Il pianista

Film 2002 | Drammatico 148 min.

Regia di Roman Polanski. Un film Da vedere 2002 con Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Frank Finlay, Emilia Fox, Maureen Lipman. Cast completo Titolo originale: The Pianist. Genere Drammatico - Polonia, 2002, durata 148 minuti. Uscita cinema venerdì 25 ottobre 2002 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,76 su 82 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il pianista tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Torna l'Olocausto, e per mano di un "autore". Pareva che Spielberg avesse detto l'ultima parola, invece ecco una storia sul ghetto di Varsavia. Siamo ... Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto 2 Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha vinto un premio ai David di Donatello e 2 candidature a Golden Globes. Al Box Office Usa Il pianista ha incassato 32,6 milioni di dollari .

Il pianista è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,76/5
MYMOVIES 3,88
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,14
CONSIGLIATO SÌ
Polanski racconta l'Olocausto. Palma d'oro a Cannes 2002..
Recensione di Pino Farinotti
Recensione di Pino Farinotti

Torna l'Olocausto, e per mano di un "autore". Pareva che Spielberg avesse detto l'ultima parola, invece ecco una storia sul ghetto di Varsavia. Siamo nel '38. Comincia a stringersi la tenaglia nazista che produrrà le prime limitazioni per gli Ebrei: prima leggere -la stella di Davide cucita sul braccio- poi pesanti, poi intollerabili, poi mortali. Fino alla decimazione. Wladyslaw, giovane, talentoso pianista, sta suonando Chopin per una registrazione radiofonica proprio mentre arriva la notizia dell'invasione nazista della Polonia. Il giovane assiste all'orribile spirale: tutta la famiglia deportata e poi le condizioni del ghetto: bambini che muoiono di fame, gente uccisa per nulla, e una piccola parte di ebrei che tradiscono per sopravvivere. Alla fine Wladyslaw è di nuovo al piano, proprio come all'inizio. Ma naturalmente l'esperienza lo ha devastato. Niente, neppure Chopin sarà più come prima. Il film ha vinto la Palma d'oro al festival di Cannes 2002. Molti hanno disapprovato.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
Recensione di Stefano Lo Verme

Varsavia, 1939. Wladyslaw Szpilman è un giovane pianista ebreo di grande talento. La sua vita viene improvvisamente sconvolta quando i tedeschi invadono la Polonia: Wladyslaw e la sua famiglia vengono rinchiusi nel ghetto insieme a tutti gli altri ebrei della città, ed in seguito i suoi parenti sono deportati nei lager. Rimasto solo, Wladyslaw è costretto a nascondersi per cercare di sopravvivere...
Dopo quarant'anni di attività nel mondo del cinema, il grande regista polacco Roman Polanski firma una delle opere più importanti della sua carriera: Il pianista, una straziante pellicola sul dramma delle persecuzioni razziali che rievoca la dolorosa esperienza vissuta da Polanski stesso all'epoca della sua infanzia, quando la sua famiglia fu rinchiusa nel ghetto di Cracovia e poi sterminata nei lager. Basato sull'autobiografia scritta dal musicista Wladyslaw Szpilman e sceneggiato da Ronald Harwood, Il pianista ha vinto la Palma d'Oro come miglior film al Festival di Cannes del 2002 ed ha conquistato le lodi della critica internazionale, aggiudicandosi tre premi Oscar (miglior regista, miglior attore e miglior sceneggiatura) e sette premi César. Un autentico trionfo per questo capolavoro con il quale Polanski, sulle orme dell'analogo Schindler's list di Spielberg, torna a raccontare la tragedia dell'Olocausto e le sofferenze vissute dal popolo ebraico durante l'oppressione nazista. Ambientato a Varsavia fra il 1939 (data dell'invasione della Polonia e dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale) ed il 1944 (l'arrivo dell'Armata Rossa e la liberazione della città), Il pianista segue le vicende del personaggio di Wladyslaw Szpilman, che sullo schermo ha il volto smagrito e lo sguardo dolente dell'americano Adrien Brody, premiato con l'Oscar come miglior attore per la sua intensa interpretazione. Nella prima parte, il film ci descrive l'impatto delle persecuzioni antisemite sulla comunità ebraica di Varsavia e sulla famiglia del protagonista; nella seconda parte, invece, assistiamo alla solitaria odissea di Szpilman che, animato unicamente da un disperato istinto di sopravvivenza, si aggira come uno spettro in una città-fantasma devastata dalla guerra. E a tendergli la mano, nel momento del bisogno, sarà il Capitano Hosenfeld (Thomas Kretschmann), un ufficiale dell'esercito tedesco che, in nome dell'amore per la musica, gli offrirà un aiuto assolutamente inaspettato.
L'opera di Polanski si propone dunque anche come una riflessione ed una metafora sul potere salvifico dell'arte, capace, perfino negli abissi più oscuri, di ridare luce alla nostra esistenza e di preservare quell'umanità sepolta sotto le macerie della Storia. Szpilman, che nel bel mezzo della guerra si siede a un pianoforte per suonare Chopin, trova così la forza per resistere attraverso le difficoltà incontrate sul suo cammino, sublimando il proprio dolore nella musica. Polanski non si tira indietro nel mostrarci l'orrore, e soprattutto l'assurda insensatezza di ciò che accadde in quegli anni, ma mantiene sempre uno stile lucido e controllato, evitando di scivolare nel patetico; non per questo, però, la pellicola risulta meno coinvolgente ed emozionante per lo spettatore, impegnato a percorrere il medesimo calvario del protagonista. Un film irrinunciabile, per non dimenticare.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
IL PIANISTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 9 febbraio 2011
RONGIU

Untermensch - Inferiori La musica aiuta a vivere, anzi a sopravvivere. Un sopravvissuto, se ancora sano di mente, non può non avere memoria. E la memoria “musicale” di un pianista, è a lunghissimo termine. La musica aiuta anche a ricercare, a sperare di trovare e per quanto riguarda il nostro protagonista, perdonare. Così mi par di capire.

domenica 20 febbraio 2011
weachilluminati

Kein Ruhm, soderen mit Verachhtung. Un pianoforte, le mani sensibili  di  pianista, espandono nell’aria le note di uno Chopin  struggente , commovente.  La vibrazione musicale sembra avere la forza morale di vincere il dolore umano dell’ umana violenza . queste note intersecano la follia dell’Olocausto, quasi fossero angeli osservatori.

martedì 22 febbraio 2011
weachilluminati

Il disprezzo porta all’odio e alla morte e questa è la tormentata storia di un sopravvissuto.  Un pianoforte, le mani sensibili  di  pianista, espandono nell’aria le note di uno Chopin .”il notturno in do minore”, struggente , commovente quando inizia il bombardamento e l’occupazione di Varsavia.

giovedì 29 gennaio 2015
borghij

A Varsavia quando tutto doveva ancora cominciare, nessuno avrebbe mai immaginato cosa sarebbe successo. In una famiglia Ebrea benestante si scatena la paura come anche nel resto del mondo, quando i tedeschi invadono la Polonia, scoppia il terrore. Il processo è graduale e preciso, come solo i Tedeschi sapevano fare, senza manco accorgersene le famiglie Ebree di Varsavia sono prima costrette a non [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 febbraio 2014
THEOPHILUS

THE PIANIST   Abbiamo voluto rivedere recentemente The Pianist di Roman Polanski. E’ stato un atto d’amore per uno dei film più importanti degli ultimi anni, che avevamo ingenuamente trascurato o forse colpevolmente frainteso: scettici di fronte al cruciale tema dello sterminio degli ebrei trattato dal cinema – perché riteniamo che i documentari  storici [...] Vai alla recensione »

domenica 3 febbraio 2013
Great Steven

IL PIANISTA (USA, 2002) di ROMAN POLANSKI con ADRIEN BRODY – EMILIA FOX – THOMAS KRETSCHMANN – FRANK FINLAY – MAUREEN LIPMAN – ED STOPPARD – JULIA RAYNER – MICHAL ZEBROWSKI § Wladyslaw Szpilman, giovane e talentuoso pianista, subisce sulla propria pelle i crescenti orrori della Seconda Guerra Mondiale: prima la sua famiglia è costretta, come tutte [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 gennaio 2016
stefano capasso

Roman Polanski firma la regia di questo film straordinario per intensità espressiva, che catalizza l’attenzione dall’inizio alla fine senza cedimenti, raccontando la storia di un pianista ebreo durante la seconda guerra mondiale. Wladyslaw è un giovane pianista di grande talento. Suona Chopin alla radio polacca ed ha raggiunto la fama nazionale.

sabato 20 aprile 2013
Jayan

Il capolavoro di Polanski sull'olocausto. La musica vince sugli orrori del nazismo. Wladyslaw Szpilman, celebre pianista ebreo polacco, attraversa le più roccambolesche avventure per fuggire agli orrori dei nazisti e al loro odio per gli ebrei. Mentre i genitori sono sterminati in un lager, lui riesce a fuggire alla persecuzione, si nasconde, cambia luogo dove vive.

mercoledì 13 febbraio 2013
jervo

Uno dei capolavori del cinema contemporaneo, “Il pianista” di Roman Polanski è certamente uno degli affreschi più nitidi e crudi della tragedia dell’Olocausto. Diversamente dal solito, però, la vicenda non si svolge in un campo di concentramento, ma narra le vicissitudini degli ebrei polacchi, in particolare di Friderick Spielzman, noto pianista polacco, e della [...] Vai alla recensione »

domenica 27 giugno 2010
alesya

Wladyslaw Szpilman:" C’è un’ordinanza che vieta agli ebrei di sostare nei giardini- Ci potremmo sedere su una panchina, ma c’è un’altra ordinanza che vieta agli ebrei di sedersi sulle panchine. -Possiamo stare in piedi e parlare, non penso che ciò sia vietato.” Al di là di ogni giudizio e senza entrare affatto nel merito delle vicende [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 novembre 2011
fedeleto

Descrivere i momenti storici in cui il nazismo ha perseguitato gli ebrei,non e' un'impresa facile.Roman Polanski(avendo vissuto egli stesso le atrocita' della guerra)mette in scena un film tratto dalla storia vera di un celebre pianista,che perseguitato dai nazista poiche' e' ebreo,dovra' nascondersi in continuazione,fino a quando persino un nazista si commuovera' al suo [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 agosto 2010
nick castle

Finalmente dopo quel ciarpame di "La nona porta", il carissimo Roman si manifesta per quel che davvero vale. E' tutto perfetto, la recitazione perfetta di Brody, la fotografia di Pawel Edelman, la narrazzione sobria e intensa. Forse una maggiore cura degli effetti speciali digitali avrebbe consacrato Il Pianista come film perfetto. Di film realmente significativi sull'Olocausto [...] Vai alla recensione »

domenica 10 luglio 2011
dounia

Un pianista polacco, mentre suona per una registrazione della radio, si rende conto di un bombardamento tedesco che viene fatto nel suo stato. Il 1° settembre 1939 la Polonia viene invasa dall'esercito tedesco. Ci saranno i "ghetti". Le nuove leggi contro gli ebrei, che vengono attuate, cambiano la sua vita. La famiglia ebrea del pianista di giorno in giorno subisce cambiamenti e scompare, verrà deportata [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 febbraio 2010
G. Romagna

L'odissea di Wladislaw, giovane pianista ebreo polacco che, durante il periodo dell'inavsione nazista in Polonia, salvatosi fortunosamente dalla deportazione, è costretto a fuggire, di rifugio in rifugio, dalle grinfie dei Tedeschi rimanendo, progressivamente, sempre più solo in mezzo ala devastazione. Sino a quando sarà proprio un aiuto dei più inaspettati [...] Vai alla recensione »

domenica 29 luglio 2012
andyflash77

Nel corso della Seconda guerra mondiale, Wladyslaw Szpilman - celebre pianista ebreo polacco - riesce a sfuggire alla deportazione. Si ritrova così nel ghetto di Varsavia, all'interno del quale condivide le sofferenze e le eroiche lotte degli abitanti. Un ufficiale nazista amante della sua musica decide di aiutarlo e gli permette di continuare a vivere.

domenica 7 novembre 2010
Immanuel

La scelta del musicista o dell'artista come protagonista, a fare da controcanto secondario, ma non soccombente (perché si impone attraverso la propria potenza espressiva) sulle note della musica principale, la melodia dell'orrore delal guerra, non deve essere stata casuale per Polansky. Il quale sceglie infatti di innestare la narrazione di un evento storico tra i più drammatici, [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 ottobre 2011
lorenzo.curato@libero.it

Questo è un ottimo film. Non perchè è un film sulla Shoah (dire Olocausto è storicamente sbagliato), ne hanno fatti tanti, ma perchè presenta delle verità storiche (come per esempio il disabile che viene lanciato dal balcone). Trovare un "film capolavoro" sulla Shoah è praticamente impossibile perchè 9 su 10 presentano imprecisioni storiche.

giovedì 6 settembre 2012
ile96

un film bellissimo e coinvolgente che racconta la storia di questo pianista ebreo che sopravvive all'orrore dello sterminio. Bravissimo Adrien Brody nella sua parte. Complimenti. davvero un bel film. Credo che 5 stelle siano poche, io ne darei anche 10.

domenica 9 agosto 2009
Francesina

Senza dubbio è uno dei più belli, forse il migliore sull'Olocausto! Un film che tutti dovrebbero vedere. Lo consiglio fortemente!

sabato 9 gennaio 2010
Roberta Gilmore

un film che si commenta da sè... è forse quello della seconda guerra mondiale e dell'olocausto uno dei periodi più bui della Storia mondiale, ma allo stesso tempo, un periodo da non dimenticare e che ci ha lasciato davvero una molteplicità di storie da raccontare e credo che nulla meglio della letteratura e del grande schermo possano farlo.

lunedì 16 aprile 2012
darth vader 21

Verità messa a nudo da una disarmante e ottima sceneggiatura.

giovedì 17 marzo 2011
peppe97

Punto di forza di questo film drammatico,a sfondo storico,può essere il modo in cui viene realizzata:la gente che viene uccisa,a volte in modo brutale,non è sicuramente una forma d'intrattenimento,ma comunque,visto il "significato" della suddetta pellicola (la Shioa),può essere,in questo caso quindi,accettato. Perciò ve lo consiglio,consigliandovi di procurarvi almeno un pacco di fazzolettini di carta. [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 ottobre 2011
tiamaster

chinatown,il pianista,l'uomo nell'ombra,carnage,rosemary's baby...tutti film incredibili,unici ,irripetibili e il regista roman polanski,seppur a un età piuttosto avanzata continua a  fare capolavori,secondo me il più grande regista vivente.Il pianista restera come uno dei film migliori di questi anni,molto commovente,toccante struggente grazie alle musiche di chopin [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 gennaio 2016
Sim One

E' il primo film sull'Olocausto che mi ha dato il quadro generale dell'orreda situazione dell'epoca. Storicamente fatto bene, anche troppo, viste certe scene crude e impressionanti: ma purtroppo sono realmente accadute. Gli attori molto validi, come la regia.

martedì 10 marzo 2015
il befe

bello

venerdì 19 febbraio 2010
Luca Scialo

Attraverso la tragica avventura di un giovane pianista polacco di talento, Wladyslaw, Polanski ci sbatte in faccia cosa è stato il nazismo per gli ebrei, nella fattispecie gli ebrei polacchi. Il regista fa rivivere allo spettatore cosa è significato, per chi l'ha subito, l'Olocausto, ossia vedere la propria famiglia di medio ceto scivolare da un giorno all'altro nella miseria; [...] Vai alla recensione »

sabato 30 gennaio 2010
filippomazz

nn c'e' molto da dire...senza alcun minimo dubbio Il Miglior Film Degli Anni 2000 (almeno dal 2000 al 2009).

giovedì 27 ottobre 2011
Francesco2

Quando si vede un film a pezzi bisognerebbe non pretendere che le tue considerazioni vengano prese alla lettera. Giusto, forse. Però: nel'94 "Schlindler's List" sottrasse l'Oscar a "Lezioni di piano". Il tema trattato è importantissimo, ma con tutta la diffidenza che si può nutrire per gli Oscar, esisteva veramente una superiorità CINEMATOGRAFICA? Le stesse considerazioni mi vengono in mente alla [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 giugno 2011
ivan91

crudo e triste è uno dei migliori film sulla shoah insieme a schindler's list. un capolavoro di poesia unica geazie alle musiche di chopen e alla regia eccezionale di roman polansky

Frasi
ringrazi Dio,non me.Lui ci ha fatti sopravvivere..almeno..è cio che dovremmo credere
Una frase di Il capitano Hosenfeld (Thomas Kretschmann)
dal film Il pianista - a cura di miss chanel
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alberto Crespi
L'Unità

Wladek Szpilman corre incontro ai militari sovietici che per lui rappresentano la salvezza. Da settimane vive come un animale, nascosto in una Varsavia ormai deserta, abbandonata anche dai nazisti. Non c'è più una sola casa in piedi, la neve dell'inverno del 1945 copre solo macerie. Dei 360.000 ebrei che erano stati rinchiusi nel ghetto, nel 1940, ne sopravvivono solo 20; ma Wladek non lo sa.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Nel ghetto di Varsavia in Polonia, nel 1940 della Seconda Guerra Mondiale, erano stati chiusi dai nazisti 360.000 ebrei. Ne sopravvissero 20. Uno di loro era il pianista Wladyslaw Szpilman (scomparso nel 2000 a ottantotto anni), che ha raccontato come rimase vivo nell´autobiografia pubblicata da Baldini & Castoldi. Un libro di memoria scritto in un tono neutro, distante, asciutto, quasi l´autore parlasse [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Non dev'essere facile per un ebreo polacco che da bambino ha attraversato le persecuzioni naziste, il ghetto di Cracovia, i bombardamenti, le deportazioni di massa, la perdita di familiari e amici, e la paura, la solitudine, il randagismo, affrontare con lucidità una storia di Olocausto. Forse è per questo che Roman Polanski rifiutò l'offerta di Spielberg di dirigere Schindler's List e che è arrivato [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

La sala cinematografica diventa tempio. Gli occhi lucidi, le mani serrate, entriamo nello spazio sacro del dolore e della schiavitù del Male. In Il pianista, di Roman Polanski, questa schiavitù ha un nome preciso: il Ghetto di Varsavia, dove centinaia di migliaia di ebrei polacchi morirono durante la Seconda guerra mondiale, schiacciati dalla micidiale organizzazione nazista.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Arriva sugli schermi Il pianista di Roman Polanski e crediamo sia giusto ricordarlo, pur avendogli dedicato un'intera pagina due giorni fa. Si trama di un film molto importante (Palma d'oro a Cannes) e speriamo che in tanti lo andiate a vedere: scoprirete l'incredibile storia di Wladek Szpilman, pianista ebreo polacco che per una serie di "miracoli" evitò la deportazione ad Auschwitz (dove perì tutta [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano.net

È un avvincente film-fiume di deportazioni, famiglie annientate, terrore e disumanità, assassini gratuiti, guerra e resistenza, nella peripezia del pianista polacco Wladyslaw Szpilman, dalle sue memorie. Due ore e mezza per i sei anni che sconvolsero il mondo (dal 1939 al 1945), ma è interamente appoggiato su una sola scena, come certe ballerine scolpite da Degas in bilico irremovibile sulla punta [...] Vai alla recensione »

Alfredo Boccioletti
Quotidiano.net

Alfredo Boccioletti La sonata sull'Olocausto di Roman Polanski parte con un adagio dolente, dai toni naturalistici; e si completa con un largo fuori dal tempo, ai confini tra le ossessioni della memoria e il baratro lungo cui, come in un incubo, corre la sopravvivenza. Nella biografia del pianista Wladyslaw Szpielman, il trionfatore dell'ultimo festival di Cannes legge dunque una storia che gli appartiene [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Il pianista, opera n.16 di Roman Polanski, sei anni di vita sotto l'occupazione nazista del musicista polacco Wladyslaw Szpilman, dal settembre del 1939 al crollo del III Reich. Fu tra i pochi a festeggiarlo come la fine di un incubo. Era ebreo. Interrotto dai bombardamenti mentre suonava alla radio di stato in diretta il Nocturne en ut dièse mineur di Frederic Chopin, volle finire l'esecuzione nel [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
martedì 18 dicembre 2012
Rossella Farinotti

Il ghetto di Varsavia è una delle voci più tragiche della Seconda guerra mondiale. Nella capitale polacca, per lo più nella città vecchia, viveva la più grande comunità ebraica dopo quella di New York.

winner
miglior regia
Premio Oscar
2002
winner
miglior attore
Premio Oscar
2002
winner
palma d'oro al miglior film
Festival di Cannes
2002
winner
miglior film straniero
David di Donatello
2003
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati