Acusada

Film 2018 | Drammatico 108 min.

Regia di Gonzalo Tobal. Un film con Leonardo Sbaraglia, Inés Estévez, Daniel Fanego, Gerardo Romano, Gael García Bernal. Cast completo Titolo originale: Acusada. Genere Drammatico - Argentina, Messico, 2018, durata 108 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Acusada tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una ragazza è l'unica accusata dell'omicidio della sua migliore amica.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un punto di vista originale per una classica sceneggiatura da giallo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 4 settembre 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 4 settembre 2018

Dolores è una studentessa di buona famiglia la cui vita cambia quando la sua migliore amica viene brutalmente assassinata. Due anni dopo i fatti risulta essere l'unica sospettata del crimine e i media seguono le fasi del processo dandogli un grande risalto. Mentre la ragazza si prepara all'interrogatorio pubblico con l'aiuto di un importante avvocato i genitori (e in particolare il padre) la seguono controllando ossessivamente ogni sua azione.

Gonzalo Tobal porta sullo schermo una classica sceneggiatura da giallo in cui lo spettatore è invitato a chiedersi chi è il colpevole attendendo una risposta che forse non verrà.

Lo fa però scegliendo un punto di vista sufficientemente originale. Al centro della sua narrazione c'è infatti la lettura della molteplicità di punti di vista sull'accaduto e, in particolare, il rapporto con i media. A partire dall'origine di tutto un video hard che vede al centro la protagonista, ripreso e messo in rete proprio dalla migliore amica che sarà poi la vittima dell'omicidio. Sono episodi che la cronaca riporta in molti Paesi e che hanno conseguenze a volte tragiche per la reputazione di chi ne è al centro.

Non a caso il film si apre con il classico avvertimento che non ci si riferisce ad alcun personaggio reale. C'è poi la visione del dibattimento processuale come di un copione teatrale in cui, da parte dell'imputata, si deve lasciare il minimo spazio possibile all'improvvisazione. L'attenzione che l'avvocato pone a questo aspetto è minuziosa. Ci sono poi i genitori nella cui coppia domina il padre che ha trasformato l'amore per la figlia in un'appropriazione di ogni singola reazione nel tentativo di esercitare un controllo pressoché assoluto. Ci sono poi i media che costruiscono un ritratto della sospettata finalizzato a tenere desta l'attenzione dell'audience.

Magistrale è la sequenza in cui Gael Garcia Bernal interpreta il ruolo di un conduttore televisivo che, in diretta, non rispetta una sorta di patto di non aggressione con Dolores concordato in precedenza dalla produzione con l'avvocato. In quei minuti la camera indaga sul volto della protagonista alla ricerca dei pensieri prima che divengano parole e la tensione tocca il suo culmine.

Come ormai sempre più spesso accade anche in letteratura la formula narrativa del giallo si rivela funzionale alla descrizione di una società o, perlomeno, di un suo microcosmo. Tobal ci aggiunge un quesito che può rivelarsi importante: che l'apparente verità possa rivelarsi inattesa e improbabile come la presenza di un puma in un quartiere cittadino?

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 6 settembre 2018
Peer Gynt

Inspiegabilmente in concorso all'ultima mostra del cinema di Venezia, questo film (che mescola il genere giallo col dramma processuale) è un convenzionalissimo teen-movie sull'omicidio di una ragazza durante una festa. C'è una principale sospettata, ma prove certe non ce ne sono. Al processo indiziario la ragazza viene preparata dal suio avvocato, la famiglia fa quadrato attorno [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 settembre 2018
ROBERT EROICA

#Venezia75 - ACUSADA - Concorso - Un crimine terribile, una ragazza che dovra' affrontare un processo per omicidio, un filmato porno diffuso in rete. E una famiglia che tenta di superare l'orrore in cui si trova coinvolta. Lo spagnolo Gonzalo Tobal costruisce il racconto di una crisi fregandosene dell'inchiestra giudiziaria e concentrandosi nell'analisi psicologica del gruppo sociale primario.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati