MYmovies.it
Advertisement
Blade Runner, 2049 vs 2019: elementi che tornano e cambiano

In occasione dell'uscita in home video del 7 febbraio, ecco similitudini e differenze tra il film originale e il suo sequel.
di Andreina Di Sanzo

Blade Runner 2049

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Harrison Ford (76 anni) 13 luglio 1942, Chicago (Illinois - USA) - Cancro. Interpreta Rick Deckard nel film di Denis Villeneuve Blade Runner 2049.
martedì 6 febbraio 2018 - Focus

Di Blade Runner 2049 si è parlato molto: tra detrattori, sostenitori, nostalgici e chi ha cercato di articolare un discorso che si staccasse dall'ingombrante capolavoro di Ridley Scott, in occasione dell'uscita in home video, cercheremo di trovare similitudini e differenze tra il film originale e il suo sequel. Dal 7 febbraio infatti, Blade Runner 2049 sarà disponibile in DVD, BLU-RAYTM e 4K ultra HD con Universal Pictures Home Entertainment Italia arricchito da una serie di contenuti speciali che vi faranno scoprire il mondo che si cela dietro il 2049.

Denis Villeneuve ha cercato di dare continuità al film del 1982 rimaneggiando quel futuro che ha reso celebre la trasposizione al cinema del romanzo di Philip K. Dick: i fumi di una città a metà strada tra una metropoli occidentale e una asiatica, i neon, i giganteschi ologrammi di donne bellissime, prostitute o geishe al servizio di un'umanità sempre più fatiscente, l'atmosfera.
Andreina Di Sanzo

Siamo nel 2049, un nuovo blade runner, l'agente K della LAPD (Ryan Gosling), dissotterra un segreto a lungo nascosto che potrebbe far precipitare quel che resta della società nel caos. La scoperta di K lo induce a cercare di rintracciare Rick Deckard (Harrison Ford), un ex blade runner della LAPD che è scomparso da molti anni. La ricerca di quell'uomo scomparso porterà l'alba di una rivoluzione e tante domande sulla funzione di quello che il mondo sta ormai perdendo: il ricordo.

Se Ridley Scott è l'autore di un capolavoro inarrivabile, il merito di Denis Villeneuve è invece quello di creare, con il suo film, un universo Blade Runner vero e proprio. Attraverso tre elementi ripercorriamo alcune analogie e differenze tra i due film per comprendere meglio l'evoluzione di questo nascente mondo.


CONTINUA A LEGGERE
In foto una scena di Blade Runner 2049.
In foto una scena di Blade Runner.
In foto una scena di Blade Runner.

I REPLICANTI
Rick Deckard è un replicante o un umano? Questo è uno dei principali dubbi da sempre avuti sul film di Ridley Scott tanto che, mentre nella prima versione del 1982 questo dilemma non veniva quasi sfiorato, il regista con la director's cut e il finale alternativo, instilla la domanda nello spettatore. Se ai più romantici piace pensare che anche il protagonista interpretato da Harrison Ford sia un androide, altri lo vedono semplicemente come un uomo che, innamoratosi di una replicante, sogna di essere come lei.
Nel film di Villeneuve invece non abbiamo dubbi: sin dall'inizio è chiaro che l'Agente K sia un blade runner androide con il compito di uccidere gli ultimi superstiti Nexus 8. Ma qui abbiamo forse il desiderio opposto, K non accetta la sua natura di androide e desidera fino alla morte provare dei sentimenti, avere dei ricordi e perciò essere un umano.

I RICORDI
Deckard interrogava gli androidi cercando di scavare nei ricordi delle loro menti per far riaffiorare delle sensazioni, delle reazioni. In Blade Runner 2049 c'è una creatrice di ricordi per gli androidi al fine di illuderli di essere degli umani. Villeneuve nuovamente rielabora un elemento del film originale per focalizzarsi sulla questione centrale del film: il ricordo come prova di umanità.

GLI SPAZI E LA CITTÀ
I neon, gli ologrammi, i fumi che uscivano dal ciglio della strada, questi elementi hanno reso celebre il primo Blade Runner e, se nella prima parte del sequel Villeneuve li ripopone, nella seconda, il film si sposta verso spazi desertici, rarefatti e isolati.
Villeneuve svuota ciò che Ridley Scott aveva creato come un marchio. La città lascia spazio all'isolamento, al non-luogo dove Rick Deckard si nasconde per fuggire al suo passato.


BLADE RUNNER 2049: RECENSIONE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati