Synonymes

Film 2019 | Drammatico 123 min.

Titolo originaleSynonymes
Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia, Germania, Israele
Durata123 minuti
Regia diNadav Lapid
AttoriTom Mercier, Quentin Dolmaire, Louise Chevillotte, John Sehil, Gaël Raes Chris Zastera, Jonathan Boudina.
TagDa vedere 2019
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Nadav Lapid. Un film Da vedere 2019 con Tom Mercier, Quentin Dolmaire, Louise Chevillotte, John Sehil, Gaël Raes. Cast completo Titolo originale: Synonymes. Genere Drammatico - Francia, Germania, Israele, 2019, durata 123 minuti. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Synonymes tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Per le strade di Parigi è possibile trovare se stessi? Il film è stato premiato al Festival di Berlino,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
Un film astratto e politico sull'impossibilità individuale e collettiva di liberarsi dal passato.
Recensione di Roberto Manassero
giovedì 14 febbraio 2019
Recensione di Roberto Manassero
giovedì 14 febbraio 2019

Yoav, un giovane ragazzo israeliano appena arrivato a Parigi, viene accolto da due coetanei francesi, Caroline e Emile, dopo che i suoi vestiti sono stati rubati. In fuga dal proprio paese e cocciutamente deciso a non parlare la sua lingua, Yoav cerca di imparare perfettamente la lingua francese per acquisire una nuova identità. Il passato però lo ossessiona, le visite all'ambasciata israeliana lo annoiano e l'amore per la cultura francese e per Caroline, che arriva anche a sposare, non gli danno quella libertà di cui sente disperatamente bisogno.

Adattando la propria esperienza personale, l'israeliano Nadav Lapid gira un film astratto e politico sull'impossibilità individuale e collettiva di liberarsi dal passato.

Come nel precedente lungometraggio di Lapid, The Kindergarten Teacher (rifatto recentemente negli Stati Uniti dall'italiana Sara Colangelo e in Italia distribuito con il titolo Lontano da qui), anche in Synonymes il linguaggio sta al centro del racconto. Yoav, denudato come neonato al suo arrivo a Parigi e rivestito di tutto punto, avvicina il nuovo mondo in cui ha scelto di stabilirsi attraverso le parole: cerca ossessivamente sinonimi, non si separa dal dizionario, ripete formule linguistiche come preghiere, cerca di assimilare le forme mentali di un popolo a cui non appartiene.

Le sue radici sono altrove, a Tel Aviv, da dove è scappato dopo il servizio militare e dove vivono la famiglia e la fidanzata, e il suo passato è lontano, impuro, mostrato in rapidi e forse immaginari flashback, ripercorribile solamente con il filtro della letteratura (l'Iliade imparata da bambino), della musica (una mitragliatrice ad accompagnare una canzone) o del grottesco (una cerimonia militare interrotta dalla risata della madre). Yoav si rifiuta di parlare israeliano e vive nel proprio corpo bellissimo e statuario come in un'armatura ingombrante.

Tra echi della Nouvelle Vague, momenti surreali, situazioni stilizzate e compiaciute, scene girate con camera a mano e altre in piano sequenza, Synonymes decostruisce, in maniera spietata, il tentativo di un individuo a pezzi di ricostruirsi un'identità, entrando inevitabilmente in conflitto con la cultura machista del suo popolo (tema già alla base del primo lungometraggio di Lapid, Policeman) e con l'imperscrutabilità dell'incontro con l'altro da sé. E se la dimensione psicanalitica del film rivela un personaggio imprevedibile come Yoav, figlio, traditore e apolide che l'esordiente Tom Mercier interpreta con una una forza straordinaria, nella seconda parte la deriva politica sul peso della memoria in Israele conduce in territori già battuti.

Come in Foxtrot di Samuel Maoz, in cui il movimento sul posto della danza del titolo offriva la metafora di un intero paese, anche il destino di Yoav, che fugge da un mondo per restare prigioniero di un altro - imbrigliato nella violenza delle parole della Marsigliese e nelle contraddizioni della laica e democratica Francia - suggerisce l'idea di una dannazione forse eterna.

Synonymes, film inafferrabile e testimonianza esistenziale straziante, resta purtroppo imbrigliato nelle stesse ossessioni del suo protagonista, in cerca di una liberazione ma condannato a sbattere contro porte e muri invalicabili.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
NEWS
BERLINALE
domenica 17 febbraio 2019
Tommaso Tocci

Alle ONG che salvano vite nel Mediterraneo è dedicato da Saviano il premio per la miglior sceneggiatura a La paranza dei bambini (guarda la video recensione), rimettendo in circolo nella capitale tedesca quei valori che nel 2016 videro premiato (con [...]

winner
orso d'oro
Festival di Berlino
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati