Advertisement
Tarzan torna in sala con la sua eterna leggenda

Il personaggio creato da Burroughs fa parte della ristretta cerchia dei grandi codici offerti dalla letteratura e poi accolti dal cinema. Di Pino Farinotti.
di Pino Farinotti

The Legend of Tarzan

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
In foto Alexander Skarsgård, Tarzan nell'adattamento di David Yates al cinema dal 14 luglio.
domenica 10 luglio 2016 - Focus

Il prossimo 14 luglio arriverà nelle sale italiane The Legend of Tarzan, l'ennesimo titolo sulla saga dell'eroe che si deve alla penna di Edgar Rice Burroughs. A dare corpo e volto all'uomo scimmia è Alexander Skarsgard, figlio di Stellan, l'attore prediletto da Lars von Trier. Il regista è David Yates, britannico, che ha firmato quattro Harry Potter.

Tarzan è uno dei personaggi più frequentati dal cinema. È legittimo, fa parte della cerchia, ristretta e privilegiata, dei grandi codici offerti dalla letteratura, o dalla cultura popolare, e poi accolti dal cinema. Come Robin Hood e Zorro, che rappresentano la giustizia, la tutela del debole, la punizione del malvagio, sentimenti che fanno parte della vocazione di noi tutti.
Pino Farinotti

Penso anche ai Tre moschettieri, l'espressione dell'avventura più bella e ingenua. E penso ad Anna Karenina, la donna che "va dove la porta il cuore" e ne paga un prezzo altissimo. Sono tutti personaggi, e simboli, ai quali il cinema, appunto, ha attinto a piene mani, e sempre con successo. Sono centinaia i titoli nei decenni, secondo le generazioni. E tutti accolti nel profondo, come un'antropologia evocata dalla memoria e dalla coscienza.


SCOPRI IL FILM: THE LEGEND OF TARZAN
Alexander Skarsgard in una scena del film The Legend of Tarzan.
Christoph Waltz in una scena del film The Legend of Tarzan.
Alexander Skarsgard e Samuel L. Jackson in una scena del film The Legend of Tarzan.

Credo che, in termini di numeri e di diverse proposte, Tarzan sia il modello assoluto. Nel film di Yates tutta la parte raccontata mille volte del bambino che cresce nella giungla per poi essere condotto nella società civile è superata.

L'antico selvaggio ora si chiama John Clayton III, Lord Greystoke, e si è integrato a Londra. La Camera dei Lord, appunto, lo invia in Congo, chi meglio di lui, per una importante missione. Ma laggiù ci sono solo intrighi e pericoli. Il percorso è dunque inverso rispetto a quello della tradizione.
Pino Farinotti

Burroughs pubblicò il libro nel 1912. Si racconta di lord John Clayton Greystoke, funzionario delle colonie, e di sua moglie Alice che si ritrovano abbandonati in Angola per l'ammutinamento dell'equipaggio della loro goletta. Vengono sopraffatti dalle scimmie, sopravvive il loro bambino che viene adottato dal capobranco. Tarzan cresce nella foresta, diventa il capo delle scimmie, le guida e le protegge. Poi arrivano i bianchi, con loro Jane, che si innamora del lord selvaggio. Vive la loro storia, ci sono avventure e pericoli. Alla fine Jane conduce Tarzan in America. Ma al momento decisivo, quello di decidere per la vita, la donna sceglie di sposare un suo pari. Non ha avuto il coraggio per la scelta definitiva. E qui interviene il cinema,che vuole l'happy end. E così abbiamo visto Tarzan, cento volte, andarsene felice, alla fine, mano nella mano con la sua Jane.


In foto Buston Crabbe nei panni di Tarzan in Tarzan l'indomabile (1933).
In foto Totò in Totòtarzan (1950).
In foto una scena del Tarzan targato Disney (2013).

Tarzan è stato assediato dal cinema, senza soluzione di continuità e senza pietà. Il primo titolo è un "muto" del 1918 Tarzan of the Apes di Scott Sidney, con Elmo Lincoln.

L'uomo scimmia ha generato film seducenti, altri mediocri. Ci sono state serie televisive e film di animazione, a volte di qualità, Disney per esempio, spesso banali. Ci sono state parodie impossibili, persino con Totò. Ma la leadership assoluta e storica è quella di Johnny Weissmuller. È lì che staziona il mito, ancora adesso.
Pino Farinotti

Dunque nel mare immenso del mondo di Tarzan, costretto a una selezione improba, parto dall'olimpionico del nuoto che poi fece Tarzan. János Weismüller nacque nel 1904 nei pressi di Timisoara, Romania. Un anno dopo la famiglia era già a Windber, Pennsylvania. Da quel momento, come vuole la liturgia di molti grandi personaggi, ci sono tutti i lavori possibili, fattorino, addetto all'ascensore, minatore e così via. Poi arriva la piscina, il nuoto e quel destino. Alle Olimpiadi di Parigi del 1924 vince tre medaglie d'oro. Si ripeterà quattro anni dopo ad Amsterdam. Un fenomeno, un eroe. Ma c'è qualcosa di più, è "l'uomo più bello del mondo", secondo i concorsi e i sondaggi che tanto amano gli americani. È dunque inevitabile che il cinema lo noti. Approda alla Metro e a ... Tarzan. Sarà il protagonista, nel 1932, del primo della serie "parlata". Farà dieci "Tarzan". L'ultimo nel 1946, a 42 anni, ormai lento e appesantito, e il regista sarà costretto, in montaggio, ad accelerare le bracciate.


In foto il Tarzan di János Weismüller.
Ritratto di famiglia con il Tarzand di János Weismüller.
János Weismüller, Maureen O'Sullivan e Cheeta.

Se devo richiamare un'unica, perfetta sequenza, dalla magica vicenda di Tarzan, è quella dove nuota sott'acqua e con la sua Jane, la stupenda Maureen O'Sullivan. Lui mulina le sue bracciate armoniche, lei è attaccata ai suoi piedi e muove all'unisono le gambe, come una sirena. Per la Metro Weissmuller fu una miniera d'oro. E per il popolo del cinema un sogno da toccare. E non è difficile comprenderne la ragione: Tarzan rappresenta il ritorno al paradiso perduto, alla purezza primitiva ed ecologica, a fronte del degrado generale, morale e fisico che ci sta attorno. Un deterrente felice e utile e tutti, perché non richiamarlo ciclicamente?


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati