polemico e meno intenso del precedente

giovedì 29 agosto 2013 di ShiningEyes

Sequel di Dogville della trilogia “Usa – Terra delle opportunità”, dove stavolta si punta l'indice contro l'imposizione del modello democratico americano sui paesi che attacca ed ha attaccato (Iran Afghanistan, Viet Nam). Von Trier lo fa nella sua solita maniera originale riprendendo la svolta minimalista già vista a “Dogville” e, lo fa comparando gli Usa alla figura di Grace (interpretata da Bryce Dallas Howard), che decide di portare il modello continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Manderlay adesso. »
Shop

DVD | Manderlay

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 5 aprile 2006

Cover Dvd Manderlay A partire da mercoledì 5 aprile 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Manderlay di Lars von Trier con Bryce Dallas Howard, Isaach De Bankolé, Willem Dafoe, Danny Glover. Distribuito da 01 Distribution, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1, e sottotitolato in italiano per non udenti. Su internet Manderlay è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 7,99 €
Aquista on line il dvd del film Manderlay

SOUNDTRACK | Manderlay

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 28 ottobre 2005

A partire da venerdì 28 ottobre 2005 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Manderlay del regista. Lars von Trier Distribuita da Milan Records.

di Bruno Fornara Film TV

Il “Von” nobiliare gliel’hanno affibbiato i compagni di scuola. Yanto la metteva giù dura. Di suo si chiama Lars Trier, danese di Copenaghen. Regista tra i più discussi. Amato perché ci parla della nostra attuale condizione senza più fondamenti né salvezze nè verità. Odiato perché farebbe un cinema vecchio, vuoto, artificioso, pseudofemminista, machista e bugiardo. Adesso arriva nelle sale Manderlay, seconda parte della trilogia sull’America, dopo Dogville e prima di Washington. A Von Trier piacciono le trilogie, è uno che pensa per pacchetti di film. »

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Signore e signori, Dogville 2, anzi Manderlay. Come nell’originale, niente scenografie: case, alberi e strade sono sostituiti da scritte in terra, con effetto brechtiano. Protagonista è sempre la giovane idealista figlia di un gangster, in fuga verso Sud durante la Grande Depressione. Anche se, defilatasi Nicole Kidman, stavolta Grace ha il viso virginale di Bryce Dallas Howard. Anzi, a esser perfidi, Dogville sta a Manderlay come la più complessa (e sessuata) Kidman sta alla fragile Howard. Lo stupore della prima volta infatti non si ripete, ma tant’è: stavolta tocca allo schiavismo, onta mai espiata se è vero che in America abbondano i musei dell’Olocausto ma nessuno, neri in testa, ha voglia di ricordare la storia infame degli “afro”. »

di Mariarosa Mancuso Il Foglio

Dogville – la prima puntata della trilogia che Lars von Trier ha etichettato come americana, per ripicca contro un giornalista che lo rimproverava di non conoscere gli Stati Uniti (fobia dell’aereo) e purtuttavia di sparlarne – era ambientata su una pedana nera. Righe bianche tracciate con il gesso segnavano i perimetri delle case. Quando uno bussava alla porta sentivamo il “toc toc” ma la porta non c’era. Ora la pedana è bianca, e le righe sono nere. All’incauto giornalista – un altro, la mamma di chi alle conferenze stampa fa domande cretine è sempre incinta – che gli chiedeva il perché dello sconvolgimento cromatico, Lars von Trier ha risposto serissimo: “Ho dovuto farlo. »

di Alberto Crespi L'Unità

Da venerdì scorso è sugli schermi italiani Manderlay, secondo capitolo della «trilogia americana» che il regista danese Lars Von Trier aveva iniziato con Dogville. I due film sono sostanzialmente identici: teatrale, artefatto e poco originale ci era sembrato Dogville, idem dicasi di Manderlay, nel quale proseguono le avventure della Grazia - pardon, di Grace, l’ennesima eroina virginale e autoapunitiva alla quale Von Trier affida il proprio messaggio, dopo la Bess di Le onde del destino e la Selma di Dancer in the Dark. »

Manderlay | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità