La Trattativa Stato Mafia

Film 2014 | Docu-fiction 108 min.

Regia di Sabina Guzzanti. Un film con Enzo Lombardo, Sabina Guzzanti, Sabino Civilleri, Filippo Luna, Franz Cantalupo. Cast completo Genere Docu-fiction - Italia, 2014, durata 108 minuti. Uscita cinema giovedì 2 ottobre 2014 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,08 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La Trattativa Stato Mafia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un gruppo di lavoratori dello spettacolo decide di mettere in scena le vicende relative alla cosiddetta "trattativa" tra Mafia e Stato. In Italia al Box Office La Trattativa Stato Mafia ha incassato 342 mila euro .

La Trattativa Stato Mafia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,08/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,83
PUBBLICO 3,91
CONSIGLIATO SÌ
Un urlo di terrore bloccato in un ghigno; un progetto a cui Sabina Guzzanti ha lavorato per moltissimo tempo.
Recensione di Dario Zonta
Recensione di Dario Zonta

Un gruppo di lavoratori dello spettacolo, capitanatati da Sabina Guzzanti, decide di mettere in scena le vicende controverse relative alla cosiddetta "trattativa", quella che sarebbe intercorsa tra Stato e mafia all'indomani della tragica stagione delle bombe (Roma, Milano, Firenze). In un teatro di posa, dunque, un gruppo di attori ricostruisce, nei modi di una "fiction giornalistica", i passaggi fondamentali di una vicenda complessa e piena di omissis che inizia dall'uccisione di Falcone e Borsellino fino ad arrivare al processo che vede sul banco degli imputati, fianco a fianco, politici e mafiosi. Vent'anni di storia italiana: l'uccisione di Salvo Lima, il maxi processo, la strage di Capaci, l'uccisione di Borsellino, le bombe a Roma, Firenze, Milano, la fallita strage allo Stadio Olimpico... con i suoi discussi protagonisti: Riina, Provenzano, Ciancimino padre e figlio, Caselli, i capi del Ros Mori e Subrani, Napolitano, Mancino, Scalfaro, i pentiti, Gaspare Spatuzza, Mutolo, Dell'Utri, Mangano... e Berlusconi, ovviamente, quello vero e quello fatto dalla Guzzanti.
La trattativa, presentato Fuori Concorso alla Mostra di Venezia 2014, è un progetto al quale Sabina Guzzanti ha lavorato per molto tempo e che le ha richiesto, immaginiamo, una grandissima mole di lavoro. Oltre alle ricerche e alla raccolta dei tantissimi materiali e fonti, la parte più complicata ha coinciso con la "forma" della messa in scena, ovvero quale dispositivo utilizzare per raccontare questa vicenda. Molte potevano essere le alternative, e ognuna portatrice di conseguenze. La Guzzanti sceglie di dichiarare il meccanismo, si auto-denuncia, dice sin da subito che quella che si sta per vedere è una rappresentazione realizzata da dei lavoratori dello spettacolo, quindi svela gli "autori" (non giornalisti, non documentaristi, non magistrati, non storici) e il linguaggio utilizzato. Quel che si vedrà, tra materiali di repertorio, interviste realizzate ad hoc, docu-fiction, pannelli grafici e quant'altro, è il frutto di una ricostruzione siffatta, accurata ma anche "inventata", eppure assunta come vera.
L'aspetto più problematico di un'operazione come questa riguarda proprio la forma della messa in scena, in riferimento alla materia trattata, perché lì risiede la sua ambiguità. È finzione (spettacolo?), eppure si dice come sono andate le cose. In questo mischiare repertori e ricostruzioni, intercettazioni e deposizioni, interviste e cabaret, è difficile sapere chi dice cosa, se un dialogo è inventato o il resoconto di un fatto realmente avvenuto, se un passaggio è frutto di una deduzione giornalistica o probatoria, se il tic di un personaggio è una caricatura oppure una imitazione. E questo "dubbio", in alcuni casi facilmente risolvibile in altri meno, sposta il film verso lidi remoti, para-televisivi, da cabaret di denuncia, facendo saltare l'impianto documentale e documentario a favore dello spettacolo della dietrologia in un girotondo che fa girare la testa.
Questa confusione richiede l'accettazione aprioristica della "bontà" degli autori, da una parte, e anche la comprensione profonda della parzialità della ricostruzione. Sembrerebbe ovvio, ma non è proprio così, per quel tanto di intenzione didattica e didascalica espressa sin dalle prime battute del film, subito dopo la boutade di Gaspare Mutolo alla prova d'esami di teologia, conversione carceraria e mai tardiva. All'inizio la Guzzanti con sguardo aperto e chiaro, rivolgendosi allo spettatore, ci dice in che cosa è consistita la trattativa. Non ha dubbi sul fatto che sia esistita o meno, altrimenti non avrebbe fatto il film, e porta una serie consistente di deduzioni, ma la verità è nelle sue mani e non si fa problemi a mischiare questo e quello, finzione e realtà, sudore e cerone, imitazione e ritratto, testimoni e attori, libretti rossi con libretti rossi...
Alla fine, ci chiediamo, che cosa è questo film? È un film di denuncia? Un film a tesi? Una docu-fiction? Un articolo di Travaglio? Uno spettacolo teatrale? Una puntata estesa di Santoro? Una serata speciale di Fazio curata dalla Dandini? È cinema? È televisione? Oppure una web-serie a puntate? Troppe domande, poche risposte. Allora eccone alcune. È utile? Dipende. È bello? Non proprio. È appassionante? A tratti. Se ne esce arricchiti o frastornati? Più la seconda. Si ride? C'è poco da ridere. Vuol far ridere? Un po' sì. È ammiccante? Certo. Parla al suo uditorio? Senza dubbio. Convincerà chi la pensa diversamente? Non tanto. Fa domande o dà risposte? È un prontuario di risposte. Avrà successo in sala? C'è da sperarlo. Perché? Perché è meglio parlare di queste cose che non. È ritmato? Si. Annoia? No. Indigna? Solo chi non s'è fatto un'idea prima. Tira colpi bassi? Domanda inutile. C'entra qualcosa con Belluscone - Una storia siciliana, il film di Maresco? Niente: quello di Maresco è cinema e parla degli italiani, questo della Guzzanti è una docu-tv-fiction e parla agli italiani. Quello di Maresco è un urlo di dolore, quello della Guzzanti è semmai un urlo di terrore, bloccato in un ghigno.

Sei d'accordo con Dario Zonta?
LA TRATTATIVA STATO MAFIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 6 ottobre 2014
Flaviomarco

L'impianto del film è su tre piani. L'utilizzo estremamente parco di documenti filmati originali li rende estremamente efficaci, come fossero frustate di realtà in faccia al pubblico. La dimensione teatrale mantiene due livelli ulteriori: dentro e fuori dalla rappresentazione. In questo modo sono possibili continui flashback nel passato, con l'espediente geniale di inquadrare [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 ottobre 2014
mattiabertaina

La Guzzanti è tornata dietro la macchina da presa, facendo quello che le riesce meglio: puntare una luce sui lati oscuri di questa Italia. E lo fa col suo solito piglio, ammiccante, coinvolgente, documentato. “La trattativa”, presentato nella sezione “Fuori concorso” all’ultima Mostra del Cinema di Venezia con un’inevitabile ridda di polemiche, porta sullo [...] Vai alla recensione »

martedì 14 ottobre 2014
Lorenzo.d10

Un film caotico e vivace nella forma, ma dalla chiara esposizione degli avvenimenti che descrivono lo sviluppo di attentati, richieste ed accordi. Risponde all'esigenza di informare gli italiani su quanto si tende ad ignorare riguardo gli odierni processi, che non riguardano solo gli interessati di stragi o morti per mafia. Ripercorrendo la semina di quegli anni, lo svolgersi di indagini, mancati [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 luglio 2015
Francesco2

"Trapiantare" la visceralità di certo teatro o del teatro nel cinema, arte già più consona al "distacco", quantomeno perché manca il contatto immediato con la platea, è un tentativo che riporta a film più recenti "Cesare non deve morire", o più "datati" -Il "Teatro di guerra" di Martone, film sottovalutato [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 febbraio 2015
CarloNicolosi

Lo scheletro del film è posto su tre piani, e l'utilizzo di documenti e filmati originali li rende estremamente efficaci e compromettenti, proprio per questo risulta uno dei film più censurati di sempre. La dimensione teatrale mantiene due livelli ulteriori: dentro e fuori dalla rappresentazione, il pubblico si sente coinvolto, si sente parte integrante del cast, una sorta di 'Sei personaggi in [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 febbraio 2015
dariosvi

Una importante e precisa ricostruzione storica degli ultimi anni di processi e avvenimenti storici. Finalmente il mosaico con tanti tasselli mancanti inizia a comporsi e inziamo a capire come sia stato possibile completare la distruzione di un Paese già in rovina da tempo. "La trattativa" serve alla politica e alla mafia per far si che la stagione di una mafia impazzita appoggiata [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 gennaio 2015
no_data

Interessante l'espediente tecnico ripreso da "Tre ipotesi sulla morte dell'anarchico Pino Pinelli" che garantisce a nessuno il ruolo di reale protagonista. Taglia i costi a causa del budget evidentemente ridotto, modificando all'occorrenza la scenografia, riducendo la finzione. Riporta gli sguardi sulla realtà, non è un'inchiesta, ma una delle molteplici verità riconducibili alle infinite versioni [...] Vai alla recensione »

martedì 29 dicembre 2015
Onufrio

Una sorta di docu-fiction mista a cinema e teatro; insomma c'è un pò di tutto in questo progetto di Sabina Guzzanti durato ben 4 anni che narra gli eventi ormai tristemente famosi avvenuti negli anni 90 con i numerosi omicidi per mano della Mafia e le successive trattative, reali o presunte, fra Stato e Mafia. Un buon lavoro, ottimamento svolto, anche se di nuovo all'orizzonte [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 gennaio 2015
jackiechan90

"La trattativa" è un tema difficile da spiegare non fosse per il fatto che ci sono al riguardo più domande che risposte. A maggior ragione quando un artista decide di metterla in scena compie certamente già un grande sforzo a livello di ricostruzione e poi di sceneggiatura. Di questo non possiamo non dare merito a Sabina Guzzanti del suo lavoro. Il film-inchiesta "La trattativa" riesce nell'intento [...] Vai alla recensione »

martedì 23 giugno 2015
dario

Ricostruzione discutibile di fatti indecorosi (i contatti Stato-Mafia)? Può darsi. Il calore della Guzzanti può avere esagerato qualcosa, ma non certo la questione di fondo: pregasi evitare qualunque intesa fra due parti completamente opposte. E' osceno solo pensare che contatti possano avvenire, siano avvenuti, avvengano tuttora. La Guzzanti è brava, dirige bene, non annoia, [...] Vai alla recensione »

sabato 4 ottobre 2014
Pisiran

Possibile che debba essere il cinema, possibile che debba essere una attrice comica, dover mettersi alla regia per confezionarci gli ultimi venticinque anni di storia repubblicana, storia che purtroppo in realtà dovrebbe raccontare qualcun altro. Io penso che Sabina Guzzanti farebbe volentieri a meno di dedicarsi ad eventi che bene o male hanno tracciato la nostra vita nell'ultimo periodo, [...] Vai alla recensione »

sabato 4 ottobre 2014
Xerox

... scriveva Franco Battiato in "Povera Patria" del 1991. NOI penso che questa primavera non la vedremo mai. Vedendo il coraggioso film della Guzzanti mi chiedevo QUANTI italiani sapessero come si sono svolte le vicende della mancata perquisizione del covo di Riina dopo il suo arresto. Questo è solo uno degli effetti della vittoria della mafia su QUESTO stato (la mafia non può [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 marzo 2015
Barolo

Condivido appieno il giudizio espresso nella scheda,il film è un'accozaglia indefinibile di generi:documentario,cabaret, intervista, servizio pubblico.L'intento della guzzanti ,per quanto nobile è sicuramente disatteso da una storia disordinata,confusa, disorganizzata.La regista dovrebbe decidere cosa fare da grande.Abbandonando la verve dell'imitatrice, in cui era veramente [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 ottobre 2014
Wolfmaster

Realmente un capolavoro, per temi trattati, ma anche per una regia che combacia un mix di teatro e fiction. Appassionante anche per la bravura degli attori che ti fanno rivivere gli avvenimenti più oscuri italiani. Sicuramente il miglior film della Guzzanti.

sabato 17 gennaio 2015
marvin85

Comincio dicendo che non ritengo che sia il miglior film fatto da Sabina Guzzanti. In questo senso a mio parere il miglior lavoro della regista è Draquila che nel suo genere è un vero capolavoro. La Trattativa però è un film di qualità su vari punti di vista. La narrazione è molto bella ed è particolare il modo in cui la Guzzanti decide di narrare la [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 ottobre 2014
piuma3

Da vedere e far vedere soprattutto ai ragazzi, che non hanno vissuto fatti, speranze e delusioni di quegli anni per capire il presente. Film che permette di conoscere fatti altrimenti faticosi da sapere perché narrati solo in letture non facili. La narrazione nel film è chiara precisa, alleggerita ma non analizzata della tipica ironia e satira della Guanti.

martedì 7 ottobre 2014
Steve1982

Casomai qualcuno avesse ancora dei dubbi su come hanno funzionato le cose in Italia fino adesso,si guardi questo film documentario,fa chiarezza e mette luce su tanti punti interrogativi da 20 anni a questa parte e anche di più...problema è che le cose non sono mai migliorate,anzi...

lunedì 6 ottobre 2014
no_data

Film da vedere assolutamente. Dal punto di vista cinematocrafico in senso stretto (fotografica, ritmo, scene etcc...) non è un film da 5 stelle, è godibile ma non è un capolavoro. Credo che però sia un film assolutamente da vedere se lo considera un docu-film, anche perchè è l'unico film in Italia che cerca di porsi dei dubbi su zone grigia della storia italiana.

lunedì 6 ottobre 2014
alessioneri

si, grazie Sabina....perchè con questo tuo nuovo film rammenti agli italiani il motivo principale di come questo nostro Paese sia diventato così invivibile e gli italiani così arrendevoli. Per chi conosce il grande lavoro svolto dalla Guzzanti di questi ultimi 10 anni questo film non dirà molto di nuovo, secondo me LA TRATTATIVA è rivolto a chi vuole provare a destarsi dal coma italico di cui soffre [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 ottobre 2014
pressa catozzo

I titoli di coda confermano che questa opera non è una forma di accanimento contro persone e lo stato. I non luogo a procedere suonano come la vecchia insuficienza di prove. So che sei colpevole ma non ho elementi a sufficienza per condannarti. Poi, ognuno tragga le sue conclusioni sempre nel rispetto delle vittime.

domenica 12 aprile 2015
Lelloxx

Oltre ad essere un film è qualcosa di piu.Narra la verità che il nostro stato ci nasconde ancora. Altrimenti perchè questo film non è stato pubblicizzato per nulla? Guardatelo, fa venire i brividi....cosi ci aiuta ad aprire gli occhi.

domenica 5 ottobre 2014
han-solo

Sono sostanzialmente d'accordo con Zonta, di fatto non si capisce bene cosa sia. Il mix di ironia, comicità e testimonianza così fatto può confondere il meno attrezzato. Sembra fatto per il solito giro di fans.   Temo solo che d'ora in poi possa fornire alibi ai negazionisti per liquidare chi tentasse qualsiasi ricostruzione con un "vabbè, un altra Sabina [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra Levantesi
La Stampa

Coraggiosa Sabina Guzzanti che, ispirandosi al cinema di Petri e di Rosi, parte dai documenti (intercettazioni, testimonianze di pentiti, atti processuali) - e deve averne studiati una marea - e li mette in scena assegnando ai suoi attori le varie parti in commedia, senza pretendere di fare operazione realista; anzi denunciando la natura brechtiana della ricostruzione.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Malgrado le ambizioni e l'impegno di messa in scena è riduttivo vedere in La trattativa un film nel senso artistico e narrativo e anche di intrattenimento, e tantomeno un documentario. Perché, senza poterne mettere in dubbio l'interesse, è soprattutto un pamphlet, genere cui l'autrice non è nuova. Sui dati raccolti e sullo sguardo comico-satirico al quale Sabina Guzzanti non rinuncia mai prevale l'esposizio [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

La chicca, purtroppo l'unica, è Nicola Mancino, allora ministro dell'interno, che confessa di non conoscere Borsellino. Per il resto il documentario della maestrina Sabina Guzzanti sulla (presunta?) trattativa Stato-mafia degli anni Novanta ondeggia tra realtà e fiction, senza aggiungere nulla di nuovo e facendo sempre prevalere il livore sullo sdegno. Che barba. Da Il Giornale, 2 ottobre 2014

NEWS
VIDEO
giovedì 25 settembre 2014
 

Un gruppo di lavoratori dello spettacolo, capitanatati da Sabina Guzzanti, decide di mettere in scena le vicende controverse relative alla cosiddetta "trattativa", quella che sarebbe intercorsa tra Stato e mafia all'indomani della tragica stagione delle [...]

GALLERY
giovedì 4 settembre 2014
 

La giornata di ieri della 71. Mostra del Cinema ha visto sul red carpet Sabina Guzzanti con il suo La trattativa (Fuori concorso) e, per il Concorso, Alix Delaporte con Le dernier coup de marteau e Kaan Mujdeci con Sivas.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati