Casablanca

Acquista su Ibs.it   Dvd Casablanca   Blu-Ray Casablanca  
Un film di Michael Curtiz. Con Humphrey Bogart, Ingrid Bergman, Paul Henreid, Claude Rains, Peter Lorre.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 102 min. - USA 1942. MYMONETRO Casablanca * * * * 1/2 valutazione media: 4,74 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
4,74/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * * 1/2
 critican.d.
 pubblico * * * * 1/2
   
   
   
L'affascinante Rick, avventuriero newyorkese, gestisce un locale a Casablanca. Siamo nel 1941 e la città sulla costa atlantica africana è meta di ogni...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Autentico mito del cinema
    * * * * *

L'affascinante Rick, avventuriero newyorkese, gestisce un locale a Casablanca. Siamo nel 1941 e la città sulla costa atlantica africana è meta di ogni tipo di umanità: spie, povera gente che vuole espatriare, eroi della resistenza, truffatori, trafficanti, giocatori di professione. Arriva al locale la bella Ilssa, insieme al marito Victor Lazlo, braccato dai nazisti. Rick aveva conosciuto la donna a Parigi un anno prima e fra i due c'era stata una breve, intensa storia d'amore. Quando si ritrovano scocca di nuovo la scintilla. Rick è in possesso di due preziosi lasciapassare e progetta di partire con la donna. Ma alla fine, all'aeroporto, Bogart fa in modo che a partire (e salvarsi) al posto suo sia Victor, prezioso per la lotta contro il nazismo. "Noi due siamo niente in questa immensa tragedia", dice alla Bergman piangente. Autentico mito del cinema, uno dei massimi, superiore forse agli effettivi meriti del film. Ma si sa, il cinema non è sempre così logico e allora ecco che il pubblico consegna alla leggenda una storia che inciampa più volte nel mélo, che presenta ricostruzioni d'ambiente del tutto improbabili, ma che, appunto, misteriosamente funziona. Nutrito nel tempo dal mito perenne di Bogart, dalle citazioni di Woody Allen, dalle continue riproposte televisive, il film resiste proprio in virtù delle sue "contaminazioni". Grande merito va reso al gruppo straordinario di caratteristi, diventati manifesti perfetti e insostituibili nella rappresentazione di certi segnali: il grasso Sidney Greenstreet, l'ambiguo Claude Rains, l'angosciato Peter Lorre. E inoltre Paul Henreid, il più efficace "perseguitato" (per lo più dai nazisti) della storia del cinema. Il film ebbe l'Oscar assoluto del 1943 anche per le sue dichiarazioni contro il "nemico del mondo", divenendo un manifesto della propaganda bellica. Numerose le sequenze memorabili: i presenti nel locale che cantano la Marseillaise davanti ai nazisti; il flash-back dell'amore parigino; la canzone As time goes by cantata da Dooley Wilson e la scena finale dell'aeroporto. Casablanca è uno dei film presenti e viventi nella comunicazione perenne: Bogart-Rick è stato continuamente usato dalla pubblicità diventando una sorta di manifesto dell'uomo vero.

Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
89%
No
11%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Casablanca

premi
nomination
Premio Oscar
5
5
* * * * *

un film perfetto

domenica 31 agosto 2008 di mary 93

Casablanca è uno dei film più famosi e belli che siano mai stati sfornati da hollywood. Chi non ne ha mai sentito parlare ? Chi non ricorda la meravigliosa canzone as time goes by ? chi non si è commosso durante il finale?? Un film semplicemente superlativo , attori sia protagonisti che caratteristi divini, che riescono a dare una vera e propria anima ai personaggi da loro interpretati,romantico senza cadere nel melenso , tratta della guerra senza però essere pesante , insomma cosa chiedere di più? continua »

* * * * *

Play it again, sam

mercoledì 4 giugno 2008 di ALESSANDRA VERDINO

Considerato, a merito, uno dei più bei film della storia del cinema, "Casablanca" è un incredibile miscela di tutti i generi in grado di commuovere ed avvincere lo spettatore. In questo film regnano suspence, avventura, patriottismo e, soprattutto, l'amore. Direi che si tratta di un film da uomini,che però incanta le donne. La ragione di questo concetto si trova nell'incredibile figura di Rick(un superlativo Humphrey Bogart). Quando mai un vero uomo é stato così ben rappresentato? Un uomo apparentemente continua »

* * * * *

L'amore, probabilmente

martedì 29 settembre 2009 di Lisbeth

Una voce fuori campo da notiziario cinematografico d’epoca, un mappamondo ruotante, quindi una mappa che segna il percorso da Parigi a Marsiglia, Orano e infine Casablanca. Da lì, dice la voce, chi riusciva partiva per Lisbona e quindi s’imbarcava per l’America,“la libera America”, naturalmente (il cinema hollywoodiano non rinuncia mai all’autoincensamento, ma per quei tempi c’era poco da scegliere). Questo è l’inizio, e l’antefatto storico (l’Europa devastata dal nazismo) è costruito in pochi fotogrammi, continua »

* * * * *

Il film che anticipa i tempi, vivendoli

martedì 28 aprile 2009 di hovolatosulnidodelcuculo!

Un film come questo capita assai raramente di essere visto. Soprattutto se ci si riferisce ad un'epoca in cui quest'opera sarebbe arrivata in Italia solo nel 1945, per ragioni evidenti. Nel 1942 si era nel pieno della seconda guerra mondiale, e chi questo film lo stava girando o interpretando non poteva naturalmente sapere con esattezza quali saranno gli esiti dell'evento bellico che al film stesso fa da pressante contesto. Gli europei, inglesi esclusi, sottomessi alla egemonia nazionalsocialista, continua »

Rick (Humphrey Bogart)
Louis, credo che questo sia l'inizio di una bella amicizia
(Louis, I think this is the beginning of a beautiful friendship.)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 20 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rick (Humphrey Bogart)
Alla tua salute, bambina.
(Here's looking at you, kid.)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 5 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Ilsa (Ingrid Bergman) a Sam (Dooley Wilson)
Suonala, Sam. Suona 'Mentre il tempo passa"
(Play it, Sam. Play "As Time Goes By".)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 28 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Casablanca oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Casablanca

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 19 ottobre 2005

Cover Dvd Casablanca A partire da mercoledì 19 ottobre 2005 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Casablanca di Michael Curtiz con Paul Henreid, Humphrey Bogart, Peter Lorre, Sydney Greenstreet. Distribuito da Warner Home Video, il dvd è in lingue e audio inglese, Mono - francese, Mono - italiano, Mono. Su internet Casablanca è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Casablanca

NEWS | Premi che recuperano la memoria e arretrano la rappresentazione del presente.

Oscar che fanno tendenza

lunedì 27 febbraio 2012 - Giancarlo Zappoli

The Artist e Hugo, Oscar che fanno tendenza La notte degli Oscar si è conclusa con una premiazione che, come sempre accade con gli Academy Awards, non è tanto importante per il fatto che una statuetta sia andata o meno a questo o a quel film ma piuttosto per un altro (e complessivamente più significativo) motivo. Ogni anno Hollywood, con questa serata, ci comunica una tendenza o, perlomeno, un'attenzione specifica. Ci dice cioè l'orizzonte verso cui le major stanno puntando lo sguardo. Non preoccupatevi. Non vedremo nel prossimo futuro solo film muti in bianco e nero o rievocazioni dei bei tempi andati in cui immergerci grazie alla 'magia' del 3D.

   

di Sergio Donati

Qualcuno che conosce le mie debolezze m'ha fatto un regalo tra l'ironico e l'affettuoso: una cassetta di Casablanca, ma nella versione originale che non avevo mai visto. Ripassandomi religiosamente un film che credevo di poter riscrivere a memoria, ho fatto una scoperta curiosa: nella versione italiana è stato completamente eliminato un personaggio, il capitano Borelli. É un ufficiale fascista dall'accento calabrese, servile e ridicolo, una semplice macchietta. Però, considerato che il film è stato editato in Italia a guerra finita, lo zelo patriottico dell'ignoto censore mi pare un po’ imbecille, considerato che pure il personaggio interpretato dal grande Sidney Greenstreet, nonostante il fez e la fusciacca, nella versione inglese è il “signor Ferrari”. »

di Claude Beylie

Casablanca, 1943, luogo fondamentale per la resistenza francese. Il governo di Vichy esercita la sua autorità su una città cosmopolita dove transitano esuli in fuga dalla minaccia nazista. E tutti si ritrovano nel nightclub di Rick ad ascoltare il pianista nero Sam e le sue nostalgiche musichette... Una sera arriva una coppia: l’uomo è un eroe della resistenza mitteleuropea braccato dai nazisti, la moglie una vecchia fiamma di Rick. Li aiuterà Rick a fuggire verso cieli più clementi, a rischio di compromettersi? Occorre neutralizzare il feroce maggiore Strassen, rappresentante dei nazisti a Casablanca, e assicurarsi la complicità del capitano Renault, funzionario di Vichy. »

di Pietro Bianchi

Quando, pensosi dell'avvenire del nostro cinema, riflettiamo a ciò che ci manca, a quel quid di cui anche i nostri film più riusciti sembrano essere privi, sempre invidiamo a quelli di Hollywood non i registi ricchi di mestiere o di prestigio, i tecnici pieni di risorse, i soggettisti carichi sino ai capelli (ma non sempre! ) di idee, di estro, di immaginazione. Pensiamo agli attori: ai piccoli e ai grandi, ai caratteristi e alle "dive", alle soubrettes e alle ballerine, al protagonista dei western e all'eroe delle favole urbane. »

di Paolo Boschi

Casablanca è l’esempio per eccellenza dell’intramontabile mito dell’imperturbabile Bogey, un attore che senza il suo sguardo disilluso e la sigaretta pendente da un lato della bocca probabilmente non sarebbe mai diventato una star – peraltro felicemente ‘replicato’ dallo stesso Woody Allen in Provaci ancora, Sam –. Nel capolavoro di Michel Curtiz il nostro eroe veste i panni di Rick Blaine, cinico gestore del Rick’s Bar di Casablanca, fumoso crocevia di avventurieri, spie, seduttori, giocatori d’azzardo, militari e rissaioli. »

Casablanca | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | mary 93
  2° | alessandra verdino
  3° | hovolatosulnidodelcuculo!
  4° | lisbeth
  5° | ziogiafo
  6° | ultimoboyscout
  7° | gabrigilli1997
  8° | lisbeth
  9° | pensionoman
10° | luca scialò
Rassegna stampa
Gian Piero dell'Acqua
Premio Oscar (10)


Articoli & News
Video
1|
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità