Memorie di una geisha

Film 2005 | Drammatico 137 min.

Titolo originaleMemoirs of a Geisha
Anno2005
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata137 minuti
Regia diRob Marshall
AttoriZiyi Zhang, Ken Watanabe, Kôji Yakusho, Michelle Yeoh, Kaori Momoi, Yûki Kudô Li Gong, Kenneth Tsang, Ted Levine, Togo Igawa.
Uscitavenerdì 16 dicembre 2005
MYmonetro 3,42 su 104 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Rob Marshall. Un film con Ziyi Zhang, Ken Watanabe, Kôji Yakusho, Michelle Yeoh, Kaori Momoi, Yûki Kudô. Cast completo Titolo originale: Memoirs of a Geisha. Genere Drammatico - USA, 2005, durata 137 minuti. Uscita cinema venerdì 16 dicembre 2005 - MYmonetro 3,42 su 104 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Memorie di una geisha tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una bambina giapponese strappata a una famiglia senza mezzi, per farla lavorare come serva nella casa di una geisha. Un'ambientazione esotica per il nuovo film di Rob Marshall, il regista di Chicago. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto 3 Premi Oscar, 2 candidature e vinto un premio ai Golden Globes. In Italia al Box Office Memorie di una geisha ha incassato 4,6 milioni di euro .

Consigliato sì!
3,42/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,63
CONSIGLIATO SÌ
Delizia per gli occhi che si accompagna ad una trama credibile nei sui toni favolistici.
Recensione di Davide Morena
Recensione di Davide Morena

Dopo l'acclamato Chicago, Rob Marshall getta uno sguardo ad oriente, o meglio sarebbe dire una sbirciata. Lo fa protetto dietro i paraventi della camera di Chiyo, venduta a nove anni ad una scuola di geishe e destinata a finire i suoi giorni nell'Uki-o, il 'mondo che fluttua', col nome di Sayuri, per deliziare i ricchi signori giapponesi con le sue arti. Il suo destino sarà segnato dall';incontro con un bell'uomo d'affari che non smetterà mai di amare, dalla gelosa Hatsunomo che la umilierà di continuo, dalla gentile Mameha che la farà diventare la più leggendaria geisha di Kyoto, e infine dalla guerra che tutto spazza via.
Esteticamente squisite, le memorie di questa geisha raccontate da Arthur Golden e materializzate dall';ormai ex-coreografo Marshall. Delizia per gli occhi che si accompagna ad una trama credibile nei sui toni favolistici, a patto che ci si astenga da ogni giudizio etico (la verginità venduta ad una riffa lascia quantomeno perplessi) e da qualsivoglia pretesa di attendibilità filologica (basti pensare che a interpretare le belle giapponesi sono tutte attrici cinesi). Del resto, è palese la volontà degli autori di raccontare un mondo esotico come visto da occhi occidentali, e nell'esotismo il film trova il suo pregio maggiore, ma anche il suo limite. A tratti sembra di assistere ad una versione al femminile e dagli occhi a mandorla di Rocky, ma gli occhi di Stallone erano poca roba in confronto a quelli di Ziyi Zhang.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Stefano Lo Verme

Giappone, 1929. Chiyo, una bambina di nove anni figlia di pescatori, viene venduta ad una okiya, una casa di geishe di Tokyo gestita dalla signora Nitta. Costretta a lavorare duramente e a subire le angherie della crudele Hatsumomo, col tempo la piccola Chiyo deciderà di essere una geisha e comincerà un difficile apprendistato; fino a quando, con il nome di Sayuri, sarà conosciuta come la donna più desiderata del paese.
Il regista ed ex-coreografo Rob Marshall, a tre anni di distanza dal suo apprezzatissimo esordio con il musical Chicago, torna dietro la macchina da presa per portare sullo schermo Memorie di una geisha, adattamento cinematografico del fortunato best-seller scritto da Arthur Golden. Prodotto da Steven Spielberg con un budget di quasi 90 milioni di dollari, il film di Marshall è stato accolto in maniera discordante dalla critica, ma si è rivelato comunque un buon successo commerciale, con 160 milioni di dollari d'incasso, oltre ad essersi aggiudicato tre premi Oscar (fotografia, scenografia e costumi). Alcune polemiche sono derivate dalla scelta di far interpretare i ruoli principali non ad attrici giapponesi, ma bensì cinesi: Zhang Ziyi e Gong Li, muse del regista Zhang Yimou, e Michelle Yeoh, tre superstar del cinema orientale.
Ambientata in Giappone nella prima metà del secolo, la pellicola è suddivisa in tre segmenti distinti: all'inizio, nel 1929, assistiamo alla tormentata infanzia della piccola Chiyo, separata dalla sua famiglia d'origine e ridotta a lavorare come sguattera in una okiya; nella seconda parte, nel corso degli anni '30, la giovane Chiyo (Zhang Ziyi) viene presa sotto la protezione dell'esperta Mameha (Michelle Yeoh) e studia per diventare una geisha, attirando su di sé le invidie della rivale Hatsumomo (Gong Li); nella terza parte, infine, durante la Seconda Guerra Mondiale, Chiyo, conosciuta ora con il nome di Sayuri, è la geisha più famosa di tutto il Giappone, ma non ha ancora trovato la felicità. La sceneggiatura di Robin Swicord si sofferma sulla figura di Chiyo / Sayuri, una ragazza condannata a vivere un'esistenza che non desidera realmente, e ne approfitta per riflettere sul ruolo delle geishe, "opere d'arte in movimento" oggetto del desiderio maschile, prigioniere di un rigido codice morale che proibisce loro di amare o di scegliere il proprio destino. Nel raccontare il percorso di formazione della protagonista, e il suo amore impossibile per il direttore generale Iwamura Ken (Ken Watanabe), Rob Marshall è molto abile nell'evocare atmosfere di indubbia suggestione e dal fascino esotico, coadiuvato da un'impeccabile ricostruzione tecnica: le curate scenografie di John Myhre, gli splendidi costumi di Colleen Atwood, la bellissima fotografia di Dion Beebe ed una raffinata colonna sonora composta da John Williams. Talvolta, però, l'ammaliante eleganza della confezione rischia di prendere il sopravvento sugli aspetti contenutistici; e l'ultima mezz'ora del film, quella che si svolge durante la guerra, si risolve in un convenzionale melodramma non del tutto convincente, in cui gli eventi storici vengono lasciati sullo sfondo a fare da tappezzeria. Non a caso la parte più interessante resta quella incentrata sulla rivalità fra le due geishe, Sayuri e Hatsumomo, che dà modo di mettere in mostra la bravura delle attrici.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?

MEMORIE DI UNA GEISHA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 6 aprile 2012
Pegg94

Film davvero molto poetico,somigliante più ad un quadro in movimento che ad un normale "movie" Le recitazioni di tutto il cast sono ottime,le musiche perfette,le immagini e la fotografia da oscar(e appunto ha vinto l'oscar xD ),la storia,anche se abbastanza lenta nello svolgersi,è davvero coinvolgente ed emozionante.  Un film che consiglio a tutti,davvero un piccolo [...] Vai alla recensione »

sabato 30 aprile 2011
Dany/Joker

Non sarà un capolavoro della cinematografia nipponica, certo, ma è davvero un gran bel film, con una regia molto attenta a scenografie, fotografia (allucinante: vedere la scena del ballo della gaisha per capire!), trama e recitazione degli attori; un film che ha meritato i 3 premi Oscari ricevuti e tutti gli altri premi vinti; un piccolo/grande affresco della vita non semplice delle geishe; colonna [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 agosto 2014
rita branca

  “Memoirs of a Geisha” film ( 2005) diretto da Rob Marshall con Zhan Ziyi, Suzuka Ohgo, Ken Watanabe, Gong Li,  Michelle Yeoh,  Youki Kudoh, Koji Yakusho, Kaori Momoi, Tsai Chin e tanti altri e basato sull’omonimo romanzo di Arthur Golden    E’ una deliziosa opera in cui non si rimpiangono le qualità del romanzo che lo ha ispirato [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 maggio 2014
MYDEARASIA

Unica amarezza è che un mondo così intimo, magico, unico, meraviglioso, sia rappresentato da un film americano con attori cinesi. Per il resto scenografia, costumi, musica sono praticamente perfetti. Attori assolutamente all'altezza e bellezze mozzafiato, soprattutto la meravigliosa Zhang Ziyi e i suoi occhi magici. In realtà mi da fastidio (per chi conosce la storia del libro) che Arthur Golden [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 maggio 2011
july86

Film Spettacolare, storia struggente ma fantastica... sono innamorata di questo film

lunedì 2 maggio 2011
july86

uno dei migliori film... trama drammatica... ma raccontata in modo molto armonioso, tanto da far innamorare lo spettatore.... Lo rivedro molto presto...e lo consiglio a chiunque voglia passare 2 ore avanti ad un film Favoloso!

giovedì 24 marzo 2011
Keanu

CAPOLAVORO ! Storia interessante, scenografie favolose, fotografia stupenda, costumi (delle opere d'arte), grandi intepreti ......... BELLISSIMO ..........................

giovedì 10 marzo 2011
albydrummer

Una vera poesia..non l'avevo mai visto..davvero una bellissima storia,commovente,e tanto coraggiosa della protagonista.Un'altra epoca.Un'altro fascino,quello orientale che ha una sua vera magia!!!...Magico film!!! Coinvolgente.

sabato 31 ottobre 2009
trick'r treat

una meraviglia

mercoledì 16 aprile 2014
gurdjieff

Si sentiva perfino l'odore dei peschi in fiore tanto è stato curato ogni dettaglio. C'è una scena che mi ha ricordato "Luci della città" di Chaplin. Capolavoro. Non aggiungo altro.

giovedì 31 ottobre 2013
dete800

Un vero capolavoro. Nonostante non possa esser considerato pari al libro, è un film strepitoso che mi ha emozionato tantissimo! Attori bravissimi e che dire... luoghi mozzafiato! Un vero e proprio incanto orientale.

lunedì 11 giugno 2012
Angiola

Ciao,io adoro questo libro e il film è una delle cose più belle che visto *-* Comunque anche io ho cominciato una tesina su Memorie di una Geisha.. ma non ho alcun i collegamenti,potresti darmi una mano?! Grazie mille :)

lunedì 21 novembre 2011
Metalsoldier

Pittoresche sono le scene di ambietazione giapponese, il film è fatto ad opera d'arte. Narra di costumi e tradizioni del passato di una terra molto diversa dalla nostra e questo, insieme alla trama stessa, da al film un senso di favola. La trama passa da momenti duri a momenti romantici ad alcuni un po' banali, comunque molto piacevole.

martedì 13 ottobre 2009
antarka

Esistono due film che trovo capolavori: "il curioso caso di benjamin button" e questo. Memorie di una geisha è pura poesia, un racconto di una storia che nessuno sa se sia realmente accaduta oppure di fantasia. é come osservare un mondo misterioso e tabù da dietro un paravento dipinto a mano con incredibile maestria. I colori riflettono lo stato d'animo e la musica va all'unisono con le emozioni di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 settembre 2009
shining

un film americano con trama del tutto orientale. ebbene rob marshall ci porta in giappone prima, durante e dopo la guerra mondiale. ci racconta le memorie di una geisha (a mio parere una delle più belle attrici che abbia mai visto! ziyi zhang) venduta dalla famiglia ad una scuola di geishe, maltrattata dalla bravissima gong li e accudita dall'elegante michelle yeoh.

lunedì 18 aprile 2011
Lady Libro

Non mi è piaciuto molto: la storia è particolarmente noiosa e assolutamente infedele al romanzo di Arthur Golden. Questo film non mi ha suscitato proprio nulla, tranne uno sgradevole senso di delusione. Mi aspettavo molto di più.

Frasi
Nella vita nessuno di noi trova la gentilezza che vorrebbe.
Una frase di Il presidente (Ken Watanabe)
dal film Memorie di una geisha
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Irene Bignardi
La Repubblica

Come capita sempre quando un libro è stato un grande successo, molto amato e molto fortunato e molto miliardario (il che, nel nostro caso, vuol dire che oltre quattro milioni di lettori si sono precipitati a comprarlo, che ci sono state traduzioni in ventisei lingue, che legioni di appassionati hanno delle aspettative ben coltivate e che la storia è stata immaginata e fantasticata in molti modi diversi), [...] Vai alla recensione »

Marco Giovannini
Ciak

Ci sono film che nascono con la stampigliatura “Oscar” addosso, e forse solo per quella ragione. Almeno sulla carta, che oltretutto era quella di un best seller globale tradotto in 32 lingue. L’epopea di Chiyo, la Cenerentola giapponese che viene venduta infante dalla famiglia che non può mantenerla e si trasforma nella splendida Sayuri, la più corteggiata geisha di Kyoto, avrebbe dovuto far battere [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Prima di diventare un film, Memorie di una geisha è stato, dal ’97 in poi, un romanzo di Arthur Golden andato incontro a una fortuna eccezionale, tanto da essere tradotto in trentadue lingue, trovando in Italia, in tempi diversi, addirittura due editori. Tra i motivi di tanto successo è certamente da considerare il fatto che il suo autore, dopo essersi ampiamente documentato, ha fatto un po’ di luce [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Il punto di partenza è il romanzo di Arthur Golden, Memorie di una geisha, best seller nel 97, quattro milioni di copie e traduzioni in 32 lingue. Che divenisse un film era persino scontato e che il film dovesse rientrare nel «pacchetto» colossale del libro pure. Dunque: produzione firmata con la Dreamworks di Spielberg, e un cast di star. Memorie di una geisha (il film) infatti, diretto da Rob Marshall [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

«Tre cose contano nella vita: sumo, affari e guerra. Se capisci uno, capisci gli altri»,dice l'affarista, interpretato da Koji Yakusho, alla geisha,interpretata da Zhang Ziyi. Nell'elenco non c'è il sesso, ma in Memorie di una geisha di RobMarshall - tratto dal romanzo di Arhur Golden - il sesso aleggia sterilmente, perché questo non è un film eroico-erotico come L'impero dei sensi di Oshima.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Pare che l’anteprima di Tokyo sia stata un successo. Se è vero, cade il problema che più deve aver preoccupato i produttori (Steven Spielberg in testa) di Memorie di una geisha. Ovvero: come reagirà il pubblico giapponese (ricca fetta del botteghino internazionale) di fronte a un film le cui geishe, emblema da secoli della più raffinata feniminilità nipponica, sono impersonate dalle note attrici cinesi [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Una ragazza studia, si applica, ruba i segreti alla maestra, e alla fine sostiene l’esame. “Prova a farlo voltare con una sola occhiata” dice la geisha esperta alla geisha apprendista. Naturalmente, l’uomo a cui far girare la testa è scelto a caso tra i passanti, niente trucco e niente inganno. Prima tocca a Michelle Yeoh (Bond-girl in Il domani non muore mai, spadaccina in La Tigre e il Dragone), [...] Vai alla recensione »

Daniela Zacconi
Film TV

Ha nove anni Sayuri quando la sua vita cambia. Fino a quel momento si è chiamata Chiyo ed è vissuta in un paesino di pescatori sulle rive del mar del Giappone, in una casa “ubriaca” e perennemente a rischio di crolli. La sua famiglia è povera, il padre è anziano, la madre malata. È fin troppo facile risolvere i problemi familiari accettando di “affidare” la ragazzina, e la sorella maggiore, a un vicino [...] Vai alla recensione »

Dina D'Isa
Il Tempo

Da sempre, in Giappone, gli incontri sociali sono una parte integrante della conduzione degli affari tra business men e la presenza della geisha, ancora oggi e in molti casi, esalta l'importanza di chi può permettersi una compagnia tanto ambita. L'importanza della geisha è però legata soprattutto alla tradizione giapponese, quando una ragazza sceglieva (o le veniva imposto) di vivere intrattenendo [...] Vai alla recensione »

Marco Giovannini
Panorama

Le mani giunte, gli occhi al cielo e una lunga litania dai toni profondi interrotta da urla improvvise: la tradizionale preghiera per tenere lontani gli spiriti maligni che segna l’inizio lavorazione di ogni film giapponese era perfetta (la voce era quella di Ken Watanabe, già protagonista insieme con Tom Cruise di L’ultimo samurai). Ma il luogo era decisamente atipico.

Raffaella Giancristofaro
Film Tv

Chi ha amato Chicago, apprezzerà anche Memorie di una geisha. Non vuole essere una provocazione né tanto meno un’ovvietà: anche qui Marshall dispiega tutta la sua indiscutibile abilità di metteur en scène per illustrare, raccontare, ammaliare. Commuovere però gli riesce molto meno. In altre parole: il film è spielberghiano nella fattura ma non nello spirito.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un’innocente strappato (strappata) agli affetti più cari cresce nella brutalità e nella privazione fino a quando, superati tradimenti e disgrazie, conosce finalmente il conforto dell’amore. Non è Oliver Twist, è Le memorie di una geisha, dal best-seller di Arthur Golden, ovvero tutto ciò che avete sempre saputo sul Giappone (o quasi), in elegante e un po’ tediosa confezione export.

winner
miglior fotografia
Premio Oscar
2005
winner
miglior scenogr.
Premio Oscar
2005
winner
migliori costumi
Premio Oscar
2005
winner
miglior colonna sonora originale
Golden Globes
2006
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati