Bac Nord

Film 2020 | Thriller 104 min.

Regia di Cédric Jimenez. Un film con Gilles Lellouche, François Civil, Karim Leklou, Adèle Exarchopoulos, Kenza Fortas. Cast completo Genere Thriller - Francia, 2020, durata 104 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Bac Nord tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una squadra di polizia a Marsiglia va oltre la linea della giustizia con lo scopo di ottenere ordine.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer
Un poliziesco teso e spettacolare ma tanto di parte da risultare problematico.
Recensione di Andrea Fornasiero
sabato 18 settembre 2021
Recensione di Andrea Fornasiero
sabato 18 settembre 2021

A Marsiglia i poliziotti della BAC (brigades anti-criminalité) hanno perso il controllo di un intero quartiere dei sobborghi. Quando dall'alto si pretende una retata che dimostri l'efficacia della polizia, un terzetto di agenti si ritrova costretto a collaborare con un informatore che chiede in cambio delle sue dritte una grossa quantità di droghe leggere. Il superiore gli dice di procedere, ma allo stesso tempo gli dice anche di non poter formalizzare questa attività e gli agenti si trovano così ad affrontare una difficile impresa senza rete...

BAC Nord è un poliziesco d'azione con grandi momenti di frenesia e spettacolo, ma troppo di parte nelle sue semplificazioni politiche e ideologiche.

Per entrare nel vivo della questione occorre raccontare il caso di cronaca alla base del film, con inevitabili spoiler sulla trama, quindi il lettore si ritenga allertato. BAC Nord trae spunto da fatti avvenuti a Marsiglia nel 2012, che hanno portato all'arresto di diversi agenti di polizia accusati di traffico di droga. Il film però sposa la loro difesa a tal punto da assolverli nel modo più assoluto, facendone le solite vittime dei giochi politici dei loro superiori, senza mai intaccare la santità dello spirito di corpo né le buone intenzioni degli agenti. Questo ha reso problematica la sua accoglienza in Francia, con stroncature assolute in particolare sui giornali di sinistra. Da noi non c'è una percezione su questo scandalo, ma anche così la rappresentazione risulta tutta dalla parte dei poliziotti e francamente è difficile immaginare che fossero davvero dei cavalieri senza macchia.

Il problema ideologico è poi ancora più macroscopico, perché al di là dell'innocenza o meno degli agenti, che è una questione di verosimiglianza, il film presenta uno spaccato sociologico a dir poco tagliato con l'accetta. BAC Nord sembra la risposta di destra a I miserabili di Ladj Ly (e pure al meno sinistrorso Shorta dei danesi Frederik Louis Hviid e Anders Ølholm): anziché presentare un quadro sfaccettato dove i modi brutali della polizia sono concausa di una situazione esplosiva, BAC Nord non dà alcuna voce agli abitanti dei sobborghi (tranne per l'ambigua informatrice), che appaiono così come una massa di persone per lo più di colore, arroganti, violente e armate. Questa bestiale disumanizzazione aiuta la tensione, ma fino a che punto si può sacrificare la sensibilità sociologica alle logiche del cinema di genere?

BAC Nord è così un film paradossale, da una parte moderno nella realizzazione, con un atto centrale dedicato all'assedio alla retata in una palazzina, dall'altra invece con semplificazioni che oggi, per fortuna, risultano indigeribili. A questo problema il regista e gli sceneggiatori hanno cercato di mettere una pezza nella prima parte del film, mostrando la difficoltà del lavoro di polizia in quei quartieri e inserendo una sequenza sorprendentemente gioiosa in cui un ragazzino viene arrestato e finisce per cantare a rap a squarciagola in auto, insieme agli agenti che lo portano in centrale in una corsa senza regole piuttosto spettacolare. Però queste piccole cose finiscono del tutto cancellate dalla vicenda portante del film e soprattutto dal suo amaro epilogo.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 6 ottobre 2021
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

A Marsiglia non si vede il mare né il porto. Per Friedkin, in Il braccio violento della legge, lo scontro tra polizia e criminalità si svolgeva anche da quelle parti. Cédric Jimenez con BAC Nord porta la lotta all'interno, in mezzo a palazzi filmati come confini invalicabili. Una collisione tra I miserabili e i polar di Olivier Marchal, in mezzo alla luce infuocata della fotografia di Laurent Tangy [...] Vai alla recensione »

martedì 28 settembre 2021
Mauro Gervasini
Film TV

BAC Nord è il film evento della stagione cinematografica francese 2021. Un successo inatteso e una strumentalizzazione politica inaudita. In Italia salta la sala, un po' un peccato soprattutto per la resa su grande schermo della fotografia di Laurent Tangy che sfida a duello la luce di Marsiglia. Senza le polemiche politiche e l'entusiasmo del pubblico resta il film nudo e crudo, un polar abbastanza [...] Vai alla recensione »

NEWS
NETFLIX
sabato 18 settembre 2021
Andrea Fornasiero

Una squadra di polizia va oltre la linea della giustizia per ottenere ordine. Disponibile su Netflix. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati