Tra le nuvole

Film 2009 | Commedia 109 min.

Regia di Jason Reitman. Un film Da vedere 2009 con George Clooney, Vera Farmiga, Anna Kendrick, Jason Bateman, Danny McBride, Melanie Lynskey. Cast completo Titolo originale: Up in The Air. Genere Commedia - USA, 2009, durata 109 minuti. Uscita cinema venerdì 22 gennaio 2010 distribuito da Universal Pictures. - MYmonetro 3,31 su 127 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tra le nuvole tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ryan Bingham s'illude di poter muoversi senza legami ma la vita lo strappa alle trasferte aeree per fargli intraprendere ben altro viaggio Il film ha ottenuto 5 candidature a Premi Oscar, 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 1 candidatura a David di Donatello, 5 candidature e vinto un premio ai Golden Globes, 5 candidature e vinto un premio ai BAFTA, In Italia al Box Office Tra le nuvole ha incassato 5,7 milioni di euro .

Tra le nuvole è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,31/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,16
CONSIGLIATO SÌ
Viaggio di piacere con Reitman, ma il cinismo si perde per la strada.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 19 ottobre 2009
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 19 ottobre 2009

Ryan Bingham è un uomo affascinante, un abilissimo tagliatore di teste ed è libero come l'aria. Nel cielo, appunto, trascorre la maggior parte del proprio tempo, in trasferte di lavoro, agognando il prestigioso club dei dieci milioni di miglia. Ma qualcosa accade, tra un aereo e l'altro. Nathalie, una ragazzina neolaureata ha convinto il suo capo che viaggiare è dispendioso e si può benissimo licenziare in videoconferenza, minacciando di riportare Ryan a terra proprio quando il nostro ha da poco incontrato Alex, una trentenne che pare la sua fotocopia al femminile, così orgogliosamente sola da fargli venir voglia di non esserlo più.
Aaron Ekhart persuadeva gli altri, George Clooney persuade se stesso. Si convince che sia possibile vivere senza legami, che i rapporti siano una zavorra, che leggeri si vola più alto. La realtà delle cose, in questo terzo film così come nell'esordio di Reitman, s'inganna con la distrazione. Basta muoversi velocemente, procurarsi un trolley con ruote scorrevoli e saper apprezzare le offerte e i comforts del villaggio aeroportuale. Il film gli dà ragione: è quando si creano delle relazioni che il meccanismo s'inceppa e ci si rende conto che sfrecciare sopra le nuvole è come stare fermi; che il vero viaggio, nella vita, è un altro.
Jason Reitman sa creare dei personaggi che non si dimenticano in fretta, fuori dalla norma e sul bordo sdrucciolevole della morale, eppure pieni di naturalezza, grazie alla solidità delle sceneggiature e degli attori che chiama ad incarnarli. Questa volta fa addirittura un passo in più, confondendo testo e paratesto, assoldando lo scapolo d'oro di Hollywood per fargli interpretare il ruolo di un uomo che s'illude di poter stare da solo ma dovrà arrendersi un giorno, e - giù dallo schermo - coronare la favola.
Fuori di dubbio è anche il talento del regista per i dialoghi e il ritratto "senza filtro" delle piccole spietatezze quotidiane, siano esse d'ambientazione scolastica o professionale. Anche qui, Tra le nuvole segna un aumentato bisogno di veridicità e porta in scena un contesto attuale e una ventina di disoccupati veri, mescolati agli attori professionisti, ma non per questo indistinguibili.
Eppure, malgrado la naturalezza con cui Clooney indossa i mocassini di Ryan Bingham, malgrado la verità che fa da set alla finzione, c'è qualcosa di troppo scritto e lineare in quest'opera terza rispetto alle precedenti. Il bello di Juno era che era contraddittorio come l'età che raccontava, canticchiava un sentimento profondo senza bisogno di un arrangiamento in tutta regola; Tra le nuvole, al contrario, va spedito come un volo intercontinentale, dice quel che intende dire e non altro, e l'imprevisto all'arrivo fa in qualche modo parte del pacchetto di viaggio.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
TRA LE NUVOLE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 8 febbraio 2010
Luca Alvino

Immaginate di essere una creatura alata, un uccello, un nobile rapace solitario, e di sorvolare le città degli uomini osservandole dall'alto. Non vedrete case, famiglie, persone; ma linee geometriche, forme spersonalizzate, pure astrazioni. Immaginate poi di calare dall'alto precipitandovi - appunto, come un falco - su un essere umano, sulla sua esistenza concreta, per sconvolgerlo, per privarlo delle [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2010
Cantastorie

Ryan Bingham (G. Clooney) lavora per una compagnia che lo "affitta" ad altre compagnie per licenziare i loro dipendenti; egli è uno dei migliori: anni di esperienza, capacità di cogliere al volo ciò che è necessario fare per limare la reazione del licenziato. Vive in volo, ha una casa asettica, è il promotore di una filosofia di vita secondo la quale tutto [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 gennaio 2010
Fabrizio Cirnigliaro

Per Ryan accontentarsi vuol dire fallire, non crede nel rapporto stabile, nel matrimonio, non vuole avere figli, ha scelto il trolley come compagno di vita, e crede che le foto ricordo servano solamente a chi non ha memoria. I protagonisti delle pellicole di Jason Reitman sono dei cinici dalla forte personalità, con dei comportamenti moralmente discutibili e il personaggio interpretato da Clooney [...] Vai alla recensione »

sabato 13 febbraio 2010
Catinka

Un film davvero deludente, contro tutte le aspettative e la critica che da un po' di tempo si sta ritarando su un livello decisamente basso. Definire questo film un capolavoro è quasi vergognoso. Mi viene da pensare. malignamente, la tendenza si quella di osannare un film che abbia come tema un problema sociale, solo per le sue intenzioni, e non per come esse sono raccontate.

lunedì 1 febbraio 2010
davidestanzione

Jason Reitman è ormai da considerarsi uno degli autori più emblematici della più recente "nouvelle vague" americana:dopo la dark comedy "Thank you for smoking" e il frizzante "Juno",Reitman torna alla carica:assolda la prima vera grande star(George Clooney),isola gli elementi base dal plot del libro di Walter Kirn(per parafrase il 31enne regista canadese il libro parla di "un uomo che licenzia la gente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 dicembre 2010
eddie '85

voto: 8 Reitman, dopo i brillanti "Thank you for smoking" e "Juno", prova il difficile salto da un cinema più indipendente ad un cinema condizionato dal divismo del protagonista e da più ferree logiche commerciali: il rischio di inciampare e perdere il proprio acume e le proprie caratteristiche era alto, ma il bravo regista ha saputo evitarlo, confermando il suo [...] Vai alla recensione »

sabato 20 marzo 2010
michelastd

Ryan Bingham ha il sorriso furbo e lo sguardo intrigante. Modi gentili e sicuri. E’ elegante. Affascinante. Cinico. Ironico. E’ un uomo di successo che ha scelto di vivere senza legami, ha voluto la libertà. Non ha bisogno di casa né di famiglia né di amici perché il suo mondo è tutto lì, nell’aria viziata degli aeroporti che conosce come le sue tasche, nelle stanze anonime dei migliori hotel, nei [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 febbraio 2010
orestepinziettoni

Vedendo "Tra le nuvole" ho avuto l'impressione che, almeno nelle intenzioni del regista, il film vorrebbe porsi come un'occasione per riflettere su un tema di grande attualità, ovvero l'illusoria pretesa di vivere in un mondo tecnologico e privo di vincoli tradizionali come casa e famiglia: un universo spersonalizzato e globalizzato come maschera di una disperata solitudine esistenziale che affligge [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 marzo 2011
desperate housewife

Film surreale, ma a tratti drammaticamente vero,  che racconta la vita di un "tagliatore  di teste",  figura professionale che in epoca di crisi economica trova ampiamente spazio per esercitare, con adeguato cinismo,  il compito di licenziare impiegati in esubero. La scelta del regista di mischiare ai volti degli attori anche dei licenziati "autentici", da maggiore [...] Vai alla recensione »

martedì 24 agosto 2010
AudreyandGeorge

C'è un giovane regista canadese che non è più una sorpresa: si tratta di Jason Reitman che nel 2009 con Tra le nuvole ha dato una prova convincente, come dimostrano le 6 candidature agli oscar. Questa opera tratta tematiche sociali di sicuro impatto ma con un'evoluzione rispetto ai già acclamati Juno e Thank you for smoking. Merita una citazione anche la colonna sonora.

giovedì 9 ottobre 2014
jacopo b98

 Ryan Bingham (Clooney) è un “tagliatore di teste”: lavora per un’azienda che lo noleggia ad altre aziende per tagliare il personale. Una novellina (Kendrik) vuole rivoluzionare l’azienda introducendo licenziamenti via streaming, e nonostante le resistenze di Ryan, il capo (Bateman) lo obbliga ad istruire la nuova arrivata.

domenica 14 febbraio 2010
brian77

George Clooney ha sicuramente un fascino da commedia classica e funziona benissimo. Il film è in fondo vedibile. Ma non condivido assolutamente i giudizi entusiastici, e c'è un motivo preciso. Tutto qui è confezionato bene, ma parte da alcune ideuzze ad effetto che sembrano tanto intelligenti mentre in realtà sono abbastanza banali (la vita sospesa nei non-luoghi, la precarietà contemporanea, la società [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 marzo 2010
teo '93

“Vanno, vengono, ogni tanto si fermano, certe volte ti avvisano con rumore prima di arrivare e la terra si trema e gli animali si stanno zitti”. Con questo incipit epico ed evocativo si apriva nel 1990 l’album “Le nuvole” di Fabrizio De Andrè, che aveva genialmente interpretato le nuvole come “personaggi ingombranti e incombenti che hanno terrore del nuovo perché il nuovo potrebbe sovvertire le loro [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2014
Great Steven

TRA LE NUVOLE (USA, 2009) diretto da JASON REITMAN. Interpretato da GEORGE CLOONEY – VERA FARMIGA – ANNA KENDRICK – DANNY McBRIDE – JASON BATEMAN § Ryan Byngham è un uomo affascinante, un abilissimo dirigente aziendale che trascorre 322 giorni all’anno in cielo, viaggiando perennemente in aereo, fra meeting, conferenze e riunioni di lavoro.

giovedì 10 febbraio 2011
Ale9191

Negli ultimi tempi Clooney, con alterne fortune, si è fatto ricordare soprattutto per film d'azione : i tre "Ocean's", "Clayton" ecc. Qui invece è voluto tornare all'antico con una commedia dallo spunto non banale ideata dal buon Reitman. Quest'ultimo non poteva trovare protagonista migliore: scapestrato, senza legami fissi e senza rimpianti, chi se [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 settembre 2010
Liuk

Finalmente un film originale, con idee. Verrà sicuramente amato da chi viaggia per lavoro ed ha sulle spalle parecchie ore di aereo alla settimana, ma credo possa essere interessante per tutti, grazie ad una trama intelligente e non banale ed un sapiente accostamento di sorrisi e melanconia. Personalmente lo ritengo una delle migliori pellicole della passata stagione.

mercoledì 17 febbraio 2010
Ulisse104

Beh il film non si può definire un capolavoro, quello che permane è solo cinismo per situazioni lavorative che toccano coloro che vivono nel mondo del precariato. Il film potrebbe essere diviso concettualmente in tre parti: - nella prima parte il protagonista Clooney è la persona che è incaricata di LICENZIARE dipendenti di altre società. Il cinismo è al limite del surreale.

sabato 13 febbraio 2010
The_End

Affetto familiare, lavoro sicuro e un’accogliente abitazione. È la formula del “sogno americano”. La crisi economica dei giorni nostri è, però, come l’allarme di una sveglia pronta a spezzare il nostro sogno strappandoci via dalla magia onirica. Questo film, tratto dall’omonimo romanzo, è incentrato sul lavoro svolto da Ryan Bingham/Gorge Clooney: licenzia su commissione i dipendenti delle più disparate [...] Vai alla recensione »

domenica 31 gennaio 2010
aesse

Se si dà per buona l’idea che i meccanismi del cinema attingano a quelli del sogno saremo d’accordo nel dirsi certi che la trama di un film ha lo stesso scopo dei simboli onirici che, decodificati, portano in emersione messaggi più profondi. Così ancora una volta anche in “ Tra le nuvole” sotto al racconto della vita di un “tagliateste”, cioè di un licenziatore di professione, delle sue vittime e [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 marzo 2012
Diego P.

TRA LE NUVOLE CRITICA DI: Diego Pigiu III VOTO: 8 Ryan Bingham (George Clooney) passa la sua vita in volo e nei non-luoghi quali sono gli aeroporti concedendosi tutti i lussi e i privilegi del caso, il suo scopo nella vita? Raggiungere un gran numero di punti MilleMiglia, il suo lavoro? Licenziare i dipendendenti per conto dei loro codardi padroni, sostanzialmente viene affitato per passare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 luglio 2011
Filippo Catani

Il protagonista del film è un uomo che per 300 giorni l'anno gira per l'America in aereo per conto di una agenzia che si occupa di licenziamenti. La sua vita cambierà grazie all'incontro con due donne; una giovane stagista che intende riformare il modo di lavorare dell'agenzia e una rampante trentacinquenne che fa più o meno la stessa vita del protagonista.

giovedì 21 gennaio 2010
slowfilm.blog

Dei film di Jason Reitman s’è sempre parlato soprattutto per motivi non precisamente cinematografici, vicini come sono al blando saggio sociologico o di costume. Per questo motivo attirano molte persone che il cinema solitamente lo considerano poco, mentre trovano nei film di Reitman un supporto agli argomenti standard di conversazione. Thank you for Smoking, Juno, hanno creato dei circoli inclusivi. [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 febbraio 2010
solaris

Vedendo certe scene mi sembrava di essere alla fiera dell'assurdo: una ragazzina poco più che adolescente che licenzia via internet un uomo dopo una vita lavorativa nella stessa azienda, e l'uomo non regge...scoppia a piangere davanti a lei, che resta inespressiva e lo esorta con un urlo a lasciare la stanza, perchè non ha altro da dire.

mercoledì 27 gennaio 2010
laulilla

Che cos'è la libertà? una risposta facile potrebbe essere questa: rompere ogni vincolo con le cose e le persone che ci tengono legati a terra, che ci impediscono di spiccare il volo verso lidi dove contiamo solo noi, dove nulla ci impedirà di di affermarci realizzando i nostri sogni. Ryan è l'uomo che nel bel film di J.

lunedì 25 gennaio 2010
Roberta Gilmore

non la solita commedia americana... sarà per il tema (licenziamenti nell'america della crisi economica), sarà per il mancato lieto fine, questa commedia agrodolce piace e convince... per tutti quelli che sono stanchi di vedere sempre le trite e ritrite commedie americane e per tutti coloro che vogliono riflettere su cosa sia la solitudine...

sabato 18 settembre 2010
RONGIU

Senso di appartenenza. C’è un uomo che può a pieno diritto condividere con l’aquila il primato dello spazio alato. Quest’uomo è abituato a "Prendere il volo".  Cosa può significare, "prendere il volo". Viaggiare con la mente? Andar dritti,  giù, per le scale? Ricercare la libertà? Oppure.

venerdì 22 ottobre 2010
giacomogabrielli

Il regista di JUNO torna con un mezzo capolavoro apprezzatissimo sia dal pubblico che dalla critica. Un cinico George Clooney recita in un ben scritto e brillante terzo film del figlio di Ivan Reitman, qui suo produttore. NUVOLOSO | ****

martedì 6 luglio 2010
Vittorio

Commedia particolare e molto orginale, storia che mescola cinismo, romanticismo, divertimento e speranza....Bravo Clooney... Da vedere!!

lunedì 21 giugno 2010
www.cine-amando.blogspot.com

Tratto da un romanzo di Kirn: Ryan (George Clooney), scapolo incallito e perennemente in viaggio per lavoro, è un "tagliatore di teste" la cui professione consiste nel licenziare le persone. Avulso da vincoli personali ed impegni sentimentali, si trova a confrontarsi con l'affascinante Alex (Vera Farmiga), conosciuta per caso e con cui avvia una relazione, e con la giovanissima Natalie (Anna Kendrick), [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 gennaio 2010
pietro-

''Uno spietato ed egoista Terminator taglia-teste dei giorni nostri, inconsapevole della sua infelicità.'' Dopo THANK YOU FOR SMOKING e JUNO Jason Reitman ci regala un altra commedia che fa riflettere sulle relazioni sociali. Il premio oscar George Clooney è Ryan Bingham, un uomo sulla quarantina che, incaricato dalla sua azienda, si guadagna da vivere licenziando [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 gennaio 2010
la strada

Bel film mi ha molto emozionato. Bravo il protagonista George Clooney,credibile in questa parte. I dialoghi sono molto belli.Rappresenta la vita al mondo d oggi. Una società che pensa solo al profitto e non alle persone. Il finale che non c'è rende il film non banale. Spero che il film vinca alcuni oscar, sopratutto a Clooney. tre stelle spero che ciò che ho scritto sia gradito

domenica 24 gennaio 2010
ResCine

La storia-trama del film non convince, tesa com'è ad inseguire lampi di umanità in un mondo avvolto dal ciniscmo, dove anche comunicare i licenziamenti di massa è una tecnica e un business.Alla faccia, reale, dei poveri e frustrati job-less. Ma il film è riscattato alla grande dalla forza dei dialoghi: intelligenti, graffianti, immediati, con spunti per riflessioni affatto banali.

martedì 18 maggio 2010
lamagicaV

Partiamo dal presupposto che i verbi "GOOGOLARE" e "MESSAGGIARE" in Italiano NON esistono e che se anche il nuovissimo Zingarelli o chi per lui li avesse aggiunti, sarebbe una vera vergogna. Detto questo, il film è interessante. Analizza risvolti psicologici non da poco fornendo anche spunti di riflessione variegati (la storia dello zaino per esempio).

mercoledì 3 marzo 2010
member87

Questo giovane regista ancora una volta ci racconta una storia decisamente semplice ma altrettanto efficace e convincente. Ottimi attori, con un George Clooney particolarmente in forma, e ottimo stile narrativo che coinvolge lo spettatore in una spietata analisi della società di oggi, dove il lavoro condiziona più che mai le nostre vite e ci conduce ad effettuare scelte sempre più dolorose.

lunedì 15 febbraio 2010
Francesca72

Film molto godibile. Anche se non a livello di Juno o Thank you for smoking Meglio stare sulle nuvole staccati dal mondo, con uno zaino leggero o vivere la vita con tutti i fardelli connessi ma sentendosi in compagnia e facendo del contenuto dello zaino l'input della vita? Oppure, ancora, come Alex, che decide di vivere la vita con lo zaino concedendosi di tanto in tanto una partentesi di vita tra [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 febbraio 2010
fragola

Il film riflette l'attuale momento drammatico della improvvisa perdita del lavoro nella societa' americana;l'argomento non e' certo "leggero",ma quello che mi ha colpito e' la freddezza dei due protagonisti che di professione comunicano il licenziamento in tronco ai dipendenti di aziende in tutti gli U.S.A.al posto dei loro datori di lavoro. Trascorrono naturalmente molta parte della loro vita "sopra [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 gennaio 2010
sassolino

Wichita, Omaha, Tulsa, Des Moines, Saint Louis, tutta l'america di provincia che non passano i telgiornali è il regno incontrastato di Ryan Bingham, abilissimo dismissore di lavoratori o se vogliamo essere più tranchants, notevolissimo tagliatore di teste. Sempre in viaggio, sempre il più rapido a varcare il check-in, con una passione smodata per il collezionismo di tessere [...] Vai alla recensione »

martedì 26 gennaio 2010
olgadik

Il film drammatico, ma non angoscioso, scivola via su battute intelligenti nella prima parte, sul versante amaro nella seconda, seguendo lo sguardo con cui il regista abilissimo concilia la storia di una crisi individuale con quella globale di cui gli Usa sono autori e vittima insieme. Autore giovanissimo ma già determinato nelle scelte, “ho deciso di realizzare solo film in cui credo”, (i due precedenti [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 gennaio 2010
scofields

Parte un po cosi cosi ma poi prende quota grazie ai dialoghi, all'humor per poi lasciarti con l'amaro in bocca..bello ed intelligente. Bravo Clooney ma la scoperta vera è la Kendrick! 

lunedì 31 maggio 2010
Federico.Cella

Non c'è un secondo nel film dove vi troverete prima di un qualsiasi tipo di sentimento. Sobriamente passerete dal divertimento alla riflessione,per finire all'amarezza ma perchè no con speranza. George Clooney qui è immenso, questo è il suo ruolo, brillante,svelto, superficiale ma riflessivo e profondo solo quando serve davvero,ma soprattutto divertente.

mercoledì 10 marzo 2010
gabriella

Non dice molto di nuovo il film di Reitman, si limita a fotografare l'odierna crisi con un cinismo sospeso. George Clooney ha la faccia troppo simpatica per apparire antipatico, e reinterpreta un pò il ruolo del brillante avvocato divorzista Miles Massey di "Prima ti sposo poi ti rovino", c'è tutto, il discorso alla conferenza, il suo pezzo forte, messo poi in discussione in fase finale, quando cioè [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 marzo 2010
Cerdan76

Il film di Jason Reitman è una sorpresa, parte come una commedia quasi scontata ed invece arriva ad essere tutt'altro. Già il protagonista, un buon Clooney, è un personaggio talmente cinico da sembrare diabolico. Un vincente che porta con se una valigia ordinata e studiata fino al millimetro. Quando però si ritrova da solo a casa è tutt'altro che il vincente [...] Vai alla recensione »

martedì 9 febbraio 2010
tommynini

un clooney smagliante,bravo,ironico,straordinariamente affascinante alle prese con la desolazione di un lavoro terribile nell'america depressa.molto meglio i bassi di napoli dove la disoccupazione e' alleviata dal calore umano.titolo fuorviante,si tratta di una critica feroce al capitalismo americano dominato dal disinteresse per le persone che si ripercuote anche sulla vita del protagonista [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 febbraio 2010
luciacinefila

la mia intenzione ra solamente quella di passare una serata in totale relax guardando qulacosa di piacevole non coinvolgente,....bè..sono rimasta favorevolmante stupita...un film più che piacevole..ben realizzato, mai banale..con ottimi interpreti..sceneggiatura originale..e un grande Clooney..nei panni di e stesso???! nelpanorama cinematografico attuale un film che mi sento di consigliare senza [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 febbraio 2010
ralphscott

Vedere gli aeroporti come set non é propio il massimo. Forse viaggio troppo spesso,ma quei "non luoghi" sono tutto tranne che  evocativi. Tuttavia,va riconosciuto che il risultato finale é un film onesto,equilibrato,picevole. Manca un po' di sale,di quella giusta cattiveria che il soggetto farebbe auspicare. Clooney é bravo,ma non del tutto credibile. [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 febbraio 2010
andyZeroSetteSette

Nella commedia amarognola di Jason Reitman il protagonista Ryan Bingham, per rappresentare il quale le fattezze seducenti e rassicuranti di George Clooney sembrano assolutamente scelte su misura, è un finto cinico che pare trovarsi perfettamente a suo agio e anzi considerare molto stimolante un mondo di viaggi d'affari, programmi fedeltà per frequent flyers, auto a noleggio e fugaci relazioni sessuali [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 febbraio 2010
The84damy

Una pregevole commedia che tratta un tema serio come quello della disopccupazione (in questi tempi di crisi di grande attualità)con ironia e leggerezza. Ottimo cast davvero all'altezza che alza notevolmente il livello del film. Direi da vedere e non solo per gli appassionati del genere

giovedì 28 gennaio 2010
MarkSnape

Questo film è piacevole e molto carino. Clooney mi è piaciuto e l'atmosfera "da crisi" fa davvero riflettere; quindi giudico questa pellicola buona e assolutamente piacevole da guardare: lo consiglio. Il tutto è presentato molto bene e ben confezionato, facendogli riscuotere commenti positivi che secondp me sono abbastanza meritati.

martedì 6 novembre 2012
Tatiana Micaela Truffa

   Film senza pretese e senza presunzioni, se non il far trascorrere 109 minuti di piacere agli spettatori. La recitazione divina di George Clooney, sublima questa semplice commedia che diverte, ma che - nello spettatore più attento e sensibile - è anche in grado di far riflettere su alcuni paradossi della vita moderna.

martedì 27 luglio 2010
paride86

"Tra le nuvole" è una commedia sentimentale mascherata da qualcos'altro. Ancora non ho capito cosa, ma è così. Ed è un peccato, perché di commedie sentimentali che narrano di miracolose conversioni all'amore di freddi uomini d'affari è piena la storia del cinema (a cominciare da "Sabrina"), invece sarebbe stato bello trovrasi [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
lunedì 19 ottobre 2009
Marianna Cappi

I principali caratteri femminili del film appaiono un po' come lo specchio dell'America di oggi, che non ha ben chiara la scelta tra il rifugio nella famiglia e il perseguimento, invece, di un ideale più individualista. È d'accordo? È vero. Premetto che ho solo 31 anni ma ho già capito una cosa e cioè che la vita è estremamente complicata e non ci sono risposte precise. Credo che molte delle storie degli uomini siano state raccontate e molte delle storie delle donne non lo siano ancora state e sono sempre stato attratto dalle donne sveglie e brillanti, come mia moglie, d'altronde, ma mi rendo [...]

INCONTRI
sabato 17 ottobre 2009
Marianna Cappi

Libero di volare Ryan Bingham ha un bagaglio leggero. Non può fare altrimenti, deve ottimizzare i tempi d'imbarco e di movimento, non può portarsi dietro niente e nessuno. Deve essere libero, per volare da una parte all'altra degli Stati Uniti, a licenziare gente piena di figli e di problemi. A trainare con charme il trolley di Ryan è George Clooney, a pilotare l'aereo di Up in the air che lo ha portato al festival di Roma è Jason Reitman, che conosce la strada perché se l'è già spalancata due anni fa con Juno.

Frasi
"Alzai gli occhi al cielo e ricambiai il sorriso.
E quando incrociai il suo sguardo, vidi tutto ciò che avevo cercato…!"
Una frase di Ryan Bingham (George Clooney)
dal film Tra le nuvole - a cura di stefania
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Natalia Aspesi
La Repubblica

In Italia 2.600mila, in Europa 4.600mila, negli Stati Uniti più di 15 milioni: individui diventati numeri, gente che lavorava e che è diventata un esubero, un sovrappiù; disoccupati, licenziati, anzi, da noi ' licenziati invisibili' come li definisce Ilvo Diamanti, in quanto notizia irrilevante e antipatica per la nostra televisione obbligata all' ottimismo ottuso.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Hai un protagonista quasi odioso? Fallo recitare dall'attore più affascinante, da quel nuovo Cary Grant che è l'adorato George Clooney. E Tra le nuvole (Up in the Air) diventa una commedia riuscita, intelligente, divertente, attuale, applauditissima al festival di Roma. E non è la sola vera idea del film diretto da Jason Reitman (Juno) e tratto dal romanzo di Walter Kirn, storia di un uomo che di mestiere [...] Vai alla recensione »

Davide Turrini
Liberazione

Poche storie. Up in the air è un film di sconcertante durezza e sofferenza. Per Jason Reitman, già autore di Juno , l'individuo contemporaneo, l'homo felix occidentalizzato, è un esserino fragile e disilluso. George Clooney, con la sua oramai proverbiale polentina brizzolata sul capo, interpreta il segaligno Ryan Bingham. Un raffinato, affabile, consolatorio ma infame tagliatore di teste.

Valerio Caprara
Il Mattino

Non siamo iscritti al partito di George Clooney, perché il divo ci è sempre sembrato discreto più che ottimo e anche un po' gigione. Bisogna dire, però, che in «Tra le nuvole» è davvero la reincarnazione dei grandi commedianti all'antica hollywoodiana, un Cary Grant ai tempi della crisi economica che si produce agli ordini del giovane Jason Reitman («Juno») in un show godibilissimo di situazioni stralunate, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Con tre soli film al suo attivo, il regista di Juno si è già ritagliato un posto fra i grandi della commedia americana. Tra le nuvole ricorda addirittura Harry, ti presento Sally. Anche se qui i rapporti amorosi vivono (o almeno ci provano) sullo sfondo di vite sempre più virtuali e di una crisi maledettamente reale. Senza dimenticare il nomadismo connaturato ormai a molti mestieri.

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Per Juno l'Oscar se lo prese la sceneggiatrice Diablo Cody—vedere Jennifer's Body per capire quanta (poca) farina fosse del suo sacco... –e Tra le nuvole ai Golden Globes è rimasto a secco: per fortuna, i premi passano, alcuni film restano. Come questo, che ha un titolo poco fedele a Jason Reitman: figlio del papà dei Ghostbusters, fa cinema con meticoloso pragmatismo e disinvolta sapienza, manco fosse [...] Vai alla recensione »

Michele Anselmi
Il Riformista

Si presenta all'incontro stampa vestito da motociclista: jeans sdruciti, scarponi, giubbotto di pelle e t-shirt. Gli manca solo il casco "a scodella", quello vietato ai comuni mortali se guidi uno scooter o una moto di cilindrata superiore ai 50 cc, ma non a lui: il Divo Clooney. Esistono decine di foto che lo ritraggono così, a cavallo della sua gigantesca Harley Davidson, con o senza l'amata Elisabetta [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Panorama

Il mondo all'epoca di Google Earth e della crisi che taglia teste e destini con chirurgica freddezza. I siparietti del film di Jason Reitman (già regista di Juno) condensano in mappe e paesaggi visti dall'aereo i viaggi del protagonista George Clooney, campione di millemiglia e contento di esercitare con umano cinismo il ruolo di licenziatore per conto terzi.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Uno dei tanti meriti di Tra le nuvole - film, intelligente, divertente, amaro del geniale regista Jason Reitman (Thank you for smoking e Juno) - è di aver scelto un gruppo di licenziati veri di S. Louis e di Detroit nel momento in cui viene loro comunicato il licenziamento. Il film ci mostra le loro facce, chi piange, chi ammutolisce, chi grida, chi si arrabbia, consapevoli che perdendo il lavoro si [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Ai recenti Golden Globe era candidato tra i film drammatici: curioso, avremmo giurato si trattasse Di una commedia. Ma certo Tra le nuvole (in originale Up in the Air, «lassù per aria») è una commedia sui generis, molto agrodolce - più agra che dolce – e imperniata su un tema che fa più piangere che ridere: la crisi economica. Ryan Bingham, il personaggio interpretato da George Clooney, è un «tagliatore [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Dieci milioni di miglia aeree, diventare il settimo uomo al mondo, il più giovane peraltro, a toccare il traguardo record di tutti i frequent-flyer (per conoscere l'uomo simbolo dell'American Airlines, avere una carta con linea telefonica dedicata e il proprio nome su un aereo di linea). Il tagliatore di teste George Clooney single, senza figli, in volo più di 320 giorni l'anno ha solo questo come [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Commedia americana perfetta, che dovrebbe/potrebbe vincere un Oscar imminente. Ritmo e battute irresistibili, George Clooney bravissimo, Tra le nuvole, tratto dal racconto di Walter Kirn, diretto dal giovane regista di Juno Jason Reitman, è la storia di un uomo che per mestiere licenzia gli altri, che è appagato dalla propria bravura e non prova il bisogno di nessuno o di nulla.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Avviato a ricevere un pacchetto dei principali Oscar, Tra le nuvole del canadese Jason Reitman è stato il miglior film dell'ultimo Festival di Roma, con un tal divario di brio e malinconia rispetto agli altri da giustificare di per sé la rassegna, anche in quest'anno di penuria. Il regista di Tra le nuvole è del resto lo stesso di Juno, che a Roma vinse tre anni fa, a conferma che ogni autore trova [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

L'eccellente George Clooney è un tagliatore di teste, uno che licenzia gente in giro per gli States. Ma ha modo, empatia, è simpatico (se no mica sceglievano Clooney). Ha castrato ogni passione. Viaggia beato 322 giorni all'anno; è triste solo a casa sua, un monolocale asettico. I bar degli Hilton sono il suo campo di seduzione, gli aerei il suo nido.

Paola Casella
Europa

In America si dice che, alla recente consegna dei Golden Globes, Jeff Bridges abbia "scippato" George Clooney del premio come miglior attore in un film drammatico: non abbiamo visto il film di cui è protagonista Bridges, ma è certo che con Tra le nuvole Clooney ha potuto mostrare le molte facce del suo talento, recitando un personaggio assai simile all'immagine mediatica che abbiamo di lui, ma molto [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

La migliore commedia americana, scritta benissimo, benissimo interpretata da George Clooney, intelligente e divertente, comica e attuale, buffa e seria. Magnifica, per la direzione del regista di Juno Jason Reitman, giovane figlio del regista di Ghostbusters Ivan Reitman di origini cecoslovacche. In tutti i Paesi occidentali, ma soprattutto negli Stati Uniti, si preferisce affidare il compito di licenziare [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Gli effetti della crisi americana in compagnia di Ryan, «tagliatore di teste» in volo da un capo all'altro del Grande Paese a licenziare migliaia di persone, abiti Brioni, camicia bianca e cravatte d'aeroporto, suite in hotel, nessun legame, la vita in un trolley, decine di carte di credito e di club di volo, con un obiettivo: la carta di metallo 10 milioni di miglia.

Thomas Sotinel
Le Monde

C'est un ange exterminateur au petit pied. Ryan Bingham sillonne les cieux américains et ne touche terre que dans des villes frappées par la crise. Là, pour le compte de directeurs des ressources humaines trop lâches pour affronter les salariés, il procède à des entretiens de licenciements. C'est moins répugnant que tortionnaire à Abou Ghraib, mais quand même très bas dans l'échelle des boulots prestigieux [...] Vai alla recensione »

Francesco Bolzoni
Avvenire

Tra le nuvole (Up in the Air) (nelle sale in questo week end) è una felice fusione tra tenerezza e avversione. Lo ha diretto il molto dotato Jason Reitman , figlio del regista di origine cecoslovacca Ivan.A lui venuto da lontano, da una cultura europea così influenzata da un'idea di moralità, i costumi locali a volte devono sembrare per lo meno insoliti.

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Gli effetti della crisi americana in compagnia di Ryan, «tagliatore di teste» in volo da un capo all"altro del Grande Paese a licenziare migliaia di persone, abiti Brioni, camicia bianca e cravatte d"aeroporto, suite in hotel, nessun legame, la vita in un trolley, decine di carte di credito e di club di volo. Poi... Un"avventura ironica lo mette in ginocchio, ma non spezza il destino amaro del killer [...] Vai alla recensione »

Dina D'Isa
Il Tempo

Liberamente tratta dall'omonimo romanzo di Walter Kirn, «Tra le nuvole» è una commedia agrodolce (già accolta con successo al festival del Film di Roma e vincitrice del Golden Globe come migliore sceneggiatura) che affronta temi di scottante attualità. Ryan Bingham (uno straordinario George Clooney) ha 45 anni, è bello, allegro, ironico e ha una vita movimentata.

Lietta Tornabuoni
L'Espresso

Commedia americana perfetta. Ritmi e battute irresistibili, George Cloonev bravissimo, "Tra le nuvole", diretto dal regista di "Juno" Jason Reitman, tratto dal racconto di Walter Kirn, intelligente, divertente, attuale, è la storia di un uomo che per mestiere licenzia gli altri, che è soddisfatto della propria bravura tanto da non provare il bisogno di nessuno o di nulla, neppure d'una casa né di affetti. [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Sull'aria, invece che «sulla strada». Se Jack Kerouac fosse stato cattivo «dentro» e non un poeta; se avesse indossato cravatte e completi Armani e al posto dei suoi adorati «finestrini-da-treno-come-cinemascope» della Union Pacific avesse preferito volare e collezionare mille-miglia American Airlines, studiando a fondo, più del buddismo mahayana, il regolamento per collezionare punti e vantaggi con [...] Vai alla recensione »

Terrence Rafferty
The New York Times

THERE'S no mystery, none at all, about why George Clooney is a movie star. Guys who are extremely handsome, move well, can project intelligence and humor, appear to enjoy the company of women and possess soft, deep masculine voices have historically done pretty nicely for themselves on the silver screen. Mr. Clooney, in fact, often seems like a throwback to the leading men of earlier eras: a passing [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

UP in the air you may meet Ryan Bingham, an ancient mariner of sorts who has, over the years (at least in Walter Kirn’s novel, where he originated) encountered just about everyone who has flown business class across the spokes and hubs of this great land. Ryan is capitalism with a handsome face: efficient, optimistic, confident without undue arrogance.

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

"Up in the Air" makes it look easy. Not just in its casual and apparently effortless excellence, but in its ability to blend entertainment and insight, comedy and poignancy, even drama and reality, things that are difficult by themselves but a whole lot harder in combination. This film does all that and never seems to break a sweat. Credit for this coup goes to writer-director Jason Reitman, who made [...] Vai alla recensione »

Anthony Lane
The New Yorker

For those of us who look to the skies, two major releases compel attention. They make the perfect couple. One is “Up in the Air,” the new film from Jason Reitman, who made “Thank You for Smoking” and “Juno.” The other is “Come Fly with Me,” which has been reissued on vinyl by Capitol, fifty-one years after its first appearance, in the unpolluted mono sound that God—or Frank Sinatra—intended.

Peter Travers
Rolling Stone

People I meet always ask if there is something wonderful to see at the movies. Now I have an answer. See Up in the Air, a transporting comedy from slump-resistant director Jason Reitman (Thank You for Smoking, Juno) that jet-fuels the Oscar race, rattles with romantic turbulence, rumbles with the terror of living in a cratering economy and takes a never-better George Clooney on the ride of his acting [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Se Jack Kerouac fosse stato cattivo «dentro» e non un poeta; se avesse indossato cravatte e completi Armani e al posto dei suoi adorati «finestrini- da-treno-come-cinemascope» della Union Pacific avesse preferito volare e collezionare mille-miglia American Airlines, studiando a fondo, più del buddismo mahayana, il regolamento per collezionare punti e vantaggi con Hertz e Hilton hotel, avrebbe avuto [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
lunedì 24 maggio 2010
Marlen Vazzoler

La genesi dei titoli di testa Dopo aver ottenuto sei nomination agli Oscar del 2010 ed aver vinto il Golden Globe per la miglior sceneggiatura originale, il 25 maggio si apprestano a raggiungere gli scaffali italiani l'edizione in DVD e quella in Blu-ray [...]

NEWS
venerdì 22 gennaio 2010
Marlen Vazzoler

Vincitore della miglior sceneggiatura originale ai Golden Globes e nominato in otto categorie Bafta, esce oggi nei cinema italiani Tra le nuvole, il nuovo film di Jason Reitman, regista di Juno e produttore di Jennifer's Body e Chloe entrambi interpretati [...]

NEWS
martedì 15 dicembre 2009
Marlen Vazzoler

Continua il successo di Tra le nuvole J ustin Timberlake, John Krasinski e Diane Kruger hanno annunciato assieme al presidente della Hollywood Foreign Press Association le nomination per la 67° edizione dei Golden Globes.

VIDEO
lunedì 14 dicembre 2009
Lisa Meacci

Something Real Pare proprio che George Clooney stia vivendo un bel momento, impegnato com'è sia professionalmente (ogni pochi mesi si presenta al cinema con una nuova interpretazione) che sentimentalmente, con la sua bella Elisabetta Canalis che non [...]

NEWS
venerdì 4 dicembre 2009
Marlen Vazzoler

Tra le nuvole è il miglior film dell'anno Oggi sono usciti i vincitori del National Board of Review, fondata nel 1909 e formata da 110 appassionati, insegnanti, registi e studenti dell'area di New York.

[LINK] FOTO
mercoledì 2 dicembre 2009
 
VIDEO
lunedì 16 novembre 2009
Lisa Meacci

Order 5 meals Non sarà nelle nostre sale prima di gennaio, ma la campagna promozionale di Tra le nuvole, il nuovo film diretto da Jason Reitman, ha preso il via da tempo. Dopo L'uomo che fissa le capre, e in attesa di Fantastic Mr.

VIDEO
domenica 18 ottobre 2009
 

La coppia dell'anno Dopo Venezia e Londra, la coppia dell'anno Clooney-Canalis protagonista assoluta del Festival di Roma. In elegante abito nero lei, in giacca e cravatta lui, sono stati accolti da una folla di fans accorsi all'Auditorium per la presentazion [...]

NEWS
venerdì 25 settembre 2009
Gabriele Niola

Osmosi È "osmosi" la parola che domina l'edizione 2009 del Festival del Film di Roma, l'ha proclamato la direttrice Piera DeTassis, ha concordato il presidente Rondi e l'hanno ratificato i collaboratori.

NEWS
martedì 18 agosto 2009
Marlen Vazzoler

Dopo l'uscita del teaser poster a CinExpo, ecco il primo poster ufficiale del film Up in the Air diretto da Jason Reitman (Thank you for Smoking, Juno). La pellicola indipendente verrà mostrata in anteprima al Toronto Film Festival e racconta di Ryan [...]

NEWS
martedì 7 luglio 2009
Marlen Vazzoler

La scorsa settimana Amy Pascal della Sony ha annunciato un nuovo accordo con George Clooney che sta lasciando la Warner dopo quasi vent'anni di collaborazione. Clooney è una delle star più famose di Hollywood ma non ha avuto molti successi al botteghino, [...]

GALLERY
venerdì 29 maggio 2009
Marlen Vazzoler

Sono uscite le primi immagini dal set di Up in The Air il nuovo film del regista Jason Reitman (Juno) che vede come protagonista l'attore George Clooney. Dopo aver parlato delle compagnie di tabacco in Thank You For Smoking e di gravidanza giovanile [...]

winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
2010
winner
miglior scenegg.ra non origin.
BAFTA
2010
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati