La sconosciuta

Film 2006 | Drammatico 118 min.

Regia di Giuseppe Tornatore. Un film Da vedere 2006 con Ksenia Rappoport, Michele Placido, Claudia Gerini, Clara Dossena, Pierfrancesco Favino. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2006, durata 118 minuti. Uscita cinema venerdì 20 ottobre 2006 - MYmonetro 3,26 su 158 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La sconosciuta tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Storia di Irena, donna ucraina emigrata in Italia con un tragico passato e un solo bel ricordo: un malinconico amore. Il film ha ottenuto 4 candidature e vinto 3 Nastri d'Argento, ha vinto 4 David di Donatello e Il film è stato premiato a Roma Film Festival. In Italia al Box Office La sconosciuta ha incassato 3,9 milioni di euro .

La sconosciuta è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,26/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,83
PUBBLICO 3,91
CONSIGLIATO SÌ
Ritratto femminile alla Chabrol, un thriller psicologico privo di enfasi e ricco di suspence.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 19 ottobre 2006
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 19 ottobre 2006

Di Irena non si sa molto, solo che è arrivata in Italia dall'Ucraina. O forse è tornata, dopo alcuni anni, per chiudere un conto. Con l'aiuto di un portinaio interessato (Haber), trova lavoro presso la famiglia Adacher, una coppia di orafi con una figlia affetta da una cronica incapacità di difendersi. Irena si occupa della piccola, la conquista e le insegna a reagire. Sembra cominciare a trovar pace, ma ecco che si ripresenta il male che ha deciso del suo passato e che ha le sembianze dell'aguzzino Muffa (Placido).
La Sconosciuta di Giuseppe Tornatore arriva a quasi sei anni di distanza da Malena. Il regista di Bagheria ha avvolto il tournage nel mistero, assicurandosi che nessuno parlasse o sapesse nulla del film che preparava. Scopriamo ora che questo mistero prosegue e oltre, svelandosi solo poco alla volta, in un racconto che interseca piani temporali diversi, come avveniva in uno dei suoi precedenti e migliori lavori, Una pura formalità, col quale condivide anche un ribaltamento finale d'effetto. Meno enigmatico, più chabroliano nel suo inserire la protagonista come un detonatore d'esplosivo all'interno di una famiglia borghese, il film ha il grande pregio di presentarsi più secco e nudo degli altri, spoglio d'enfasi espressive e non costruttive.
Un cast di attori noti -Favino, Gerini, Degli Esposti, Buy, Molina- vortica senza protagonismi attorno alla "sconosciuta" Xenia Rappoport, interprete russa di scuola teatrale, cuore e corpo del film, che sulla sua figura si regge senza barcollare. La schiavitù sessuale delle ragazze che entrano nel nostro paese dalla frontiera orientale non è qui materia da denuncia sociale ma sfondo di un incalzante thriller psicologico macchiato di orrore che ci aggancia fino agli ultimi minuti, quando fa capolino qualche inquadratura troppo lunga, sussulti di sentimentalismo che, in coda, non inquinano ormai più.
Certo l'immaginario di Tornatore circa le compravendite sessuali, le scale a chiocciola e i soldi sporchi non è estraneo all'influsso delle immagini di altri maestri, ma tuttavia il film trova una sua identità precisa e incisiva e un'atmosfera che deve tanto alla luce mitteleuropea di Trieste. L'emozione nasce dalla centralità di Xenia/Irena, dalla forza di un personaggio femminile che cerca di riconquistare un pezzo della sua vita e della sua femminilità che le è stato rubato con il ricatto e la violenza. Nell'inquadrarla, nel seguirla, nel calibrare il proprio ritmo sul suo respiro sospeso dalla paura, Tornatore dà prova di riuscire a nascondere, per una volta, i virtuosismi della macchina da presa e a farli sparire dentro la storia che racconta, a tutto vantaggio del godimento dello spettatore.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
LA SCONOSCIUTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 30 ottobre 2010
weachilluminati

La sorpresa  stupenda è una grande attrice che si affaccia sul proscenio  internazionale ,Ksenia Rappoport , russa, bella , espressiva dalle grandi doti artistiche ; La conferma è Tornatore , potente incisivo ,scenografico, profondo,drammatico, articolato. Sullo sfondo di una Trieste prevalentemente lugubre e notturna  , si consuma la storia di un dramma  di una [...] Vai alla recensione »

domenica 30 gennaio 2011
Olghina

Sarà per l'argomento crudo ed ahimè molto attuale(Le donne ridotte in una vera e propria schiavitù) , sarà per le musiche del nostro "vantotuttoitaliano" Morricone, sarà per la fotografia(gustata fotogramma dopo fotogramma).. sicuramente è per questo mix che per tutta la durata del film ho avuto la pelle d'oca! Secondo il mio parere in questa [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 agosto 2011
Filippo Catani

Una giovane donna ucraina cerca lavoro come domestica. Attraverso l'aiuto del portiere di un palazzo, riuscirà a muovere i primi passi all'interno di un piano ben stabilito per cercare di entrare nella casa della famiglia Adacher. La giovane ucraina conserva infatti dentro di se terribili e inconfessabili segreti. Un film duro e coraggioso allo stesso tempo che prende di petto una questione [...] Vai alla recensione »

martedì 16 novembre 2010
Lady Libro

Una donna dal passato oscuro e violento, alla ricerca di qualcosa di molto importante che è stato perduto, con il solo bagaglio di un amore scomparso... Uno dei più bei film di Tornatore che dimostra la sua bravura in ogni pellicola. Ksenia Rappoport recita meravigliosamente con un realismo impressionante. Film stupendo e assai consigliato.

lunedì 10 settembre 2012
Bruce Harper

L’incipit scimmiotta Eyes Wide Shut. Li maschere fredde e anonime scatenavano identità sommerse e pulsioni primordiali, qui maschere ugualmente alienanti nascondono identità superflue perché al servizio di corpi perfetti e intercambiabili. L’inizio è laconico,accattivante, ambiguo. Di quelli che catturano. D’improvvisò però veniamo informati [...] Vai alla recensione »

sabato 19 gennaio 2013
Cinefilos

L'accoppiata Tornatore-Morricone tutta made in Italy è artefice di un grande successo cinematografico, scandito da un ritmo incalzante, scene travolgenti che rapiscono lo spettatore, portandolo a riflettere sulla piaga della prostiuzione e della violenza sulle donne, ma non meno sul tema della maternità e dell'amore incondizionato verso i propri figli.

venerdì 14 giugno 2013
Gianni Quilici

Un film sincero, ma anche un film abile. Un film che vuole comunicare, ma anche abbindolare. C’è un sentimento forte: la maternità. C’è una grande attrice: Xenia Rappoport. C’è l’abilità  con cui è stato  costruito: l’atmosfera di mistero, con cui lentamente il film si disvela.

martedì 23 giugno 2009
Lalli

un bel film con un ottima Rappoport

venerdì 3 aprile 2009
DONY64

Film drammatico, concreto nella trama, recitazione ed espressione.Brava l'interprete principale per una storia di oggi che sembra vera.Complessivamente simpatico film drammatico.Voto 7

sabato 31 ottobre 2009
taniamarina

Alcuni difetti in questo film vanno sottolineati, quali la musica fin troppo ossessiva di Morricone e un Placido orrendamente ridicolo. L'intreccio della trama è efficacissimo e l'attrice protagonista colpisce per la sua triste bellezza e bravura. Ma spesso gli attori si trovano fin troppo sopra le righe, quasi il regista abbia avuto il dubbio di non creare abbastanza tensione.

martedì 23 giugno 2009
chiarialessandro

C’è un genere di film che, comunemente, viene denominato “dell’orrore”; vi invito a controllare sul vocabolario la definizione di tale termine e poi a chiedervi se possa essere applicabile anche in questo caso. E’ comunque ovvio che la domanda sia retorica perché il pensiero di una donna che viene ingravidata al solo ed unico scopo di procreare una creatura messa al mondo per essere venduta al miglior [...] Vai alla recensione »

Frasi
Lascia fare a me, ti porterò via da tutto quello schifo!
Una frase di Nello (Paolo Elmo)
dal film La sconosciuta - a cura di sabry
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Pare s'imponga il dibattito: La sconosciuta è un Tornatore "minore" oppure no? Il "ritorno" di Peppuccio non appartiene all'anima kolossal della sua sensibilità (La leggenda del pianista sull'oceano, il progetto dell'assedio di Leningrado) ma a quella ricercatrice, sperimentatrice di Una pura formalità, il suo sottovalutato film con Depardieu e Polanski interpreti.

Priscilla del Ninno
Il Secolo d’Italia

Il maestro è tornato. E in grande stile. A cinque anni di distanza dalla sua ultima e non del tutto convincente fatica filmica, Malena, Giuseppe Tornatore - premio Oscar per Nuovo cinema Paradiso - presenta in anteprima alla Festa del Cinema di Roma il suo nuovo film, La sconosciuta, (distribuito da Medusa a partire da domanO, accolto da un lungo applauso.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Torna Giuseppe Tornatore, dopo cinque anni trascorsi a preparare un grande film inattuato sull'assedio di Stalingrado: La sconosciuta, interpretato da un cast di attori bravi oltre che dalla protagonista Ksenia Rappaport, è un melodramma realizzato con uno stile nuovo molto interessante. Se la storia è antiquata, la responsabilità non è di Tornatore, pure soggettista e sceneggiatore, ma della realtà: [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Giuseppe Tornatore alla Festa di Roma. II riservatissimo cineasta sembrava il meno indicato ad un palcoscenico simile. Un colpo importante, sottolineato dall'irrituale presenza nella conferenza stampa dei presidente Goffredo Bettini. Evento speciale, dicono le malelingue fuori dalla sala, possibile solo perché a differenza di Venezia la rassegna capitolina il pacchetto Medusa lo ha accettato in blocco. [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Una donna tutta sola. Irena, lo sguardo spaesato, arriva in una città del Nord carica di un passato terribile, che riemerge in rapidi, angoscianti flash. È lei la Sconosciuta raccontata da Giuseppe Tornatore. Perché si aggira come un cane bastonato? Perché sceglie di abitare proprio in quel grande appartamento, con vista su un pa1azzo signorile? E, soprattutto, da dove vengono tutti i soldi (troppi, [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Ciak

Cosa cerca quella giovane donna ucraina (la "sconosciuta" attrice russa Xenia Rappoport) che dalla finestra di fronte osserva una ricciuta bambina di cinque anni (Clara Dossena) e i suoi turbolenti genitori (Claudia Gerini e Pierfrancesco Favino)? Perché, una volta sfuggita a un passato sordido e violento, è disposta a dividere il proprio salario con il portinaio dello stabile pur di lavorare come [...] Vai alla recensione »

Kevin Thomas
The Los Angeles Times

With "The Unknown Woman," writer-director Giuseppe Tornatore ("Cinema Paradiso") has combined two familiar themes -- the horrendous fate that has beset many women from the former Soviet bloc in their flight to the West, and the nanny who seems disturbingly obsessed with her young charge. Sweet, however, are the uses of melodrama in the skilled hands of Tornatore, for he transcends the lurid and the [...] Vai alla recensione »

Aldo Fittante
Film TV

Se quello che tutt'oggi risulta ancora essere il capolavoro di Peppuccio Tornatore, Nuovo Cinema Paradiso, è la rappresentazione di un magico empireo aggrovigliato in meravigliosi ricordi cinefili e d'infanzia e Una pura formalità riproduce un immaginario Purgatorio. La sconosciuta si cala senza remore in un malato e putrido Inferno. Una sorta di chiusura di un'ideale trilogia in cui passati e presenti [...] Vai alla recensione »

Mattia Nicoletti
Metro

L'inizio de La sconosciuta è misterioso, coinvolgente, di ispirazione hitchcockiana, ambientata in una irriconoscibile Trieste. La protagonista, Irena (Ksenia Rappoport), è raccontata fra presente e flashback, e lo spettatore la segue sulle scale, negli appartamenti, nelle sue paure. L'ansia di Irena è anche la nostra quando il montaggio diventa frenetico, il suo passato sempre più inquietante, diventa [...] Vai alla recensione »

Stephen Holden
The New York Times

Giuseppe Tornatore’s sleazy Hitchcockian thriller, “The Unknown Woman,” keeps you glued to the screen despite your increasingly nagging doubts about its integrity. Just under two hours, sumptuously photographed in noirish shades and slathered in spine-tingling music by Ennio Morricone, it twists every which way to sustain suspense until the final frame.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Giuseppe Tornatore riprende la parola. Dopo sei anni di silenzio perché il suo film precedente, Malèna, risale al 2000. Un silenzio che gli ha giovato, non perché avesse bisogno di meditare sul cinema, un campo di cui sa tutto, ma perché gli ha permesso di studiare certi suoi indirizzi, individuare bene le sue mete e, soprattutto, decidere, intellettualmente e sentimentalmente, dove sarebbe riuscito [...] Vai alla recensione »

Marco Bertolino
Nick

Per alcuni è l'unico regista italiano noto a livello internazionale, per altri offre un'immagine dell'Italia banale e da cartolina. Mltto amati dal grande pubblico, i suoi film non di rado fanno storcere il naso alla critica. Stiamo parlando di Giuseppe Tornatore che, a sei anni dal parziale insuccesso di Malena, si ripresenta con un film drammatico destinato quasi certamente a far discutere.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una parata di giovani nude coperte solo da una maschera sfila davanti a un osservatore nascosto. Una donna scava a mani nude in una immensa discarica a cielo aperto. Due uomini mascherati da Babbo Natale pestano selvaggiamente una donna nella notte mentre cade morbida la neve. Una pioggia di banconote si rovescia improvvisa dal soffitto. Un'altra donna inciampa e rotola lungo uno scalone a spirale, [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Era uno dei film italiani più attesi dell'anno. Non si può dire che non si sia fatto notare. La sconosciuta, nuova opera di Giuseppe Tornatore a quasi 6 annidi distanza da Malena, è il classico film da dibattito post-cinema. Ve ne accorgerete quando uscirà (venerdì prossimo, distribuito da Medusa). E un film che non può lasciare indifferenti. Leviamo il dente: a noi è sembrato bello solo per un' ora, [...] Vai alla recensione »

Oscar Iarussi
La Gazzetta del Mezzogiorno

Nuovo cinema inferno. È La sconosciuta di Giuseppe "Peppuccio" Tornatore, ieri in anteprima alla Festa di Roma e da domani nelle sale italiane, sei anni dopo Malèna, il penultimo lavoro del regista siciliano premio Oscar nell'89 per Nuovo cinema Paradiso. Un film attesissimo, quindi, di questo autore colto e popolare, versato nell'affabulazione poetica di storie molto diverse, sempre capace di colpire [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Molto si potrebbe perdonare a La sconosciuta (Italia. 2006, 118'). Con spirito di sacrificio, in platea si arriverebbe addirittura a prender per buono questo racconto inverosimile di una storia vera. Il mondo è zeppo di incongruenze. Perché dovrebbero fare eccezione le sale cinematografiche? Tuttavia, come Massimo Troisi assicurava delle vie del Signore, anche quelle della sopportazione critica possono [...] Vai alla recensione »

Luca Mastrantonio
Il Riformista

Commovente, anche nel senso tragicamente e ironicamente celebrale dei termine, sostantivo. Quello della "commozione cerebrale". La sconosciuta di Giuseppe Tornatore (esce domani, in 300 copie), infatti, non è un film intellettuale, anzi, evita di cadere nel facile cliché letterario russo in agguato, vi dominano personaggi abietti, sentimenti e risentimenti a tinte forti, cupe, schiarite da un ginepraio [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 26 settembre 2007
Piervittorio Vitori

Tornatore batte Luchetti Sarà La sconosciuta il titolo che l'Italia cercherà di spingere oltreoceano, nella speranza di farlo arrivare al Kodak Theatre di Los Angeles la sera del 24 febbraio 2008. La pellicola di Giuseppe Tornatore è stata infatti designata [...]

NEWS
giovedì 5 luglio 2007
Chiara Renda

Continuano i premi Non solo in Italia, ma anche all'estero Tornatore continua a venire premiato per La sconosciuta. Dopo il trionfo italiano ai David di Donatello e ai Nastri d'argento, anche il Moscow International Film Festival (tenutosi dal 21 al [...]

winner
miglior regia
Nastri d'Argento
2007
winner
miglior attore non protag.
Nastri d'Argento
2007
winner
miglior musica
Nastri d'Argento
2007
winner
miglior film
David di Donatello
2007
winner
miglior regia
David di Donatello
2007
winner
miglior attrice
David di Donatello
2007
winner
miglior fotografia
David di Donatello
2007
winner
premio blockbuster
Roma Film Festival
2006
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati