Letizia Battaglia - Shooting the Mafia

Film 2019 | Documentario, +13 97 min.

Titolo originaleShooting the Mafia
Anno2019
GenereDocumentario,
ProduzioneIrlanda
Durata97 minuti
Regia diKim Longinotto
AttoriLetizia Battaglia .
Uscitagiovedì 16 luglio 2020
TagDa vedere 2019
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kim Longinotto. Un film Da vedere 2019 con Letizia Battaglia. Titolo originale: Shooting the Mafia. Genere Documentario, - Irlanda, 2019, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 16 luglio 2020 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Letizia Battaglia - Shooting the Mafia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un documentario dedicato alla fotografa Letizia Battaglia e alla sua personale lotta contro la Mafia. In Italia al Box Office Letizia Battaglia - Shooting the Mafia ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 9,1 mila euro e 6,7 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,38
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un ritratto agrodolce della prima fotoreporter italiana nella Palermo delle stragi.
Recensione di Ilaria Ravarino
martedì 19 febbraio 2019
Recensione di Ilaria Ravarino
martedì 19 febbraio 2019

Vita e carriera di Letizia Battaglia, fotografa palermitana e fotoreporter per il quotidiano L’Ora, raccontata con taglio intimo e privato, a partire dalla sua turbolenta giovinezza. Dal lavoro sulle strade per documentare i morti di mafia, all’impegno in politica con i Verdi e la Rete, Battaglia è stata una figura fondamentale nella Palermo tra gli anni Settanta e Novanta.

“Sono sempre stata una donna in lotta, senza saperlo”. Così dice di sé la siciliana Letizia Battaglia, 84 anni e la testa lucidissima, nel documentario rivelatorio che le dedica Kim Longinotto, regista dal curriculum militante, figlia di un fotografo italiano.

Realizzato montando interviste recenti con spezzoni di film, filmini amatoriali e foto realizzate da Battaglia nel corso della sua lunghissima carriera, Longinotto innesca il racconto portando subito lo spettatore al cuore della donna che domina lo schermo - fisico possente, caschetto tra il rosso e il rosa, sguardo vivace - dipingendo il ritratto esplosivo, in pieno post #metoo, di una gigantessa dell’emancipazione femminile.

Sposata prestissimo, a 16 anni, Battaglia tradisce e lascia il marito, dal quale rischia di farsi sparare addosso (“La sua storia la sapeva tutta Palermo”), e approda alla fotografia solo dopo aver compiuto quarant’anni. Sono gli anni Settanta, quelli della Palermo in cui “capitavano anche cinque omicidi al giorno”, e lei riesce a farsi assumere, prima donna in Italia, come fotoreporter al giornale L’Ora. Le sue foto, rigorosamente in bianco e nero, ritraggono i morti della mafia ma anche i mafiosi in pieno volto, spesso umiliati dai suoi scatti negli attimi successivi all’arresto.

Quel che interessa a Longinotto - ben consapevole della fascinazione che ancora oggi i padrini corleonesi esercitano all’estero - è l’approccio di Battaglia ai suoi soggetti. Il fatto, cioè, che vedesse (e ritraesse) la mafia per quel che era: “gente sciatta e vestita male”, lontana dall’epica moderna del gangster-chic, di cui era inevitabile avere paura. “La mafia a Palermo è ovunque - avverte apocalittico un giornalista inglese in una delle corrispondenze montate all’interno del film - anche al cimitero”.

Il documentario procede ordinatamente, sul piano della cronaca, con l’arco tragico dei massacri di mafia (Falcone e Borsellino), ma il cuore del racconto resta su Battaglia: una donna che ha scelto il lavoro come liberazione, la libertà sessuale come emancipazione, e che nelle fotografie trova qualcosa di più di una semplice realizzazione personale. Fotografare è per Battaglia partecipare: è condividere, ma nel senso più solidale e meno narcisistico del termine. Lasciata la fotografia per la politica, “esperienza umiliante”, Battaglia lascia anche il suo compagno. “Sono rimasta per vent’anni da sola”, dice oggi, per nulla turbata, presentando alla camera di Longinotto il suo nuovo partner di 38 anni più giovane. Una storia d’amore, di ferocia e tenerezza che meritava, davvero, di essere raccontata.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 20 giugno 2019
anthonydr

In un'ora e mezza scorre la vita, attraverso le foto, di Letizia Battaglia. In quegli scatti c'è la sua Palermo, la sua forza ma anche la debolezza di una fotografa che tremava durante il processo di Luciano Liggio. Poi c'è la mafia. In tutti gli scatti, urla di dolore e grida escono dal potente bianco e nero. Personalità, persone comuni, bambini, nessuno è risparmiato alla mattanza e le persone stanche [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 20 luglio 2020
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

Dal sodalizio artistico degli ultimi tempi con Franco Maresco, per il quale è protagonista in La mafia non è più quella di una volta e nel doc La mia Battaglia, Letizia Battaglia si ritrova a raccontarsi alla regista irlandese Kim Longinotto, autrice molto attiva professionalmente sulla questione mediorientale. Presentato al Sundance Festival e al Biografilm di Bologna, sembra essere in un certo senso [...] Vai alla recensione »

martedì 14 luglio 2020
Roberto Manassero
Film TV

Letizia Battaglia è una città, Palermo; un modo di raccontare, fermando la realtà in un attimo che si fa messa in scena; una luce, quasi sempre in bianco e nero. Letizia Battaglia, oggi signora ottantacinquenne con inconfondibile caschetto rosa shocking, è un'icona, la testimone per eccellenza delle guerre di mafia, la sola donna reporter dell'"Ora" a fine anni 60 quando cominciò la sua carriera, la [...] Vai alla recensione »

martedì 3 dicembre 2019
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

I suoi scatti continuano a fare il giro del mondo, impressi uno ad uno in quella Storia che a loro volta hanno così tragicamente raccontato e consegnato a futura memoria. Perché tutto ciò del quale sono stati testimoni oculari e prove schiaccianti non si possono e non si devono dimenticare. Gli scatti sono quelli che portano la firma inconfondibile di Letizia Battaglia, fotografa e fotoreporter per [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Martina Toma
Cult Week

Letizia Battaglia, classe 1935, non è solo una fotografa, donna, giornalista, ma anche una vera e propria forza della natura. Con il suo potente caschetto color fucsia, scuote profondamente gli animi dei presenti all'anteprima del suo docu-film Letizia Battaglia-Shooting the Mafia, al festival di We World. La sua, come lei stessa ha raccontato, inizialmente sembra essere una storia comune, quasi ordinaria, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
giovedì 2 luglio 2020
 

Un ritratto personale e intimo della fotografa palermitana. Dal 16 luglio al cinema. Guarda »

POSTER
lunedì 2 marzo 2020
 

Un ritratto personale e intimo su Letizia Battaglia, fotografa palermitana e fotoreporter per il quotidiano L'Ora. Una vita vissuta senza schemi: dalla fotografia di strada, per documentare i morti di mafia, all'impegno in politica, Letizia Battaglia [...]

NEWS
giovedì 26 settembre 2019
 

Un documentario dedicato alla fotografa Letizia Battaglia e alla sua personale lotta contro la Mafia. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati