Il delitto Mattarella

Film 2020 | Drammatico, +13 97 min.

Regia di Aurelio Grimaldi. Un film Da vedere 2020 con Antonio Alveario, Claudio Castrogiovanni, Nicasio Catanese, David Coco, Vincenzo Crivello. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2020, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 2 luglio 2020 distribuito da Cine1 Italia. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,92 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il delitto Mattarella tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un film dedicato a Piersanti Mattarella, una figura ingiustamente dimenticata. In Italia al Box Office Il delitto Mattarella ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 24 mila euro e 7,2 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,92/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,33
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film alla vecchia maniera che si fa omaggio e documento storico.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 27 gennaio 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 27 gennaio 2020

Il giorno dell'Epifania del 1980 il Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella viene ucciso da un killer. Ad occuparsi delle prime indagini sarà il sostituto procuratore Pietro Grasso a cui farà seguito il giudice Giovanni Falcone. Le complicità saranno molteplici e gli esecutori materiali non saranno mai arrestati.

Aurelio Grimaldi nel quarantennale dell'uccisione del fratello dell'attuale Presidente della Repubblica realizza un film alla vecchia maniera.

Questa che potrebbe sembrare una nota negativa è invece il riconoscimento di un merito: quello di far riviverla memoria di una stagione cinematografica in cui il cinema italiano realizzava film di impegno civile che, pur non proponendosi come documentari, si basavano su fatti accaduti e non temevano di chiamare in causa le persone che vi erano coinvolte. Basti pensare a Maestri come Lizzani, Rosi e Petri per avere dei riferimenti alti e precisi.

Grimaldi aderisce alla loro lezione e, con un film di finzione che si fa documento storico, ci ricorda, con tanto di elementi circostanziali in chiusura, come in quel delitto confluissero una molteplicità di interessi non solo mafiosi. Nel film si fanno date e nomi e cognomi senza alcun timore e si mostra come non solo all'interno dello stesso partito a cui apparteneva l'integerrimo Mattarella ci fossero noti e meno noti fiancheggiatori della mafia ma come anche il movimento neofascista fosse entrato a far parte dell'efferata macchinazione al fine di favorire l'evasione di un suo leader.

Si arriva fino alla banda della Magliana nel denunciare l'intreccio tra politica, malaffare e criminalità. Ne risulta un film con un cast di ottimo livello che si offre come occasione di riflessione sulla Storia recente del nostro Paese ma anche come omaggio a una famiglia che ha saputo vivere con dignità e alto senso morale la tragedia che l'ha colpita.

FOCUS
FOCUS
sabato 4 luglio 2020
Giovanni Bogani

Era il 6 gennaio 1980. A Palermo veniva ucciso Piersanti Mattarella: era il Presidente della Regione Sicilia, e il fratello maggiore del futuro presidente della Repubblica italiana.

Nel tempo il nome di Piersanti Mattarella si è come perduto. Dopo Peppino Impastato, più di dieci anni prima di Falcone e Borsellino. È finito come in un cono d’ombra. Eppure, fu il più grave delitto politico dopo il caso Moro. Lo toglie, da quel cono d’ombra, il film di Aurelio Grimaldi. E ci ricorda chi era Piersanti Mattarella. Un democristiano onesto e coraggioso: nemico di Cosa nostra, nemico della corruzione. Con il sogno di realizzare un’autentica, utopica rivoluzione nella sua Sicilia: moralizzare la vita pubblica. Inevitabile che si esponesse alle reazioni della mafia. La domenica dell’Epifania del 1980, quando entrò nella sua Fiat insieme alla moglie e ai figli per andare a messa, qualcuno si avvicinò al finestrino. Mattarella non ebbe scampo. 
 

Mattarella portò l’allora partito comunista nel governo della regione Sicilia – sia pure come appoggio esterno – e questo scatenò un odio molto marcato nei suoi confronti. E la Sicilia dalle carte in regola, a quei tempi, era forse difficile da imporre, o anche solo da immaginare. 

Da anni Aurelio Grimaldi raccoglie materiali sulla storia di Piersanti Mattarella: “La sua è una figura ingiustamente dimenticata”, dice. Grimaldi, per sottrarlo a questo oblio, sceglie di fare nomi e cognomi, di non nascondere niente. Se il film di Amelio Hammamet, per fare un esempio, non nomina mai Bettino Craxi, qui ci sono nomi e cognomi di ciascuno. Tra i personaggi ci sono il futuro presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il futuro presidente del Senato Pietro Grasso, che all’epoca del delitto Mattarella è il giovane sostituto procuratore di turno; ci sono Giulio Andreotti e Salvo Lima. C’è tutto un mondo che ci sembra lontano anni luce, ma che invece è solo ieri. 

Per farlo, chiama a raccolta tutti gli attori siciliani che può riunire: ci sono Leo Gullotta, Tuccio Musumeci, Donatella Finocchiaro, David Coco – che interpreta Piersanti Mattarella –, Vincenzo Crivello, Nino Frassica, Andrea Tidona, e c’è Tony Sperandeo con cui aveva lavorato dai tempi di Mery per sempre – era un secondino del carcere minorile. Con un cast tutto siciliano, l’impasto linguistico del film, la sua musica, suonano veri, pur in un contesto di ricostruzioni quasi teatrali. Verrebbe da dire, con una parola antica, “brechtiane”. 

Sono “veri” anche i luoghi: il film è stato girato a Palermo, al Calvario di Tusa, a Castellammare del Golfo, dove Mattarella era nato, e a Corleone. 

Nel film ci sono tutti i momenti salienti della parabola di Mattarella. C’è quella conferenza regionale dell’agricoltura del 1979, in cui il deputato Pio La Torre accusa l’assessore all’agricoltura della Regione come corrotto, colluso alla delinquenza. E mentre tutti si aspettano che Mattarella difenda il suo assessore, ascoltiamo Mattarella riconoscere il bisogno di legalità e correttezza nella gestione dei contributi per l’agricoltura. Era il momento, probabilmente, in cui firmava la sua condanna a morte. E c’è la scena dell’omicidio, c’ il complicato intreccio fra i Nar, terroristi neofascisti di Giusva Fioravanti, la banda della Magliana, Cosa nostra. 

Tutto, nel film, è molto dichiarato, molto “messo in scena”, quasi come se fosse una lezione di storia: è il suo pregio e insieme il suo limite. È un’opera di memoria, forse meno un’opera di cinema, di stile. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 2 luglio 2020
Tonino De Pace
Sentieri Selvaggi

Il cinema italiano ha una grande tradizione di impegno civile, una tradizione che ha caratterizzato i film che, soprattutto tra gli anni '70 e '80 del secolo scorso, hanno raccontato il lato oscuro delle vicende italiane, in quel confine non certo labile, ma a volte invisibile, tra politica e malaffare di varia natura e genere, deviazioni istituzionali e saldature con la malavita organizzata.

martedì 30 giugno 2020
Luca Pacilio
Film TV

Grimaldi rimane autore difficile da maneggiare, incline com'è a quel registro ibrido che, forzando i toni, non tira a lucido la materia, ma la volgarizza, arrivando a imbarbarirla quasi. Se la voce fuori campo riporta la cronaca puntuale e i retroscena dell'omicidio di Piersanti Mattarella, interpretazioni aderenti si mescolano ad altre di teatralità straniata o gigionesca, a celebrare un bizzarro [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 giugno 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

La parola alla Storia. Sono passati quarant'anni dall'omicidio di Piersanti Mattarella, fratello dell'attuale Presidente della Repubblica. Era il 6 gennaio del 1980. Mattarella ricopriva la carica di Presidente della Regione Sicilia. Prima la pista del terrorismo, poi quella che portava ai corleonesi, anche grazie alle dichiarazioni di Tommaso Buscetta, collaboratore di giustizia su cui Marco Bellocchio [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 26 giugno 2020
Massimiliano Carbonaro

Su MYmovies.it i primi 7 minuti di un film che rende omaggio a un uomo coraggioso e ingiustamente dimenticato. Da giovedì 2 luglio al cinema. Guarda l'inizio »

VIDEO RECENSIONE
martedì 3 marzo 2020
A cura della redazione

Il giorno dell'Epifania del 1980 il Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella viene ucciso. A occuparsi delle prime indagini è il sostituto procuratore Pietro Grasso, a cui fa seguito il giudice Giovanni Falcone.

TRAILER
mercoledì 19 febbraio 2020
 

La storia di una famiglia, di esseri umani, di valori e ideali perseguiti con sincero spirito di servizio e afflato solidale. Dal 2 luglio al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
martedì 11 febbraio 2020
 

Il giorno dell'Epifania del 1980 il Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella viene ucciso da un killer. Ad occuparsi delle prime indagini sarà il sostituto procuratore Pietro Grasso a cui farà seguito il giudice Giovanni Falcone.

NEWS
venerdì 12 giugno 2020
 

Un film dedicato a una figura ingiustamente dimenticata, ma anche la storia di valori e ideali perseguiti con sincero spirito di servizio e afflato solidale. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati