Rocky

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Rocky   Dvd Rocky  
Consigliato assolutamente sì!
3,78/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * * * -
   
   
   
La gloriosa storia di Rocky Balboa (Sylvester Stallone), da giovane pugile dilettante a campione dei pesi massimi.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un successo favolistico che fa leva sull'identificazione con un protagonista per cui è impossibile non tifare
Annalice Furfari     * * * - -

Philadelphia, 1975. Rocky Balboa è un bullo di periferia, quasi trentenne, con sangue italiano nelle vene. Con pochi amici e una vita scombinata in uno squallido buco metropolitano per emarginati, Rocky racimola qualche soldo come scagnozzo esattore di uno strozzino e gareggiando in alcuni incontri di pugilato per dilettanti. I pugni sono tutto quel che ha: la boxe è la sua grande passione, ma non è mai riuscito a sfondare, o almeno a provarci. Innamorato della timidissima Adriana, Rocky prova a scalfire le barriere della ragazza con battute da sbruffone, ma la reputazione di fallito lo perseguita. Grazie a un colpo di fortuna, ha finalmente la possibilità di dimostrare ad Adriana, e soprattutto a se stesso, di valere. Il campione del mondo dei pesi massimi, Apollo Creed, si ritrova senza sfidante, per un infortunio, in un match organizzato per festeggiare il bicentenario degli Stati Uniti d'America, nel quale il campione metterà in palio il titolo mondiale. Affamato di popolarità e denaro, Apollo Creed decide di concedere per la prima volta l'opportunità di una ribalta così prestigiosa a un pugile sconosciuto. La scelta ricade su Rocky, lo "stallone italiano".
La parabola di Rocky Balboa, che affronta la vita a muso duro e a pugni tesi, dentro e fuori dal ring, è l'emblema di un'America mitologica. Una terra di opportunità a disposizione di chiunque sia animato da buon cuore, sani principi e un'indomabile forza di volontà. Proprio come quella del testardo Rocky, interessato non tanto alla vittoria, alla fama o ai 150.000 dollari messi a disposizione dello sfidante, che comunque gli cambierebbero la vita. Ciò che conta davvero per Rocky è resistere, resistere a oltranza, a testa alta, per dimostrare alla sua amata e a se stesso di essere un uomo. Negli Stati Uniti dell'"American dream" tutto è possibile, a patto di cogliere le sfide con coraggio e non arretrare di fronte alle proprie paure. Una mitologia alimentata da tanto cinema a stelle e strisce, ma qui talmente ben confezionata da assurgere allo status di cult. Le ragioni essenziali di tanto successo (dodici nomination e tre premi Oscar per la migliore regia, il miglior film e il miglior montaggio, oltre che la genesi di una saga amatissima dal pubblico), per un film che è costato 1 milione di dollari e ne ha incassati 225, vanno ricercate nel carattere esemplare della storia raccontata, in grado di dare il via a un filone di film sportivi - spesso incentrati sulla boxe - dove a contare non è tanto lo sport in sé, quanto i nobili sentimenti che esso suscita in eroi dal volto ordinario, con esempi che si susseguono con successo fino ai giorni nostri (Warrior).
Di certo Rocky, diretto con professionalità da John G. Avildsen, è molto più favolistico, e anche meno riuscito dal punto di vista squisitamente cinematografico, di altri film che hanno cavalcato le fortune del genere (pensiamo a Toro scatenato di Martin Scorsese o ai più recenti Million Dollar Baby e The Wrestler). Ma fa perfettamente leva sul meccanismo di identificazione tra pubblico e protagonista. È impossibile non fare il tifo per questo perdente che lotta in un mondo di perdenti, tutti ottimamente caratterizzati, dalla dolce e introversa Adriana di Talia Shire al rude allenatore fallito di Burgess Meredith, passando per l'irascibile e goffo amico (Burt Young) col miraggio della malavita. È in questo universo di sbandati di periferia dai sogni mancati che Rocky - interpretato da un convincente Sylvester Stallone - coglie l'occasione della vita e, con la disciplina di un duro allenamento, riscatta con lo sport le frustrazioni, le delusioni e i fallimenti di un intero nucleo sociale.
Come non commuoversi, allora, di fronte alla storia di questo simpatico sbruffone dal cuore tenero, eroe qualunque che tutti vorremmo essere? Una storia simile a quella del suo interprete, un italoamericano di umili origini che non riusciva ad affermarsi nel cinema, prima di sfondare le porte chiuse di Hollywood scrivendo la sceneggiatura di questo film. Un successo calcolato, si potrebbe pensare. Ma, in verità, la favola di Rocky mantiene intatto, dall'inizio alla fine, quel sapore di fresca e onesta spontaneità che non la riduce a mera operazione commerciale e ne nobilita il risultato, facendone un trionfo di sentimenti molto hollywoodiano, certo, ma anche decisamente emozionante (soprattutto in alcune sequenze, come l'allenamento in esterni e l'avvio del match, con Apollo Creed che richiama la mitologia dello "Zio Sam"). E le emozioni, non dimentichiamolo, sono alla base del cinema e della vita.

Premi e nomination Rocky MYmovies
il MORANDINI
Sei d'accordo con la recensione di Annalice Furfari?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
67%
No
33%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Rocky

premi
nomination
Premio Oscar
4
12
Golden Globes
1
5
David di Donatello
1
0
* * * * *

La saga dei 5 rocky

lunedì 20 giugno 2005 di Matteo313@

Preferisco fare la recensione di tutti i 5 Rocky qui, così lascio spazio nelel altre pagine dei commenti. La Rocky Story è probabilmente l'unico episodio in cui ogni film gareggia con l'altro per bellezza, drammaticità e idee. Dando voto da 1 a 10 alle 5 pellicole viene: ROCKY I 10- ROCKY II 10 ROCKY III 10- ROCKY IV 10+ ROCKY V 10+ Essi presentano sempre la stessa colonna sonora che non sarà mai ripetitiva, degli ottimi attori, pochissimi casi di ripetitività, e una replica della continua »

* * * * *

Mia recensione

lunedì 17 novembre 2008 di ...

Rocky Balboa è un pugile di strada senza futuro, vive a Philadelphia combattendo incontri locali. Per mantenersi lavora anche come tirapiedi di un gangster da quattro soldi, col compiti di riscuotere i crediti. In mezzo alla sua vita disastrosa, dove è ritenuto un avanzo della società che non concluderà nulla di buono, Adriana, la commessa del negozio di animali nonchè sorella del suo migliore amico Paulie, è la sua unica speranza di continuità di vita. Sdolcinato come non mai nei tentativi di conquistarla, continua »

* * * * -

L'unico e inimitabile, il resto è noia

martedì 23 gennaio 2007 di Tozudo

Molti sanno che Rocky, quello vero, l'unico e inimitabile, ha ricevuto ben due oscar tra cui miglior film (1976); si tratta di un'opera straordinaria, il più bel film sul pugilato mai realizzato. Ricordate l'ancora acerbo Sylvester Stallone? Per la verità il più simpatico mai visto con quell'aria da bullo e allo stesso tempo con fare ironico. Ebbene qualcuno ha avuto il coraggio di rovinare tutto. Chi? Lo stesso Stallone, che ha fortemente voluto realizzare il seguito; diresse Rocky 2, poi Rocky continua »

* * * * -

Il riscatto

giovedì 22 maggio 2008 di pep82

"Non m'importa niente a me del futuro"... In questa frase, pronunciata al microfono di un giornalista al termine dell'epico incontro con Apollo, c'è tutto Rocky. La rivalsa e il riscatto con la conquista del rispetto e dell'amore, questi i valori che il film trasmette e che il nostro eroe (è proprio il caso di usare questo sostantivo) riesce ad agguantare dopo un lungo periodo di purgatorio. Gangster da "quattro soldi" e pugile fallito, corteggia Adriana, impiegata in un negozio di animali e sorella continua »

Sylvester Stallone
In fondo chi se ne frega se perdo questo incontro, non mi frega niente neanche se mi spacca la testa, perché l'unica cosa che voglio è resistere, nessuno è mai riuscito a resistere con Creed, se io riesco a reggere alla distanza, e se quando suona l' ultimo gong io sono ancora in piedi... se sono ancora in piedi io saprò per la prima volta in vita mia che... che non sono soltanto un bullo di periferia.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Sylvester Stallone
Adrianaaaaaaaaaa!!!!!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Micky
Tu devi mangiare saette e cagar fulmini
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Rocky oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Rocky

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 7 marzo 2007

Cover Dvd Rocky A partire da mercoledì 7 marzo 2007 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Rocky di John G. Avildsen con Burt Young, Sylvester Stallone, Burgess Meredith, Talia Shire. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment. Su internet Rocky è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 3,00 €
Aquista on line il dvd del film Rocky

SOUNDTRACK | Rocky

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 6 febbraio 2007

Cover CD Rocky A partire da martedì 6 febbraio 2007 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Rocky del regista. John G. Avildsen Distribuita da EMI, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale. Su internet il cd Rocky è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »
Prezzo: 10,20 €
Prezzo di listino: 13,00 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Rocky

GALLERY | Un'esperienza unica per gli amanti del cinema.

I poster di olly moss

venerdì 6 agosto 2010 - Marlen Vazzoler

Rolling Roadshow Movie 2010: i poster di Olly Moss La Alamo Drafthouse presenta quest'anno l'edizione 2010 del Rolling Roadshow Movie, un tour gratuito che si svolge lungo gli Stati Uniti d'America che permette di seguire le proiezioni in 35 mm di una serie di film selezionati nelle location più famose in cui sono stati girati. Si potrà vedere Jackie Brown vicino all'aeroporto LAX dove la hostess interpretata da Pam Grier viene colta in flagrante dalla ATF; l'Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo verrà proiettato al Washington Square Park di San Francisco dove è stata girata la scena in cui il cecchino attacca Scorpio; The Blues Brothers verrà proiettato nella vecchia Joliet Prison che si vede all'inizio del film; al Museum of Art di Philadelphia, dove Rocky finisce il suo allenamento, gli spettatori potranno sedersi sulla famosa gradinata per seguire i primi tre film; dai tetti di Little Italy di New York dove un giovane Don Corelone interpretato da Robert De Niro segue il bersaglio del suo assassinio si vedrà Il padrino - Parte II.

Rocky | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Annalice Furfari

Pubblico (per gradimento)
  1° | ...
  2° | matteo313@
  3° | pep82
  4° | niko_matta
  5° | lorenzomnt
  6° | filippo catani
  7° | ibracadabra 8
  8° | ibracadabra 8
  9° | the man of steel
10° | tozudo
Rassegna stampa
Giovanni Grazzini
Premio Oscar (16)
Golden Globes (6)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità