L'albero

Film 2010 | Drammatico 100 min.

Regia di Julie Bertuccelli. Un film con Charlotte Gainsbourg, Marton Csokas, Morgana Davies, Aden Young, Penne Hackforth-Jones. Cast completo Titolo originale: L'arbre. Genere Drammatico - Francia, Australia, 2010, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 8 luglio 2011 distribuito da Videa - CDE. - MYmonetro 2,97 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'albero tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Simone è una bambina che parla con il padre scomparso attraverso i rami di un albero con cui instaura pian piano un legame ossessivo. Il film ha ottenuto 3 candidature a Cesar. In Italia al Box Office L'albero ha incassato 10,4 mila euro .

L'albero è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,97/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,67
PUBBLICO 2,63
CONSIGLIATO SÌ
Un dramma intenso, attento alle potenzialità del divenire.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 6 luglio 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 6 luglio 2011

Gli O'Neil vivono felicemente con i loro quattro figli nella campagna australiana. Un giorno un infarto coglie il padre mentre è alla guida del suo furgone ed ha con sé la piccola Simone (otto anni). L'automezzo si arresta contro il grande fico che si trova dinanzi alla loro abitazione. Da quel momento Simone, che non vuole accettare la scomparsa del padre, si convince che il suo spirito viva nell'albero e comunichi con lei. Si opporrà in ogni modo al suo abbattimento anche quando le radici inizieranno a minacciare la sicurezza della casa.
Che l'albero sia una figura simbolica universale è cosa nota. Ben lo sapeva l'estensore del Libro della Genesi che affianca l'Albero della vita a quello della conoscenza del Bene e del Male. Così come lo hanno saputo in tanti nella varie forme d'arte ivi compreso il cinema e Terrence Malick con il suo The Tree of Life passando per la foresta di Avatar. Ne è estremamente consapevole Julie Bertuccelli che, già con il suo lungometraggio d'esordio (Da quando Otar è aprtito), aveva affrontato con tocco delicato e coinvolgente il tema della perdita di una persona cara. Torna ad occuparsene con questo film ancora una volta non privilegiando un unico punto di vista. Perché da un lato troviamo la piccola Simone che non intende rassegnarsi alla morte del padre (a cui ha assistito) e dall'altro troviamo sua madre Dawn (alba in inglese) che, pur soffrendo terribilmente, non rinuncia alla possibilità di un nuovo inizio per sé e per i suoi figli. In tutto ciò l'albero espande le sue radici, si libera di un ramo morto, ospita volatili. Ognuno di questi accadimenti, visto da un essere dominato dalla razionalità, si trasforma in un semplice evento naturale, visto in una dimensione spirituale diventa 'altro'. Bertuccelli non ci propone una lettura animista del mondo che circonda ma ci invita a non dimenticare di prestare attenzione al sentire dei più piccoli senza per questo doverne necessariamente fare proprie le percezioni.
C'è un'immagine molto significativa che segue di poco il prologo. Il furgone del padre trasporta nella landa deserta una casa prefabbricata. Così come quell'abitazione si fa segno di una futura stabilità precaria (non necessariamente dal segno negativo) così le radici del fico sembrano voler marcare una permanenza ineluttabile così come un'impossibilità di elaborazione del lutto. Non è necessariamente così, ci suggerisce Bertuccelli nel finale, senza sfociare nel relativismo ma con un'intensa attenzione alle potenzialità del divenire.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
L'ALBERO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 9 luglio 2011
renato volpone

Affidarsi a un albero per sopravvivere: per sopravvire alla morte dell'amore, della sicurezza, dell'affetto, della forza di un padre che colpito da un infarto si accascia e muore contro quest'albero gigantesco. L'albero parla di lui alla figlia di otto anni, parla di lui alla moglie affranta, parla di lui agli altri tre figli che sembrano non crederci, ma tutti sono legati irrimediabilmente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 giugno 2017
Giorpost

Dawn è una felice casalinga che vive con marito e figli nella provincia orientale del Queensland, Australia; ben presto il povero Peter, però, abbandona la vita terrena a causa di un improvviso arresto cardiaco, lasciando la moglie (di origini francesi) nel più totale sconforto e con 4 ragazzini da crescere senza nemmeno un lavoro.

sabato 23 luglio 2011
astromelia

il film si presta a molte riflessioni,che ognuno estrapolerà vedendolo,perchè ogni scena ha un significato recondito,va rivisto per captarne ed imprimere meglio in memoria il significato della vita e le sue molteplici sfaccettature,ottimo cast d'insieme,belle immagini.

lunedì 27 giugno 2011
minnie

Bari Non mancherò di vedere questo film ma l'albero mi offre uno spunto per recensire un film bellissimo che ho visto ieri in tv, sulla Rai, ovvero "L'albero della vita" di Aronovsky, un film che nel titolo riecheggia quello di Malick, ma è stato girato cinque anni fa. E come mai non se n'è parlato tanto quanto The tree of life? Misteri del marketing.

martedì 1 novembre 2011
Andrea Levorato

L’albero *** Produzione: Francia 2010 Genere: Drammatico Attori principali: Charlotte Gainsbourg, Morgana Davies Regia: Julie Bertuccelli Trama: Il film segue la storia della famiglia O’Neil, a terra per la morte improvvisa del padre. Simone incomincia a passare molto tempo sopra il fico in cortile, dice di riuscire a comunicare con il genitore perduto attraverso esso.

sabato 16 luglio 2011
Flyanto

Film sull'elaborazione di un lutto da parte di una famiglia e, soprattutto, da parte di una bambina di otto anni e della sua mamma. Delicato, profondo e con un'attenta e precisa osservazione riguardo i sentimenti e le reazioni infantili. Brava Charlotte Gainsbourg e soprattutto la bambina che ne interpreta la figlia con la sua espressività.

domenica 24 luglio 2011
Luanaa

Lunghissimo, ripetitivo, calligrafico, infine piuttosto noioso. Storia anche un po' incredibile nella sua esasperazione. Buona l'interpretazione "svagata" della Gainsbourg. Si salva la scena del pianto della vedova mentre si abbandona a un altro uomo;quella dell'ultimo attaccamento della bimba all'albero durante la scena del ciclone come quella in cui la madre in sintonia con la figlia si adagia sulle [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Be', devi scegliere di essere felice o triste. Ed io ho scelto di essere felice. E sono felice!"
Simone O'Neil (Morgana Davies)
dal film L'albero - a cura di Checo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Una produzione che sposa dramma familiare con suggestioni paranormali. Moglie e madre devota, Dawn perde il marito all¿improvviso. Elaborare il lutto è già difficile; in più ci si mette Simone, convinta che lo spirito di papà sia migrato nel gigantesco albero davanti casa. Le scene in cui la piccola Morgana Davies cerca affetto e protezione nell'albero sono struggenti.

Dario Zonta
L'Unità

La regista francese Julie Bertucelli si è fatta conoscere qualche anno fa con un buon esordio, Da quando Otar è partito, film ambientato a Tbilisi, capitale della Georgia post comunista, che affronta il tema della perdita di una persona cara attraverso una storia familiare poetica e ispirata. A distanza di qualche anno la Bertucelli torna ancora sul tema della perdita adattando un romanzo di Judy [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

L’ albero, albero della vita in senso molto più letterale che nella pellicola Palma d’oro di Malick, porta la firma della francese Julie Bertuccelli, documentarista che nel 2003 era passata alla fiction con l’apprezzato Depuis qu’Otar est parti, basato sull’elaborazione di un lutto proprio come questo suo secondo film ispirato al romanzo dell’australiana Judy Pascoe, My Father Who Art in the Tree . [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
lunedì 27 giugno 2011
Nicoletta Dose

Gli occhi languidi del dolce viso di una bambina guardano in alto, alla ricerca di un segno del padre scomparso. A risponderle con affetto è la natura, i rami accoglienti di un albero secolare che sovrasta la decadente casa della famiglia.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati