MYmovies.it
Advertisement
Alita - Angelo della battaglia, tra recitazione e computer grafica

Un coraggioso esperimento con una protagonista interamente in CGI. Al cinema.
di Giuseppe Fadda, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Rosa Salazar . Interpreta Alita nel film di Robert Rodriguez Alita - Angelo della Battaglia.
martedì 19 febbraio 2019 - Scrivere di Cinema

Sono passati almeno vent'anni da quando i personaggi realizzati tramite computer grafica hanno fatto la loro comparsa sul grande schermo in film non solo d'animazione ma anche live action. In certi casi, questa tecnica si è rivelata particolarmente efficace, specialmente per quanto riguarda personaggi animaleschi o mostruosi, come Gollum nella trilogia de Il signore degli anelli e Cesare nella saga de Il pianeta delle scimmie (guarda la video recensione)(entrambi interpretati da Andy Serkis). Per quanto riguarda personaggi antropomorfi, il discorso è diverso e in molti casi (è esemplare quello di Rogue One: A Star Wars Story) è stato soggetto a numerose critiche.

Alita - Angelo della battaglia (guarda la video recensione), trasposizione dell'omonimo manga diretta da Robert Rodriguez e co-scritta da James Cameron, rappresenta un esperimento coraggioso sotto questo punto di vista: infatti, presenta un personaggio antropomorfo non secondario bensì protagonista realizzato interamente in CGI sulla base dell'interpretazione di un'attrice, Rosa Salazar.
Giuseppe Fadda, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

La Weta Digital, la compagnia di effetti speciali che ha lavorato al film, si è impegnata soprattutto a realizzare la pelle in maniera il più credibile possibile, anche perché, secondo le parole del produttore Jon Landau, "la pelle è un elemento fondamentale per far apparire reale un personaggio in CGI". Ma rendere il personaggio esteticamente convincente non è stata l'unica preoccupazione di Landau e di Rodriguez: la vera priorità era mantenere la promessa fatta all'attrice protagonista di non tradire la sua interpretazione stravolgendola con l'uso del CGI. "Non vogliamo l'interpretazione della Weta, vogliamo quella di Rosa" ha detto Landau in un'intervista con il sito CNET.

Nel corso della stessa intervista, Rodriguez ha ribadito l'importanza della performance dell'attrice e soprattutto del contributo dato ai suoi espressivi occhi, che sono stati ingranditi per aderire all'aspetto di Alita nel manga. "C'è umanità lì dentro" ha affermato il regista. Ma come realizzare questo? Tramite la performance capture, che si basa su un lavoro fatto con molte telecamere piazzate intorno al set che registrano i segni a pennarello sul corpo vero dell'attore. Il sistema interpreta queste indicazioni, le inserisce nello spazio tridimensionale e crea uno scheletro che andrà dentro il modello CGI per guidare la performance (anche a livello microfacciale) di quel modello. In questo modo, il modello CGI riproduce in maniera estremamente fedele e realistica l'interpretazione che vi sta dietro.


LA RECENSIONE CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati