Marghe e Giulia - Crescere in diretta

Film 2019 | Documentario 64 min.

Anno2019
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata64 minuti
Regia diFrancesca Sironi, Alberto Gottardo
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Francesca Sironi, Alberto Gottardo. Un film Genere Documentario - Italia, 2019, durata 64 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Marghe e Giulia - Crescere in diretta tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Luigi, Maria, Margherita e Giulia abitano a Giugliano, in provincia di Napoli.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Due piccole sorelle e il loro videoblog di successo: osservazione che lascia spazio all'interpretazione.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 12 luglio 2019
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 12 luglio 2019

A Giugliano, area metropolitana di Napoli, vivono Marghe (seconda media) e Giulia (quinta elementare) con i genitori Luigi e Maria. È il padre, primo a meravigliarsi del successo, ad averle iniziate molto presto a mostrarsi in Rete. Maghe Giulia Kawaii è il nome dello loro vlog (video blog), tramite il quale raccontano tutto ai loro follower (al momento, oltre più di trecentomila iscritti): come si sentono, come si vestono, cosa stanno mangiando, cosa ricordano, cosa fanno nel tempo libero, da sole e con la famiglia. Sfoggiano orgogliose il riconoscimento arrivato da YouTube per aver raggiunto le centomila visualizzazioni. Insomma per loro, che nella camera da letto hanno un piccolo set fotografico illuminato professionalmente, andare online in video tutti i giorni (e anche sugli altri social, come Instagram e Musical.ly) è un fatto naturale. Meglio, una condizione nativa. Come farsi un selfie davanti al Maschio Angioino insieme ai fan, o un video in gita al lago. E quindi anche farsi riprendere per un film fa ormai parte integrante dei loro "personaggi". Prendono molto seriamente il loro "obiettivo", cioè mostrare il loro "talento" (i virgolettati sono del padre Luigi.

Marghe e Giulia rispondono alle chat, giocano, esaudiscono richieste di saluti in onda, cucinano, fanno appelli, anche agli haters (qui declinati in accento partenopeo), lanciano sondaggi ("bici o divano?"). E ovviamente tra un sorriso, una mossetta, un bacio, una gesticolazione ampia, un saluto esagerato e una risata, pubblicizzano prodotti.

Niente di nuovo, nell'era dei social, degli smartphone, delle vite online. Semmai una versione aggiornata di Bellissima: al posto del provino al cinema è il mini video in rete il mezzo attraverso il quale un genitore cerca un posto al sole per la prole. Forse per questo motivo i registi includono nella loro osservazione il momento del pianto di gioia di Marghe per l'ultimo modello di smartphone ricevuto in regalo. La sua emozione è lì, disponibile, replicabile all'infinito, a disposizione di tutti, su una piattaforma "libera". Ogni visualizzazione, ogni clic, ogni like, un po' di visibilità e denaro in più. Anche di felicità per le bambine, sostiene Luigi.

È un mondo chiuso, di un amore quasi asfittico, quello ripreso dal documentario. Una realtà autoconclusa, marginale, fatta di mura domestiche ordinarie, di centri commerciali, di schermi tv accesi e onnipresenti e di attenzione costantemente rivolti al device di turno. Le tinte pastello degli interni sono esaltate da una luce innaturale, dominati da toni lilla e rosa, in posa. In cui il nucleo familiare si chiude a testuggine, impegnato con tutte le sue forze in quello che a tutti gli effetti è un lavoro.

Non c'è tempo e nemmeno spazio per altro: le critiche, anzi, sono vissute come la controprova di successo: chi contesta dalla tastiera è automaticamente equiparato a un invidioso. Come nel precedente Quasi Venezia gli autori stanno un passo indietro, non influenzano con apparati di testo né voci over il campo indagato, lasciando spazio all'interpretazione dello spettatore: sta a lui riflettere sul limite tra manipolazione e ruolo genitoriale, tra alienazione e legittimo desiderio di affermazione per le due.

Nonostante questo, scena dopo scena (non solo quando appare un uccellino esotico che svolazza per casa) affiorano inevitabilmente in chi guarda delle domande sulla delega educativa in atto, sull'enfasi data all'immagine e sulla costruzione di un'identità a partire dalla capacità di "influenzare" gli altri e dalla gratificazione delle views. Ma anche su come in futuro Marghe e Giulia considereranno il valore del proprio tempo condiviso sui social, oggi così galvanizzante. Musica di Iosonouncane, prodotto da Sky.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati