Barry Lyndon

Film 1975 | Drammatico +16 184 min.

Regia di Stanley Kubrick. Un film Da vedere 1975 con Ryan O'Neal, Marisa Berenson, Patrick Magee, Hardy Krüger, Steven Berkoff, Gay Hamilton. Cast completo Genere Drammatico - Gran Bretagna, 1975, durata 184 minuti. Uscita cinema lunedì 12 gennaio 2015Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,19 su 86 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Barry Lyndon
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Barry è un giovane di bell'aspetto ma dalle origini modeste. Rifiutato dalla donna che ama, intraprende la carriera militare dopo un duello con l'avversario in amore. Il film ha ottenuto 10 candidature e vinto 7 Premi Oscar, ha vinto un premio ai David di Donatello e 2 candidature a Golden Globes.

Barry Lyndon è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,19/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,18
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il racconto beffardo di un uomo dal destino crudele.
Recensione di Adriano De Carlo
Recensione di Adriano De Carlo

Barry è un giovane di bell'aspetto ma dalle origini modeste. Rifiutato dalla donna che ama, intraprende la carriera militare dopo un duello con l'avversario in amore. Stanco della vita militare, con un espediente entra nell'esercito prussiano, divenendo il beniamino del capitano Potzdorf. Ma anche questa volta la fortuna gli volta le spalle e, costretto a fuggire, diventa il compare di un raffinato avventuriero. Con la spada e la pistola si fa largo nella bella società. Ormai è un uomo appagato. Gli manca solo il blasone. Sposando la contessa di Lyndon e assumendone il cognome colma la lacuna. Ma sarà un matrimonio infelice. Il figlio della contessa, nato da un altro matrimonio, lo odia e per molti anni progetterà una vendetta, che si compirà quando affronterà il patrigno in duello. Barry Lyndon perderà una gamba e i suoi averi. Un malinconico esilio segna il suo definitivo destino.
Tratto dal noto romanzo settecentesco di William Makepeace Thackeray, Barry Lyndon si può definire un film anomalo nella produzione del grande Stanley Kubrik. Film di difficile collocazione e che ha spaventato la critica al suo apparire a causa della mancanza di una chiave di lettura che conducesse alle origini del progetto. Il misterioso Kubrik non ha mai chiarito le sue intenzioni. Ma ciò non impedisce di giudicare il film una splendida anomalia.
Usando una tecnica d'illuminazione naturalistica, tutta a base di candele, che il grande direttore della fotografia John Alcott realizza genialmente, il film è immerso in una atmosfera che restituisce il clima del tempo. Kubrik si è avvalso di lenti speciali, fornite dalla Carl Zeiss e adattate da Ed Di Giulio. Un film freddo e crudele. Ironico e mastodontico. Solenne e malinconico. La bella voce narrante di Romolo Valli accompagna il racconto con tono suadente e beffardo. Altro contributo memorabile al film sono le musiche assemblate da Leonard Rosenmann. Fra tutte spicca il trio per piano in mi bemolle di Schubert. Gli interpreti sono usati da Kubrik come pedine di un'invisibile scacchiera, che egli percorre seguendo un imperscrutabile disegno metafisico.
Le leggi cosmiche e l'ineluttabilità del destino avvicinano Barry Lyndon a 2001: Odissea nello spazio. L'astronauta affronta i misteri del cosmo e ne è vittima, così come Lyndon entra in un mondo che non gli appartiene, subendone la consueta glacialità. Il film ha ricevuto quattro Oscar: per i costumi, la fotografia, la scenografia e la musica.

Sei d'accordo con Adriano De Carlo?
BARRY LYNDON
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€8,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 5 aprile 2012
Armilio

Il fascino di questo film si trova probabilmente nel contrasto tra lo splendore delle immagini e il tono cupo delle vicende. Infatti il film può essere analizzato su 3 livelli: il primo, il più semplice, è quello della splendida ricostruzione storica di un regista maestro dei particolari, con tutta la magnificenza di colori e stoffe dell'epoca; il secondo è sempre storico, [...] Vai alla recensione »

sabato 12 febbraio 2011
weachilluminati

 “ Ci sono forse delle differenze tra il futuro siderale di 2001  Odissea nello spazio ed il passato settecentesco di Barry Lyndon? Non a caso sono le due pellicole più definitive” Così ho letto da qualche parte  quest’inciso che mi porta a dire : si è vero ,in parte , un opera è “definitiva” quando ha in se un rigore  progettuale [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 dicembre 2015
Bomber89

Inizia il film e sembra quasi di essere seduti nella poltrona di un bel salone a pochi passi da un enorme "affresco animato" di epoca neoclassica. Un dipinto tutt'altro che statico, le vicende narrate sono quelle di Redmond Barry Lyndon, un giovane irlandese molto focoso e istintivo. Una vita piena di peripezie e colpi di scena quella di Barry, che si trova a giovane età a dover [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 febbraio 2011
catullo

  Non so se sia vero ma ho letto da qualche parte che Fellini che stava girando  il suo "Casanova"ovviamente ambientato nel 700 e Kubrick il suo "Barry Lyndon" si consultarono sui trucchi scenografici più adatti per l'ambientazione di quell'epoca. Certo il confronto tra i due capolavori essendo notevolmente dissimili è piuttosto problematico [...] Vai alla recensione »

domenica 13 febbraio 2011
weachilluminati

Curiosità su Barry Lyndon Dopo il terribile flop del film Waterloo di Sergei Federorovich Bondarchuk,”un angelo protettore “ consigliò a Stanley Kubrick  di rinunciare  al suo progetto suntuoso  "Napoleon" , da tempo nel cassetto ed  intraprendere un percorso cinematografico collaterale. Quando gli passò nelle mani il manoscritto romanzato&nbs [...] Vai alla recensione »

sabato 15 gennaio 2011
weachilluminati

bene così Dice Stanley Kubirck del suo film Barry Lyndon nell ‘anno della promozione  del film  : “ parte delle ambientazioni sonno state riutilizzate dal lavoro preparatorio su Napoleone che poi non andò in produzione;posso dire con orgoglio che il mio faticoso lavoro non è andato completamente  perso inutilmente.

giovedì 2 giugno 2011
Cosimuzzo

Visionare Barry Lyndon è come andare a scuola di cinema, la storia, i personaggi, sono solo un pretesto per esprimere le massime potenzialità della settima arte. Se fossi un regista debuttante e mi affacciassi sul mondo del cinema adesso, nel momento in cui scrivo, non c'è dubbio che prenderei questo film come modello di assoluta bellezza e perfezione.

mercoledì 12 giugno 2013
Filippo Catani

Irlanda di metà Settecento. Un giovane popolano, spinto da una delusione d'amore e da un duello amoroso vinto con un ufficiale dell'esercito, decide di emigrare in cerca di miglior sorte. Il destino gliene riserverà di tutti i colori: rapinato dai briganti, membro dell'esercito inglese poi di quello prussiano poi spia e giocatore d'azzardo e infine duca di Lindon.

mercoledì 1 maggio 2013
jacopo b98

 Nel Settecento, l’epopea tragica di Redmond Barry (O’Neal), piccolo borghese irlandese, che arriva prima ai vertici della società, per poi ricadere in basso. Ennesimo capolavoro di Kubrik, che l’ha sceneggiato dal romanzo di William M. Thackeray, prodotto e diretto. Uno dei film più importanti nell’itinerario del regista che realizza un’opera d’arte [...] Vai alla recensione »

sabato 23 febbraio 2013
ShiningEyes

Andato a monte il progetto “Napoleon”, Kubrick non rinuncia nella volontà di fare un film storico, e la sua volontà si esprime con un capolavoro come “Barry Lindon”, che ci regala uno sguardo perfetto e affascinante del XVIII secolo. Il principio di realtà nei film di Kubrick ci sta sempre, è ricercato e portato a termine; lo testimonia il risultato incredibile dato dall'uso di lussureggianti location [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 settembre 2012
Immanuel

La sconfinatezza degli orizzonti, la straordinaria bellezza dei paesaggi, che sembrano scaturire da dipinti di vedutisti come Turner, Cole o Constable, lasciano abbacinati. Ogni diapositiva, ogni singolo fotogramma è un olio. Delle massime creazioni del paesaggismo. Il film sembra inanellare sequenze ininterrotte di opere pittoriche del miglior periodo romantico e (post)impressionista in un [...] Vai alla recensione »

martedì 12 aprile 2011
anna cinzia

La parabola della vita di Barry Lindon si fonde mirabilmente ai vizi di un ambiente moralmente degradato. dove non c'è quasi mai spazio per la pietà, l'amore, la comprensione. Ne emerge una visione pessimistica dell'uomo e della società. Le musiche, scelte con cura e intelligenza da Kubrick, sono un'autentica antologia di brani veramente belli, un omaggio al Settecento [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 dicembre 2015
Bomber89

Inizia il film e sembra quasi di essere seduti nella poltrona di un bel salone a pochi passi da un enorme "affresco animato" di epoca neoclassica. Un dipinto tutt'altro che statico, le vicende narrate sono quelle di Redmond Barry Lyndon, un giovane irlandese molto focoso e istintivo. Una vita piena di peripezie e colpi di scena quella di Barry, che si trova a giovane età a dover [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 gennaio 2015
FabioFeli

Redmond Barry (Ryan O’Neal) è un giovane irlandese, ingenuo e innamorato della cugina. Non esita a provocare e sfidare a duello un capitano inglese, abile nel ballo ed elegante nella sua rutilante casacca rossa, che si fidanza con lei. Il matrimonio, però, fa comodo allo zio spiantato, che mira ai soldi del militare, e spezza il cuore di Barry, che crede di aver ucciso in duello [...] Vai alla recensione »

domenica 18 gennaio 2015
goldy

Barry Kyndon è “bello” perché ogni scena è un quadro suggerita dalle più belle tele dell’epoca e per la scelta dei bei brani musicali che ne fanno un film di grande suggestione visiva e uditiva. Al pubblico di oggi, magari forse no, ma alla sua uscita 40 anni fa, quasi nessun critico seppe cogliere la profondità. Gli fu rimproverato un eccesso di rigore formale caratterizzato da una “lentezza” [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 agosto 2013
oscar15781

Questo autentico capolavoro di Stanley Kubrick narra una vera e propria epopea, vissuta da "un giovane irlandese in difficoltà" nella metà del '700, atttraverso la  guerra dei sette anni, peripezie incredibili, fino a raggiungere pericolosamente la nobiltà: "Grandness and Servitude". L'impossibile è il filo conduttore dell'intera vicenda, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 novembre 2011
Paolo Pacitti

Se si cerca un diverimento spensierato, questo non è il film (ma quale di Kubrick lo è?). Una messa da morto, la più grande che sia stata fatta nel cinema. Metafora della vita dell'uomo, è il più bel film da un punto di vista fotografico che sia stato fatto, in cui Kubrick fa vivere la pittura del Settecento non soltanto ricreata fedelmente con l'ausilio di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 febbraio 2010
chriss

Barry Lindon, di Stanley Kubrick, è un film storico e drammatico. E' tratto dal romanzo di W.Makepeace Thackeray, le memorie di Barry Lindon. Il film narra la vicenda dell' irlandese Redmond Barry, che, rimasto orfano per la perdita del padre in duello, affronta tutta una serie di avventure, fortunate e sfortunate. Dapprima si innamora di Nora, sua cugina, ma viene cacciato dopo un finto [...] Vai alla recensione »

martedì 17 maggio 2016
angelino67

Barry Lyndon è costruito secondo l'immaginario dell'epoca, ispirato ai quadri dei grandi pittori. La cugina di Barry, nella scena dopo il duello all'inizio del film, è praticamente identica al ritratto della figlia di Gainsborough, Margareth, custodito a Londra nel Victoria and Albert Museum1, mentre Marisa Berenson è identica alla moglie di Gainsborough in un quadro esposto alla Tate Gallery.

sabato 12 dicembre 2015
jekyll

Una specie di documentario sul Settecento, con la sua migliore musica (tranne il tema d'amore tragico di Schubert, che Kubrick ha dovuto prendere dall'800) e soprattutto con la sua migliore pittura. E come in essa, fedeltà ai modelli, verità del colore, sensibilità, eleganza e perfezione rare, essenzialità e grande senso della composizione, il tutto in visione [...] Vai alla recensione »

martedì 16 luglio 2013
Luigi Chierico

Da sottolineare la meticolosa cura dei particolari, l’attenzione nel gioco delle luci e nel colore. Alcune scene girate a lume di candela sono stare rese particolarmente luminoso grazie alla tecnica del mirabile fotografo John Alcott. A queste seguono magnifiche riprese di soldati, una moltitudine di comparse alla guida Stanley Kubrick, nelle sfolgoranti divise in cui predomina il rosso, che spettacolo. A [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 dicembre 2014
Alex2044

Un capolavoro chi non l' ha ancora visto corra . E' più di un capolavoro è un capolavoro assoluto . Il cinema allo stato puro , un incanto !

giovedì 20 dicembre 2012
marco8

.......quando si dice   'un capolavoro'.......troppo lungo? Di Avatar si può dire 'troppo lungo'. Se lo si dice di questo film, è come bestemmiare!!!!!

venerdì 9 dicembre 2011
lolligno69

Capolavoro.Fin troppo breve (3h)

martedì 12 aprile 2011
anna cinzia

Film affascinante per la fotografia, la colonna sonora, la rappresentazione di una società priva di scrupoli e di valori morali.  Ornella

martedì 7 settembre 2010
Evghen950

Bellissimo, ogni fotogramma di questo film è un quadro, un affresco.... tutto ciò accompagnato da magistrali colonne sonore e ottimi attori... grande film... uno dei migliori di questo grande regista che non sbaglia mai....

martedì 19 gennaio 2010
Aleksandr

Un quadro perfetto. Il miglior film storico che abbia mai visto. Un ottima rappresentazione del romanzo, è come vivere le scene narrate da Thackeray. Kubrik maestoso.

domenica 7 aprile 2013
viva il cinema!

Davvero magnifica questa grande opera di Kubrick, maestro del cinema mondiale, la cui fama mai si spegnerà. La fotografia è di una maestria incalcolabile, fatta alla luce delle candele. I paesaggi della bella e verde Irlanda sono ineguagliabili, così come la colonna sonora. Bravissimo Ryan O'Neal nei panni di Barry, un uomo perseguitato da un destino crudele, che con molta fortuna riesce ad entrare [...] Vai alla recensione »

domenica 30 dicembre 2012
Sasha73

Esiste la macchina del tempo? :-) Forse l'ha inventata Kubrick in questo meraviglioso film. Una ricostruzione d'epoca perfetta, un film splendente, dalla scenografia, alla colonna sonora, passando dalla recitazione degli attori...la perfezione al cinema.

mercoledì 14 gennaio 2015
jacklucas1979

Superbo

domenica 18 maggio 2014
tomdoniphon

L'irresistibile ascesa e la rovinosa caduta di un avventuriero irlandese del Settecento. All'apparenza si tratta di un film freddo sul ruolo del denaro nella società (si veda anche "Eyes wide shut"), in realtà è il più commovente (come dimostrano le scene finali tra Barry ed il figlioletto morente) film di uno dei "legislatori del cinema", Stenley [...] Vai alla recensione »

martedì 12 aprile 2011
anna cinzia

Ho trovato il film affascinante fin dalla prima volta che l'ho visto (e ora sono già a quota 6), sia per la colonna sonora, sia per la luce di certe immagini, sia per la raffigurazione di una società priva quasi del tutto di valori morali( che travolge il protagonista,all'inizio ingenuo e capace di provare scrupoli). Il grande Kubrick , attraverso l'amara parabola della vita [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 giugno 2010
serpico

CHE DIRE IL CAPOLAVORO DEL CINEMA............................. DA OSCAR SIA LA REGIA, SIA GLI ATTORI PROTAGONISTI.

sabato 17 aprile 2010
Alex41

A mio parere, Barry Lyndon è più di un capolavoro cinematografico: è un affresco, un'opera d'arte: ogni inquadratura, ogni primo piano o campo lungo è come un quadro d'antologia. Le musiche sono perfette, i costumi e la scenografia stupefacienti e la fotografia..BELLISSIMA!! Certo, è un film un po' pesantuccio, molto lungo e con dialoghi lenti e ipnotici, ma è questo il bello di Kubrick, che concede [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 novembre 2017
xxx

Regia perfetta, attori straordinari, fotografia impeccabile, ci manca un Lucano.

martedì 26 gennaio 2016
kubrick73

CAPOLAVORO ASSOLUTO UNA GIOIA PER GLI OCCHI

mercoledì 23 dicembre 2015
Barolo

Ottimo film ,come rilevato dal critico,insolito e inclassificabile,ma decisamente ben recitato e intrigante.Kubrick sonda l'animo umano in tanti modi e questa parabola disgraziata di un uomo tanto  ambizioso quanto  sfortunato forse è una delle sue  tante chiavi di lettura.

domenica 8 marzo 2015
il befe

bello

lunedì 25 novembre 2013
Topo Paolino

Kubrick sembra aver capito l'uomo, la società, la storia, la musica, e la pittura. Perchè questo film è l'espressione delle qualità dei migliori pittori del Settecento. Nel suo angolo di visuale come quello di un aleno, l'autore punta il cannocchiale-macchina del tempo su un secolo di cui importanti riferimenti sono presenti in ogni suo film.

venerdì 20 aprile 2012
brando fioravanti

Un uomo di basso rango si farà strada nella società fino ad arrivare a sposare una contessa. Nonostante le sue riuscite sociali ed economiche manterrà un comportamento meschino. Alla fine dovrà scontrarsi col figlio della contessa che vuole vendicarsi dei torti subiti. Lo ferirà gravemente e gli sottraerà tutti i beni in suo possesso.

martedì 22 dicembre 2009
Angelo48

Rivisto in DVD dopo 30 anni...film assolutamente affascinante, memorabile, dove l'arte del maestro, nel raccontare la singolare vicenda umana della "simpatica canaglia" Barry Lindon, tocca momenti sublimi per la capacità insuperata di fondere fotografia, musica e scenografia. Sicuramente in questo film domina la valenza estetica, peraltro ai livelli più alti, ma la storia di Barry Lindon è anche una [...] Vai alla recensione »

martedì 10 dicembre 2013
paolomiki

Questo film narra le vicissitudini di un ragazzotto irlandese verso la fine del settecento.Durante le tre interminabili ore del film il ragazzo ne passa di tutti i colori nella sua corsa alla scalata sociale.Cerca in tutti i modi di immergersi nel mondo della nobiltà, riuscendoci usando l'arma che più sa usare e cioè quella della seduzione.Ma come spesso avviene nella vita se non hai nel dna la capacità [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 gennaio 2015
brian77

Terribilmente sussiegoso. Kubrick aveva la sindrome del capolavoro, una forma di malattia estetica di cui hanno sofferto anche altri registi importanti. Ad ogni film che faceva pretendeva di stupire tutti facendone la versione "definitiva". Ma non è obbligatorio cascarci sempre nelle sue trappole: dubitare è lecito...

Frasi
Ho tolto il nastro che avevo intorno al collo e l'ho nascosto sulla mia persona. Se lo trovi, puoi tenerlo. Ti permetto di cercarlo dovunque tu voglia: sarò molto delusa di te se non lo troverai.
Dialogo tra Barry Lyndon (Ryan O'Neal) - Nora Brady (Gay Hamilton)
dal film Barry Lyndon
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

Opera 10 di Stanley Kubrick, Bariy Lyndon ha impegnato per quasi tre anni il regista di 2001: Odissea nello spazio che ha lavorato senza badare a spese: il costo finale della pellicola supera i 13 milioni di dollari, sul recupero dei quali la Warner Bros ha ufficialmente dichiarato di non contare affatto. In generale il film, tratto dal primo romanzo di William M.

Alberto Crespi
L'Unità

Benvenuti nel 700. Siamo in Irlanda, la colonia a quel tempo più vessata e repressa dalla madre patria Inghilterra. Redmond Barry è un bel giovanotto senza nessuna speranza: la morte del padre l'ha lasciato orfano e i pochi possedimenti di famiglia non gli garantiscono certo un futuro. Si è assurdamente innamorato della cugina Nora, ma lei è destinata a un dragone inglese con una discreta rendita, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 11 marzo 2016
 

È morto ieri lo scenografo Ken Adam, celebre grazie ai set progettati per numerosi episodi di 007, ma anche grazie i suoi due Oscar (Barry Lyndon e La pazzia di re Giorgio). Nome d'arte di Klaus Hugo Adam, Ken Adam nasce nel 1921 a Berlino, da cui fugge [...]

winner
miglior fotografia
Premio Oscar
1975
winner
miglior adatt. musicale
Premio Oscar
1975
winner
miglior scenogr.
Premio Oscar
1975
winner
miglior scenogr.
Premio Oscar
1975
winner
miglior scenogr.
Premio Oscar
1975
winner
migliori costumi
Premio Oscar
1975
winner
migliori costumi
Premio Oscar
1975
winner
premio speciale
David di Donatello
1977
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati