Ahed's Knee

Film 2021 | Drammatico 109 min.

Titolo originaleHa'berech
Anno2021
GenereDrammatico
ProduzioneIsraele, Francia
Durata109 minuti
Regia diNadav Lapid
AttoriNur Fibak, Avshalom Pollak .
MYmonetro

Regia di Nadav Lapid. Un film con Nur Fibak, Avshalom Pollak. Titolo originale: Ha'berech. Genere Drammatico - Israele, Francia, 2021, durata 109 minuti.

Condividi

Aggiungi Ahed's Knee tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un regista si trova improvvisamente a dover affrontare due difficili battaglie. Il film è stato premiato al Festival di Cannes,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA 2,63
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO N.D.
Lotte senza fine.
a cura della redazione
giovedì 3 giugno 2021
a cura della redazione
giovedì 3 giugno 2021

Un regista israeliano si getta nel mezzo di due battaglie destinate a fallire: una contro la morte della libertà, l'altra contro la morte di una madre.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 9 luglio 2021
Andrea Martini
Quotidiano Nazionale

Se non fossimo in Israele, se non vigesse l' incubo della guerra perenne, se l' autoflagellazione non avvenisse in un deserto pietroso, ma soprattutto se l' autore non fosse Nadav Lapid (Orso d' oro a Berlino 2019) potremmo pensare che al centro di "Il ginocchio di Ahed" vi sia un regista in piena crisi di mezza età e di ispirazione. Invece trattandosi dell' enfant prodige del cinema di Gerusalemme [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Quarto lungometraggio di Nadav Lapid, Ha'berech (Ahed's Knee) corre per la Palma d'Oro: una prima volta per il regista israeliano. Reduce dal successo di Synonymes, Orso d'Oro a Berlino nel 2019, ritrova parzialmente temi e atmosfere, non il valore: tanto ambizioso quanto confuso, autobiografico quanto solipsistico prima e arruffapopolo dopo (e fuori tempo massimo), prende il titolo internazionale [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Un regista israeliano si reca nel deserto di Arava per proiettare un suo film. Avvicinato da una giovane funzionaria del Ministero della cultura, con la quale sembra avere una forte attrazione, scopre in realtà che la sua presenza nasconde altro. Lapid, dopo l'Orso d'oro conquistato con "Synonimes" torna con forza a criticare il governo israeliano e nel frattempo rielabora il lutto della madre (che [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Roberto Manassero
Cineforum

Per Nadav Lapid ogni film è una questione esistenziale, un terreno di confronto con la propria identità di artista, di regista, di israeliano, di figlio. Sua madre Era Lapid, montatrice di tutti i suoi film, è morta nel 2018 durante la postproduzione di Synonimes, il suo film precedente, Orso d'oro a Berlino nel 2019, che già affrontava la sofferenza di un ragazzo senza patria, famiglia e lingua, cocciutame [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Giulio Sangiorgio
Film TV

Come Carax e Carrère, Lapid porta al Festival post-pandemia un film su prospettive e problemi del proprio cinema, un ripensamento di arte, parte, biografia: la storia (lunga un giorno) è quella di Y, un regista chiamato a presentare un film ad Avara, dove una funzionaria ministeriale lo accoglie ammirata, e gli pone dei limiti, cioè un documento: firmandolo accetta di non criticare lo stato d'Israele. [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

Il festival è partito, nella sua edizione «fuori stagione» - che fa pensare al bel romanzo di Marie NDiaye - la luce è cambiata, in strada i vacanzieri, caftani bianchi e abbronzatura perfetta nella folla dei saldi che si sono appena aperti. Saranno tutti spettatori del festival, come ha detto Frémaux? Chissà. Forse di qualche serata con star - per ora non c' è stato il tempo di andare a vedere cosa [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 luglio 2021
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

In lizza per la Palma d'oro è stato presentato anche «Ahed's Knee» di Nadav Lapid, regista israeliano reduce dal successo al Festival di Berlino due anni fa con il sopravvalutato «Synonymes».Protagonista è proprio un regista israeliano, fortemente ispirato allo stesso Lapid, che arriva in un remoto villaggio in mezzo al deserto per presentare uno dei suoi film.

winner
premio della giuria
Festival di Cannes
2021
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati